8C: Inter-Genoa 0-0

intergenoa08Il pareggio casalingo col Genoa va in archivio senza gol e come un mezzo passo falso. Stavolta i colpi sono rimasti in canna. Il fucile Inter, caricato da Mourinho con Ibrahimovic, Balotelli, Cruz e Obinna dopo Quaresma e Adriano, ha fatto cilecca. E non è stata neppure questione di mira, perché si è sparato col contagocce. Forse l’arbitro Orsato avrebbe potuto anche concedere all’Inter un rigore generoso nel finale per una spinta di Thiago Motta su Obinna, ma sono altri i problemi. Lo Special One, con nuovo taglio di capelli modello marines, di norma difende i suoi calciatori, ma stavolta ne ha puntati un paio, preannunciandone la non convocazione per Firenze. Ovviamente i colpevoli non sono intoccabili come Ibrahimovic o Maicon, a loro volta poco brillanti, ma figure da lui messe in secondo piano. E per qualsiasi allenatore non è poi così difficile punire i calciatori ritenuti non vitali al progetto. Così, assolti per motivi diversi Adriano, Obinna e Quaresma, almeno disciplinati a giudizio di Mourinho, il cerchio si stringe su Balotelli e Cruz. Solo loro ad aver deluso senza appello lo Special One. Cruz doveva galleggiare alle spalle di Ibra e ha finito per andargli sempre davanti, mentre Balotelli non ha mai rispettato la consegna di allargare il gioco. La domanda più che mai attuale è se Mourinho abbia ragione a non considerare Balotelli e Cruz necessari per una stagione vincente. Fino aprima di questa gara, i risultati gli davano ragione perché nessuna grande in Europa era prima in solitaria in campionato e in Champions. Ma il pareggio casalingo con il Genoa ha nuovamente rimescolato le carte. E tra tre giorni a Firenze Mourinho deve recuperare subito i punti persi oggi. Non tanto per una questione di classifica, visto che è normale che di questi tempi, le prime posizioni siano più che mai ‘elasticizzate’, ma per capire una volta per tutte di chi ci si possa davvero fidare.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili