Giro del secolo: il favorito Unibet

Unibet, società europea di betting sportivo che fa parte del Gruppo Kindred, sarà sponsor ufficiale (partner per il “Premio della Combattività”) del 100° Giro d’Italia, una delle corse ciclistiche più importanti al mondo, che vede la partecipazione di 198 corridori di 22 squadre diverse che affronteranno le 21 tappe del Giro in 24 giorni a maggio.
Con il ciclismo che sta crescendo in popolarità e le scommesse sul ciclismo che interessano sempre più lo scommettitore, Unibet vede nel Giro d’Italia la possibilità di promuovere il suo palinsesto sul ciclismo in un importante mercato regolamentato europeo. La corsa è seguita dal vivo da 12 milioni di persone e ha una social community di più di 2 milioni di persone, numeri che danno la possibilità a Unibet di creare una realazione molto forte con tutti gli appassionati di ciclismo.
Il colombiano Nairo Quintana, al momento 5° nella classifica mondial dell’UCI, è il favorito del Giro d’Italia 2017 ad una quota di 2.00. A ruota, segue il vincitore della scorsa edizione, e beniamino del pubblico italiano, Vincenzo Nibali, dato vincente a 6.00, mentre Steven Kruijswijk, leader della corsa l’anno scorso fino alla 19° tappa, parte come terzo favorito ad una quota di 9.00. Durante la corsa Unibet promuoverà varie iniziative per vincere biglietti di hospitality per il Giro del Centenario 2017.
Il Giro d’Italia è il #1 evento in Italia e il secondo più importante evento ciclistico al mondo. Dopo il calcio, il ciclismo è lo sport più popolare sul globo, e noi vediamo il Giro come un’opportunità perfetta per entrare nel mercato. Crediamo che investire in sponsorizzaizoni aiuti il nostro brand nella crescita, e ci porti ad essere vicini allo sport e ai suoi valori. Questo è anche quello che è Unibet” ha voluto sottolineare Ebba Ljungerud, Chief Commercial Officer di Kindred Group.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili