Derby: le mie pagellacce

Video-editoriale del 6.2.22
Pagellacce inevitabili per l’Inter nel Derby. Il voto più basso all’allenatore che non gioca ma ha purtroppo inciso in negativo. Tante partite #SimoneInzaghi le ha vinte azzeccando i cambi, non questa. Capita…
Ne parlo qui:

https://youtu.be/Xpk_OvYIr-w

11 Commenti su Derby: le mie pagellacce

  1. Antonio Rossi // 6 febbraio 2022 a 18:07 // Rispondi

    Ciao Gianluca, le pagelle sono aderenti alla realtà. I migliori sono due dei sostituti prima del loro pareggio. Conseguentemente corretta l’insufficienza a Inzaghi. Io avrei dato anche mezzo voto in più a Perisic, anche per lo splendido assist a Dumfries purtroppo vanificato dal fuorigioco

  2. dumpries, gol fallito a parte,in costante progresso,dimarco in costante regresso,se devo pensare a cambi penso a darmian,d’ambrosio e gagliardini non certo a vidal ,dimarco e vecino.

  3. Massimiliano // 6 febbraio 2022 a 19:54 // Rispondi

    Sei a Dzeko? Forse mi sono perso qualcosa.

    • Probabilmente la partita ed è strano, visto che la TV è un elettrodomestico ormai alla portata di chiunque. In ogni azione create dall’Inter fino all’ora di gioco c’è Edin Dzeko, poi ovviamente calato anche per ragioni anagrafiche. Se uno non capisce che è mancato molto di più Lautaro non solo alla conclusione ma anche al gioco della squadra, forse deve rivedersi la partita e capirla meglio.
      GLR

  4. Massimiliano // 6 febbraio 2022 a 22:13 // Rispondi

    No io la partita l’ho vista benissimo ero anche allo stadio Dzeko ha classe da vendere ma se gioca 20 metri più indietro e fa il regista, non serve. Accetti anche il fatto che qualcuno possa avere idee diverse dalle sue, soprattutto se lo si fa in maniera educata.

    • Il fatto che pubblichi Il suo messaggio visibile da migliaia di persone significa che accetto assolutamente le opinioni diverse. Meno chi ha la memoria corta, visto che siamo tra le migliori sedici squadre d’Europa proprio grazie al Dzekoeco. E sottolineo che quello che si deve svegliare più che Dzeko è Lautaro,anche per età
      GLR

  5. È difficile valutare serenamente le prestazioni dei giocatori dopo un epilogo così inatteso e distante dall’andamento generale della partita, in cui ci potrebbe essere stata semplicemente molta casualità. Se è così, come mi auguro, lo sapremo presto, entro dieci giorni.
    Però anch’io, come altri lettori, mi sarei aspettato cambi diversi, es. Gagliardini e D’Ambrosio.
    I nostri destini sono affidati molto alla tenuta per i prossimi tre mesi dei tre centrocampisti titolari e di Dzeko, ottimo finora.

  6. ALESSIO CERIANI // 7 febbraio 2022 a 10:26 // Rispondi

    Bisogna essere sempre obiettivi sia quando si vince e sia quando si perde.
    è indubbio che il ns attacco spesso non sia cinico e non è un caso che a rotazione abbia segnato quasi tutta la squadra. Se siamo una grande squadra e si vuole continuare un ciclo vincente bisogna lavorare e zero parole. iniziamo a vincere martedì e poi sabato in campionato x rimettere tutti in fila. Lo sa Marotta che i Vidal, vecino, sanchez etc dovranno essere sostituiti prox stagione ma ora serve concentrazione.

  7. ciao GLR.ti do una statistica interessante calcolata dal campionato scorso fino a quello del 2003-2004: chi ha vinto lo scudetto,negli scontri diretti,ha fatto almeno il 50% dei punti con le dirette avversarie che si sono classificate alla fine tra il 2° e 5° posto. Nel 2009-2010(!!) l’inter ha racimolato 12 punti su 24 (incredibilmente la peggiore performance secondo questa statistica). Ciò significa che x avere chance di vincere quest’anno deve battere sia il Napoli che la Juve. Speriamo W l’inter

    • Le statistiche sono fatte per essere smentite… Sei fai più punti compessivi di qui alla fine vinci tu, è molto semplice al di là degli scontri diretti
      GLR

  8. I cugini di campagna non hanno capito che gli abbiamo regalato 3 punti per qualificarsi alla prossima UCL. Lasciamoli parlare!

Rispondi a Antonio Rossi Annulla risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili