Il Giorno – Bar dello Sport 102

Pubblicato su Il Giorno, venerdì 22 dicembre 2017

E’ di nuovo Juve-Napoli?
L’ultimo turno di campionato ha schiantato le milanesi: l’Inter, per la goduria sopraffina dei rivali, ha finalmente perso a sorpresa la sua prima partita in campionato a San Siro contro l’Udinese, mentre il Milan è stato addirittura umiliato a Verona con tre sberle che hanno definitivamente rintronato il povero tassista milanista Gianni che ormai non sa più a che santo votarsi: “Credo sia arrivato il momento di andare a Lourdes – commenta con un filo di voce – altro che Natale in ritiro a Milanello!”
E il carrozziere juventino Ignazio, dopo aver visto risorgere la sua Juventus, gongola facendosi beffe pure della Roma dell’impiegato delle poste Tiberio, eliminata dalla Coppa Italia e lancia battute al vetriolo sulle milanesi: “Ho sentito che il Milan non si è presentato nemmeno alla cena di Natale – sghignazza – quindi ha perso a tavolino anche col ristorante, mentre per l’Inter era solo questione di tempo prima che si ributtasse a capofitto nel gioco natalizio di famiglia Caduta Libera!”
A tenergli testa è rimasto solo l’idraulico partenopeo Gennaro, visto che la sensazione generale è che lo Scudetto sarà comunque un affare tra Juve e Napoli.
Tace infatti anche l’assicuratore interista Walter, l’unico che saprebbe come rispondere al borioso Ignazio: il ‘bauscia’, spiazzato dall’imprevisto stop dell’Inter, ora è anche preoccupato dalle notizie sempre più circostanziate su un mercato invernale minimalista per Spalletti.
In tutto questo il saggio pensionato Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport, si conferma soggetto piuttosto autoreferenziale: “A Natale bisogna essere tutti più buoni – sottolinea – e infatti anche in questi giorni io sono qui a parlare con quattro deficienti come voi che nemmeno mi pagano da bere!”
insomma, ogni pretesto è buono per buttar lì l’ennesimo giro di bianchini.

1 Commento su Il Giorno – Bar dello Sport 102

  1. Ambrogio è più buono di Babbo Natale , si sa eh !

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili