Il Giorno – Bar dello Sport 219

Pubblicato su Il Giorno sabato 18 luglio 2020

Bar dello Sport – Per tutti è il tempo dei rimpianti
Situazione più unica che rara al Bar dello Sport. E’ il momento dei rimpianti e ognuno parla da solo, rispettando alla perfezione le norme sul distanziamento sociale ancora prudentemente in atto nei luoghi chiusi. Ad aprire le geremiadi è l’assicuratore interista Walter, fresco di secondo posto in classifica ritrovato: “Se Lautaro non avesse sbagliato il rigore col Bologna – attacca – Se Gagliardini l’avesse messa dentro a porta vuota col Sassuolo, se a Verona non ci fossimo addormentati, avremmo vinto lo scudetto!”
E anziché affrontarlo dall’alto dei suoi 6 punti di vantaggio, che poi sono 7 per via degli scontri diretti, il carrozziere juventino Ignazio, pur virtualmente Campione d’Italia, è sulla stessa lunghezza d’onda: “Se non avessimo preso Sarri, che ha fatto diventare la nobile Vecchia Signora una ragazza-squillo di provincia – frigna senza logica – a quest’ora stavo già col tricolore sul balcone e invece mi toccherà sudare fino all’ultimo!”
Sulla strada dei rimpianti si accodano anche il tassista milanista Gianni e l’idraulico napoletano Gennaro, che si lamentano per non aver cominciato la stagione con i rispettivi tecnici Pioli e Gattuso, perché a loro dire a quest’ora sarebbero stati già in Champions League!”
E pure l’impiegato delle poste romanista Tiberio rimpiange qua e là quel che poteva essere e non è stato. Nessuno di loro però afferra che il reale valore delle loro squadre in fondo è rispettato dall’attuale classifica. E intanto bevono, bevono e piangono in questa valle di lacrime che è diventato il Bar dello Sport.
A calare il sipario è l’incartapecorito pensionato Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport: “Bravi, finalmente avete capito il vostro ruolo – sghignazza – parlare ognuno per conto suo come i matti!”

1 Commento su Il Giorno – Bar dello Sport 219

  1. Ambrogio ha sempre ragione , al contrario di tutti non sbaglia mai !

Rispondi a Gianluca Annulla risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili