Il Giorno – Bar dello Sport 134

Pubblicato su Il Giorno, domenica 29 luglio 2018

Milan: Leo che va, Leo che torna
Al Bar dello Sport c’è ancora posta per il pacifico tassista milanista Gianni che con il subentro di Elliott a Yonghong Li nella proprietà rossonera sperava in qualche giorno di tranquillità, senza i terribili sfottò dei rivali. E invece per un Leonardo che arriva, l’ex giocatore, allenatore e dirigente rossonero, con una discussa parentesi pure come tecnico dell’Inter, un altro Leonardo, Bonucci, non vede l’ora di abbandonare la barca rossonera che naviga in acque ancora agitate per tornare nel porto sicuro della Juventus, lasciato solo un anno fa.
E questa retromarcia di Bonucci non va giù né al tassista milanista Gianni né al carrozziere juventino Ignazio, che non ha dimenticato il tradimento dell’estate scorsa.
Insomma, né uno né l’altro vogliono più Leonardo Bonucci nelle loro squadre.
L’assicuratore interista Walter naturalmente interviene subito: “Prima di salutare la Juve per il Milan – semina zizzania – Bonucci si era offerto all’Inter, ma noi avevamo capito al volo con chi avevamo a che fare e l’abbiamo rimbalzato!”
“La verità è che non c’è più rispetto per noi tifosi – tuona l’impiegato delle poste romanista Tiberio – guardate cosa ha combinato con noi quel Malcom che, con le visite mediche già fissate, manco è salito sull’aereo per Roma!”
L’idraulico partenopeo Gennaro apre allora il suo libro nero: “E lo dite a me? – domanda – da Napoli Higuain ha avuto tutto e ci ha abbandonato per la Juve, dove adesso non vedono l’ora di toglierselo dai piedi. Ben gli sta!”
Chiusura di rito delll’anzianissimo pensionato Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport: “Voglio vedere però se il Leonardo dirigente al Milan ci resta più a lungo del Leonardo giocatore – riflette – visto che nemmeno lui mi pare brilli per fedeltà!”

 

4 Commenti su Il Giorno – Bar dello Sport 134

  1. Fantastica rubrica, non so se hai presente il film di Pippo Franco anni 80 dove suo papà é romanista e il suocero é laziale. Beh, Bonucci me lo vedo in quel film che cambia casacca in poco tempo. Ciao.

  2. Ciao Gian Luca, io mi sento un po’ come il carrozziere Ignazio, sarà perchè nella vita mi piace la coerenza è sarà perchè non mi piacciono gli atteggiamenti arroganti e mi riferisco in particolare alla mimica dello “sciacquatevi la bocca” messa in scena da Bonucci durante l’ultimo Juventus-Milan di fronte ad una curva che per sette lunghi anni lo ha osannato. Che ne pensi?
    Sono dispiaciuto di non averti potuto conoscere di persona a Sestri Levante qualche giorno fa. Buona vacanza negli States !

    • Penso che di calciatori con un’anima per come la immaginano i tifosi siano sempre più rari se non estinti. Non mi sorprende più nulla. Mi sorprende solo chi crede ancora che giochino per la squadra, qualunque squadra, prima che per se stessi.
      Grazie e ciao.
      GLR

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili