Il Giorno – Bar dello Sport 174

Pubblicato su Il Giorno, sabato 1 giugno 2019
Conte all’Inter scatena la rissa
Aria di tempesta al Bar dello Sport. L’annuncio di Antonio Conte allenatore dell’Inter era nell’aria da tempo, ma ora che è ufficiale, apriti cielo! La tensione si taglia a fette e l’idraulico partenopeo Gennaro si toglie subito dalla tenzone: “Il mio Napoli è l’unica squadra di alto livello che non ha cambiato allenatore – si vanta – voi siete tutti nevrotici come le vostre squadre!”
Discorso di buon senso e dunque completamente inutile in un ambiente rissoso come questo, dove l’impiegato delle poste romanista Tiberio e il tassista milanista Gianni si compiangono a vicenda: “Intanto a noi toccano gli allenatori scartati dagli altri…” – sospirano con un velo di tristezza. Ma il match di cartello su Antonio Conte si gioca naturalmente tra il carrozziere juventino Ignazio e l’assicuratore interista Walter, che dovrebbero vergognarsi entrambi per la camaleontica capacità di cambiare idee e posizioni a seconda del momento e della convenienza. Così per lo juventino Ignazio, l’allenatore Conte ora è diventato il peggior nemico di sempre, anche se con la Juve ha vinto 3 Scudetti: “E’ un traditore e la Stella che celebra quel rinnegato nel nostro Stadio va tolta subito!” –  farnetica. E l’interista Walter, che fino a ieri su Conte aveva vomitato di tutto, fa ancora più ribrezzo: “Oltre alla Stella, magari togliete pure gli Scudetti che ha vinto con voi – provoca – era ora che Antonio trovasse la retta via!”
E davanti a cotanta vergogna, il pensionato Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport, non può che calare il sipario con la più inappellabile delle sue sentenze: “Voi siete proprio duri di comprendonio! Loro sono professionisti e lavorano per chi li paga, con buona pace di voi dilettanti che tifate gratis!”

1 Commento su Il Giorno – Bar dello Sport 174

  1. sante, sante parole (quelle dell’Ambrogio)…

Rispondi a Fabio Annulla risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili