37C: Inter-Chievo 4-3

Dal 34° del primo tempo al 38° minuto della ripresa, l’Inter è stata campione d’Italia, ma alzi la mano chi non si aspettava  la vittoria della Roma nel finale all’Olimpico. Certo, nel calcio le sorprese non mancano mai, ma non fino a questo punto. Poco male, si deciderà tutto nell’ultima giornata con l’Inter a Siena e la Roma proprio a Verona, in casa del Chievo. L’importante è che anche stavolta l’Inter abbia dimostrato la sua forza,  portando a casa l’ennesima vittoria in rimonta. Molto è successo subito, dopo la traversa in avvio di Stankovic, con Thiago Motta che ha involontariamente trasformato nel vantaggio clivense una palla vagante.  Stessa storia nell’altra area con l’autorete di Mantovani in un giro d’orologio. Poi, dopo la mezz’ora, in cinque minuti, Cambiasso e Milito hanno riportato l’Inter in vantaggio di sicurezza prima del riposo. Ad inizio ripresa Balotelli ha realizzato subito il quarto gol, stipulando una tregua con San Siro: gli applausi li ho sentiti, anche se non proprio scroscianti. In ogni caso Mario è sembrato finalmente sulla stessa lunghezza d’onda della squadra, nei suoi comportamenti, prima ancora che nel suo rendimento. Se poi l’Inter ha incassato altri due gol è perché, distratta dal momentaneo vantaggio del Cagliari, è rimasta in campo con l’orecchio all’Olimpico, sperando in ulteriori aggiornamenti positivi. Il Chievo ne ha approfittato, arrampicandosi prima con Granoche e poi con Pellissier alla mezz’ora della ripresa fino al 4-3 definitivo. Nel finale ha avuto più opportunità l’Inter di segnare il quinto gol che il Chievo di pareggiare, come dimostra il palo di Pandev.  In ogni caso la partita è filata via senza grossi problemi per l’arbitro Banti e l’assenza di Sneijder neppure si è sentita. Ora ci si gioca tutto negli ultimi 90 minuti contro il Siena, squadra già retrocessa e col primato negativo del maggior numero dei gol subiti in questa stagione. Ovvio che l’Inter debba vincere, potendo contare dopo tanto tempo su una settimana intera di lavoro in vista solo dell’ultima giornata, quella che  assegnerà lo scudetto 2009-10. L’Inter, come due anni fa a Parma, arriva a giocarsi tutto in 90 minuti, padrona del proprio destino. Non servono tanti discorsi, solo un ultimo sforzo!

45 Commenti su 37C: Inter-Chievo 4-3

  1. pasquale somenzi // 9 maggio 2010 a 16:21 // Rispondi

    Probabilmente e’ destino che Inter-Chievo sia ricca di gol:ricordo i due ultimi
    precedenti 14-12-08 4-2 e 24-09-06 4-3. Roma-Cagliari e’ finita all’incirca
    come l’anno scorso quando in rimonta dal 1-2 Vucinic segno’ al 90′ il gol
    del 3-2
    Il Chievo era la squadra che meno di tutte aveva subìto più di 2 gol in una sola
    partita:solo 2 volte, a Palermo in campionato ed a Firenze in coppa Italia.
    all’Inter era successo 3 volte in campionato (Palermo, Siena, Catania) ma
    ora e’ arrivata a 4 volte. l miglior risultato ora e’ del Parma che solo in 3
    occasioni ha subìto 3 gol.
    L’Inter per la decima volta chiude il campionato imbattuta in casa. Si tratta del
    secondo campionato consecutivo con un totale di 38 partite in cui ha totalizzato
    29 vittorie e 9 pareggi.
    L’unico precedente doppio era nel biennio 1964/65 e 1965/66 campionati a
    18 squadre in cui nelle 34 partite in casa l’Inter totalizzo’ 24 vittorie e 10 pareggi.
    Ispirandomi ad una frase che impazzava anni fa su un’altra sponda che diceva:
    “siamo l’unica squadra che negli ultimi 5 anni e’ sempre arrivata nei primi 8
    in Champions” vorrei far presente che negli ultimi 52 campionati di serie A
    l’ Inter e’ arrivata 50 volte nelle prime 8 seguita dalla Juventus con 49 volte,
    più staccate tutte le altre, compresi quelli che “siamo l’unica squadra che…
    ecc. ecc.”
    Per finire vorrei segnalare che quando l’Inter perse le finali nel 1967 e nel 1972
    Celtic ed Ajax in quelle circostanze fecero tripletta, ma oggi non sappiamo ancora
    se il Bayern ha vinto la coppa di Germania.
    ciao. pasquale.

    • Luca Sibenik // 9 maggio 2010 a 18:54 // Rispondi

      Ciao Pasquale,
      prima di tutto complimenti per la tua preparazione e le tue statistiche.. ma – a differenza del GLR illuminista – io sono un superstizioso clamoroso, peggio del Presidente Moratti visto alle Iene, quindi l’ultima frase mi sta obbligando a “grattate a nastro nel basso ventre”
      Luca

    • roberto scib // 9 maggio 2010 a 20:16 // Rispondi

      Pasquale, sei come sempre illuminante con le tue statistiche e curiosita’.
      Non che io creda alla cabala, ma preferirei che il Bayern non vincesse la coppa di germania…
      comunque vada sara’ un’annata strepitosa!
      Vi racconto questa: mia moglie, dopo i miei mugugni per la gente a cena proprio mercoledì scorso, mi ha detto: ma cosa ti succede, non sei mai stato cosi, sei diventato un italiano medio, sempre dietro alle partite di calcio.
      Ed io: non sono io che sono “diventato cosi'”, e’ l’Inter che a meta’ maggio e’ ancora in finale su tutti i fronti. Sono un Interista medio, ed e’ bellissimo!
      Prego rivedere il significato latino di “aurea mediocritas”…
      Forza ragazzi non vi lasceremo mai!
      R

    • Carissimo (e precisissimo) Pasquale…
      Già che da Inter-Chievo hai “sconfinato” in Europa parlando di Ajax e Celtic, proviamo ad abbandonare per un attimo le statistiche e scomodiamo Giambattista Vico con i suoi corsi e ricorsi per “sconfinare” ancora più in là?
      Mundial 1982 vs. Champions 2010… L’Italia non vinceva un Mondiale da 44 anni, l’Inter non vince la Coppa da 45. Come “digiuno” ci siamo… Anche se non nello stesso ordine abbiamo fatto fuori le favorite (come fu con Argentina e Brasile per gli azzurri), il CSKA (equiparabile alla Polonia anche come locazione geografica, sebbene il CSKA l’abbiamo affrontato nei quarti e non in semifinale), e ci giochiamo la Coppa al Bernabeu contro una tedesca (replay di Italia-Germania).
      E se finisse 3-1 per l’Inter? 😉
      Ciao, Roberto

      • pasquale somenzi // 10 maggio 2010 a 01:29 // Rispondi

        ciao Roberto, a parte che allora erano 11 italiani contro 11 tedeschi,
        chi vorresti che nel primo tempo sbagliasse il rigore come Cabrini?
        pasquale.

        • Caspita, Pasquale…
          Non prendermi così “alla lettera”, mi mandi il caffè per traverso! :-)
          Mi basterebbe il 3-1 SENZA RIGORE: abbi pietà delle mie coronarie da ultraquarantenne! Dopo 28 anni, pure il rigore sbagliato da Cabrini vuoi farmi rivedere??? Allora avevo quasi vent’anni, ora… non più!:-D
          Il mio “ricorso vichiano”, poi, era basato soltanto sulla nazionalità delle squadre e non anche dei giocatori. Vedere italiani nell’Inter è quasi impossibile, ma (a prescindere dal nome stesso della squadra) Moratti ha ragione: per un buon giocatore italiano di serie A ti senti chiedere poco meno che per Gerrard… Molto meglio prendere a poco una promessa come Coutinho, provare per Gerrard stesso (ma non credo si muoverà da Liverpool) o approfittare a piene mani (come negli ultimi anni è stato fatto) della dabbenaggine dei dirigenti altrui prelevando a costi contenuti o, meglio ancora, a parametro zero quei tanti giocatori che stanno facendo le fortune dell’Inter!
          Un caro saluto, e sempre complimenti per il tuo “certosino” lavoro!
          Roberto

    • pasquale somenzi // 10 maggio 2010 a 01:45 // Rispondi

      ciao, secondo me manca solo il punto determinato da cio’ che
      Muntari ha fatto a Catania, nell’arco di un campionato e’ normale
      che si perdano o guadagnino punti negli ultimi minuti ma L’inter
      di Mourinho in 2 campionati ha preso solo due gol al 90′
      (Juve l’anno scorso e Catania quest’anno)
      quindi io non mi preoccuperei dei punti persi ma di vincere
      domenica anche perche’ il Chievo non ha una buona tradizione
      contro la Roma.
      pasquale.

  2. Ancora una giornata, spero proprio che il 16 maggio l’Inter mi faccio un bel regalo (è il mio compleanno).
    Ovvio che come ci insegna il nostro caro GLR non facciamo polemiche sullo svolgimento della partita della nostra antagonista, dove abbiamo visto professionisti fare cose che nemmeno all’oratorio e assegnare il classico rigorino di compensazione per i numerosi ( questo a detta dei romanisti) torti subiti!
    Sempre Forza Inter!

  3. Ma Gian Luca hai esultato come un “pazzo” al goal del Cagliari mostrando lo scudetto alla telecamera e indossando i tuoi soliti occhiali blu… E dopo scrivi alzi la mano chi non si aspettava la rimonta dalla Roma????
    Se te l’aspettavi perchè hai esultato in quel modo???
    Un saluto.

    • Esigenze di show! ma non ci credevo. Dico davvero. Però intanto ho cominciato a esultare, hai visto mai…
      GLR

  4. Harry Hole // 9 maggio 2010 a 19:36 // Rispondi

    Bella Inter, 4 a 3 (che se non fosse arrivato il risultato da Roma sarebbe stato tranquillamente 4 a 2 o 5 a 2) la squadra c’è, consapevole che mancano solo 180 minuti al termine della stagione.
    un passo alla volta, andiamo a Siena a fare ciò che sappiamo fare, questa volta senza ascoltare la radiolina, dipende tutto dai ragazzi in campo.
    Avanti Effeci!

  5. E’ proprio destino che il Siena sia presente sulla nostra strada verso lo scudetto, nel 2007 lo “abbiamo” conquistato al “Franchi”, nel 2008 ci hanno allungato l’attesa di una settimana con il pareggio di San Siro a cui ha fatto seguito la vittoria nel diluvio di Parma, lo scorso anno erano gli “ospiti” della nostra festa a cui i cugini avevano tolto un po’ di pathos perdendo a Udine e consentendoci di festeggiare davanti alla tv il sabato sera prima di far passerella la domenica al Meazza….in tutti e tre i precedenti è andata a meraviglia quindi se non c’è due senza tre, il quattro vien da sè……….naturalmente il Siena farà la sua partita, premi a vincere o altro sono tutte cazzate, ma l’INTER se và in campo per vincere e concentrata sull’obiettivo non c’è ne per nessuno….a Roma possono così rosicare e consolare il “pupone” che adesso, visto quello che è successo oggi all’Olimpico, pare sia la vittima di tutto il casino che ha combinato mercoledì mentre penso che se un fallo come quello fatto da lui l’avesse commesso che so… Materazzi non lo squalificavano lo fucilavano la sera stessa nel piazzale dello stadio…………
    Vamos INTER X IL “TRIPLETE”!!!!!!!!!

  6. Ciao GLR……
    oggi ero allo stadio con uno sguardo al match e l’oreccho alla radiolina e nonostante davo per scontato la vittoria della roma al gol di lazzari ci credo anzi per la precisione sino al primo gol di Totti. Vabbè è destino che anche qst’anno non festeggiamo in casa e x ennesima volta si deciderà fuoricasa e sulla nostra strada c’è ancora il Siena come lo scorso anno anche se era vinto sul divano, due anni fa ci fermò in casa e tre anni la doppietta di Matrix ci permise di festeggiare!
    Ora ci attende 7 giorni di attese per gli ultimi 90′ e mi stupisce come la squadra al 6 Maggio giochi con qst intensità nonostante da mesi affrontiamo i match ogni 3 giorni e non importa se il Bayern avrà 7 giorni in + x concentrarsi alla finale di Champions quest’INTER è collaudata per sopportare e poter scavalcare questi ultimi due ostacoli.
    FORZA INTER e un saluto da un tuo grande estimatore ogni volta che se a QSVS

  7. ciao gianluca va bene cosi era importante battere il chievo a siena dobbiamo vincere e basta e finalmente una settimana senza coppe per preparare al meglio questa partita ciao e arriviamo a 18

  8. Caro Gian Luca,
    non discuto il rigore per la Roma, si può dare e non dare: Rosetti ce ne assegnò contro uno analogo in Bari-Inter, negandocelo però in Napoli-Inter 15 giorni dopo. Una “combinazione” di tre rigori che speriamo adesso di non dover pagare cara.
    Domenica a Siena c’è in… Palio lo scudetto e dipende tutto dall’Inter: dovrebbe farcela, perchè è la più forte e perchè fisicamente c’è ancora, eccome se c’è. Basta non distrarsi come sul 4-1 oggi, e non voglio nemmeno pensare a “giochetti superiori” giusto all’ultima giornata… Mi pare si debba risalire a secoli fa, col dubbio rigore di Brady a Catanzaro e il gol regolare annullato a Graziani a Cagliari. Chiedo aiuto al “professor” Somenzi… :-)
    Negli ultimi anni Siena e il Siena sono stati piacevoli crocevia di scudetti, ben due. E se il proverbio dice il vero, visto che il prossimo anno il Siena non ci sarà, il terzo dovrebbe arrivare domenica… :-)
    Ho persino sentito qualcuno dire che l’Inter, con lo squadrone che ha e i soldi spesi, avrà poco da vantarsi di uno scudetto vinto al fotofinish. Dentro la testa ci sono un filo rosso e uno blu: proviamo a collegarli? Il 22 sera a Madrid ci sarà l’Inter o la Roma? La Champions distrae e toglie tante, ma tante energie: l’Inter però se la gioca in finale dopo aver eliminato le favorite. La Roma, buttata fuori dalla Europa League (neanche dalla Champions…), ha avuto molto tempo per pensare solo al campionato: eppure è sempre dietro.
    L’ultima accoppiata Champions-Scudetto riuscì al Milan di Capello nel ’94: non è dunque cosa di tutti i giorni. L’Inter può ripetere l’impresa 16 anni dopo, anzi potrebbe fare (prima italiana) addirittura tripletta.
    Ciao
    Roberto

  9. Considerando che l’Inter avrà una settimana per preparare la partita di Siena, pare che la lega (per garantire la par condicio con tutte le altre squadre che hanno affrontato l’Inter ogni tre giorni) stia facendo di tutto per far anticipare la finale di Champions a mercoledì 12 maggio…
    Nel contempo il Siena potrà schierare in campo, per speciale bolla pontificia, tutti i giocatori a disposizione (panchina compresa) in modo da non lasciare nessun dubbio sulla regolarità del campionato…
    GLR scusa per le cazzate ma non ho saputo resistere dopo aver letto le dichiarazioni di quel campione di sportività di Mezzaroma!
    Comunque oggi abbiamo ottenuto una bella vittoria con quel tono di sofferenza che solo la nostra grande squadra può garantire.
    Diario di bordo: -2 alla fine e sempre +1 in bacheca!!!

  10. marco ferrara // 9 maggio 2010 a 23:21 // Rispondi

    Ciao Gian Luca, come dici tu, tutto rinviato (speriamo) alla partita di siena, ma bisogna comunque fare i complimenti alla nostra amata inter che anche oggi per almeno 75 minuti ha disputato un’altra grande partita!! Non nego che ad un certo stavo per credere che il campionato per noi potesse finire già oggi, anche se alla vigilia ero sicuro che la roma avrebbe vinto (il cagliari non c’é più); certo per come si erano messe le cose un pò di rammarico rimane tant’é…..!! Quello che mi lascia sereno però é la condizione della squadra (ottima), i due gol nel finale del chievo sono venuti più per nostre disattenzioni dovute al risultato di roma-cagliari che per un calo fisico. Certo a siena bisognerà pensare solo a noi stessi per tutta la gara!! Non so con quale spirito dopo tutte le ultime polemiche la squadra toscana giocherà contro di noi, probabilmente in maniera battagliera come sta facendo da un pò di partite nonostante la retrocessione, ma rimane pur sempre il siena e non chissà quale squadrone!! Detto questo, ovviamente rispetto, ma con cuore, testa e gambe andiamo a vincere questo benedetto scudetto!! Ti abbraccio e…..SEMPRE FORZA INTER!! Ciao, marco.

  11. Massimo VC // 10 maggio 2010 a 07:33 // Rispondi

    Ciao Gian Luca
    Non credo sia un’impresa storica battere il Siena, nostro avversario scudetto da 4 campionati ma penso però che ci attenda una settimana infuocata da parte di chi non ci ama, che tenterà in tutti i modi di inventarsi polemiche per innervosirci. Comunque saremo come al solito, più forti di tutti e di tutto.
    GRAZIE RAGAZZI.

  12. Fabio Primo // 10 maggio 2010 a 07:41 // Rispondi

    Dopo il nostro gol del 4-1 ho visto Roma-Cagliari : dopo il loro 1-0 gli isolani si sono praticamente fermati , sembravano degli zombi!! se la Roma non avesse segnato sul rigore lo avrebbe sicuramente fatto in una delle azioni successive…..e poi vengono a menarcela con l’atteggiamento della Lazio in Lazio-Inter !!

  13. matteo da Siena // 10 maggio 2010 a 07:52 // Rispondi

    Ciao Gianluca,
    è destino che Siena sia protagonista o spettatrice dei successi neroazzurri cosi come è successo negli ultimi anni. E’ una piazza che per affinità di colori simpatizza per la juve e non ha affatto simpatia per l’Inter. Il clima sugli spalti in conseguenza del gol su fuorigioco dello scorso anno e della rimonta dell’andata sarà sicuramente caldo ma chi non si è intimorito davanti ai 90000 del camp nou non può pensare di aver paura dei “12000 del rastrello” . Andiamo a giocarcela con la consapevolezza di meritare questo scudo. Altri dormiranno sogni agitati nelle culle d’oro. Forza Inter

  14. Vincenzo Asta // 10 maggio 2010 a 08:46 // Rispondi

    Buongiorno a tutti,
    secondo me rimanere un’altra settimana concentrati sul campionato ha i suoi aspetti positivi in chiave finale di Champions. Stare due settimane intere concentrati sull’appuntamento di Madrid avrebbe potuto alzare troppo la tensione.
    E poi se non si vincesse all’ultimo minuto che vittoria da Inter sarebbe.
    Comunque vista la squadra ieri, c’è da stare piuttosto tranquilli.
    Buona settimana a tutti.

  15. Che bella domenica: ero ad una recita scolastica con la radiolina, una cosa che non mi succedeva da anni! Sono felicissimo per questa stagione, vada come vada c’è da fare un grosso applauso a tutta la squadra per una stagione così esaltante. L’inter di quest’ultimo mese mi fa star tranquillo riguardo alla partita di Siena: quest’anno, tolta la gara di Roma di campionato (la sfiga ci ha messo lo zampino…), non abbiamo mai bucato una partitissima. La differenza tecnica e atletca tra le due squadre è enorme e le motivazioni pendono enormemente verso di noi. Solo una considerazione: in queste ultime due gare si è sempre dato per scontato che la Roma vincesse facile contro le proprie avversari ma Parma (soprattutto) e Cagliari (in parte) han dimostrato che le vittorie vanno sudate. Siete così ceri che il Chievo si offra come agnello sacrificale al cospetto della Roma, io credo di no…
    Forza inter e domenica ci si vede in Piazza Duomo!!!!!

  16. stucchevole pantomina all’olimpico col pupone che ostenta i bambini nel famoso volemose bene alla romana,prima cerca di eliminare fisicamente un suo collega molto piu’giovane e inesperto,poi fa la sceneggiata con i bimbi proponendosi come ambasciatore di sportivita’,lealta’e quant’altro……………ma vedi d’annartene……..

  17. franco banear // 10 maggio 2010 a 10:53 // Rispondi

    Ciao GLR,
    Ora, capisco le giuste scaramanzie, capisco quelli che “nel calcio può succedere di tutto”, ma io ho visto giocare il Siena due settimane fa a Udine. Giocano bene, x carità, ariosi, tre punte, risultato? Udinese 4, Siena 1. Perché ci siamo fermati a metà ripresa. Oh, siamo l’Udinese mica il Chelsea… o l’Inter. Quindi a meno che la pressione non Vi distrugga (dopo Barcellona? fatemi il piacere…) o Vi concentriate sulle radioline come ieri…
    Ho guardato in streaming Roma-Cagliari. Ora, lungi da me Rosellasensizzarmi o peggio, ma dire che il Cagliari ha fatto la sua partita è parola grossa. Se al posto di Jeda ci fosse stata mia mamma, avrebbe segnato. per non parlare di Nenè, credo il Cagliari l’abbia comperato in memoria del vero Nenè che giocava con Gigi Riva… Scarso.
    Sugli striscioni a Totti… Ma un bel chissenefrega no? Ce n’è una bella rassegna su repubblica.it. Uno diceva “Odio tutti, amo Totti”. Uno che perde del tempo a scrivere una cazzata del genere meriterebbe un voucher in clinica psichiatrica. Resto della mia, questo calcio ha poca autoironia e ancor più basso livello intellettuale. Non sono sicurissimo che fra 20 anni ci si ricorderà del Totti giocatore, eccellente tecnicamente, ma uno che in una top-10 arriva 12. Riga 14, sono a rischio taglio. Saluti a tutti. Frengo e stop.

  18. belluco alberto // 10 maggio 2010 a 12:18 // Rispondi

    ciao gianluca……effettivamente bisogna pur dire le cose come stanno,la roma è la squadra piu forte d’italia!non si da per vinta e scende in campo come i gladiatori dell’antica roma! il siena è fortissimo e venderà cara la pelle!all’inter non tocca che vincere per chiudere questo campionato cosi bello e conteso!!!!!!!!!

  19. Franco Interista // 10 maggio 2010 a 13:06 // Rispondi

    Caro Gian Luca, ieri ad un certo punto ho sperato anch’io e stavo già per esporre sul terrazzo di casa mia una mitica bandiera nerazzurra che ho da quasi 40 anni! Lo farò domenica 16. La squadra è forte e se domenica rientrano Lucio (ieri Matrix non è stato il massimo) e il piccolo olandese non ce n’è per nessuno. Circa il gentiluomo Totti ho sentito un illustre politico dire: E’ da condannare il gesto non l’uomo!! Un tuo collega, ieri su un importante quotidiano, giustamente faceva notare: Ma la gamba e il piede che hanno segato Balotelli a chi appartengono?!? Saluti interisti a tutti

  20. ciao Gian Luca
    la cosa più bella di ieri è stata la dimostrazione di affetto di un intero stadio verso il suo “condottiero”
    a memoria non ricordo di simili attestati di stima verso un allenatore
    per lui più che una professione quella di allenatore è una MISSIONE
    e lo si è potuto capire più volte dalle sue parole e per l’amore che ha per i nostri colori
    praticamente uno di noi
    resta o va? come diceva ieri uno striscione: COMUNQUE MOU A VITA

    • Ragazzi, prima vinciamo però, poi ne parliamo. Anche perché sono certo che se dovesse fallire anche solo uno dei due obiettivi che restano, non ci sarebbero tutte queste petizioni pro-Mourinho. Di certe cose è meglio parlare ad Albo d’Oro compilato!
      GLR

      • Franco Interista // 10 maggio 2010 a 13:29 // Rispondi

        Gian Luca, pienamente d’accordo – ricordi Ennio Flaiano? – Il popolo italiano corre sempre in soccorso del vincitore… Ciao

  21. Concordo con Gianluca che mancano pochi dettagli per il secondo titulo…e poi gara secca ….sempre FORZA INTER

    • Non credo di aver scritto che manchino pochi dettagli. Ho scritto che sono ottimista da agosto sullo scudetto e credo che tutti gli editoriali passati lo confermino. Più che un dettaglio ora manca l’ultimo sforzo a Siena.
      GLR

  22. Sono un tifoso interista sardo, che oltre alla nostra Beneamata, non disdegna di tifare la squadra della sua regione. Eppure devo dire che ieri il Cagliari mi ha fatto veramente vergognare. Si parla tanto di Lazio-Inter come partita non vera e manovrata ma che dire del mesto spettacolo a cui si è assistito ieri?i giocatori del Cagliari non volevano assolutamente disturbare il cammino della Roma. A riprova di ciò basta pensare all’occasione di Jeda che, da mezzo metro, guarda la porta e calciavolontariamente a lato, quasi fosse terrorizzato dall’idea di segnare un gol all’avversario. Dopo il gol di Lazzari, il Cagliari ha fatto l’impossibile per fare recuperare la Roma e non è riuscita a mascherare questa volontà. Certamente non voleva assumersi la gravosa responsabilità di assegnare il campionato all’Inter. Questo atteggiamento è forse anche più meschino di quello della Lazio, che almeno ha avuto il coraggio di non indossare i panni della falsa e ipocita paladina della sportività.

  23. andrea da lodi // 10 maggio 2010 a 13:41 // Rispondi

    Rgazzi però vorrei dire grande Mou , tutto quello che volete ma per me l’importante è che l’inter vinca con o senza mou.

  24. Franco Interista // 10 maggio 2010 a 13:57 // Rispondi

    Caro Gian Luca, ho letto la tua replica un mio post dopo Roma Inter dove gratificavo Mazzone, difensore strenuo di Totti, dell’appellativo di sobrio e moderato durante la sua carriera di allenatore – dal contenuto della tua risposta temo di non essermi spiegato bene. Gli aggettivi da me usati erano chiaramenti ironici – Ricordiamo tutti i lazzi e gli ululati di Mazzone in panchina e nelle varie dichiarazioni a stampa e tv. Mi sembrava doverosa la precisazione ciao

  25. oramai manca poco, due partite per riprenderci i nostri sogni. capitolo mourinho: sicuramente deluso se va via, ma un grazie glielo devo. ho 33 anni e non ho mai avuto la grazia di vedere l’inter in una finale di champions. se ad inizio anno mi avessero detto che a madrid in finale ci sarebbe stata l’inter, giuro, mi sarei messo a ridere.

  26. Caro Gianluca,
    mi domando dove sono ora con la loro saccenza i detrattori dell’Inter in quanto squadra “non italiana”, considerando che per motivi che faccio fatica a comprendere quest’anno il Giro d’Italia di ciclismo si svolge nei Paesi Bassi. Sono certo per il motivo di cui sopra essi egualmente cesseranno per fare il tifo per la Ferrari, nota marca automobilistica italiana che nel suo sport (?) di competenza ingaggia nel 99% dei casi stimati professionisti stranieri. Eh sì, la coerenza, questa sconosciuta …
    Cari saluti a te e a tutti

  27. Vista la pochezza del mio milan, commento ancora una volta cose di alta classifica, collengandomi anche alla premier league. Ieri il Chelsea ha vinto lo scudetto vincendo 8ao contro la decima in classifica;ora mi domando, se l’inter(che ha eliminato in maniera netta il chelsea) dovesse vincere lo scudetto vincendo anche “solo” 4a0 contro l’ultima in classifica, che casino verrebbe fuori???Ecco perchè al di la di titoli vari il nostro calcio sarà sempre inferiore a quello inglese…..

  28. Ciao GLR.
    Rimandati di 90′ i festeggiamenti per il meritatissimo scudo. Scontata la vittoria dell’Inter, ma anche quella della Roma, che avrebbe vinto comunque, probabilmente grazie a una “disattenzione” della difesa sarda nei minuti finali, qualora l’arbitro non le avesse accordato il (giusto?) rigorino. Poco male, anzi meglio: due settimane a pensare solo al Bayern avrebbero rischiato di farci andare in overdose da tensione emotiva. In ogni caso massima concentrazione per domenica prossima, ricordandoci che siamo la squadra che ha schiantato il Barca a S. Siro e che di fronte ne abbiamo una già retrocessa (vorrà pur dire qualcosa, no?), allenata da un signore che qui a Parma, dove risiedo, ricordano come “il cieco”, per il fatto che non si accorgesse, quando allenava appunto il Parma, di avere la squadra di gran lunga più forte di tutte. Battute a parte, vorrei fare una considerazione sull’allenatore della Roma e sulla sua presunta signorilità: io credo che un signore, come molti pensano che sia Claudio Ranieri, durante la finale di Coppa Italia, al primo fallo avrebbe dovuto riunire i suoi e dire:”Signori, o giochiamo al calcio in modo civile, o vi cancello dalla lista dei convocati per le prossime partite”. Invece ha permesso che i suoi picchiassero come fabbri con mani e piedi per tutta la partita, fino all’apoteosi finale del suo degno capitano. Inoltre non credo che un signore avrebbe speso anche una sola parola ieri, (peraltro in una cornice disgustosa in cui si è consumata l’apologia di un colpevole), per colui che davanti a una platea immensa si permette di colpire alle spalle con un calcione da bullo di periferia un ragazzo, ancorchè un provocatore come dice lui, che ha quasi la metà dei suoi anni. Tant’è, a questo ci ha abituati il nostro calcio, e non posso che dare ragione al grande Mou, quando dice che il nostro calcio non gli piace.
    Saluti a tutti e FORZA INTER!!!

  29. Alessia Cattaneo // 10 maggio 2010 a 18:36 // Rispondi

    FESTEGGEREMO ALLA GRANDE IL COMPLEANNO DEL PRESIDENTE COME LO SCORSO ANNO!
    CIAO!

  30. Ciao Gianluca
    ero quasi certo che quella appena passata potesse passare all’albo come la SETTIMANA DELLA RACCOLTA (C.I+ Campionato), invece aspetteremo qualche altro giorno per vedere come và a finire…
    Io ero ottimista anche qualche settimana fà…a 7 giornate dal termine con tutti in rimonta ed in rampa sorpasso dissi l’Inter da qui alla fine fà 19 p.ti e pareggerà solo a Firenze, se gli altri ne fanno 21 complimentoni viceversa ci si rivede a fine agosto!
    Questa settimana per lazare la tensione ne faranno di tutti i colori immagino e trovo già molto strano che nn abbiano squalificato Mou dopo il deferimento, ma cmq poco m’importa; agli altri è rimasto solo di parlare e sparlare su di no quando ancora nn hanno capito che più ci attaccano e più ci caricano….così come i media chiedano SOLO a Mezzaroma il massimo impegno per domenica (è stato penoso de Luca ieri sera alla DS), oppure nn facciano vedere le immagini della clamorose azioni da gol del cagliari o del fatto che i giocatori lasciavano entrare in area i romanisti senza attaccarli….ma vabbé poco m’importa, godrò molto di più alla fine!
    Forza Ragazzi un ultimo sforzo e complimenti Gianluca per la tua fede molto molto obiettiva e mai piagnona!

  31. Suerte

  32. ciao GLR,
    SIAMO A DUE PASSI DALLA STORIA!!Certo,il Siena sara’ sospinto dall’intera popolazione italiana meno gli otto milioni circa di interisti ma nulla puo’ cambiare questa situazione:battere il neoretrocesso seppur pericoloso Siena (davvero simpatico due anni fa quando ci rovino’ la festa tricolore) e superare l'”armata” teutonica che,sinceramente,non ci sovrasta ne’ nelle individualita’ ne’ nel collettivo,sono due imprese ampiamente alla nostra portata.
    Nel frattempo cominciano a scarseggiare pretesti e giustificazioni da parte dei nostri detrattori,francamente imbarazzanti anche ieri sera nelle varie trasmissioni (c’era addirittura qualcuno che sospettava non avendo visto esultare come si dovrebbe i giocatori del Chievo dopo il loro primo goal) e nei quotidiani-fantoccio di stamattina.
    Riguardo la partita di ieri penso sia inutile sottolineare come non appena ci distraiamo un momento (vedi l’orgasmatico quanto illusorio momento del goal del cagliari) subito paghiamo dazio,questo credo serva al nostro mister per inculcare nella testa dei nostri quanto sia importante la concentrazione nei prossimi 180 (forse) minuti decisivi
    Poco altro da dire sulla nostra beneamata se non di proseguire questo sogno come stanno facendo.
    Solo una considerazione extra – Inter:qualcuno mi spiega come puo’ essere possibile non squalificare il campo di Torino dopo cio’ che e’ successo ieri?E’ una delle tante cose inspiegabili di questo campionato.
    Buona settimana d’attesa per il tricolore a tutto il popolo interista

  33. Buongiorno a tutti.
    Sarò stra-ingenua, ma io in un passetto falso della Roma alla fine del primo tempo ci credevo non tanto per fiducia nella “forza” del Cagliari quanto piuttosto per il nostro vantaggio sul Chievo…pensavo che la Roma avrebbe dovuto forzare la situazione per “riacciuffarci” ed esporsi a situazioni di pericolo.
    L’importante è comunque che i ragazzi siano ancora in vetta, alla fine se si vince a Siena l’Inter è di nuovo campione.
    Lisa

  34. Pierfranco // 11 maggio 2010 a 09:27 // Rispondi

    Quattro giornate a Totti in Coppa Italia: dopo aver mostrato il lato peggiore del calcio, i suoi sostenitori e difensori protestano per la pena eccessiva. Un episodio che verrà dimenticato presto, purtroppo, e sul quale si è detto il peggio possibile in termini per minimizzarne la portata. Ma se l’intento doloso fosse andato pienamente a segno, avremmo un ragazzo di 19 anni con una gamba davvero malconcia, per non dire del fatto che Totti, il gladiatore core dé Roma ed orgoglio di un popolo offeso, doveva già essere espulso per il fallo a palla lontana su Milito, commesso con lo stesso impeto di cattiveria negli occhi.
    Lo detesto, non è un esempio per i figli che ha portato in braccio per ritinteggiare la propria immagine davanti al suo, per fortuna, pubblico. E la Sensi rifletta prima di parlare a sproposito, come spesso le capita.
    Anche i milanisti campioni di etica e moralità, nonché di pereggio di bilancio, dovrebbero rivedere la loro interpretazione dei fatti, almeno quelli che parlano in televisione e si mettono a fare i tribuni di periferia: poco edificante e molto scoraggiante. Balotelli andrebbe picchiato perché se lo merita, ho sentito dire da certi opinionisti lombardi, e credo che più che etico il discorso sia etilico.

  35. Contro ROMA-INTERA (inno,invasione e fallacci compresi) la partita è stata vinta con merito (!° titolo). Ora restano gli ultimi 90 minuti in Campionato: per portare a casa il 2° trofeo non bisogna diminuire impegno e concentrazione. Meglio non fidarsi di MEZZA-ROMA.

Rispondi a andrea da lodi Annulla risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili