Il Giorno – Bar dello Sport 165

Pubblicato su Il Giorno, sabato 30 marzo 2019

Ora Kean è come Donnarumma?
La sosta di Campionato per la Nazionale, con l’Europeo ancora così lontano, annoia da sempre i nostri sfaccendati al Bar dello Sport che, a corto di argomenti, finiscono sempre per scornarsi sul mercato. Così il giovane virgulto juventino Moise Kean, dopo i gol in Nazionale a Finlandia e Liechtenstein, in scadenza di contratto e rappresentato da Mino Raiola, ora viene accostato a Donnarumma, che due estati fa fece impazzire il Milan con lo spettro di andarsene alla Juve. La provocazione è del tassista milanista Gianni, che il caso di quell’estate se l’è legato al dito: “La Juve fece fuoco e fiamme su Donnarumma – attacca frontale il carrozziere juventino Ignazio – e ora dobbiamo rendervi pan per focaccia, usando Raiola per creare un caso Kean alla Juve!”
Sorpreso dall’aggressione che non proprio non si aspettava, l’Ignazio reagisce d’istinto: “Tu sei ancora sbalestrato dalle tre pere nel Derby – sghignazza – nessun campione lascerebbe la Juve per squadrette come il Milan. A voi e all’Inter rifiliamo solo pacchi!”
Ma l’assicuratore interista Walter non ci sta: “Intanto quel lavativo di Icardi, se lo volete, lo pagate a peso d’oro” – interviene seccato.
L’impiegato delle poste romanista Tiberio suggerisce però prudenza ai milanesi: “Dopo i precedenti Bonucci, Caldara, Higuain e un po’ pure Asamoah all’Inter, fossi in voi non tratterei più con la Juve! Avete solo da perderci, il Milan soprattutto!”
L’idraulico napoletano Gennaro invece non vede l’ora che riprenda l’Europa League per avere almeno un traguardo concreto da inseguire, mentre l’anzianissimo pensionato Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport prende atto che qui la Nazionale è solo il pretesto per scannarsi come al solito: “Non solo non si è fatta l’Italia – sospira – ma nemmeno gli italiani!”

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili