Al Mondiale tifo USA!

Voltare le spalle ad un amico quando è in difficoltà è da vigliacchi, ma ci sono modi e toni per prenderne le difese. Quelli scelti dal capitano della Nazionale Fabio Cannavaro nei confronti di Luciano Moggi non potevano essere peggiori. Passino pure amenità del tipo ‘gli arbitri ci hanno sempre danneggiato’ o ‘a noi calciatori non conviene prendere soldi in nero’ , roba da far sbellicare dalle risa qualsiasi commercialista, ma il resto… Già Cannavaro non brillò per correttezza nel suo passaggio dall’Inter alla Juve due estati orsono. Da allora ha sempre imputato a Moratti e a Mancini le responsabilità del suo addio, prendendo in giro milioni di tifosi nerazzurri. Qualcuno ricorda che all’epoca saltò per infortunio il preliminare di Champions League con l’Inter al martedì e giovedì giocò un’amichevole con la Juventus? Sarebbe stato più semplice confessare che non aveva più voglia di giocare nell’Inter, ma ormai è acqua passata. Oggi le manovre attorno a quel discusso trasferimento sono state inequivocabilmente svelate dalle intercettazioni. Il capitano della Nazionale però non può dire che il sistema Moggi era il sistema calcio, ironizzando a domanda precisa sulla mancanza di telefonate compromettenti per Adriano Galliani. Al momento Galliani non è coinvolto e, fino a prova contraria, deve godere di presunzione di innocenza assoluta. Esattamente come Lippi, non a caso confermato dal supercommissario Guido Rossi: sulle connivenze di Lippi con la GEA vi sono ombre ma non prove e non si cambia il CT della Nazionale a venti giorni dal Mondiale sull’onda di un sospetto. La questione morale posta dall’ex direttore della Gazzetta Candido Cannavò è legittima, ma se Lippi non sente di doversi dimettere non si può costringerlo. Francamente il Mondiale per gli azzurri parte male: personalmente mi indentifico poco in questa Nazionale e temo di non riuscire a tifarla con l’entusiamo di sempre. Un discorso come quello di Fabio Cannavaro in conferenza stampa a Coverciano può farlo chiunque ma non il capitano della Nazionale. Non sorprende quindi se molti ne chiedono non solo la dismissione da capitano ma anche la sua esclusione della Nazionale. Cannavaro non si accorge di quanto sia meschino il tentativo allargare a macchia d’olio la catena di scandali! Prenda esempio da Franzo Grande Stevens, capace di affrontare la questione Juventus con grande dignità, senza spargere fango posticcio su altri. Ripeto: onorevole da parte di Cannavaro non scaricare Moggi in un momento come questo, ma guai a mettere in dubbio la bontà del lavoro delle Procure. E’ l’ennesima prova che il calcio è una cosa troppo seria per lasciarla in mano alla gente del calcio e deve tornare al più presto nella legalità. Magari la pulizia durerà solo qualche stagione perché poi, abbassata la guardia, si ricomincerà con i furbi, ma finalmente si sta tentando di far rispettare le regole. Agghiaccianti restano pure le continue ingerenze del mondo politico, da una parte e dall’altra. Clemente Mastella, nuovo (?) Ministro della Giustizia, si scaglia contro le intercettazioni e poi ne spunta una che lo riguarda, mentre Berlusconi ormai vede ovviamente rosso pure nella nomina di Francesco Saverio Borrelli, ma io preferisco credere che nella giustizia sportiva l’ex-protagonista di Mani Pulite sappia fare la sua parte slegandosi da tutto il resto. Oltre a Lippi e Cannavaro, questa Nazionale si porta in Germania anche altre due situazioni imbarazzanti per Buffon e Iaquinta, ma sono sincero: è il capitano Cannavaro ad avermi deluso e temo che al Mondiale sarò condizionato. Oddio, gli ultimi atteggiamenti di Adriano e la tracotanza di Parreira m’impediscono pure di guardare con favore al Brasile. Tifare per i rivali storici Argentina, Francia, Germania e Inghilterra mi riesce ugualmente difficile. E allora simpatizzerò per la Nazionale del Paese che visito con maggior frequenza: gli Stati Uniti. Gli yankees di certo non vinceranno ma, che volete, se tifassi sempre per chi vince non avrei certo tenuto ai Troiani contro i Greci a scuola, agli Indiani contro i Cowboys al cinema e all’Inter contro Juve e Milan nel calcio!

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili