Il sorteggio di Champions sorride all’Inter

L’urna di Montecarlo è stata benevola per l’Inter testa di serie nel gruppo B di Champions con i tedeschi del Werder Brema, i greci del Panathinaikos e i ciprioti dell’Anorthosis Famagosta, alla loro prima apparizione nella massima rassegna continentale. Non vorrei sembrarvi troppo ottimista ma credo che le 4 italiane raggiungeranno tutte la fase ad eliminazione diretta. Passandone due per girone, credo che si debba essere fiduciosi. La Juventus sulla carta può giocarsela con il Real Madrid e la vedo superiore ai russi dello Zenit San Pietroburgo, detentori dell’Uefa, mentre la Roma, al di là del favorito Chelsea, non dovrebbe correre grossi rischi con i francesi del Bordeaux e i romeni del Cluj, anch’essi esordienti. Molti sottovalutano la Fiorentina, ma i viola hanno fatto un grande mercato: i suoi avversari nel gruppo F, il Lione, la Steaua Bucarest e il Bayern dell’ex Luca Toni farebbero bene a studiarsi con attenzione la squadra di Prandelli. Non vi sono squadre italiane nei gironi più complicati: il gruppo D con Liverpool, Psv Eindhoven, Olympique Marsiglia e Atletico Madrid e il gruppo G con Arsenal, Porto, Fenerbahce e Dinamo Kiev. Completa il quadro dei sorteggi il gruppo C, dove la testa di serie Barcellona si è ritrovata con Sporting Lisboa, Basilea e Shakhtar Donetsk. Insomma, non dovremmo avere problemi, almeno nella prima fase e all’Inter è andata addirittura meglio del previsto, anche se da qualche anno i problemi non sono nella prima fase di Champions, ma nei turni ad eliminazione diretta. Con l’arrivo di Mourinho sono tutti convinti che l’Inter abbia maggiori chances in Europa e mi auguro che sia davvero così. In ogni caso, mi piacerebbe rivincere il campionato nell’anno in cui Milan e Juve lo hanno dichiarato primo obiettivo stagionale. L’opportunità di leggere il nome dell’Inter nell’albo d’oro della serie A per quattro volte di seguito è roba da anteguerra, ma è così che si fa la storia.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili