Il Giorno – Bar dello Sport 199

Pubblicato su Il Giorno, venerdì 22 novembre 2019

Che barba, che noia! Ibrahimovic al Milan è un vero tormentone
Dice un proverbio molto in voga al Bar dello Sport “sosta di campionato, colpi di mercato”. Non si sa chi tra i nostri ubriaconi abbia tirato fuori per primo questo adagio, ma l’assicuratore interista Walter ogni volta lo usa per sghignazzare sui sogni di mercato altrui, in particolare su quello, ricorrente da almeno otto sessioni di mercato, del tassista milanista Gianni sul ritorno di Ibrahimovic in rossonero. Ad ogni pausa per le Nazionali, il Walter anticipa tutti sul tema con un suo vecchio cavallo di battaglia: “Nel mondo reale Ibra ha giocato 3 anni all’Inter vincendo 3 Scudetti e due al Milan vincendo uno scudetto – pontifica – e nel mondo dei tribunali ha fatto due anni alla Juve senza scudetti!” E’ la chiosa del ‘mantra’ a mandare puntualmente in bestia il carrozziere juventino Ignazio che, da consumato ‘fuorilegge’ dell’Albo d’Oro Ufficiale, di solito parte a enumerare scudetti e stelle a casaccio, provocando le solite urla belluine, al punto che la Mariuccia, la moglie del barman Pinuccio, è costretta a intervenire brandendo la scopa e minacciando di buttare fuori tutti quanti dal localaccio. D’altronde l’eterno ritorno di Ibrahimovic in Italia non può che ispirare i soliti commenti, come quello dell’impiegato delle poste romanista Tiberio: “Ogni volta che al Milan sono in crisi tirano fuori il tormentone Ibra – sghignazza – tanto qualche credulone lo trovano sempre!”
L’idraulico napoletano Gennaro sul tema è invece malinconico: “Sarebbe bello però rivedere Ibra in Italia” – sospira, scoperchiando la nostalgia canaglia dell’anzianissimo pensionato Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport, che in un attimo è già sulla macchina del tempo: “Perché Rivera e Mazzola, Sivori e Corso non sarebbe bello rivederli? – quasi singhiozza – “Ma che se sapete voi? Il calcio vero mica l’avete mai visto!”

 

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili