Crotone vuol dire riscatto

Dice il saggio, non necessariamente cinese, che la squadra affidabile non ha problemi contro avversari più deboli, ma solo pochi mesi fa, a Crotone l’Inter rimediò sconfitta e figuraccia scatenando l’ira di Piero Ausilio, che mise i giocatori alla berlina prolungando di un altro mese la vita al tecnico Stefano Pioli. Purtroppo il gruppo frantumato da tempo non reagì e chiuse la stagione restando, addirittura scientemente giura qualcuno, fuori dall’Europa. Stavolta a Crotone dovrà essere diverso, perché quella rientra nelle gare che Spalletti ha indicato per migliorare davvero la classifica: “Per salire sugli aerei che contano – ha detto il tecnico – bisogna vincere 8-9 partite in più rispetto alla scorsa stagione, altrimenti si rimane a terra!”
Un delitto perdere punti con le piccole: l’anno scorso se ne sono lasciati addirittura 19 contro squadre finite dall’undicesimo al ventesimo posto in classifica. Ora col nuovo corso si vuole che sia diverso, deve essere diverso e la quarta vittoria consecutiva servirebbe a mettere in cascina il fieno che servirà più avanti. L’ambiente non sarà facile: come sempre quando arriva una grande da quelle parti lo Stadio Scida sarà esaurito, così come il prospiciente OSpedale San Giovanni di Dio, tutti a fare il tifo per i rossoblu. Serve un’Inter con le palle, perché non sarà facile.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili