35C: Inter-Udinese 3-1

MARCATORI: Thereau (U) al 9′, Jovetic (I) al 36′ p.t.; Jovetic (I) al 30′, Eder (I) al 50′ s.t.
INTER (4-4-2): Handanovic; Nagatomo, Miranda, Murillo, Juan Jesus (dal 20′ s.t. Perisic); Brozovic, Felipe Melo, Kondogbia, Biabiany (dal 41′ s.t. D’Ambrosio); Icardi (dal 34′ s.t. Eder), Jovetic. (Carrizo, Berni, Palacio, Telles, Santon, Ljajic, Gnoukouri, Manaj). All. Mancini
UDINESE (3-5-2): Karnezis; Wague, Danilo, Felipe (dal 36′ s.t. Matos); Widmer, Badu, Kuzmanovic, Fernandes (dal 40′ s.t. Hallfredsson), Edenilson (dal 31′ s.t. Pasquale); Zapata, Thereau. (Meret, Domizzi, Perica, Guilherme, Lodi, Iniguez, Heurtaux, Piris, Balic). All. De Canio
ARBITRO: Celi di Bari.
NOTE: Spettatori: 48.012 Ammoniti: Jovetic (I), Danilo (U), Kondogbia (I), Perisic (I), Zapata (U).

L’Inter non batteva l’Udinese a San Siro da più di 5 anni e anche stavolta si era pure messa subito male con il gran gol del francese Thereau, pescato da un lancio e Badu e bravissimo ad uccellare l’intera retroguardia nerazzurra con un destro al volo. Un gesto tecnico che se l’avesse fatto qualche altro campione più mediatico finirebbe dritto nelle sigle Tv. Mi è sempre piaciuto Thereau e credo che potrebbe stare anche nella rosa di una grande squadra, ovviamente non come prima scelta. Di buono c’è che l’Inter stavolta ha reagito. Nella serata in cui si sono visti a San Siro con Thohir i cinesi del Suning Group, gudati da Jindong Zhang e interessati al 20% dell’Inter e in cui Mancini tagliava il traguardo delle 300 panchine nerazzurre rimescolando ancora le carte, stavolta forse perché si era alla terza gara in sette giorni, è toccato a Jovetic balzare agli onori della cronaca, Se uno non avesse visto la partita e si soffermasse solo sul tabellino, come spesso fa qualcuno, penserebbe ad una pretazione-monstre del montenegrino. Invece Jo-Jo ha solo avuto il merito di farsi trovare davanti alla porta sguarnita, laddove di norma dovrebbe stare Icardi. E se Jovetic ha fatto Icardi, quest’ultimo ha vestito i panni dell’altro apparecchiandogli il gol del pareggio prima dell itervallo, quando la gente aveva già cominciato a rumoreggiare, anche per il troppo cincischiare davanti alla porta di Karnezis, che fino a quel momento era stato seriamente impegnato solo da un destro di Kondogbia.
Jovetic comunque non segnava da un intero girone, proprio da Udinese-Inter. Il suo gol ha comunque svegliato l’Inter che nella ripresa è stata molto più intraprendente, dando però anche modo all’Udinese di rispondere per le rime, ad esempio con una traversa scheggiata da Fernandes, finché alla mezz’ora l’Inter ha torvaot il vantagigo con una delle migliori azioni stagionali: da Brozovic a Biabiany che con uno scatto si è preso il fondo e ha crossato teso a centro-area, trovando la spalla di Jovetic a porta vuota. Doppietta del montenegrino, probabilmente la più facile della sua carriera. l’Inter in vantaggio ha avviato ancora una volta un finale molto rischioso, con una di Fernandes, una di Thereau e un’altra doppia di Zapata e Hallfredsson, con il solito Handanovic in gran spovero. Nel frattempo però era entrato Eder al posto di Icardi, e su una ripartenza, ecco finalmente l’attesissimo primo gol interista dell’italo-brasiliano per il 3-1 finale.
Seconda vittoria casalinga consecutiva dell’Inter, la sesta nelle ultime sette e la prima del campionato in rimonta, alla buon’ora della 35.a giornata. Il tutto per blindare definitivamente il quarto posto, perché il preliminare di Champions ancora raggiungibile è solo una sensazione.
Ora tutti presi dalla vicenda dei cinesi del gruppo Suning, pronti ad entrare nell’Inter col 20%, ma è storia ancora da scrivere. Certo porterebbero i soldi del mancato introito derivante dalla Champions, ma pensare di utilizzarli sul mercato per ulteriori acquisti è ancora prematuro. Sarebbe già tanto se riuscissimo a trattenere i big. Ma io guardo all’oggi. Per capire il resto c’è tempo.

Highlights
9′ 0-1 da Badu a Thereau e gran gol al volo
17′ Destro di Kondogbia, Karnezis respinge
36′ 1-1 Gran Lavoro di Icardi per Jovetic che insacca a porta vuota
46′ Icardi e Biabiany per Brozovic che conclude a lato
47′ Edenilson impegna Handanovic, Jesus chiude Widmer
49′ Tiro di Brosovic altro
50′ Tiro di Fernandes che scheggia la traversa
51′ Icardi di tacco per Brozovic ma Karnezis c’è
74′ Perisic impegna Karnezis
75′ 2-1 Filtrante di Brozovic per Biabiany che trova Jovetic per la deviazione vincente
78′ Thereau da 25 metri, Handanovic respinge
95′ Zapata e Halfreddsson impegnano due volte Handanovic
95′ 3-1 Eder fugge in contropiede e realizza

 

64 Commenti su 35C: Inter-Udinese 3-1

  1. Pasquale Somenzi // 24 aprile 2016 a 03:39 // Rispondi

    Vittoria in rimonta in casa non si verificava dal 10 maggio 2014,
    INTER-LAZIO 4-1 con le reti: 2′ Biava, 7′ Palacio, 34′ Icardi, 37′ Palacio, 78′ Hernanes.
    Il gol di Eder fa salire a 3 le reti italiane in questo campionato e così il minimo assoluto rimane di 2 reti realizzato 2 volte, nei campionati 2005/2006 e 2013/2014. La prossima partita è la centesima di campionato con presidente Thohir, ma attenzione perchè è la 36a di calendario, giornata in cui l’Inter ha perso negli ultimi 4 campionati consecutivi e l’ultimo pareggio risale al 1946.
    Pasquale.

  2. Fallito l’obiettivo della qualificazione champions, Thohir deve fare miracoli per rispettare l’obiettivo di fare crescere squadra e societa’ rispettando i parametri finanziari. Difficile pero’ che, dopo un periodo di ambientamento, gli eventuali nuovi soci si accontentino d’investire senza poter decidere.

  3. Penso che per la stagione prossima, se Mancini come mi auguro rimanga, abbia già fatto delle epurazioni: Santon, ljajic, Telles, penso anche Melo. Dall’ultima conferenza stampa Mancini ha fatto capire che vorrebbe un vero big e non dei futuri big. Sarebbe possibile ciò? 2-3 buoni giocatori e un big?

    • Dipende da quanto si incassa da eventuali cessioni, ma i veri big all’estero guadagnano di più e giocano in Champions
      GLR

    • Però un po’ di ottimismo la matematica non ci condanna ancora al 4 posto il calcio e bello e strano anche per questo… o forse devo scendere dalle nuvole.. ciao a tutti e grazie

  4. Alessandro // 24 aprile 2016 a 06:49 // Rispondi

    Entrare in area: questa è la chiave di volta per vincere le partite. Perché con i cross sbilenchi dei nostri terzini e i calci d’angolo battuti così, si fa poca strada. Ieri l’abbiamo fatto e ci ha fruttato due reti. La terza nasce (vivaddio) dall’ errore di Zapata.

  5. ma perchè in Italia si cammina e negli altri campionati si corre? ieri mi sembrava un’amichevole!! Certo che per la grinta che ci hanno messo Jovetic e Melo ieri (che doveva essere il leader!!) possiamo capire perchè non arriviamo ai preliminari di Champions. Il migliore per me Kondo, Biabiany dietro meglio di tutti i terzini di ruolo che abbiamo e che bravo Widmer. Lo vedrei bene da noi….

  6. Ancora una volta dobbiamo ringraziare Handa che ha tenuto in piedi la baracca. Sicuramente da blindare, anche senza l’ingresso in champions, insieme a Miranda Perisic e Icardi. Sicuramente il lavoro di R.M. ha rivalutato una rosa che fino all’anno scorso non aveva praticamente mercato. Io il rammarico ce l’ho perchè a differenza degli anni scorsi, a mio avviso la squadra quest’anno c’era e, senza le coppe, poteva restare in orbita delle prime e giocarsi tutto nel finale (non escluso il 2° posto)

  7. Sì è vinto perciò tutti i commenti sono positivi ma anche questa volta un undici titolare cervellotico provate a pensare in caso di risultato negativo,
    Mancini se le va a cercare

    • Si però se ogni volta, anche quando si vince, bisogna pensare a cosa sarebbe successo se si fosse perso…tanto si sa già, via Mancini, via Icardi, via Thohir, via tutti. Mi pare che ormai la lezioncina la conosciamo a memoria.Quanto al turn-over, ‘sta settimana con tre partite era abbastanza fisiologico e più spiegabile di altre volte.
      GLR
      GLR

  8. Jovetic lo terrei, poi con l’Europa League abbiamo bisogno di un parco attaccanti ampio. Se Mancini resterà, spero non lo mandi via dopo quanto successo in Inter-Lazio.

  9. sono d’accordo con Mancini: Icardi ha giocato da centravanti vero, proteggendo palla (finalmente), facendo sponda per gli inserimenti dei compagni ed ha dato un assist al bacio a JoJo. se rimane Mancini, non perdendo così tutto il lavoro fatto quest’anno, trattenendo i big (non vendete Brozo!!!), e con 2 innesti di qualità, ci potremo divertire.

  10. Fabio Primo // 24 aprile 2016 a 10:34 // Rispondi

    Ieri è stata la miglior partita in assoluto di Icardi e Kondogbia . Il primo ha finalmente fatto il lavoro che si chiede ad una punta oltre a quello di spingere la palla in rete. Il secondo ha dimostrato finalmente una personalità proattiva rischiando anche giocate difficili. Chiaro che avere i cinesi in tribuna da stimoli eccezionali a tutti , noi tifosi compresi !

  11. Il campionato dell’Inter è finito domenica scorsa a Genova. Adesso, 4° o 5° posto, cambia poco. La posizione in classifica mi senbra abbastanza giusta per una squadra che ha vissuto di alti e bassi e di momenti contradditori finanche nella stessa gara. Sono momenti di crescita? Speriamo. Speriamo che anche l’allennatore cresca un pò e attinga un pò di saggezza da questa annata in cui, lui stesso, non è esente da colpe. I cinesi ci daranno il propellente per l’anno prossimo? Ma! Chi vivrà vedrà.

  12. Una buona gara anche perché per la prima volta in questa stagione siamo riusciti a ribaltare l’iniziale svantaggio. Al di là delle prestazioni dei singoli ed in particolare di Icardi e Kondogbia, mi è piaciuto l’atteggiamento finalmente grintoso che spero serva ad arrivare quarti. Riguardo i nuovi possibili/probabili soci del gigante cinese Suning, una canzone di Bruno Lauzi diceva che “Arrivano i cinesi, arrivano a milioni”: speriamo che in questo caso “Arrivino i milioni dei cinesi”! :-)

  13. Ma Brozovic? Prestazioni diametralmente opposte, tipo quella inguardabile di Genova e quella da “tuttocampista” con l’Udinese sono dovute alla giovane età o sarà sempre un giocatore così incostante?

  14. Confesso di avere più volte pensato, durante la partita, quale fosse la ragione della scelta di Biabiany.
    Bello il cross per il secondo gol di Jojo, encomiabile il sacrificio quando l’hanno messo come terzino destro…ma il giocatore è ripiego e non una prima scelta.

    • Certamente Biabiany è un’alternativa, che in una rosa di 25 ci può stare, anche e soprattutto per il suo ‘status’ di giocatore ‘cresciuto’ in Italia e rispondente ai parametri attuali di ogni rosa
      GLR

  15. Il 2-1 (gran “taglio” di Brozo e ottima intesa con Biabiany) è la dimostrazione che… toh, a entrare in area si segna. :-)
    Gol rocambolesco (di petto), in verità, ma Jovetic ha il merito di essere stato lì. Tante altre volte non c’è nessuno.
    E al maledetto minuto 95’…PER UNA VOLTA ha detto bene a noi: il mancato 2-2 ha fruttato il contropiede del 3-1. Felice per Eder, ma anche se non è “tutto sbagliato”, c’è tanto da rifare!
    P.S.: l’Udinese è bottega cara, ma…bel giocatorino, Widmer!

  16. Dico che sono contento per il risultato, ma quello che mi preoccupa di più sono gli enigmi di questa squadra. Abbiamo giocatori che spesso fanno prestazioni negative, vedi Jovetic e Brozovic, poi in una sera diventano campioni per poi magari ricadere nella mediocrità più assoluta, non so se ieri sera saranno stati gli osservatori presenti a stimolare. E’ normale che anche i giocatori abbiano alti e bassi, ma l’anno prossimo non possiamo avere gente cosi a corrente alternata per puntare in alto

    • Sono situazioni molto diverse: Brozovic è un calciatore in crescita, ma con qualche pausa, Jovetic è un giocatore già formato, che non dovrebbe avere i problemi che ha avuto e certe volte creato lui stesso
      GLR

      • Secondo me avete ragione entrambi… Tu su Brozovic e Jovetic, ma Michele ha centrato il punto: la discontinuità. Senza quei due mesi di anmesia (e con un po’ più di mira, aggiungo io…),dove potrebbe essere ora l’Inter? E dove potrà arrivare il prossimo anno, se avrà continuità e un regista (Banega, sempre che giochi come sa).
        Tra Inter e Milan credo stia peggio il Milan.

  17. Mancini ed i dirigenti dovranno fare un bel discernimento su quali giocatori tenere per il progetto. Togliere una certa pazzia è difficile perché fa parte del DNA nerazzurro, ma mi auguro che non perderemo più tanti punti con le provinciali. A parte il primo bel filotto dopo il ritorno di Spalletti questa Roma non mi è parsa irresistibile. Ringrazi il Pupone per le ultime tre reti pesantissime in ottica terzo posto.

  18. Mancini ed i dirigenti dovranno fare un bel discernimento su quali giocatori tenere per il progetto. Togliere una certa pazzia è difficile perché fa parte del DNA nerazzurro, ma mi auguro che non perderemo più tanti punti con le provinciali. A parte il primo bel filotto dopo il ritorno di Spalletti questa Roma non mi è parsa irresistibile. Ringrazi il Pupone per le ultime tre reti pesantissime in ottica terzo posto.

  19. Sembrava un déjà vu, ma poi la beffa finale, per fortuna, non si è concretizzata. Nonostante una buona gara facciamo sempre fatica contro le squadre più deboli e meno male che stavolta i nostri top players hanno mantenuto le aspettative. In ottica futura servirebbe migliorare, se possibile, la qualità del centrocampo da sempre zona nevralgica per la gestione del gioco. E poi più “cattiveria” in zona gol, nostra croce e delizia di questa nostra altalenante stagione. Ora 4° posto da non sprecare.

  20. Guido Villa da Samobor (Croazia) // 24 aprile 2016 a 14:56 // Rispondi

    Sono cattolico, e credo nella risurrezione dei morti. Non credo invece che un giocatore calcisticamente ormai dato per sepolto, nelle poche partite che gioca da titolare, segni, in questo caso due reti. C’è da domandarsi se Mancini non s’incaponisca troppo con i suoi veti, quasi da dogma di fede, su alcuni giocatori. Quanto ai cinesi, questa è l’ennesima conferma che l’Italia, economicamente parlando, è un Paese cotto, quasi al livello di un Paese africano. I veri nostripadroni sono altrove.

  21. Sai che io riesco a difendere Mancini anche sulla scelta di pancia di comprare Eder e non Soriano? Onestamente non credo che con il centrocampista in rosa avremmo risolto niente, non è un giocatore da Inter e ha fatto meglio ad investire quel denaro nel sostituto di Palacio, che non è eterno purtroppo, sperando nei suoi goal, sperando di avere un compagno in più per Icardi e sperando di dare una svegliata agli altri attaccanti…anche su questo, per me, alla fine avrà ragione il Mancio!!

    • Chiaro che Eder non sia stato preso solo per quest’anno, ma quest’anno ha effettivamente toppato.
      GLR

      • Mancini ha detto che Eder e’ un giocatore da 12/14 goals a stagione. In effetti, in questa stagione, 12 goals li aveva gia’ realizzati con la Samp prima di essere ceduto all’Inter.

      • Ovviamente colpa dei tifosi da bar

        • Se devi scrivere sempre lo stesso post ogni giorno, fatto di nulla, perché non capisci i dibattiti che si fanno qui, fai prima a toglierti di torno, grazie. Capisco aver tempo libero, ma ti suggerisco di impiegarlo meglio altrove. Che ci siano tifosi che cambiano idea su tutti e tutto ogni 90 minuti mi pare assodato. Ma non incidono, grazie al cielo. Io li invito solo a pensare con un orizzonte un po’ più ampio dell’ultima partita, spesso neppure vista.
          Se invece vuoi contribuire con opinioni un filo logiche sei il benvenuto
          GLR

  22. Il filtrante di Brozo per Biabiany, in occasione del secondo gol, vale da solo il prezzo del biglietto.
    Questo qui è uno che ogni tanto si eclissa, ma quando si accende illumina, eccome se illumina! Da tenere assolutamente.
    Claudio – Parma

  23. Roberto Scibetta // 24 aprile 2016 a 15:34 // Rispondi

    La sparo grossa: se riuscissimo a non vendere nessun “Big”, l’anno prossimo potremmo arrivare in Champions anche con la squadra attuale, più i nuovi già presi (Banega, Erkin). Il vero campione in più dell’anno prossimo sarà un anno di esperienza in più, per tanti giovani.

  24. Silvio da Torino // 24 aprile 2016 a 16:28 // Rispondi

    Finalmente una bella vittoria in rimonta pero’ sempre la solita faticaccia a fare goal. Anch’io spero che il Mancio resti anche perché’ ormai la squadra una certa fisionomia ce l’ha. Anche se faremo meno punti della prima parte del campionato, la qualità’del gioco e’ senz’altro aumentata. Poteva gia’essere un anno buono per entrare in CL. Biabiany trovo che renda di più’entrando a gara in corsa. Brozovic dovrebbe riposare un po’, ma per le sue caratteristiche è insostituibile. Sotto con la Lazio

  25. Inter bene ma non benissimo. Consolidiamo il 4 posto che forse è la nostra giusta dimensione. Scusa ma non riesco a non evidenziare l’atteggiamento dei media sulla Juve. Quest’anno, pur meritando il titolo, hanno avuto un appoggio mediatico senza precedenti. A mio avviso incide anche questo in termini di autostima, condizionamento ambiente e arbitrale, tenuto conto che tutto è deciso da dettagli. Un cartellino, un fuorigioco, un rigore, un fallo di mani, significano 3 o 6 punti in più.

  26. Dobbiamo soffrire ancora un anno e mi riferisco al lato economico. Se riusciremo, come società, a tenere il blocco di 18-20 giocatori di quest’anno senza cedere big ed inserendo un paio di giocatori di livello sono sicuro che per noi tornerà la luce. Fare l’Europa League potrebbe essere anche un vanta ed una tappa fondamentale per la crescita del gruppo.

  27. Quanto meno i cinesi si sono divertiti a san siro. Esultanze condor style

  28. Purtroppo ci si dovrà accontentare del quarto posto, ma visto dov’eravamo l’anno scorso è tanta roba. Inter troppo umorale e discontinua nel girone di ritorno, il terzo posto era fattibilissimo. Ad ogni modo, partita divertente, Udinese che ha giocato a viso aperto ma vittoria meritata. Icardi migliore in campo, sta imparando a fare l’attaccante moderno e non solo ad aspettare i palloni in area, Jovetic peggiore in campo nonostante i due gol (a porta vuota). non credo neanch’io verrà confermato.

  29. A mio avviso la nota più importante della partita di ieri è stata la prestazione di Icardi, grazie alla tenacia alla sapienza e alla bravura di Mancini sta cominciando a capire quello che può e che deve fare in campo, per diventare un attaccante di grande livello europeo. Lo ripeterò all’infinito, Mancini è una risorsa importante, una certezza. Se va via lui, chiunque arrivi all’Inter sarà una scommessa.

  30. Brozovic è incostante, verissimo, ma in un anno e mezzo di Inter è migliorato tantissimo. Ha grandi doti tecniche e non mi pare abbia problemi a reggere la pressione. Con le grandi squadre ha giocato ottime partite. Secondo me è il secondo giocatore che abbiamo in rosa in ordine di importanza, dopo Icardi. Se venisse ceduto, anche per 25 milioni, rischieremmo di pentircene amaramente.

  31. Nel primo quinquennio di scudetti nel 1931-35, la juve fece pesare il professionismo e gli oriundi; nel secondo quinquennio di scudetti nel 2012-2016,juve ha fatto pesare lo stadio e merchandising evoluto rispetto agli altri club. Se passa il new stream cinese, forse, toccherà all’Inter spezzare una egemonia altrimenti destinata a continuare e pure va detto, a far diminuire l’attenzione verso il calcio (dal 2000 ad oggi persi 4 mln di simpatizzanti).

    • Il calcio andrà avanti anche con meno simpatizzanti. Tra l’altro queste statistiche mi fanno un po’ ridere, visto che non passa giorno senza che in questo Paese si parli di calcio. A parole fan tutti gli intellettuali, poi sono lì a vedersi anche le repliche delle trasmissioni e a ricordarsi quello che uno che va in Tv ha detto dieci anni fa.
      GLR

  32. Alessandro // 26 aprile 2016 a 10:59 // Rispondi

    GLR, vado un pochettino off topic. Secondo te per quale masochistica ragione il Milan continua ad affidarsi ad ex Interisti (Brocchi, Miha, Seedorf) che puntualmente trasformano la compagine in una comica? Il prossimo allenatore chi sarà, Vampeta?

    • Più che off-topic, il post di pare non-sense. Il mondo è pieno di squadre che hanno vinto con ex interisti, ex milanisti o ex juventini. Non è quello che fa la forza di una squadra, senza ocntare che Borcchi e Seedorf hanno giocato molto più nel Milan che nell’Inter
      GLR

      • da anni ho la sensazione che al Milan sia ormai diventato morboso, una vera “malattia”, questo continuo voler annoverare ex-interisti tra le loro fila. E ogni volta se ne appropriano (caso emblematico: Ronaldo) come se fossero loro bandiere da sempre. Oppure: “Ibra torna? Sicuramente viene da noi!”. E guai a discutere…
        Cominciò tutto proprio con Seedorf e Pirlo, per proseguire con figure minori, poi con Ronaldo, poi con Vieri, con Ibra, con gli allenatori… Non vi sembra?

      • Alessandro // 27 aprile 2016 a 08:07 // Rispondi

        Perlomeno noi, con Leo, abbiamo vinto una coppa Italia :)

  33. non penso che la stagione da 4o posto sia tutta colpa del Mancio, ma un pò se l’è andata a cercare in quanto da inizio stagione non ha mai fatto giocare gli stessi 11 per due partite consecutive. Forse, questo, è stato un anno di transizione anche per lui perchè si è subito accorto della pochezza di alcuni giocatori e ha voluto capire chi è pronto per vincere qualcosa di importante e chi no. I punti fermi sono: Handa, Miranda, Brozovic e Icardi..purtroppo ne mancano ancora 7…

    • Io continuo a pensare che rose a confronto più del quarto posto non si potesse fare e non a caso le prime tre davanti hanno segnato almeno una trentina di gol più dei nostri
      GLR

  34. Il terzo posto nonostante i nostri limiti e le mie critiche e’ sfuggito principalmente per il fattore c della roma di Spalletti rispetto a quella di Garcia.
    Prendo in esame i punti conquistati o persi in seguito a gol decisivi segnati o subiti dopo l’85° minuto.
    Roma di Garcia saldo – 7
    Roma di Spalletti saldo + 9
    Aggiungerei anche il rigore sbagliato da Berardi al minuto 88 o la traversa della Sampdoria al minuto 95.
    Inter saldo generale – 3
    Schemi, moduli o giocatori passano in secondo piano.

    • Il calcio si sa che è fatto di episodi, ma proprio per questo, dopo l’avvio superiore alle attese, si pensava di aver messo in cascina i punti del difendersi da cose che nel calcio, Spalletti o Garcia, capitano in realtà da sempre. Certo che se vivi sempre sul margine minimo…
      GLR

  35. Ciao GLR voleva sapere da te delle voci che parlano di forti dissapori tra Ausilio e Mancini x via dell’ acquisto di Eder, secondo te c’è la possilita’ che torni Lele Oriali ? E se dovesse saltare Ausilio chi potrebbe essere il nuovo Ds? Dopo la tre giorni dei Cinesi come pensi che cambierà la programmazione x il prossimo campionato? Sarei felice di sapere una tua opinione anche se negativa….grazie…

    • Voci di chi? Io non le ho mai sentite. E Oriali, almeno a breve, potrebbe avere cose più interessanti da fare che tornare all’Inter
      GLR

  36. Ciao GLR, ma il tanto decantato super manager nostro attuale presidente dopo un anno di leadership deve cedere il 20% per 60 ML di €? Tradotto:è già alla canna del gas??
    E Mancini dopo quello che ha chiesto ed ottenuto e pure fallito ha ancora il coraggio di chiedere acquisti? Ma un pò di vergogna no?

    • Forse se si conoscesse un po’ di economia aziendale, un po’ di conti delle squadre di calcio, si farebbero valutazioni diverse. Se trovi un tuo amico che caccia 150 milioni ogni anno ci penso io a mandare a casa Thohir. Purtroppo c’è modo e modo di parlare di calcio. Io, per esempio, l’unica vergona che provo è pubblicare questo tipo di post, ma poi mi si accusa di non essere democratico…E speriamo che Mancini ne ottenga altri di giocatori, in fretta e più bravi di quello attuali, a meno che tu non sia tifgoso di altre sqaudre. Li paghi tu?
      GLR

      • Io ho fatto Economia e Gestione delle Imprese Industriali all’universita’…. Tu?
        Saluti.

        • Minchia, addirittura, mica una ‘laurea’ triennale qualunque! Insomma, un prossimo Nobel dell’economia! Io? Io nulla, ho solo la licenza di porto di fucile, ma per mestiere mi trovo a parlare quotidianamente con addetti ai lavori e amministratori delegati di società calcistiche da 30 anni. Apriti un sito tuo. Certamente ti seguiremo. Saluti
          GLR

      • Come fai a sopportare certi pseudo tifosi, quello è alla canna del gas, l’altro è un fallito… Che poi vedendo le cose con obiettività si noterebbe che l’inter ha si comprato giocatori, ma ne ha anche venduti. Che colpa vogliamo dare a Mancini? E’ chiaro che con Messi Suarez e Iniesta forse eravamo più competitivi, però mi sembra che stiano ancora al Barcellona!

        • Mica mi costa fatica…io ascolto tutti e rispondo in base alle mie fonti, che non sempre sono ineccepibili per carità, ma si parla di pallone, dove si sa che si cambia idea ad ogni minuto.
          GLR

  37. Fermo restando che l’Inter è più debole delle prime 3, non è che il grande calo che ha avuto la squadra sia anche dipeso dalla cessione del tanto vituperato Guarin? Forse perché dava a Mancini un’alternativa a centrocampo in più.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili