La Vegas NV

A 9.360 km da Milano, fuso orario -9
31 luglio-2 agosto 2003
LViaggio
Settima parte dell’Usa Tour 2003
In auto con Paolo e Joanna. All’arrivo in città di notte rimasi a bocca aperta per le luci accecanti e evitai per un soffio un deer, un cerbiatto, sbucato di colpo davanti all’auto: purtroppo se ne investono spesso! Alloggio al Bally e all’Hilton Hotel e visita di tutti gli hotel principali, con puntate ai tavoli verdi. Il mio bilancio si è chiuso grazie a dio in attivo di 25 dollari, ma a las vegas non perdere è già una fortuna. Tra le decine di chiese e chiesette ecco la Graceland Wedding Chapel, scelta per un divertente ‘Renewal of Vows’
Prosegue a Los Angeles CA, ottava parte dell’UsaTour 2003

Las Vegas NV (ab.550.000, 1.500.000 nell’area metropolitana), in Nevada (ab.2.500.000) è una città-simbolo degli USA (ab.300.000.000)

Aeroporto
McCarran

Highlights

  • Quartiere Glitter Gulch con Freemont St e Main St
  • Las Vegas Blvd
  • Icone al Neon Vegas Vic e Sassy Sal
  • Strip com Hotels Casinò Golden Nugget, Golden Spike, Mirage, Bellagio, Paris, Treasure Island, Circus Circus, Caesar’s Palace, Venician, Hilton, Bally, Luxor, Imperial Palace
  • Graceland Wedding Chapel

Memento
Il Quartiere Glitter Gulch sta tra la Highway 95 e l’Interstate 15, mentre la via principale, il Las vegas Blvd è detto Strip, Qui tutto lascia senza parole, perché ogni cosa è sfarzo ed ostentazione a suo esclusivo uso e consumo, eccezionale confusione e luci rutilanti sia come mezzo sia come fine. La prima luce al neon della città fece la sua comparsa nel 1929 e oggi milioni di lampadine e migliaia di km di tubi al neon inondano la città di luce 24 ore su 24. Ogni Hotel ha uno o più Casinò, tra decine di night club e di locali streap-tease. Insomma un’autentica città del vizio, e non a caso qui si può fumare in ogni locale, perché il Nevada gode al proposito di leggi speciali. I prezzi delle camere sono molto più bassi di quel che si pensi, tanto poi i clienti si ‘rovinano’ nei casinò. L’Hotel più spettacolare è forse il Mirage, per il finto vulcano, circondato da una laguna artificiale, che erutta fumo e fuoco ogni mezz’ora, tra l’acqua di 54 cascate artificiali. All’interno c’è una foresta tropicale in miniatura completa di figure antiche umane ed animali, con delfini che giocano in una gigantesca vasca. alla reception si c’è un acquario lungo 20 m con 1000 pesci, ma la principale attrazione resta la maestosa tigre bianca, viva, all’ingresso. Il Mirage consuma circa 4 milioni di litri di acqua al giorno, mentre in Nevada l’acqua scarseggia. Il Bellagio è famoso per i suoi giochi d’acqua delle sue fontane. All’Hilton, dove per anni si è esibito Elvis Presley. Decine gli alberghi a tema, come il pacchiano Luxor, allestito come una piramide d’Egitto con esibizioni circensi attorno al Grand Slam Canyon, un parco acquatico coperto con montagne russe, percorsi e canali artificiali, finti dinosauri e uno scivolo sull’acqua. Il Paris è noto per le riproduzioni dei principali monumenti parigini, mentre il Venician ha saloni con canali e finti gondolieri che intonano canzoni napoletane. Molto divertenti per chi ama il genere sono poi il Treasure Island, ispirato all’isola del tesoro con uno show di finti pirati che vanno all’arrembaggio di un galeone e il Caesar’s Palace che si rifà all’antica Roma, con camerieri vestiti da legionari tra i suoi ring per gli incontri di boxe e i suoi saloni per i concerti. L’Imperial Palace Casino raccoglie veicoli storici come la Rolls Royce dello Zar Nicola II, la Packard dell’Imperatore giapponese Hirohito e la Mercedes di Adolf Hitler. Las Vegas è anche la città in cui ci si sposa in un quarto d’ora: ci sono decine di chiese in ogni angolo della città

Dintorni
50 km a sud-est di Las Vegas, al confine tra Nevada e Arizona ecco Hoover Dam, la diga sul lago Mead, gioiello architettonico con una parete liscia di cemento, alta 220 m, che contrasta con i fianchi in pietra rossa del Canyon, una location utilizzata in molti film

1 Commento su La Vegas NV

  1. anche io sono riuscito a non perdere…IMPRESONA

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili