Tra buonismo e curiosità

Video-editoriale del 29.4.2022
Se alzo le mani davanti al buonismo politically correct su Radu, certo non mi arrendo per lo Scudetto: verificherò dal vivo a Udine la psiche dell’#Inter post-Bologna.
Almeno proviamoci fino all’ultimo!
Ne parlo qui:

https://youtu.be/c48pfOrHJ4k

14 Commenti su Tra buonismo e curiosità

  1. Sai che ti dico? Che visto il testa a testa con il Milan, quasi non mi dispiace che ci sia la possibilità di vincerlo con un sorpasso all’ultimo. Altrimenti amen… ma il gusto doppio di sorpasso e scudetto sarebbe apoteosi!.. e ľ Inter ha tutto per farlo. Temo solo il crollo fisico delle partite ogni tre giorni. Per il resto la qualità paga sempre.

  2. Ho sentito ora il tuo editoriale.
    Beh ovviamente pienamente d’accordo Radu ha la colpa e stop.
    Ma mi fai un favore? Spieghi a tutti questi “Italiotti” che:
    1 – Quel punto perso, visto gli scontri diretti vale tantissimo!
    2 – A chi dice che si poteva segnare prima o vincere altre partite…… ma lo capiscono cosa sia il MOMENTO? Nel calcio ci sono momenti in cui i goal, le rimesse, i passaggi e QUESTI errori pesano il triplo!!!
    Come sempre forza Inter
    Alek England

    • Come noto speso, c’è molta più lucidità all’estero che qui da noi…spiego invano da giorni che al di là di tutti i guai che l’Inter anche per la sua colpa ha attraversato in questa stagione e anche nella stessa gara di Bologna, ci sono momenti e momenti e la follia di Radu rischia di essere quella decisiva…spero di no, ma a oggi pesa il triplo anche sulla psiche della nostra squadra e in positivo su quella rivale…purtroppo il tifoso medio, chiamiamolo così, non attacca il cervello prima di scrivere ma solo le dita e ti mette sullo stesso piano un errore di Handanovic di due mesi fa con quello decisivo di Radu…e se ma non ci fosse stato quell’altro errore…e grazie al cazzo, per usare un inglesismo, ma proprio perché c’è stato man mano che trascorrono i momenti, l’ultimo è ben più letale del precedente, soprattutto se trattasi come nel caso di Radu di una roba intollerabile anche all’oratorio, ma non c’è nulla da fare, non ci arrivano nemmeno se fai loro un disegno!
      GLR
      GLR

      • Sull’intollerabilità “da oratorio” concordo, il prete stesso avrebbe inseguito a tonaca sollevata chi avesse fatto una roba simile. 😉
        Però è costato un pari e non una vittoria da sorpasso (l’avrebbero strozzato), l’Inter sarebbe comunque un punto dietro e non davanti.
        Il rigore sbagliato da Lautaro i 3 minuti di follia erano in scontri DIRETTI: non sono gli ultimi errori, ma contano il triplo… con 7 punti in più si poteva dire “Je m’en fous” (o quasi) anche della vaccata di Radu. Così no…

  3. Sergio Vecchioli // 29 aprile 2022 a 15:12 // Rispondi

    Premetto che sfiancare i titolari con l’inutile coppa Italia , quando lo scudetto della seconda stella è ben più importante, l’errore di Radu è macroscopico, però io mi sento come nell’intervallo di Milan Liverpool 3-0 e noi siamo il Liverpool

  4. ciao GLR, d’accordo con te sul buonismo stupido, Radu ha quasi consegnato lo scudetto al milan, così come Jorginho, con ben due rigori sbagliati contro la Svizzera non ha fatto qualificare l’Italia in Qatar, ma non si può dire.

  5. Andrea Alemani // 29 aprile 2022 a 21:11 // Rispondi

    Quindi se gagliardini segnerà il gol che ci farà vincere lo scudetto, diventerà quello che ci fa vincere lo scudetto?

    • Beh, si…a livello di tabellini e almanacchi sarebbe proprio così a livello statistico, ovviamente…è così difficile da capire che punto a punto passa sempre alla Storia l’ultimo evento, positivo o negativo che sia? Poi, per carità a livello filosofico vale sempre tutto e anche di più, ma io sono un uomo concreto come un tabellino. Di buono c’è che tra migliaia che scrivono sei l’unico a fare una domanda del genere.
      GLR

  6. Calendario Milan con Atalanta è Fiorentina allo sbando, Verona e Sassuolo in vacanza da un paio dì mesi.
    Calendario Inter con Udinese che ne ha appena fatti quattro a Firenze, Cagliari Samp con l’acqua alla gola, Empoli quasi salvo.
    Non mi pare che il nostro sia più facile…..
    Il Milan dal minuto 81 può anche pareggiarne una, prima comunque doveva vincerle tutte…. Grazie a Radu…..

  7. Si, la colpa questa volta è di una persona precisa, Radu. Ora capisco sia Inzaghi che Conte, ecco perché non gioca mai.. Forse era meglio Cordaz.. Comunque, ora che siamo quasi alla fine dico che, senza tre pedine come Eriksen, Hakimi e Lukaku è già un grande risultato, io ad agosto pensavo di lottare per il quarto posto. Certo perdere così fa male ma proviamo fino all ultimo e vinciamo almeno la coppa Italia.. Forza Inter

  8. Alek England // 30 aprile 2022 a 09:29 // Rispondi

    Al di là della libertà di pensarla come si vuole, così come della mia di scegliermi gli interlocutori, pubblico questa riflessione di Alek England che mi trova molto d’accordo su pianginismo e perdonismo, due sentimenti tipicamente italiani.
    GLR

    Provare compassione non esclude l’essere lucidi e dare le giuste responsabilità’ a chi di dovere.
    Ti propongo un nuovo spunto allora, ti do quello che qui chiamiamo “Food for thoughts” .
    Ti intitolo questa riflessione: L’ARTE DEL FARSI MALE DA SOLI
    E si perche’ noi Interisti in questi siamo fantastici!
    Perché’ nel momento in cui e’ evidente il famoso rumore dei nemici, noi cosa facciamo?
    Attacchiamo il nostro!
    Eh si se sbaglia Radu la colpa e’ di Inzaghi, se Lautaro non segna la colpa e’ di Zhang e se Djeko per una partita non prende 8 allora da professore diventa brocco.
    Il “problema” qui a mio modesto parere e’ la facilita’ con la quale la gente vuole arrivare in fretta dal punto A al punto B.
    “Questo e’ il problema” si riduce a “questo e’ il colpevole” che pero’ non e’ il diretto responsabile. Troppo facile semplificare, ma per arrivare a una conclusione bisogna essere lucidi, obbiettivi e un minimo conoscere l’argomento.
    Adesso io dico, in un momento in cui l’aria e’ strana (non mi soffermo nemmeno su media, arbitri, strane sentenze, etc non sono il tipo da scuse), in cui sembra che per qualche strana ragione noi siamo scomodi, ecco allora l’Interista che rincara la dose.
    Se il periodo di Mr Conte ci ha insegnato qualcosa e’ che se diamo in pasto ai media il “nostro” e’ decisamente peggio.
    E’ in questi momenti che voglio sentire il ruggito dei Neroazzurri!
    E’ ora che noi “scendiamo in campo” non con le frasette sui social ma rimanendo compatti difronte alla tempesta.
    Ammettendo che SE perderemo questo scudetto la “colpa” sarà’ il risultato di più errori nell’arco di un intera stagione, con momenti importanti buttati al vento ma anche con momenti importanti in cui eravamo sul pezzo.
    E allora ti dico e’ ora di lasciare l’arte del farsi male agli altri e incominciare a difendere il nostro.
    Oggi gioca il mio Casteddu, puoi solo immaginare che stagione (tra Inter e Casteddu) sto vivendo.

  9. Ciao GL. Questa persona che si chiama Alek England esiste veramente o e’lo PSEUDONIMO DI GIANLUCA ROSSI? Domando perche’ mi trova perfettamente d’accordo.
    Sempre Forza Inter.

    • No no,ci sono tanti, pure troppi, Gianluca Rossi in Italia ne ma lui ha un nome e un cognome che io non ho pubblicato per privacy, una mail e un telefono e lo saluterò appena sarò a Londra, visto che vive là. E non credo saremmo d’accordo su ogni tema, ma su questo punto in senso lato, ossia sull’eterno ridicolo scaricabarile nelle responsabilità, tipicamente italiano, parrebbe di sì!
      GLR

    • Alek England // 1 maggio 2022 a 09:49 // Rispondi

      Caro Giorgio esisto eccome. E come dice GLR non saremo d’accordo su tutto ma su questo e altri punti si. E il motivo per cui seguo le discussioni e argomenti di GLR e’ semplice: e’ un giornalista. Amo discutere con tranquillità’ di argomenti e passioni comuni e ho trovato un degno interlocutore in Gianluca. E come sempre forza INTER!

Rispondi a Sergio Vecchioli Annulla risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili