Il Giorno – Bar dello Sport 278

Pubblicato su Il Giorno, venerdì 4 marzo 2022

Altro che un calcio alla crisi Inter: qui sono calcioni!
La crisi Inter da ricorrente mal di gol è diventata strutturale ed è il tema caldo del Bar dello Sport. Con un sorriso d’altri tempi, il carrozziere juventino Ignazio, dopo aver ipotecato la finale di Coppa Italia beffando la Fiorentina all’ultimo minuto, è incontenibile: “Siamo tornati – afferma convinto – fatevi due conti e capirete che lo Scudetto tornerà bianconero!”
In realtà, facendo davvero due conti, si scopre che ad oggi, se il calendario fosse allineato con lo stesso numero di partite per tutti, la Juventus potrebbe aver davanti anche l’Atalanta, come prova vanamente a dimostrare l’impiegato delle poste romanista Tiberio che, dopo aver dato i numeri sulla Roma, si dedica solo a quelli del campionato. Il dramma è che il carrozziere Ignazio non sa neppure le tabelline e l’unico concetto matematico ad aver compreso in vita sua resta il 3×2 al supermercato.  
Il timore comunque di perdere uno Scudetto che si bullava di aver già vinto a Natale è palpabile nell’animo in tempesta dell’assicuratore interista Walter che mena fendenti a raffica all’indirizzo dell’idraulico partenopeo Gennaro e del tassista milanista Gianni, col quale ha mancato pure la vendetta nel primo Derby di semifinale Coppa Italia. Il napoletano e il milanista, nella speranza che la crisi dell’Inter prosegua fino a maggio, restano prudentemente in cesta in attesa del big-match al Diego Armando Maradona di domenica sera. Ma sulla crisi nerazzurra interviene anche l’incartapecorito pensionato Ambrogio per spiegare che i guai ci mettono un attimo ad arrivare e una vita ad andarsene: “Ormai corro più io che ho passato da tempo i novanta di quelli dell’Inter – osserva – e quando finisce la benzina vai a piedi, perché nel calcio l’autostop c’è solo in classifica!”    

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili