Non solo 5 maggio

Videoeditoriale del 5 maggio 2020

5 Commenti su Non solo 5 maggio

  1. Diego Raimondi // 6 maggio 2020 a 07:51 // Rispondi

    Gianluca, anch’io come te ho simpatia per i Granata che già dal nome sono la VERA squadra di Torino. Sarei felice se riuscissero meglio a rifilare qualche dispettuccio in più ai loro “simpatici” concittadini e qualcuno in meno a noi, come capitato abbastanza frequentemente. Anch’io ho ricevuto sfottò dagli amici bianconeri x il 5 maggio 2002, sono ossessionati, e come te ho risposto sottolineando le loro figuracce in Champion. In più gli ho mandato la “figu” di Vratislav Gresko..

  2. Ad ognuno il suo 5 maggio. Io quel giorno nel 1963 perdendo a Roma 3-0 ho vinto il mio primo scudetto. In campo Buffon Burgnich Facchetti Tagnin Guarnieri Picchi Jair Mazzola Di Giacomo Suarez Corso. Allenatore Helenio Herrera Presidente Angelo Moratti. Da sempre lo ricordo a tutti gli interisti quando parlano del nefasto 5 maggio. Bisogna ricordare le cose belle, le altre… Amala…

  3. Ciao GL. Pelle d’oca vedendo il tuo video sul Torino.
    Incominciando si spera anche un po’ a sorridere, potresti fare un servizio uguale intervistando tante persone su quanti PIPPONI di giocatori si ricordano i tifosi interisti. Sai che ricordi da cancellare. Inoltre tanti ricordano il TRIPLETE, ma pochi si ricordano la MANITA (5 TROFEI VINTI NELL’ANNO SOLARE). Ulcera vera per gli JUVENTINI.
    Sempre Forza Inter

  4. GLR un bell’omaggio all’unica squadra di Torino il TORO, squadra senza macchie a differenza di altre… e aver avuto in squadra il figlio del capitano di quella grande squadra beh una cosa “speciale”… ciao Davide

  5. Bellissimo il video sul Toro , ho visto più volte il film con Beppe Fiorello e mi commuove sempre . E’ una squadra molto sfortunata , nella sua storia avrebbe meritato di più , a quanto ne so oltre a Superga ci fu la morte di Meroni , un fallimento , una coppa Uefa persa contro l’Ajax con due pareggi , due scudetti persi con la Juve per errori arbitrali e forse dimentico altro .

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili