Il Giorno – Bar dello Sport 34

Pubblicato su Il Giorno, mercoledì 31 agosto 2016

Con la sosta sale la tensione
Ci mancava anche la sosta di campionato ad inasprire gli animi dei nostri pallonari al Bar dello Sport. Ogni volta che la Nazionale ‘blocca’ il campionato, chiacchiere e litigi si moltiplicano a dismisura e non se ne esce più. A tener banco è sempre il tracotante carrozziere juventino Ignazio, per il quale ormai la Serie A per la squadra di Allegri altro non è che una successione di allenamenti alla Champions League: “alla ripresa abbiamo l’allenamento col Sassuolo – provoca – poi l’allenamento con quei peracottari dell’Inter, poi manco mi ricordo. Tanto, basta segnare tre punti ogni volta!”
L’ultima giornata tra l’altro ha fatto registrare un avvicendamento nel corposo plotone d’esecuzione dei propri allenatori: il posto dell’idraulico napoletano Gennaro è stato infatti subito preso dal tassista milanista Gianni, che dopo la sconfitta dei rossoneri proprio al San Paolo, ha già preso ad inveire contro Montella: “Questo mette giù il Milan come ci fossero ancora Baresi e Maldini – sbuffa – a Napoli ha ripreso la partita per caso e ha continuato ad attaccare, ‘sto incosciente!” Più che mai fucilieri restano invece il postino romanista Tiberio e l’assicuratore interista Walter. Per il primo la luna di miele con Spalletti è già finita: “Se continua a tenere Totti in panchina finirà che presto ci si alza per lui. E per sempre!” Per il Walter invece il feeling con Frank de Boer non è proprio sbocciato:“Questo è da rimandare subito in Olanda – minaccia – nemmeno capisce che squadra cammina e va allenata con doppie sedute a raffica!”
“Doppie sedute?- irrompe l’anziano pensionato Ambrogio, da sempre la mente più acuta e ironica del bar – “come se quelli dell’Inter non fossero già abbastanza seduti!”- sghignazza.
E via con l’ennesimo giro di grappa, tutti nervosi più che mai, perché questo weekend neppure si gioca.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili