Il Giorno – Bar dello Sport 36

Pubblicato su Il Giorno, domenica 18 settembre 2016

Frank, mister già da bar…
Al bar dello Sport questa settimana tra Coppe e anticipi si sono giocate talmente tante partite che i nostri simpatici beoni non ci hanno più capito nulla. Il tassista milanista Gianni ad esempio con Milan-Sampdoria al venerdì ha creduto addirittura che fosse cominciata la Coppa Italia e parla di passo avanti fondamentale verso la finale del trofeo della coccarda tricolore.
Per il carrozziere juventino Ignazio, invece, il pareggio a reti bianche nell’esordio in Champions League con il Siviglia, ha già riproposto gli antichi spetri europei, al punto da muovere la prima assurda critica ad Allegri: “Quest’anno, con la squadra che abbiamo, sono disposto ad accettare al massimo due pareggi in tutta la stagione – bofonchia – uno ce lo siamo già giocato. Noi mica siamo l’Inter che si fa prendere a schiaffi in casa sua perfino dai ciprioti!”
I ciprioti sarebbero in realtà gli israeliani dell’Hapoel Beer Sheva, capaci di rovinare l’Europa League all’assicuratore interista Walter che, alla quarta partita ufficiale, è già partito a chiedere la testa di de Boer: “Mi sembra di aver avuto già troppa pazienza – confessa – il nostro mette giù la squadra come un ubriaco: altro che de Boer, questo è proprio da bar! Si richiami subito d’autorità Mancini!”
La settimana in ogni caso si chiude con Inter-Juventus ed in cuor loro l’idraulico napoletano Gennaro e l’impiegato delle poste romanista Tiberio sperano ardentemente in un pronto riscatto dei nerazzurri per ridare un po’ di vita ad un campionato che, dopo tre giornate, sembra già morto e sepolto sotto l’egida bianconera: “Inter, siamo tutti con te” – tuonano all’unisono – vinci il Derby d’Italia!”
A chiosare, come sempre, l’anzianissimo pensionato Ambrogio, memoria storica del bar: “Ma quale derby d’Italia? – ridacchia – l’Inter ormai è cinese, la proprietà della Juve è scappata in Olanda! Ormai l’unico derby d’Italia lo giocate voi qui al bar a suon di bianchini!”

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili