Il Giorno – Bar dello Sport 115

Pubblicato su Il Giorno, venerdì 23 marzo 2018

Stracittadina ‘avvelenata’
Pausa di Campionato dedicata alle Nazionali e quindi di noia mortale al Bar dello Sport, tanto più che gli azzurri il Mondiale di Russia 2018 lo vedranno in poltrona, proprio come i nostri incorreggibili ubriaconi.
Anche qui si discute animatamente sulla data scelta per il derby di Milano, rinviato per la scomparsa di Davide Astori.
Il Milan, per una presunta questione etica verso i suoi tifosi, avrebbe voluto giocare in un giorno festivo, il 25 aprile o il 1 maggio, mentre l’Inter, col Regolamento dalla sua parte, ha colto al volo la prima data utile dopo l’eliminazione del Milan dall’Europa League. Così il derby si gioca mercoledì 4 aprile alle 18.30.
In realtà nella baruffa tra i due club non vi è proprio nulla di etico, come rimarca con la consueta arroganza il carrozziere juventino Ignazio: “Inter e Milan se la fanno sotto perché di mezzo c’è la gara con la Juve”- accusa.
E al di là dei modi sempre un po’ rudi, l’Ignazio ha colto nel segno perché il calendario ha messo la Juve sul groppone al Milan il 4 aprile e all’Inter nei festivi successivi. Cosi l’assicuratore interista Walter e il tassista milanista Gianni masticano amaro e ribattono al rivale solo con un minaccioso “a breve ci penserà il Real a punirti come meriti!”
La decisione poi del Milan di sostituire con un voucher il rimborso del biglietto a chi non potrà assistere al derby si presta ad altre ironie da parte dell’idraulico napoletano Gennaro e dell’impiegato delle Poste romanista Tiberio: “I cinesi del Milan non hanno i soldi manco per i rimborsi” – ridacchiano.
Chiude l’anzianissimo pensionato Ambrogio: “I tifosi contano meno di niente nel calcio di oggi – accusa – ed è una vergogna!”
E su questo, tutti annuiscono e, ovviamente, bevono!

6 Commenti su Il Giorno – Bar dello Sport 115

  1. asperti maria grazia // 23 marzo 2018 a 12:08 // Rispondi

    GianLuca ironico e obiettivo come sempre ! è un piacere seguirti a Telelombardia, tre metri sopra tutti gli altri non faccio nomi perche potrei essere offensiva)

    • Grazie, ma non è il caso…ognuno ha il suo pubblico, anche solo per farlo arrabbiare, nel nostro show quotidiano.
      GLR

  2. bella rubrica come al solito, dove l’ironia è sottile e mai sopra le righe….. Sto ancora cercando di capire se ti “nascondi” (moralmente, non come età ovviamente) nei panni dell’Ambrogio!

  3. Caro Rossi purtroppo i tifosi non contano più niente le televisioni hanno surclassato le voci dei tifosi che si sgolavo urlando e inneggiando la propria Squadra. Il Dio denaro come tu sai comanda. Ma il bello che i prezzi continuano a lievitare. Naturalmente io avrei rimborsato coloro che purtroppo quel triste giorno non hanno potuto assistere a un grande evento calcistico per Milano. Un saluto neroazzurro sperando in giorni sportivi migliori

    • Più facile che l’Inter rimborsi i 3.000 suoi tifosi che il Milan i suoi 30.000 paganti, questo mi pare ovvio e a parti invertite sono convinto che sarebbe stato lo stesso. Immaginando un costo medio di 50 euro a biglietto, e sto basso, fai il conto di quanti soldi bisogna tirar fuori per rimborsali tutti. Non ci vuole un genio per capire che un conto è tirar fuori 150.000 euro un altro 1.500.000 di euro!
      GLR

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili