Il Giorno – Bar dello Sport 37

Pubblicato su Il Giorno, sabato 24 settembre 2016

Che crociata contro la Juve!
Poco importa che l’ultimo turno di campionato abbia già ricambiato le carte sul tavolo del campionato e che la Juve, con quattro schiaffi al Cagliari, sia tornata prima in classifica perché al Bar dello Sport si parla ancora di Inter-Juventus di domenica scorsa. L’imprevisto successo nerazzurro ha ringalluzzito tutti gli anti-juventini. Così l’assicuratore interista Walter, spalleggiato un po’ da tutti, pare ringiovanito di dieci anni: “Noi dell’Inter abbiamo dimostrato che un futuro diverso è possibile – attacca manco fosse Barack Obama – la Juve non è immortale! Col nostro olandese volante, yes we can!” Proprio lui che solo alla vigilia chiamava de Boer ‘da Bar’ e voleva cacciarlo a calci nel sedere.
L’idraulico napoletano Gennaro segue subito il Walter in questa crociata anti-juventina ma a Genova il suo Napoli si è subito impantanato: “Purtroppo la Juve è già tornata padrona – si lamenta – anzi ladrona, visto l’arbitro-killer che ci hanno mandato! Per noi c’erano almeno cinque rigori (forse un paio, ndr) e, come al solito, non ce ne hanno dato manco uno!”
Il carrozziere juventino Ignazio, segnato oltremodo dalla sconfitta con l’Inter, ha comunque perso un po’ della sua protervia e prova comunque il contrattacco: “l’Inter è il solito un fuoco di paglia – prova a convincersi – mentre il Napoli si squaglierà presto nelle solite lacrime. Ringraziate quel bambascione di Allegri che ogni tanto sbaglia formazione!”
Le occhiatacce del tassista milanista Gianni e del postale romanista Tiberio ne colgono comunque la sottile inquietudine, al punto che il vetusto pensionato Ambrogio, memoria storica del bar, stavolta ne tira fuori una di quelle da ricordare: “Ricordatevi che ci vogliono anni per costruire ma un attimo per distruggere – sentenzia.
E davanti al sinistro presagio, le mani dell’Ignazio si eclissano sotto al tavolo.

1 Commento su Il Giorno – Bar dello Sport 37

  1. Bravo GLR , questa e’ una delle migliori!

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili