Klinsmann

Jürgen Klinsmann ha rimpiazzato Ramon Diaz ma coi tifosi nerazzurri non è stato amore a prima vista. Quando segnava lo applaudivano ma se sbagliava lo fischiavano. Sacrificato per far posto a Darko Pancev (!), è stato apprezzato troppo tardi, quand’era già all’estero, malgrado fosse diventato campione del Mondo con la Germania a Italia ’90. Tre sole stagioni con l’Inter dal 1989-90 al 1991-92 con 123 presenze e 40 reti e una Coppa Uefa (1990-91). Grande Jürgen! Figlio di un fornaio di Göppingen resta il calciatore più colto che abbia mai incontrato: parla perfettamente quattro lingue e ha sempre inteso il calcio come un’occasione per confrontarsi con culture diverse. Ricordo perfettamente che mentre tutti i calciatori, ieri come oggi, sfogliavano sugli aerei le solite riviste di auto o di orologi, Jurgen leggeva con attenzione Panorama e la nostra Costituzione. Un altro pianeta, insomma.

2 Commenti su Klinsmann

  1. Sbaraccati troppo presto i tre tedeschi dopo un’annata storta! Jurgen continuò a segnare a raffica infatti anche in Inghilterra e Francia!

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili