Preview di giornata con Paolo Bonolis

Video-editoriale del 15.5.2022
Prima Milan-Atalanta, poi Cagliari-Inter. Ai rossoneri basta un punto più dei nerazzurri. 
La ‘mission’ dell’Inter è allungare questo Campionato fino all’ultimo respiro.
Con Paolo Bonolis per scoprire se davvero basta credere ai miracoli perché accadano!
Ne parlo qui:

https://www.youtube.com/watch?v=B1uGTEe2bK0

6 Commenti su Preview di giornata con Paolo Bonolis

  1. Bastano gli stessi punti purtroppo. Grazie (si fa per dire) a Radu. E a Terracciano. E al gol di Tonali a Roma in pieno recupero. E ai due derby regalati…
    Un po’ troppa “mercanzìa” per bilanciare quel Milan-Spezia che giustamente ha mandato in bestia il mondo rossonero. Per una regola assurda (scontri diretti) tre minuti di follia hanno deciso un campionato (buttato dell’Inter). Non spero nell’orgoglio del Sassuolo, che pure ha rotto le uova nel paniere a tanti, Inter in primis. Ormai è fatta.

    • Incredibile come ci sia ancora qualcuno che persevera nell’istituire paralleli con altre mille papere o giocate maldestre di altri portieri, come quella di Terracciano. Non si riesce proprio a capire che lisciare un pallone in quel modo come ha,fatto Radu non è concepibile e paragonabile a null’altro. In Serie A !!!
      GLR

      • Ah certo, se perderemo lo scudetto sarà da imputare al 90% a quello scriteriato di Radu che ha regalato un punto.
        Le altri sprechi come i rigori falliti da Dimarco o da Lautaro, i derby, i 7 punti in 7 partite con la sconfitta casalinga col Sassuolo, che per ironia della sorte sarà arbitro del nostro destino, non sono altrettanto importanti…
        Per la serie: contano sempre di + gli ultimi risultati negativi come se un campionato non fosse una somma di punti acquisiti nell’arco di 38 giornate.

        • La libertà è bella perché ognuno può dire quello che vuole e io posso scegliere con chi discutere.
          Tu hai la tua versione, io ho la mia nella massima libertà visto che per me è sempre l’ultimo episodio, quello iconico, quello che conta…Tu vai pure su Inzaghi, Marotta, Pippo Olimpionico, la costruzione dal basso, i gol mancati, i cambi, il calendario sfalsato, i treni in ritardo, la Marina Americana, le analisi sociologiche sulla forza di gravità degli ascensori, ecc.
          Io sono un uomo semplice e pratico: se Radu a Bologna non se la butta dentro, probabilmente lo vinciamo di un punto. Saluti!

          • D’accordo al 100% sulla libertà di pensiero, ci mancherebbe non fosse così!
            Ma reputandoti una persona coerente e sensata non capisco come tu dia più peso a quest’ultimo episodio, in genere tu critichi sempre chi cita l’ultimo errore, piuttosto che fare un’analisi globale di dove e come si stia gettando al vento uno scudetto che poteva essere molto probabile senza aspettare i favori che peraltro non ci sono stati delle avversarie del Milan nelle ultime 6 giornate. Tutto qui, con la massima stima

            • E che palle, ragazzi…Ma è così importante quello che penso io? Io la vedo così in una stagione tirata come questa e in caso di arrivo a pari punti, lo ripeto per l’ennesima volta: senza il suicidio di Radu, che non è una papera normale, ma qualcosa che non ho mai visto in vita mia in un momento tanto delicato, l’Inter sarebbe ancora Campione. Ma voi potete tranquillamente prendervela con altri, a cominciare dall’allenatore, l’unico che non gioca, secondo il tradizionale trogloditico costume italico
              GLR

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili