Il Milan non molla, l’Inter insegue

Video-editoriale del 6.12.2020
Il Milan non molla e l’Inter insegue. A breve il calendario resta favorevole ai rossoneri, ma da noi più che sulla classifica ci si confronta su Eriksen, diventato suo malgrado l’arma ‘atomica’ dei #ConteOut.

6 Commenti su Il Milan non molla, l’Inter insegue

  1. Ciao Gianluca,il problema è che il livello del campionato italiano è sempre più basso, il che significa che c’è poco da far affidamento sulle altre per fermare il Milan. Il loro merito è di aver vinto gli scontri diretti, quindi è giusto che stiano in vetta. Questo è il campionato giusto per noi, invece rischiamo di consegnarlo al Milan. Spero di sbagliarmi, ma assomiglia molto all’anno dello scudetto di Zac.

  2. gabriele valentini // 7 dicembre 2020 a 12:47 // Rispondi

    Hai ragione ma credo dispiaccia che, per motivi vari, bravi giocatori (anche il ninja) siano al margine di un bel progetto tecnico.
    Non so se tu sia d’accordo ma ritengo l’Inter, e i suoi tifosi, un club mistico come pochi altri.. SanLorenzo, Racing, Liverpool, Aston Villa, Atletico.
    Ho vissuto molto in Argentina e Colombia e siamo considerati unici per questo DNA che Conte credo rappresenti, nonostante il passato, che spero non perderemo mai.

  3. Il Milan di oggi è la dimostrazione che non servono solo campioni. Mi pare che a parte Ibra il resto siano giocatori normali e non fuoriclasse. Quindi il lavoro, impegno e pressing hanno fatto crescere questa squadra. Nessuno sa se continuerà così, ma di certo ci tenteranno. In questo avvio di stagione non ci sono state polemiche uscite da Milanello al contrario ns che spesso escono voci che disturbano l’ambiente. Ora a noi ci rimane una sola cosa: vincerle tutte x recuperare e rimanere Top

  4. Ponente nerazzurro // 7 dicembre 2020 a 15:02 // Rispondi

    Complimenti a Pioli, certo. Non si ottiene una serie di vittorie così per caso. Ciò detto, 8 rigori a favore in 10 partite ti sembrano una cosa normale? Ricordo che la Roma ne ha avuti 4 (e 2 contro), la Juve 2 ( 2 contro), la Lazio 2 (1 contro), Inter e Atalanta 1 a testa (ed entrambe 2 contro). Io non credo ai complotti, però sentire i milanisti che cominciano a citare un vecchio refrain bianconero (ci danno tanti rigori perchè stiamo tanto in area avversaria) francamente mi fa sorridere.

  5. Non capisco tutte queste aspettative sul danese e chi ancora lo vorrebbe tenere; è stato scaricato dal Tottenham senza che nessun club all’infuori dell’Inter si sia interessato a lui: ciò non doveva alimentare qualche dubbio sul suo reale valore?
    In quanto al primato del Milan, per ora si tratta di qualcosa di molto anomalo: 3 quarti della squadra fino a pochi mesi fa era crocefissa dai propri tifosi ed ora sono diventati dei fenomeni? Se alla fine terrà sarà un’umiliazione per tutte le favorite.

    • Tre quarti di tifosi, come fosse una categoria affidabile per parlare seriamente di calcio o avessero la pazienza di aspettare chiunque…
      GLR

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili