Parla Zhang: io la penso così

Video-editoriale del 25.5.2022
Ecco cosa perso del discorso programmatico di  Steven Zhang.
Come al solito luci e ombre: vedremo la qualità degli acquisti, mentre di cessioni eccellenti è più prudente attendersene non una ma due, come un anno fa.
Ne parlo qui:

https://youtu.be/BXNTPOwmmZY

9 Commenti su Parla Zhang: io la penso così

  1. Interista per Sempre // 25 maggio 2022 a 12:41 // Rispondi

    Aspetto con una certa curiosità, e apprensione, eventuali cessioni “eccellenti” che se dovessero essere fatte, spero che siano compensate da arrivo di buoni giocatori.
    La cosa che mi soddisfa maggiormente è la conferma di Inzaghi – benissimo
    Un allenatore per dare una impronta alla squadra deve restare almeno due anni, meglio tre, come Pioli al Milan – basta vedere la fine che fanno le squadre che cambiano allenatori continuamente.
    Sempre W L’INTER

    • Anche dimenticando (ma è dura) i due rigori sbagliati da Martinez e Di Marco (costati subito 4 punti), a ben vedere e riassumendo l’Inter:
      1) ha perso lo scudetto per quei dannati 3 minuti nel derby, dopo averlo dominato
      2) in CL è stata eliminata con onore da chi forse la vincerà
      3) Ha vinto Coppa Italia (tritando il Milan) e 4) Supercoppa
      Senza quei 3 minuti era filotto, e se non la smantellano è ancora la più forte.
      P.S.: evito ogni commento sui tre mesi di black-out dovuti ai mondiali…

  2. Ormai capito l’andazzo sappiamo che per il “bene” del club ogni anno dovremo metabolizzare il sacrificio di quei 2-3 giocatori in grado di far cassa. Mi auguro che oltre all’usato sicuro, leggi parametri zero in grado di dare ancora qualcosa alla causa, si possa investire su dei giovani con voglia e grinta, che non si accontentino di approdare ad una gloriosa società come la nostra.
    In questo devo dire che il Milan è stato bravo a stimolare tutto il gruppo che ha saputo trionfare da underdog.

  3. Augurarsi che lo zoccolo duro della squadra rimanga inalterato è legittimo anche se difficilmente praticabile . Se dovessi scegliere, oltre a scremare la rosa dai vari Sanchez, Vidal, Vecino, Kolarov e Ranocchia (che ci garantirebbero l’ingaggio di Dybala, un grandissimo colpo e il bisbiglio sull’orecchio tra lui e Lautaro dopo un’inter-Juve – Juve che se ne pentirà amaramente – ne conferma la fattibilità), cederei De Vrij più che Bastoni . Per Il resto i nomi che circolano mi sembrano buoni …

    • Il guaio è che non si può giocare con le figurine e che ti danno a quanto sembra molti più soldi per Bastoni che per DeVrij, ma molti di più…
      GLR

      • DeVrji ha avuto un’annata storta, ma non è proprio uno “scarsone”. Tutto sommato, se qualcuno va sacrificato (fino a che non cambierà proprietà ormai si è capito l’andazzo) meglio Bastoni che non Barella o Martinez. Un buon difensore (Bremer?) lo ritrovi, chi la butti dentro è molto più difficile.
        Senza Bastoni e senza cavolate l’anno venturo si fa ancora in tempo a raggiungere quella seconda stella gettata alle ortiche quest’anno. Ma continuando a smantellare, in quelli dopo la vedo dura.

  4. Alessandro // 26 maggio 2022 a 07:09 // Rispondi

    Il valore delle società di calcio dipende solo dal conto economico o anche dai risultati sportivi? I risultati sportivi influenzano il conto economico? Questa proprietà è miope oltre che bugiarda. E lo dimostra vendendo Bastoni e chissà chi altro. Non è bastato l’anno scorso… Come si può costruire qualcosa se ogni anno riparti da zero? E’ anche vero purtroppo che non vedo la fila di Paperoni che vuole comprarsi l’Inter…. Peccato perché con con questa proprietà non faremo mai un salto di qualità.

  5. GLR, come interista non voglio una proprietá del club ogni estate indebolisca la squadra, non siamo la Fiorentina. Non possiamo andare avanti con una proprietá che dipendende dal diktat del governo cinese, per affacciarci ai grandi scenari c’é bisogno di stabilitá, non la possono garantire, che vendino il club e tanti saluti. Se ne arrivasse un altro che continuasse indebolendo la squadra, continuerei a protestare. Se anche quest’anno dobbiamo sacrificare qualche titolare: #suningout, mi spiace.

    • Sarebbe sempre bello sapere però chi poi è IN…facilissimo scrivere le cose che scrivi tu…lo faccio da anni sognando di non dovermi svegliare ogni giorno con le solite incertezze ma con un passo mentale ulteriore….c’è qualcuno dopo? No, a tutt’oggi non c’è!
      GLR

Rispondi a GLR Annulla risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili