Il Giorno – Bar dello Sport 51

Pubblicato su Il Giorno, 29 dicembre 2016

Milan: botto di fine anno!
E alla fine il botto di fine anno l’ha fatto il Milan vincendo ai rigori la Supercoppa Italiana, risvegliando nel tassista rossonero Gianni l’antico orgoglio. Così il milanista si presenta al Bar dello Sport ebbro di gioia oltre che di vino, ma questo non fa più notizia. A Natale ha tirato fuori la vecchia sciarpa rossonera con cui andò a Barcellona a vedere Milan-Steaua, quella usata in tutti i trofei berlusconiani: “Che goduria, ragazzi – caracolla ubriaco da giorni – far secca la Juve ai rigori non ha prezzo!”
L’assicuratore interista Walter, a sua volta rasserenato dalle tre vittorie consecutive con cui Pioli è arrivato a Natale, vorrebbe dirgli che in realtà ha vinto la coppa del nonno, ma non gli dispiace per nulla che l’odioso carrozziere juventino Ignazio stavolta abbia accusato il colpo. E infatti l’Ignazio è paonazzo, perché la sconfitta, assolutamente imprevista, gli ha davvero rovinato le feste: “Ma falla finita – urla tutta la sua rabbia facendo tremare i muri – il Milan è l’unico club che si è portato via una Supercoppa senza manco vincere la Coppa Italia e battendo Crotone e Alessandria! Tra voi e l’Inter trovate sempre il modo per far fessa la Juve, vergognatevi!” Ma il Gianni non si vergogna per niente e sventola orgoglioso la sua sciarpa infeltrita, più che mai spalleggiato dagli inseparabili compagni di bevute, l’idraulico napoletano Gennaro e l’impiegato delle Poste romanista Tiberio, mai così divertiti nel vedere l’Ignazio fuori dalla grazia di Dio! A far cessare la gazzarra provvede però l’incartapecorito pensionato Ambrogio che ammonisce la platea con una delle sue perle più famose: “Vi vedo già scatenati per l’anno nuovo – sentenzia – ma per gentaglia come voi anche il prossimo sarà un anno usato, anzi già da buttare!”

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili