6C: Inter-Bologna 1-1

MARCATORI: Destro (B) al 14′, Perisic (I) al 37′ p.t.
INTER (4-2-3-1): Handanovic; Santon, Miranda, Ranocchia, Miangue; Medel, Kondogbia (dal 28′ p.t. Gnoukouri); Candreva (dal 29′ s.t. Gabriel Barbosa), Banega (dal 20′ s.t. Eder), Perisic; Icardi. (Carrizo, Melo, Palacio, Jovetic, Ansaldi, D’Ambrosio, Nagatomo, Yao). All. De Boer
BOLOGNA (4-3-3): Da Costa; Krafth (dal 35′ s.t. Masina), Gastaldello (dal 18′ s.t. Oikonomou), Maietta, Torosidis; Nagy (dall’8′ s.t. Pulgar), Taider, Dzemaili; Verdi, Destro, Krejci. (Ravaglia, Sarr, Mounier, Mbaye, Donsah, Helander, Rizzo, Ferrari, Floccari). All. Donadoni
ARBITRO: Celi di Bari.
NOTE: spettatori: 42.274 Ammoniti Gastaldello (B), Dzemaili (B), Pulgar (B) per gioco scorretto, Da Costa (B) per c.n.r.

Per chi segue il calcio e non il pallone il pareggio casalingo col Bologna non è un dramma. Perché io non penso allo scudetto quest’anno e non cambia idea ad ogni partita o, peggio ancora, ad ad ogni spezzone di partita, e se mi avessero detto all’avvio stagionale che settembre sarei già stato così vicino alla Roma che per me è il nostro vero competitor per il terzo posto, avrei firmato in bianco. Intanto le note di giornata, perché c’è chi è talmente gnucco da non capire che di qui a maggio quel che è vero oggi non lo sarà domani: senza Murillo e, soprattutto, senza Joao Mario, l’Inter perde più di qualcosa. Molto male Kondogbia, tolto dal campo già al 28′ del primo tempo e criticato pesantemente da de Boer a fine partita. Lo so, siamo nel Paesello dei mammoni dei calciatori e quindi ci sarà ci dirà, poverino, così ormai si è perso: tranquilli mammoni, che conosco chi è messo peggio nel mondo del lavoro e non può contare nemmeno su un bonifico da 400.000 euro ogni mese. Io penso che Kondogbia abbia ora due soluzioni: o piange, si compiange e lentamente si adagia ai margini della rosa, oppure reagisce da uomo vero, tira fuori le palle e ricaccia in gola a de Boer le sue inappuntabili critiche. Tutto ciò non toglie che ormai il francese sia un flop conclamato nel nostro campionato, capisco che i cugini si freghino le mani, ma non avrei comunque preso al suo posto Bertolacci a 20 milioni. Certo, se va avanti così, l’augurio è di riuscire a limitare la minusvalenza come è accaduto con Shaqiri. Credo che abbia mercato, perché è giovane e qualche qualità deve pur averla, se molti addetti ai lavori lo seguivano con tanto interesse. L’anno scorso ci stava che ogni tanto girasse a vuoto, perché era il primo anno di Serie A, adesso deve svegliarsi e mi pare che de Boer non gliel’abbia mandato a dire. Tra gli positivi i giovani, a cominciare dalla presa di coscienza che Senna Miangue potrebbe essere davvero un’alternativa di valore e Assane Demoya Gnoujouri, autore di una prova magistrale, anche in interdizione. Pensavamo di essere di fronte ad uno die tanti giovani che si perdono presto e invece potrebbe non essere così. Assolutamente da rivedere al più presto. Che poi Perisic e Candreva siano molto bravi lo sapevo già, senza nemmeno rivederli all’opera. Quanto a Ranocchia, sono sinceramente dispiaciuto perché all’ultimo secondo, dopo una prova tutto sommato positiva, ha avuto la palla-gol che poteva cambiargli la vita, perlomeno nel rapporto coi tifosi dell’Inter e l’ha clamorosamente sbagliata. Ormai siamo alle nemesi, ma  nel calcio c’è che non è mai detta l’ultima parola, anche se nel suo caso ne abbiamo spese tante. Ranocchia purtroppo ricorda sempre più Paperino: come quello che si mette in coda per ore per entrare al concerto della sua vita ma quando arriva il suo turno scopre di aver perso il biglietto e resta fuori. Va beh, comunque portiamoci a casa questo pareggio con la bella sensazione che finalmente l’Inter è tornata a giocare un calcio gradevole, più libero da certi condizionamenti mentali. Poi sono sempre i giocatori a fare la differenza e quest’anno ce ne sono di forti, in attesa di capire Gabigol, che ha appena esordito. Mi auguro di non leggere le solite sentenze definitive, in un senso o nell’altro, dopo due o tre partite. La classifica adesso conta poco. L’anno scorso si era primi e poi si è visto com’è finita. Ripeto, fino a Natale, bisogna correre insieme a quelle dietro Juve e Napoli: uno o tre punti avanti o indietro ora non importa. E’ presto.

Highlights
2′ Punizione di Banega, testa di Icardi fuori
14′ Errori a catena, da Verdi a Destro e palla sotto le gambe di Handanovic 0-1
22′ Cross di Santon e girata di Perisic fuori
23′ Ancora un tiro di Perisic fuori
37′ Cross di Candreva e sinistro vincente di Perisic 1-1
40′ da Icardi a Candreva Da Costa salva
44′ da Candreva per Icardi, girata fuori di poco
49′ Sinistro di Candreva, para Da Costa
53′ Doppio Da Costa su Candreva e Icardi
86′ Handanovic salva a tu per tu con Dzemaili
89′ Cross di Eder, Icardi gira male 

92′ Perisic da sinistra per Icardi che va a vuoto
95′ Perisic da destra, Ranocchia di testa fuori 

82 Commenti su 6C: Inter-Bologna 1-1

  1. Va bene cosi, questa squadra sembra finalmente una squadra!

  2. forse ci siamo: giochiamo a pallone!!! Mi sta sorprendendo Santon (speriamo non sia un fuoco di paglia), ma soprattutto mi piace come stiamo in campo: corrono tutti insieme per correre tutti un po’ di meno. PS: ti dico una bestialità se affermo che il Napoli, senza Higuain, gioca ancora meglio?

    • Nel Napoli danno tutti qualcosa in più anche per questo, ma Higuain risolveva le partite anche quando gli altri calavano. E’ presto, vedremo..
      GLR

  3. Provato a vincere, ma pari giusto. Purtroppo, Kondo sembra avere limiti caratteriali. Al contrario del giovane Gnoukouri che cerca sempre la palla, gioca semplice e con coraggio. Sontuoso Miranda e buono Ranocchia.

  4. Pasquale Somenzi // 25 settembre 2016 a 19:38 // Rispondi

    8 giorni fa erano solo 2 le squadre che l’Inter tra coppa e campionato aveva battuto IN CASA almeno 50 volte ed in una sola settimana se ne sarebbero potuto aggiungere altre due in quanto Juventus e
    Bologna le aveva battute 49 volte. A questo punto, in questo ipotetico “Club 50″ ne fan parte in 3 ossia Roma, Napoli e Juventus. Nel 2016 a parte la prima col Sassuolo, l’Inter in campionato ha sempre
    segnato in casa arrivando oggi alla 12a consecutiva, risultato che non veniva realizzato dal campionato 2010/11 quando segnò per 13 partite in casa di fila, partendo dal 5-2 col Parma del 28 novembre 2010 ed allora furono anche 13 vittorie su 13. 8 gol fin qui segnati, 6 Icardi e 2 Perisic, inizio che ricorda il campionato 1958/59 in cui le prime 8 reti furono segnate 6 da Angelillo e 2 Firmani. Inoltre, in quel lontano 1958 una settimana prima del campionato si giocò la prima partita ufficiale che fu 7-0 a Mantova in coppa Italia e segnarono sempre loro, 5 gol Firmani e 2 Angelillo.
    Pasquale.

  5. De Boer ha la palle. Ha tolto subito Kondo e messo Gnoukouri. La partita è cambiata. Spero che riesca ad affermarsi e non finisca in prestito in giro per l’Italia. Le abbiamo provate tutte ma non è andata. Le colpe sul gol del Bologna non sono solo di Kondo: Santon dove era? E Handanovic poteva fare meglio. Molto

  6. Dai GLR, siamo terzi!!

  7. Bicchiere mezzo vuoto. Quando c’è la possibilità di distanziarsi al terzo posto lo si deve fare con fortuna, con il cuore, di stomaco. Purtroppo questo ancora non si fa solo per il fatto che ad oggi non abbiamo la panchina che fa la differenza. Dietro i mostri Banega e J.Mario c’è il buio. Ranocchia è imbarazzante, non troverebbe spazio neppure in Grecia, eppure è sempre lì. Fatto fuori Nagatomo, spero il prossimo sia lui (ridicolo)!!

  8. matteo rivoli // 25 settembre 2016 a 20:07 // Rispondi

    La partita è stata bella peccato che per l’ennesima volta siamo andati sotto, per il resto un po’ di imprecisione e tanta sfortuna non ci hanno permesso di vincere, ma a me questa squadra piace sempre di più. Forza inter!!!

  9. Sto diventando un fan di De Boer…è determinato e coraggioso; non è perfetto ma sicuramente sta valorizzando giocatori che ormai si ritenevano marginali o inappropriati: Ranocchia, Gnoukouri, Santon, Melo. Si era detto che lavora bene con i giovani e l’esordio di Miangue ne è la riprova; anche la reprimenda a Kondogbia è legittima e volta a scuotere il ragazzo, più che a bocciarlo; giocherà ancora. Con Brozovic atteggiamento da società rispettabile in stile Juve: finalmente un altro andazzo

  10. Siamo solo a settembre e bisogna essere soddisfatti anche se non abbiamo preso i 3 punti. L’allenatore ha in pugno la squadra e comunque si vede che si sta costruendo qualcosa di importante. Abbiamo 2 giocatori in più. Due giocatori che la vecchia gestione, ritenendoli acerbi, li voleva spedire a giocare non so dove. E forse, mi dispiace dirlo, uno in meno, uno che la vecchia gestione credeva fosse forte. Col tempo la manovra di attacco sarà più varia e si tirerà anche di piede oltre che di testa.

  11. Sono dispiaciuto perché la nostra classifica con una vittoria sarebbe stata FAVOLOSA!
    Certo abbiamo giocato bene, gestendo le non grandi energie che avevamo, considerando le 5 partite nelle ultime 2 settimane.
    Tuttavia qualcosa non mi torna: due pareggi in casa con squadre rognose come Palermo (vedi Juve ieri) e Bologna, creando molte occasioni e meritando di vincere non dovrebbero preoccupare più di tanto, eppure mi sembra che, a parte Icardi e Perisic, non ci sia più nessuno che segni!

    • La classifica favolosa a settembre, vedi l’anno scorso, serve a nulla
      GLR

      • E’ vero in parte! Se per esempio le avessimo fatte quest’anno 5 vittorie di fila, queste avrebbero avuto un importanza molto maggiore. Perché proprio grazie all’esperienza dello scorso anno quasi certamente gestiremmo il resto della stagione e in particolare il girone di ritorno in maniera più matura, quindi con più alte probabilità di centrare gli obiettivi prefissati, se non qualcosa in più!

  12. Aldo Giuseppe Crotti // 25 settembre 2016 a 21:41 // Rispondi

    Partita giocata in modo discreto che ha partorito un risultato deludente!
    P.S. Kondo stava giocando male ma le partite durano 90 minuti più recupero e non 28.
    De Boer ha dato una fisionomia di gioco e gli faccio i complimenti.
    Non vorrei però ritrovarmi dal lanciatore di bussolotti ad un nuovo sergente HARTMAN; le dichiarazioni del dopo partita le ho trovate ingenerose. Spero che Kondo reagisca da uomo per rispetto a se stesso ed al pubblico di San Siro che lo ha applaudito alla sostituzione.

  13. Oggi sono dispiaciuta, ma soddisfatta. L’Inter ha giocato benino e ha quasi costantemente dominato il Bologna. Se avessimo vinto 3-1 non ci sarebbe stato da eccepire. I due ragazzini sono davvero forti. Purtroppo la fortuna non ci ha assistito, soprattutto nel mettere fuori gioco joao Mario… É chiaro che giocare senza di lui ormai é un problema. Un’ultima cosa: Handanovich quando vuole é un gran portiere, ma ogni tanto non ne ha voglia….
    Amala

  14. Dopo 1 anno ad aspettarlo mi arrendo anche io: Kondogbia è un flop. Spero che dopo questa figura si svegli ma i valori in un anno escono e kondogbia sfortunatamente è questo. Peccato aver perso joao mario, è determinante. La partita si poteva tranquillamente vincere, i dati nn mentono. 94% di vantaggio territoriale e almeno 5 palle gol sprecate contro il solito tiro e gol dell avversario. Ma il gioco c’è, i giocatori pure e secondo me solo noi possiamo buttare il 3 posto. Con la roma vediamo

  15. Sinceramente non mi è dispiaciuto il comportamento di fdb con Kondogbia. …soprattutto il passaggio ” kondo giovane? Giovane lo si è a 18/19 anni, a 22/23 devi essere un professionista fatto è finito” ….non si può dire che a questo ragazzo non si siano date possibilità, eppure raramente è andato oltre la sufficienza. …o reagisce lui, o vuol dire che, a sto punto, non fa per noi.

  16. Non ho potuto vedere la partita e quindi mi limito ad un paio di considerazioni generali. La squadra è ancora in fase di costruzione e ci vorrà ancora del tempo per vedere continuità e identità precise. In questo senso l’assenza di un giocatore come J. Mario non ce la possiamo permettere, soprattutto se Kondogbia (ma cosa ha?!) si è costretti a sostituirlo dalla disperazione al 28° del primo tempo. Ad ogni modo calma è gesso: non eravamo fenomeni prima, non siamo da buttare adesso!

  17. Assolutamente d’accordo con te su tutto, Kondo si deve dare una mossa, e quando zio Frank dice che un giovane a 23 anni é già un professionista e si deve comportare come tale, come dargli torto? E quando a inizio campionato dissi che De Boer non é un pirla, i fatti lo stanno dimostrando, e complimenti perché alla 5a di campionato parlare già un discreto e comprensibile italiano, dimostra quanto sia corretto e serio. Se Montella poi dice che lotteranno per il secondo posto, allora noi? Amala

    • Ancora state a sentire quello che dicono gli allenatori italiani in conferenza stampa, spesso davanti a ‘giornalisti’ di siti di tifosi? Spero che de Boer non si italianizzi…
      GLR

  18. Partita che conferma una continuità di gioco più fluido e propositivo (quando la squadra è equilibrata) e che le interviste di FdB stiano diventando molto interessanti.
    FdB non si smentisce sui giovani e rivedere Gnoukouri mi ha fatto molto piacere perchè in teoria sarebbe dovuto entrare Melo e se non altro perchè il Mancio lo ha fatto sparire dalla 1 giornata dell’anno scorso.

  19. Anche se abbiamo pareggiato, sono contento… ho visto buone cose che mi danno fiducia. DeBoer ha fatto qualcosa di ‘rivoluzionario’ sia sul campo (a proposito, giovedi ero stato un po’ profetico su Kondo eh…) sia a livello mediatico, con le critiche al francese nel dopogara: ho sentito da piu parti che sarebbe stato meglio lavare i panni sporchi negli spogliatoi… E invece no: i giocatori dell’Inter non hanno bisogno di una chioccia ma di essere pungolati ad libitum! Bravo Frank! Io ci credo

  20. Credo appunto che ci siano due Inter, una con JM e l’altra senza. Kondo credo che farà un bel pò di panchina, forse bisognerebbe ammettere di aver sbagliato l’acquisto, meglio che continuare ad incaponirsi, vedremo. Una domanda. Perchè con l ‘ uscita di Banega non è stata data una chance a JoJo? Mi sembra si stia impegnando, partecipa con la squadra dalla panchina, consiglia i giovani e così via. Eder, dovete scusarmi, ma non ce lo vedo proprio, per me non è da Inter.

    • Credo che ora sia legittimo criticare Kondogbia. Siamo al secondo anno ed ora il problema si pone. Non si doveva porre un anno fa quand’era appena arrivato, come facevano i soliti tifosi della domenica, salvo poi ricredersi quando giocava meglio. Ad oggi, dopo che ha avuto il tempo per capire il nostro calcio, Kondogbia è un problema. Risolvibile? Vedremo. Quanto a Jovetic, penso che de Boer lo veda tutti i giorni e non bastano due carezze ai giovani per tornare titolare.
      GLR

  21. La traversata nel deserto continua ma si intravedono alcuni palmizi all’orizzonte, non siamo arrivati a destinazione ma è segno che siamo sulla buona strada. Bravo FDB, dimostra di essee una persona seria, che non guarda in faccia a nessuno e che si è preso le sue responsabilità. Lui ha il diritto di decidere la formazione, effettuare i cambi (e finora si è visto quanto è bravo, non ne ha sbagliato uno…) e, soprattutto, parla chiaro. Peccato per il pareggio ma cresciamo, stiamo schisci ma ottimisti

  22. Buona prestazione e concordo te che quest’anno non si debba esagerare ne in un senso ne nell’altro per ciò che riguarda le prestazioni. Vorrei però spendere due parole per Gnoukouri che ha giocato una buonissima partita, nella speranza che S.Siro abbia pazienza per vederlo crescere qui (e non altrove) e che dopo qualche partita buona qcuno non inizi a paragonarlo al nuovo Sempronio di turno. Qche volta potrebbe capitare anche a noi che il giocatore buono lo abbiamo in casa senza spendere.

  23. Concordo anche su Kondogbia.
    Doveva “esplodere” già l’anno scorso ma era giovane (FDB ha ricordato ai tanti espertoni, che si è giovani calcisticamente fino ai 20 anni), poi doveva trovare la condizione perchè grande e grosso; insomma, sempre un’attenuante.
    Se non si riprende spero che lo Jiangsu ce lo compri a 40 milioni!
    Tornando al match: col Bologna in casa si deve vincere, io la penso così, ma non ne faccio un dramma visti i 3 punti, insperati, della scorsa domenica.
    Ora, testa all’Uefa.

  24. L’ottimo De boer sbaglia formazione inserendo le leve lunghe di Kondogbia e Ranocchia contro giocatori agili e veloci. Rimedia molto bene inserendo un grande Gnoukouri. Male Handanovic che va giù pigro nel tiro sbagliato di Destro. Nel secondo tempo altro errore di De boer, che inserisce Gabigol fuoriruolo ed Eder (che può fare solo la prima o la seconda punta come in nazionale)al posto di Banega. Quando il Mister conoscerà bene tutti giocatori ( anche avversari) penso che sarà un ottima Inter.

  25. 2 punti persi gioco comunque soddisfacente si è sentita molto la mancanza di joao mario: grandissimo persic ma il migliore è FdB che ha il coraggio, a discapito dei suoi colleghi italiani, di cacciare dal campo quell’asino di kondo xche evidentemente non faceva ciò che il tecnico in mattinata gli aveva detto.
    Andiamo a Roma a prenderci i tre punti

  26. ROBERTO SCIBETTA // 26 settembre 2016 a 08:06 // Rispondi

    Ebbene ora anche Io, Manciniano di ferro, inizio a credere che FdB non sia niente male! Non cambio idea sull’esonero a 15 gg dall’inizio del torneo (scelta sbagliata), ma l’olandese inizia a piacermi.
    E lo dico ora, non dopo Juve ed Empoli (troppo facile allora): scelte coraggiose tra i titolari (Miangue), e più ancora con le sostituzioni (Gnoujouri), pugno di ferro con chi si comporta male (Brozovic), messaggi chiari a Kondo nonostante il prezzo del cartellino. E giudizi intelligenti sul match

  27. Ciao, hai dtto tutto tu -)
    Ineccepibile la sostituzione di kondo e ancora meglio la spiegazione alla stampa. So che i il desiderio social ed le pressioni impongono alcune scelte, ma per me “Nell’inter” Candreva Icardi e Perisic sono come Neymar Messi Suarez “nel Barca” li tolgo solo per standing ovation.

  28. Nessun dramma, per il pareggio, perché vedo un’Inter in continua crescita, ma un pochino di rabbia confesso che c’è. Una vittoria contro questo (ottimo) Bologna, sarebbe stata più che meritata. Ranocchia e Kondogbia non sono poverini, ma semplicemente due giocatori da piazzare bene sul mercato. In compenso De Boer potrà contare su due nuovi talenti come Miangue e Gnoukouri.

  29. 1) il Bologna a S.Siro rimediava sonore scoppole, ma negli ultimi anni in casa sta diventando la nostra “bestia nera”.
    2) 10 a De Boer. Solo per aver capito dopo appena 20 giorni che Kondogbia è scarso. Altri continuano a dire che è un campione e deve entrare in forma. Aspetta (da un anno) e spera…

  30. Si è visto chiaramente che tutto dipende dal centrocampo. L’anno scorso Medel Kondo Brozo…quest’anno Banega, Joao Mario, Medel..e la storia cambia. Gabigol..dovrebbe turnare sui tre attaccanti giocando 45 minuti magari iniziali e probabilmente più su Icardi per farlo rifiatare e perchè ad oggi non è abituato alle coperture (sembrerebbe).

  31. Impensabile pensare di vincere tutte le partite. L’Inter, si sa, patisce parecchio le squadre sornione che vengono ad erigere barricate per poi punirci in contropiede alla prima occasione. Il Bologna è un ibrido: non completamente arrendevole, perché il loro tridente si è mosso bene, ma pronto a chiudersi e a fare barricata in occasione del serrate finale. Il buono di questo match lo hai evidenziato tu: non c’è altro da aggiungere. I valori alla lunga emergono, e le cifre vanno a farsi benedire.

  32. abbiamo condotto la gara e il gioco, il Bologna si e’ visto solo in contropiede quando eravamo sbilanciati. piu’ che dispiacermi per Kondo mi dispiaccio dei palloni sanguinosi persi da lui per lentezza mentale piu’ che fisica. Se e’ capace si riprendera’. Ormai si vede la mano di FDB: pressing alto e sovrapposizioni. ho una domanda in testa: perche’ al Mancio questa rosa faceva cosi schifo? mi ha deluso. ma pensiamo al presente: forza inter!!

  33. Secondo me Kondo paga il tentativo del Mancio di farlo diventare come Tourè; lui è un mediano che appena recupera il pallone lo deve smistare subito a chi di dovere. E comunque la colpa del gol preso è anche di buona parte della difesa.
    Per il resto, Joao M. anche se appena arrivato sembra essere già indispensabile (più di Banega, anche lui innamorato della pelota).
    Contento per Miangue. Dispiace dirlo, ma ha fatto più FDB in un mese e mezzo che Mancini in 2 anni.

  34. Abbiamo giocato anche bene nonostante mancassero JM e Ansaldi (sulla carta il miglior fluidificante) e Banega abbia giocato malino; 4 ragazzi della cantera in campo: i due bambini sembrano solidi, i due adulti sulla via del recupero. FDB: bene su Kondo; se reagisce come spero, lo recupera. Ma perchè Eder? Metterlo per Candreva quanto sfondavamo sulle fasce ci ha reso asfittici. Come seconda punta, poi, non è meglio Jojo, che ha spunto, tiro e 10 volte il talento del buon oriundo?

  35. Ciao GL, personalmente ieri ho visto una bela partita, mi sono divertito e ho visto finalmente una squadra che ha idea di quello che fa e che vuole fare. Sono ottimista ! Miangue mi ha colpito per tecnica e fisico, ma Gnoukouri mi ha stupito: passaggi secchi in verticale, aperture di 40 metri sui piedi e visione di gioco. Ottimo anche DB, pare avere idee molto chiare

  36. Sono abbastanza soddisfatto, contando i problemi per-partita…bene i due giovani, appoggio la linea di FDB molto semplice e chiara. se mi serve un giocatore in un ruolo preciso lo metto a prescindere dall’età senza pensare che sia giovane o meno. ovviamente dietro c’e un lavoro settimanale. per ciò che concerne kondo beh, zebedei cubici di FDB!! dimostra che la squadra ce l’ha in mano lui. e giustamente chi sbaglia paga. se guadagni 4mln all’anno non sei più una promessa. devi dare qualcosa in più!

  37. Mi piace sempre di più Frank de Boer. Per portare avanti un progetto di squadra vera occorre passare anche da questi momenti di costruzione delle fondamenta con l’applicazione di regole chiare e precise….i messaggi forti lanciati a Kondo e Brozo da questo punto di vista sono impeccabili…bravo

  38. Sono uscito da S. Siro con un pò d’amaro in bocca ma ci sta. Mi sembra che Banega abbia più di tutti sofferto l’assenza di Joao Mario.
    Mi chiedo se un allenatore italiano avrebbe sostituito Kondogbia a metà primo tempo ma siamo noi non abituati a certe decisioni.
    Ora vorrei vedere finalmente Ansaldi titolare in EL dove occorre vincere.
    Per domenica a Roma va bene anche un pari sperando di recuperare Joao Mario.

  39. Gianluca, dopo aver sentito De boer ho pensato: “finalmente !!!”. Attenzione, non sto colpevolizzando all’inverosimile Kondogbia ma benissimo ha fatto, per conto mio, l’allenatore a cantargliene quattro… Ora, o si da una mossa, e credo che il mister lo aiuterà in questo, oppure sara ai margini come dici tu. Mi è piaciuto particoalrmente quando ha risposto che un calciatore è giovane a 18-19 anni non a 21…. Che dire…. Chapeau !!! Spero continui così, ci sarà soddisfazioni

  40. Incredibile come Joao Mario sia già così importante in questa squadra. Su Kondo spero si avveri la seconda opzione da te citata. In caso contrario a centrocampo saremmo corti di alternative. Lo stesso vale per Brozovic, anche lui per caratteristiche potrebbe essere molto importante in questa squadra in quanto il modulo adottao da FdB mi sembra tagliato perfettamente per uno con le sue caratteristiche

  41. Una delle rarissime volte che non la penso come te riguardo al momentaneo terzo posto così vicini alla Roma: beh, se si analizzano le squadre che abbiamo affrontato con un calendario ad ora così favorevole (a parte la Juventus le altre non mi sembrano certo squadroni) avremmo dovuto essere ben più in là

    • L’importante è averla nel mirino: due, tre punti avanti o dietro a settembre non contano niente
      GLR

      • 2 o 3 punti avanti forse no, 5 punti in più (cosa fondamentalmente diversa dai punti “avanti”) probabilmente sì. 5 punti in più fattibilissimi con un pari a Chievo e 2 vittorie in casa con Palermo (…) e Bologna potrebbero pesare.

  42. Guido Villa dalla Croazia // 26 settembre 2016 a 11:10 // Rispondi

    Periscic sulla fascia sinistra al volante, pericolo per gli avversari costante. Peccato che lì in mezzo non ci siano grandi colpitori di testa… altezza media un metro e venti :)

  43. Mi piace l’atteggiamento che sta usando De Boer con alcuni giocatori, sarebbe ora di finirla con questa mentalità da ” faccio quello che voglio io” e cominciare a giocare con e per la squadra seguendo le indicazioni del mister ma so benissimo che non tutti lo fanno o lo faranno. Peccato per il pareggio.

  44. Claudio Fusco // 26 settembre 2016 a 11:19 // Rispondi

    Nell’Inter segnano solo Icardi e Perisic, e questa è una conferma dei numeri della scorsa stagione, con Eder fermo ad 1 gol e Palacio a quota 2 in ben 28 incontri. Forse sarebbe il caso di concedere maggior spazio a Jovetic, che non ha sicuramente fatto sfraceli, ma che almeno ha visto un po’ piu la porta dei due compagni sopra menzionati.

  45. Hai perfettamente ragione Gian Luca e finalmente un allenatore che dice (e soprattutto fa) quello che pensa, senza cercare alibi.
    Sono tornato fiero di essere interista, grazie a DB e agli indocinesi che non sono pronti di lunedì a consolare il “povero” giocatore punito di turno.
    Ci avviciniamo al concetto di società coesa che ha la Juve e per me in qualche sessione di mercato avremo una rosa fatta da titolari forti e giovani di prospettiva allevati in casa (basta mezzi giocatori).

  46. Peccato ma, pur giocando bene come accade da qualche partita, stavolta è mancata la precisione in fase conclusiva e ci dobbiamo accontentare di un pareggio contro un attento Bologna che ha meritato il risultato.
    Dopo aver sentito FdB in conferenza stampa nel post gara, che ha motivato tutte le sue scelte in maniera impeccabile, credo che se i giocatori continueranno ad assecondare la sua filosofia con convinzione saremo sulla buona strada per formare un gruppo che ci darà belle soddisfazioni.

  47. Parliamoci chiaro. Il Kondo e Ranocchia non hanno personalita’ da Meazza. Alternative ce ne sono pochine (Medel dietro, Gnoukouri in mezzo, Brozo quando ha voglia..) ma vanno sfruttate. I deboli calcisticamente parlando si faranno entrare in casi estremi e poi piazzati altrove a tempo debito. Banega ieri mi e’ sembrato anche lui carente di forte personalità, ma potrei sbagliarmi. Miangue una buona speranza. FDB uno serio. Ottimismo (la Roma e’dietro) e lavoro.

    • Se c’è una cosa che non manca a Banega è la personalità…Poi può giocare bene o meno bene ma la palla la chiama sempre
      GLR

  48. FDB ha già compiuto diversi miracoli, come da tempo non se ne vedevano: creare un gioco ben definito, valorizzare i vari giocatori (ieri Ranocchia molto meglio del solito), aumentare notevolmente la mole di occasioni da rete, lanciare giovani di prospettiva senza alcun timore, trattare come meritano i recalcitranti. Tutte cose che ti fanno accettare di buon grado anche un pareggio in casa, perché almeno hai delle chiare PROSPETTIVE FUTURE. Ciò che è mancato da almeno cinque anni a questa parte.

  49. La partita di ieri evidenzia 3 cose: 1. la squadra titolare è forte e competitiva le seconde linee no.
    2. Kondogbia è definitivamente un bidone 3. Gabigol è sicuramente un buon acquisto in prospettiva, ma attualmente sono meglio Candreva Perisic ed Icardi. Max

  50. Un punto in più della Roma, questo è quello che conta e domenica si va all’Olimpico per i 3 punti.
    Kondo: strano destino di calciatori nerazzurri con cognome che inizia per Co o per Ko: COutinho, KOvacic e ora KOndogbia. Sarà ceduto e, come per gli altri due, non ne sentiremo mai la mancanza.
    Claudio – Parma

  51. Inter aveva gnoukouri e prese a 31 mln Kondogbia. lotito dava a 25 mln keita e inter prende Gabigol (magari sarà un fenomeno). Inter ha miangue e prenderà a chissà quanti mln un terzino al prossimo mercato?

  52. Massimo Inter // 26 settembre 2016 a 13:48 // Rispondi

    Dopo il gol subìto, l’Inter ha macinato gran gioco e occasioni. Nel secondo tempo ha rallentato un po’ ma è stata padrona del campo. Questo mi da fiducia. Capita la partita stregata. Forse non avrei inserito Eder, ma non vedo così disastroso questo pareggio. Ora vediamo in EL e a Roma, ma questa squadra mi ispira fiducia.

  53. Dai tempi del primo Stramaccioni non si vedeva un allenatore in grado di dare la propria impronta alla squadra con tanta decisione e sicurezza: in più, FDB ha una rosa di prim’ordine, cosa che oggettivamente mancava al povero Strama. per inciso, il Bologna è un’ottima squadra e Donadoni resta per me il miglior allenatore italiano tra quelli rimasti nel nostro campionato.

  54. De Boer mi piace sempre di più. Come tecnico,come allenatore e,soprattutto,come uomo. Che sia l’uomo giusto per aprire un ciclo?

  55. malgrado tutto amala!!! // 26 settembre 2016 a 15:12 // Rispondi

    Perisic e Candreva bravissimi non bravi ma anche in un gioco “spumeggiante” il loro mestiere è quello del cross/assist…difficile la doppia cifra pertanto Icardi lasciato solo ha bisogno di una spalla in quel 4-2-4 che potrebbe diventare qualcosa in più della mossa della disperazione salva partita. A me FdB inizia a piacere e mi pare parli ed agisca con la sicumera di chi ha il sedere protetto! Vuoi vedere che il meccanismo inizia a girare…?!

  56. Stefano (cisco) // 26 settembre 2016 a 16:31 // Rispondi

    ciao condivido quanto hai scritto anche se un po’ d’amaro in bocca mi è rimasto…D.B ha fatto la scelta giusta nel sostituire Kondo…se no si rischiava lo 0-2…ma quello che lascia perplesso è che perso palla non abbia combattuto per recuperala poteva e doveva mordere di piu’…

  57. Silvio da Torino // 26 settembre 2016 a 17:49 // Rispondi

    Non pensavo che Joao Mario fosse già così indispensabile. Con Medel e Kondo non andiamo da nessuna parte e bisogna a tutti i costi reintegrare Brozo nella rosa. Ha delle caratteristiche uniche ed è l’unico che può sostituire Joao Mario. Con il Bologna si poteva vincere (Ranocchia), ma nel secondo tempo ci hanno messo in crisi per un bel pò di tempo. Gabigoal mi è sembrato un ragazzo intelligente. Palloni toccati in semplicità, senza strafare, insomma entrato in punta di piedi. Vedremo, speriamo.

  58. Gnoukouri appena entrato sembrava di vedere Lothar Matheus: non perchè gli somigliasse veramente ma perchè rispetto a Kondogbia sembrava veramente un fenomeno. La personalità di un uomo è sempre quella che fa la differenza. Lui è della categoria degli Sforza, Ze Maria, Georgatos, Dalmat, Farinos, Caio Ribeiro e bidoni vari. Capita per carità, ma quando scuci 31 milioni + bonus strappandolo alla concorrenza, l’abbaglio è accecante!

  59. Bella Inter, mi piace sempre piu’, adesso il tic tac porta anche a conclusioni pressing e ripartenze in fase passiva. Grande Frank. Prevedo un futuro cinese per il buon Kondogbia. La cosa fondamentale è che Suning non ha limiti, lo ha dimostrato e lo dimostrerà, prepariamoci a vivere la terza Grande Inter della nostra Storia…

  60. Paolo Assandri // 26 settembre 2016 a 18:31 // Rispondi

    Molto bene De Boer, credo che siamo su una strada molto interessante, soprattutto perché ci sono degli ottimi giocatori. Devo però dire che serve segnare di più, non è possibile che segnino solo Icardi e Perisic, su questo si deve lavorare. Detto questo domenica a Roma potrebbe già essere una sfida decisiva, nel senso che a fine anno difficilmente ci saranno più di 3-6 punti tra Roma e Inter, e quelli di Domenica peseranno. Bisogna almeno pareggiare.

  61. Buona inter,ci sono i presupposti per arrivare terzi.
    Apprezzo il puntare sui giovani.
    FDB ha le palle!!!

  62. Io vedo il bicchiere mezzo pieno, il Bologna è una squadra ostica, era la terza partita di campionato in una settimana, e ci può stare la stanchezza più delle assenze. FDB è apparso abbastanza seccato da Kondo, ma sono sembrate esagerate tutte le dietrologie per la sostituzione, sentite dalla stampa e addetti ai lavori. A modo suo FDB ha voluto bene a Kondo, cioè gli ha detto di svegliarsi, di non fare il fenomeno, di giocare semplice. Dov’è il male? Non so dove arriva l’Inter, però mi piace.

  63. Massimiliano // 27 settembre 2016 a 08:14 // Rispondi

    Mi dispiace Glr ma Handa il tiro di Destro poteva prenderlo….non lo vedo proprio sul pezzo costantemente…spero di sbagliarmi..ora mi auguro di non sbracare a Roma non tanto per la classifica quanto per il morale..un caro saluto . Max e Jacopo

    • Guarda sono stato il primo a dire che quest’anno lo vedevo un po’ più assente (vedi qualche editoriale fa). Il problema di alcuni di voi è l’incapacità di analisi critica, per cui se il mondo sostiene che Handanovic sia tra i migliori portiere d’Europa, c’è chi è lì ad aspettare la prima papera per consolarvi su teoremi assurdi. In realtà Handanovic anche quest’anno ha già fatto parate importanti nelle prime giornate smentendo anche me che, benché suo grande estimatore, quest’anno lo vedevo un po’ più distratto del solito. Col Bologna ha commesso un errore tra l’altro in condivisione con altri, ma non si dice che ha poi salvato la porta nel finale su Dzemaili. In ogni caso il portiere che non sbaglia mai esiste solo nella fantasia di certuni.
      GLR

  64. Gabigol scandaloso, 35 milioni buttati!
    Kondogbia bidone 59 milioni bruciati!
    De Boer poteva risparmiarsi la sostituzione al 28°!
    Se pareggiamo in casa con il Bologna forse è meglio guardarci dietro per la salvezza?
    …per un attimo volevo mettermi nei panni del tifoso medio incompetente, criticone e pessimista, che alza le cifre degli acquisti (lievitano di un milione a settimana, forse sono interessi?) e che li bolla anche dopo 10 minuti di partita!
    Forza INTER, avanti così!

  65. Io andrei oltre il risultato e guarderei la prestazione. Finalmente c’è una squadra che sa cosa fare in campo ed è anche gradevole, anche se non ancora perfetta, a vedersi. DB in un mese e mezzo ha già fatto più di Mancini in 18 mesi sotto quest’aspetto. Pazienza per il pareggio ma si è visto che l’Inter voleva vincere creando molto, nonostante il Bologna, che è una buona squadra guidata da un bravissimo allenatore (Donandoni) difensivamente abbia disputato un’ottima partita.

  66. Finalmente non ho sentito nessuno dire che non si può togliere un calciatore dopo 27’…Io per 400.000€ al mese (ma anche per la metà) mi farei togliere tutte le domeniche anche al 2’!
    Il mister è pagato per fare delle scelte, anche impopolari, ma per il bene della squadra NON del singolo!

  67. profeta Jose // 27 settembre 2016 a 12:48 // Rispondi

    grande De Boer. Devo ammettere e fare il mea culpa, si sta rivelando un gran bel allenatore. La squadra comincia ad avere un gioco, ha dato fiducia a giovani tipo Miangue e Gnoukouri che stanno rispondendo alla grande e soprattutto finalmente c’è qualcuno che responsabilizza i giocatori.In ogni caso la spina dorsale della squadra c’è Handanovic, Miranda, Banega, Joao Mario, Candreva, Perisic e Icardi sono giocatori da 1^ fascia, ora 3°posto l’anno prox con 1 o 2 innesti TOP ci giochiamo lo scudetto

  68. Giocar bene come sta facendo l’Inter in solo un mese di De Boer, alla lunga porta risultati. Io penso che l’Inter, ad eccezione della partita di Verona, abbia sempre fatto divertire noi tifosi, se non altro sul piano del gioco e un pareggio che oggi può far innervosire, domani potrebbe invece farci godere un risultato a fine stagione, mentre una serie di vittorie “casuali” otterrebbero l’effetto contrario.

  69. Ciao Gian Luca, una curiosità: ho notato con piacere un’altra bella prova di Santon…ma quindi quest’estate come mai il Napoli e le squadre inglesi hanno detto che non aveva superato le visite mediche? Era vero o no? Tu sai qualcosa in merito? Grazie

    • Uno dei tanti misteri buffi del nostro calcio: vuoi la mia idea? Santon aveva chiesto troppo d’ingaggio a queste squadre..
      GLR

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili