Il giorno del Triplete

Videoeditoriale del 22 maggio 2020

18 Commenti su Il giorno del Triplete

  1. Raffaele B. // 22 maggio 2020 a 19:59 // Rispondi

    Un video che trasuda passione, onestà e giornalismo vero. Ciò detto senza né adulazione né ironia. Ricordo bene quel 2010, e quanto appassionante era seguire il percorso in Champions del Biscione; ricordo a tarda sera i miei viaggi di rientro dal lavoro e la radiocronaca degli ottavi e dei quarti, l’adrenalina che saliva. Ricordo ovviamente la finale, apice memorabile di un’ascesa senza pari. Si perché anche se non voglio e non volevo avere colori calcistici, quella sera vi ho amati e ammirati.

  2. Gianluca.
    Già 10 anni, incredibile, ed emozionante come allora. Sembra sia successo ieri. Peccato che poi dal 2011 in poi la bacheca nerazzurra sia rimasta chiusa, senza aggiungere altri trofei. E’ stato bello rivedere oggi tutti i gol di quella stagione, ma adesso dobbiamo ricominciare a vincere. Come ha fatto il Mou, come prima del Mago di Setubal poteva fare Gigi Simoni, che da interista vero ci ha lasciato nel giorno a noi più caro. Un pensiero a Gigi e sempre forza Inter.

  3. Sono del ’74, e seguo l’Inter da parecchio.
    La mia personale ed insindacabile classifica degli allenatori migliori vede:
    1) Mou
    2) il primo Mancio
    3) Spalletti
    4) Simoni.
    Quella degli allenatori a cui resto più affezionato invece vede il grande Gigi arrivare quasi a pavimento.cpn il Vate da Setubal.
    Onore ad un gran signore, ad un “eroe borghese” passato alla storia per la coppa Uefa di Parigi e per il furto subito da Juliano e la sua banda bassotti.
    RIP grande Gigi, per sempre nerazzurro.

  4. Caro Gluca, grazie x il tuo video. Riesci sempre a farmi innamorare di più dei ns colori nerazzurri. Un grande GRAZIE a Gigi Simoni, persona perbene che ha contribuito a far crescere la ns gloriosa società…. buon viaggio Mister,,,, hai voluto andartene in un giorno speciale per noi interisti (22 maggio).

  5. Grazie per il video sulla “notte magica” del Bernabeu per le sincere parole su un Signore che ci ha lasciato… Lasciare questa terra nel giorno di celebrazione dell’apogeo della nostra Storia è un segno del destino..Forza Inter e grazie!

  6. Diego Raimondi // 23 maggio 2020 a 09:11 // Rispondi

    Noi Interisti siamo gli ultimi ad aver portato in Italia la Champion e credo che lo resteremo ancora per molto…Godiamoci questo anniversario della vittoria in uno stadio prestigioso come il Bernabeu, con i gol del mio omonimo “el Principe” Milito. Un filo di invidia x chi come te l’ha vissuta in loco. Difendiamo Lautaro ma lui cosa vuole, se non è convinto di restare. Mi associo al ricordo di Gigi Simoni, Allenatore Gentiluomo. Un saluto!

  7. Massimiliano // 23 maggio 2020 a 09:57 // Rispondi

    Quando paragonano questa Inter a quella li mi viene da ridere. Siamo partiti anche quest’anno con Vecino, Valero e Gagliardini nel punto nevralgico del campo e parlavano di scudetto, tu no. Mi spieghi perché con i playoff (che io adoro) se l’Inter potenzialmente a -6 può vincere lo scudetto è un furto ma se il Napoli a – 15 o 18 ha la possibilità di prendergli il posto in CL è giusto? faccio fatica a capire. Ciao.

  8. Ciao GL. Che dire. Gia’ la parola TRIPLETE per molti NON TIFOSI INTERISTI significa mal di testa lancinante con successive ossessioni compulsive che si svilupperanno per anni (gli juventini ancora ne soffrono), poi questo era solo, per cosi’ dire la terza portata del pranzo in attesa del dolce (Supercoppa italiana) e del caffe’ molto gustoso (Mondiale per Club) conquistando 5 trofei su 6. Sempre Forza Inter

  9. Sono molto combattuto dai ricordi che hai sollevato. Certo la coppa il triplete vissuto goduto è dentro di me e nessuno potrà portarmelo via. Ma allo stesso modo sento mio gli anni vissuti con Gigi un uomo che considero un amico che non ha potuto dare tutto quello che aveva per l Inter. Ecco qualcuno fa classifiche sugli allenatori nostri e sarà per affetto ma Gigi sta una spanna sopra gli altri proprio per quello che hai detto mettere l Inter davanti alle meschinerie personali. Amarlo e Amala…

  10. Ciao GL. Grande allenatore e uomo per bene Simoni. Non gli hanno dato occasione di vincere quello scudetto che meritava ( si sa poi cosa successe)ma si e’ rifatto con la Coppa Uefa. Inoltre ( se me lo consenti ) ricordare Ferretti che con Provenzali, Ciotti, Ameri formava ( per noi di quella generazione ) il gruppo di radiocronisti dove si si restava attaccati alla radio sentendo ” TUTTO IL CALCIO MINUTO PER MINUTO “. R.I.P.

  11. Il triplete lo ricordo tutto, ogni dettaglio. Dal miracoli con la Dynamo Kiev e col Barca a Milano al ritorno col Barca (fine partita avevo il fiatone) fino alla finale vissuta in una festa straordinaria durata una notte tra Duomo e San Siro dove avevamo aspettato la squadra. E ancora..Il saluto ai calciatori usciti dallo stadio e la corsa in edicola per la gazzetta-reliquia che ancora oggi custodisco in una teca di cristallo ad atmosfera controllata. Una delle più belle esperienze mai vissute.

  12. Gianluca, nel tuo video, parli dell’esonero di Simoni, forzato o comunque chiesto da Ronaldo.
    Però Beppe Bergomi e Pagliuca parlano di un incontro a casa Moratti nel quale loro due, Ronaldo e qualche altro giocatore difesero Gigi Simoni chiedendone la conferma. Dai video dei successivi incontri tra Simoni e Ronaldo non c’era traccia di risentimento per la “cacciata” del tecnico, ed allora mi viene il dubbio che la sostituzione sia opera solo del Presidente. Cosa ne pensi?
    Ciao e grazie.

    • Balle… a quei tempi il calcio di Simoni veniva visto come un calcio povero, lo disse lui stesso, e nessun giocatore fece abbastanza per far cambiare idea a Moratti… tutti a pensare che il suo calcio non fosse abbastanza europeo …
      GLR

  13. Memorabilia!

  14. Io ero al Meazza all’alba quando la squadra entrò con la coppa , indimenticabile ! Mi dispiace tanto per il grande Simoni , insieme a Mourinho è l’allenatore dell’Inter a cui voglio più bene come persona .

Rispondi a Giorgio Annulla risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili