Il Giorno – Bar dello Sport 90

Pubblicato su Il Giorno, sabato 30 settembre 2017

Ora c’è il tiro al Montella
Il Bar dello Sport, infimo covo di tifosi oltranzisti, ha già fatto la prima vittima: l’allenatore del Milan Vincenzo Montella è il ‘dead man walking’ del momento e il carrozziere juventino Ignazio si offre di accompagnarlo al patibolo: “Fuori uno… – urla trionfante – il grande Milan che doveva cambiare la storia del calcio è già finito prima di cominciare! E adesso aspetto Spalletti con la sua Inter. Tutto come da copione!”
Poi naturalmente l’Ignazio si toglie dalla scarpa il sassolino Bonucci: “Ricordatevi che è sempre la Juve che fa i campioni, mai il contrario!” – sentenzia borioso come al solito.
L’idraulico partenopeo Gennaro cerca però di circoscrivere le responsabilità del suo conterraneo Montella: “Mica è tutta colpa di Vincenzino se la squadra ora soffre anche le partitelle scapoli ammogliati del giovedì in Europa League – fa notare, mentre l’impiegato delle poste romanista Tiberio pregusta l’imminente Milan-Roma come un gatto col sorcio in bocca. L’Assicuratore interista Walter va addirittura oltre e da buon tipaccio vendicativo spera ardentemente di trovare sulla panchina del Milan il suo ex allenatore Mazzarri già nel derby alla ripresa del campionato. Insomma, giornate campali per il tassista milanista Gianni che ora si ritrova nel ruolo di pungiball del Bar dello Sport, ma in fin dei conti è il primo ad essere infuriato per la brutta piega che hanno preso le vicende rossonere. A soccorrerlo arriva però ancora una volta l’azianissimo pensionato Ambrogio: “State tutti calmi che abbiamo appena cominciato e poi Montella magari si riprende – annuncia – lo date per morto solo perché stavolta gli è toccato il titolo di questa rubrica!”
Già perché l’Ambrogio, nella sua infinita saggezza, sa perfino cosa passa per la testa a chi scrive ogni settimana questa rubrica per voi amatissimi lettori.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili