Il Giorno – Bar dello Sport 77

Pubblicato su Il Giorno, domenica 2 luglio 2017

In malora tutti i giovani
Al Bar dello Sport ora ce l’hanno tutti coi giovani dell’Under 21 di Gigi Di Biagio, eliminati dall’Europeo dai pari categoria spagnoli. Dopo averli esageratamente incensati come fuoriclasse assoluti sui quali poter contare per almeno un decennio di Mondiali ed Europei, ora è una gara a chi ne scarica di più, nella migliore tradizione tifoide del Bar dello Sport, dove i giudizi si stravolgono di partita in partita.
Lo juventino Ignazio, recuperato finalmente l’uso della parola a quasi un mese da Cardiff, non può nemmeno consolarsi col neo-acquisto bianconero Patrik Schick perché alla fine dall’Europeo è uscito pure lui con la sua Nazionale e con le ossa ancora più rotte dei nostri.
L’Ignazio, tra l’altro, resta pure sotto attacco da parte di tutti gli altri per le voci di sfaldamento attorno alla sua Juventus.
Anche l’assicuratore interista Walter ha accusato a sua volta un duro colpo dalla semifinale dell’Europeo Under 21, visto che aveva già accostato Gagliardini a Cambiasso e invece il giovane interista si è fatto espellere ingenuamente proprio nel match-clou.
L’impiegato delle Poste romanista Tiberio intanto ha già assegnato il Premio Pinocchio al suo nuovo direttore sportivo Monchi: “Si era presentato dicendo che la Roma non era un supermercato – accusa – e invece sta mandando via tutti i migliori in cambio di sconosciuti!”
Ma è sempre il caso Donnarumma a tener banco, col tassista milanista Gianni che, comunque andrà a finire la questione, lo ha definitivamente scaricato e l’anzianissimo pensionato Ambrogio non si fa sfuggire l’occasione di punzecchiarlo con una vera chicca d’autore: “Voi, poveri ignoranti, certamente non potete sapere come si chiamava la mamma del famigerato gangster Al Capone – gigioneggia con evidente aria di superiorità culturale – Ebbene, si chiamava Teresa Raiola. E ho detto tutto!”

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili