Il Giorno – Bar dello Sport 169

Pubblicato su Il Giorno, sabato 27 aprile 2019

Gli allenatori? Via tutti…
Al Bar dello Sport, inarrivabile fucina di ignoranza pallonara, è una delle peggiori settimane di sempre. Tutti gli avventori, dopo gli ultimi risultati delle loro squadre, si sono allineati come pianeti sull’orbita tipicamente italiota del ‘via l’allenatore’. Via tutti, in ordine di classifica, Allegri, Ancelotti, Spalletti, Gattuso e Ranieri, anche se l’impiegato delle poste romanista Tiberio ora se la tira perché con l’esonero di Di Francesco aveva anticipato tutti e del successore Ranieri nemmeno considera la conferma. Il più scatenato, dopo l’avvilente eliminazione in Coppa Italia con la Lazio, è naturalmente il tassista milanista Gianni che qui una volta si professava l’unico vero paladino della continuità tecnica, facendo scompisciare dalle risa tutti gli altri: “Lasciare Gattuso fino alla fine vuol dire non andare in Champions League – tuona –  Mano ai telefoni e chiamino subito chiunque al suo posto!” Malgrado l’imminente Derby d’Italia, anche gli acerrimi rivali di sempre, l’assicuratore interista Walter e il carrozziere juventino Ignazio convengono sulla necessità di cacciare i propri allenatori. L’interista spara a zero su Spalletti che, anche se dovesse raggiungere l’obiettivo Champions, va cambiato in ogni caso, mentre lo juventino Ignazio, pur non avendo ancora recuperato l’uso della parola dopo la prematura eliminazione della Juventus dalla Champions League, si esprime con gesti inequivocabili su Allegri. L’impeto tifoide ha contagiato anche l’idraulico napoletano Gennaro: “Il bollito Ancelotti è venuto a Napoli solo perché si mangia bene e manco riesce più ad alzarsi dalla panchina – commenta irrispettoso.
Insomma non ce n’è uno che vada bene ai nostri perdigiorno, al punto che l’Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport, lancia la proposta: “Ci vuole il tecnico a gettone – spiega – resta finché vince le partite, poi avanti un altro!”

 

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili