2C: Inter-Palermo 1-1

MARCATORI Rispoli (P) al 3′, Icardi (I) al 27′ s.t.
INTER (4-3-3) Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Murillo, Santon (dal 23′ s.t. Miangue); Medel, Banega, Kondogbia; Eder, Icardi, Perisic (dal 23′ s.t. Candreva). (Carrizo, Berni, Ranocchia, Yao, Melo, Gnoukouri, Biabiany, Brozovic, Palacio). All. De Boer.
PALERMO (3-5-2) Posavec; Vitiello, Goldaniga, Andjelkovic (dal 40′ s.t. Cionek); Rispoli, Hiljemark, Gazzi, Chochev, Aleesami; Nestorovski (dal 31′ s.t. Balogh), Quaison (Sallai dal 9′ s.t.). (Fulignati, Marson, Giuliano, Gonzalez, Pezzella, Jajalo, Bouy, Embalo, Bentivegna). All. Ballardini.
ARBITRO Russo di Nola.
NOTE Ammoniti Goldaniga (P), Aleesami (P), Gazzi (P), Murillo (I), Sallai (P), Rispoli (P).

Meglio che a Verona ma non abbastanza per vincere. Condizione ancora precaria come mi aspettavo e le partite non si vincono con i tabellini delle occasioni create. Siamo indietro e in ritardo, rispetto alle altre grandi, ma non riesco ad essere preoccupato, perché non guardo al contingente, non vivo alla giornata, ma guardo alle prospettive e a chi fa già parte di quest’Inter ma non c’è ancora. Poi ci sta, molto più oggi che in estate, che l’Inter si becchi la sua dose di critiche, perché un punto in 2 gare facili è indubbiamente poco. Da una settimana all’altra, qualcosa comunque è cambiato: Banega, per conformazione fisica, è più avanti di altri che hanno caricato parecchio in questa settimana, come Kondogbia, apparso invece più indietro che a Verona. Ve lo può spiegare qualsiasi preparatore atletico perché Eder o Palacio trovano la condizione più facilmente di Icardi o Kondogbia, non è questo il punto. Miglioreranno tutti nelle gambe e negli schemi, sperando che nel frattempo non si sia perso troppo terreno in classifica, ma Roma e Napoli, le due squadre che vanno tenute d’occhio più delle altre per la zona Champions non stanno ancora volando.
In ogni caso, poiché si fa sempre in tempo ad essere distruttivi e certuni tifosi interisti lo sono ben più dei media di cui poi grottescamente si lamentano, teniamoci per ora quel che di positivo è successo: l’Inter secondo i commercialisti con la terza media a giugno doveva fallire e non è fallita, l’Inter secondo gli economisti con la prima media non avrebbe potuto contare sulla proprietà cinese ed invece in breve tempo si è fatta sentire eccome, l’Inter secondo improvvisati web-procuratori avrebbe dovuto vendere i migliori ed invece sono ancora tutti qui. Poi, in dettaglio, le prestazioni di Banega e Candreva, il ritorno al gol di Icardi e una quantità di occasioni da gol che non vedevamo da tempo. Per il resto, si sappia che l’Inter è ancora un cantiere e non smetterà di esserlo tanto presto. Ovvio che Pescara diventi già una chance da non fallire per raccogliere i primi tre punti. Poi ci sarà l’esame con la Juventus ma, a sensazione, lo affronteremo, un po’ più preparati di oggi, è nella logica delle cose. Il resto è illogico e quindi non degno di nota.

Highlights
7′ Difesa Inter in coma, Goldaniga spreca
32′ Medel a botta sicura, Aldelkovic salva
35′ Corner di Banega, Miranda di testa a lato
37′ Crossi d Banega, Murillo di testa a lato
48′ Contropiede Palermo con Santon impreciso e Rispoli in rete 1-0
53′ D’Amborsio impegna Posavec
60′ Punizione di banega, Icardi di testa spreca
62′ Cross di Candreva, Icardi pareggia di testa 1-1
 67′ Cross di Candreva, Eder di testa a lato

99 Commenti su 2C: Inter-Palermo 1-1

  1. Pasquale Somenzi // 28 agosto 2016 a 23:21 // Rispondi

    Dopo che nel 1983 l’ Inter aveva iniziato il campionato con 2 sconfitte, solo 2
    volte è stata a secco di vittorie dopo 2 giornate, ossia con Gasperini nel 2011
    e con il primo Mancini, anno 2004 e sempre con le stesse due partite, ovvero
    Chievo-Inter e Inter-Palermo che allora furono 2 pareggi.
    Quattordicesima partita consecutiva a segno in casa contro il Palermo, l’ultimo
    0-0 risale infatti al 1969.
    Comunque se fossi un tifoso del Palermo non sarei per nulla contento, infatti
    le ultime 3 partite che l’Inter ha chiuso 1-1 in casa (solo 3 negli ultimi 2
    campionati) sono state con Carpi, Parma e Cesena, ovvero 3 squadre che a fine
    campionato sono retrocesse.
    Pasquale.

  2. Ennesima stagione di transizione per società e per coach. Ce ne faremo una ragione. Spes ultima dea!

  3. Claudio Fusco // 28 agosto 2016 a 23:28 // Rispondi

    Contro un Palermo che cambia 10 allenatori all’anno, non sta in piedi 1/2 alibi. Nessuno si aspetta un’inter che sappia già essere squadra, ma almeno le giocate dei singoli quelle si. Il fatto che Candreva, coi suoi cross, sia risultato determinante per raggiungere almeno il pari, dimostra che il colpo del campione a volte basta e avanza. Purtroppo di giocatori che possano fare la differenza ne conto meno che nel Napoli e nella Roma, che non sono certo squadre perfette, ma certo a noi superiori.

  4. Il tabellino non fa vincere, il risultato non fa la prestazione. Primi 25 min male, dopo il time out 5 occasioni gol (spero che con joao sia più preciso di medel sottoporta). Inizio 2 tempo fino all entrata di candreva molto male e poi meritavamo almeno altri 2 gol. Deludente pareggiare vs Palermo, avere 1pt in 2g, ma si è visto qualcosa. Si sapeva che nn sarebbe stato facile cambiare ma la squadra è forte e ha 2 ali (candreva perisic) che nn ha nessuno in italia. Si meritava la vittoria

  5. Non mi aspettavo grossi miglioramenti, tattici o atletici, ma considerando le occasioni sbagliate e il gol preso, penso che anche la fortuna non sia proprio dalla nostra parte!
    Ma forse partire male all’inizio non è una cosa così negativa, perché toglie dalla squadra delle pressioni che forse non era in grado di sopportare!
    L’importante è non staccarci troppo dalle nostre rivali per il 3° posto e anche dal Milan perché le critiche, anche per il nostro allenatore, diventerebbero insostenibili!

  6. Aldo Giuseppe Crotti // 29 agosto 2016 a 01:39 // Rispondi

    Avendo visto i ragazzi dal vivo che le hanno provate tutte non me la sento di infierire. Purtroppo a causa della scarsa condizione atletica, sommata alla scarsa personalità ed alle carenze tecniche, come già verificato lo scorso anno, di alcuni interpreti si è partorito un deludente pareggio. Spero che i nuovi acquisti alzino il livello qualitativo … Candreva docet! De Boer non si è giocato il terzo cambio e la posizione di Medel non mi ha convinto! Miangue bravo

  7. Complicato iniziare un’altra volta da capo. De Boer (ma non solo lui) necessita tempo. Speriamo glielo concedano.

  8. davvero si può migliorare con uno così in panchina? In due gare ha fatto più danni che le 7 piaghe d’Egitto! Nella prima ha messo Candreva a fare il terzino e il terzino a fare il centrale di difesa e ieri banega a recuperare palloni in difesa e Medel a concludere in area di rigore….cose pazzesche! Non mi ricordo chi lo diceva ma l’allenatore bravo e’ quello che fa meno danni, ecco noi ne abbiamo uno che ne fa di tutti i colori e non mi stupisce che l’abbia scelto Thohir! Amala

    • Eh eh, qui al 28 agosto, siamo già al ‘via de Boer’. Prenderlo sul serio sarebbe imbarazzante, ridiamoci su…
      GLR

      • C’era una volta un incapace (credo si chiami Mourinho) lapidario nel liquidare i giornalisti prima di una partita di Champions “vorrei vedere la tua formazione prima no dopo la partita”. Lo stesso che chiese a Eto’o (un pelo sopra Candreva direi) di fare il terzino con il Barcellona in semifinale. Io lo avrei cacciato…

  9. Lucia Farella // 29 agosto 2016 a 06:39 // Rispondi

    Purtroppo all’inter arrivano allenatori che amano cambiare la formazione ad ogni partita inserendo tra l’altro giocatori che altre rifiutano. Con Chievo e Palermo abbiamo fatto 1 punto mentre la Juve ne farà senz’altro 6 come ha fatto con Fiorentina e Lazio con le quali noi al massimo ne faremo 2 per cui il ritardo diventa già incolmabile già alla seconda giornata. La rassegnazione e la speranza di un gioco accettabile diventa pertanto anche quest’anno l’unico sogno che ci resta.

  10. Ieri un po’ di sfiga, ma un Palermo così malmesso va battuto senza se e senza ma. Non capisco il non fare l’ultimo cambio con Medel mezz’ala incursore fino alla fine, e anche Banega per giocare la si deve sveltire, ha perso troppi palloni tra cui quello che ci è costato il gol

  11. Spero che adesso, con 15 giorni di pausa, la società non faccia un altro colpo di genio sostituendo di nuovo l’allenatore… visti i risultati… è una battuta ma a questo mondo ci si deve aspettare di tutto

  12. Roberto Scibetta // 29 agosto 2016 a 06:57 // Rispondi

    Tanto la stagione è buttata, lo si sapeva da quando qualcuno ha deciso di esonerare un allenatore a 10 gg dall’inizio del campionato dopo avergli fatto fare squadra e preparazione.
    Mi piacerebbe trovare colpe in FdB, come a Verona, giusto per avere un capro espiatorio, ma francamente non ne trovo.
    Guardo il lato positivo: che gran giocatore che è Banega!! Ora aspettiamo l’inserimento della fotocopia portoghese di Brozovic e dell’ennesimo attaccante della rosa, poi vedremo

  13. Oggi qualcosa in più si è visto, ma purtroppo la condizione fisica è in netto ritardo (anche altre squadre hanno fatto delle tournèe noi solo vacanze. Era la terza partita con il nuovo mister, dobbiamo dargli tempo).
    Dal mio punto di vista De Boer ha in mente un centrocampo con Joao Mario, Banega e uno tra Medel e Kondogbia.

  14. sono convinto che l’atteggiamento non dipenda dalla condizione, e col Palermo abbiamo perso quasi tutti i contrasti e le palle vaganti perché loro mordevano e noi no. Non so se sia la società o l’allenatore a dover intervenire, ma la fame e la cattiveria agonistica sono fondamentali anche con il Palermo, e una squadra che ha fame di vittorie avrebbe giocato i minuti dopo il pareggio in un altro modo.

  15. Squadra costruita in maniera demenziale, soliti problemi solito organico assemblato da cani, servivano 2 terzini degni di giocare a San siro, un regista basso che detti i tempi, Banega è un trequartista non a caso, all’inizio veniva impiegato da regista basso ma con scarsi risultati la sua carriera è migliorata da quando hanno capito il suo vero ruolo, Medel a fare il trequartista è sintomo di confusione di De Boer che poveretto catapultato in mezzo ai matti prova cose da mago forrest

  16. Mauro Cozzi // 29 agosto 2016 a 07:30 // Rispondi

    Diciamo che quando da altre parti piove, da noi grandina, da sempre. Gol preso su unico mezzo tiro in porta. Bastava poco per vincere contro questo Palermo, manco questo. Abbiamo cambiato tutto a dieci giorni dall’inizio non mi aspettavo altro. Bisognava fare tre punti anche giocando male. Sarà una lunga stagione, vediamo che succede, sperando in un terzino normodotato entro il 31.

  17. Alessandro // 29 agosto 2016 a 07:32 // Rispondi

    Il dato preoccupante, che ereditiamo dalla passata stagione, è la totale mancanza di ispirazione per trovare la battuta a rete. Ben vengano gli stacchi sui calci d’angolo dei due centrali, ma per il resto grava tutto troppo sulle spalle di Icardi. I centrocampisti non sono addestrati/organizzati per calciare in porta, le palle arrivano in area senza logica e costrutto; serve un giocatore che garantisca quei 10/11 gol che, ripeto, diano respiro ad Icardi e invoglino i compagni a fare altrettanto.

  18. Dioli Luca // 29 agosto 2016 a 07:35 // Rispondi

    Sicuramente dobbiamo aspettare ed avere molta pazienza in questi mesi. Ma ieri sera guardando la partita mi chiedevo, al di là del tira e molla di Mancini e dei pochi gg di De Boer, vedendoli correre più di domenica scorsa, quanto si ricava dalle turneè estive per non sostituirle con un classico ritiro tutti insieme per 40 gg a Brunico come ai vecchi tempi dove magari si riesce a fare squadra ed allenamento. Sarò un nostalgico, ma magari funziona.

    • A 3 milioni di incassi estivi, nessuno rinuncia, quindi parliamo di cose possibili.
      GLR

      • Permettimi ma se per incassare 3 milioni rovini la preparazione estiva e non ti qualifichi alla CL, alla fine di milioni ne perdi 30…basterebbe regalare uno dei tanti brocchi che abbiamo in panchina per racimolare quei soldi

        • Non è proprio così, ma ho già spiegato un milione di volte perché ogni grande club è ormai condannato a fare le sue PR durante la preparazione estiva
          GLR

  19. De Boer non ha ancora finito di valutare i giocatori completamente, dopodiché penso che i signori Eder, Kondogbia e Medel si accomoderanno in panchina per lasciare il posto a colleghi più dotati dal punto di vista tecnico, rimanendo a disposizione. Il signor Santon penso che non possa far parte della rosa e dovrà trovare gloria altrove insieme al collega Ranocchia. Con Gabigol, Joao Mario e un difensore che arriverà le cose miglioreranno. Per l’altra mezzala io insisterei ancora su Brozovic.

  20. Guido Villa da Samobor (Croazia) // 29 agosto 2016 a 08:09 // Rispondi

    Molte occasioni sono venute dalle fasce, da Perišić nel primo tempo e da Candreva nel finale. Non vedrei male entrambi sulle fasce contemporaneamente, magari con qualcuno là in mezzo abile nei colpi di testa.

  21. Miglioreremo, ma ci vuole tempo. Ho sempre difeso Mancini, ci ha fatto vincere! Certo che se avesse badato meno alla buonuscita e più al bene dell’Inter, avrebbe permesso un cambio di allenatore con un buon margine per arrivare pronti all’inizio del campionato.
    Sono convinto che faremo un buona stagione, la squadra si è rinforzata e De Boer è un ottimo tecnico, mi auguro che si creda in questo progetto a lungo termine.

  22. Maurizio Finotti // 29 agosto 2016 a 08:16 // Rispondi

    malgrado l’evidente ritardo ateletico personalmente non reputo la partita di ieri negativa. Vero che come dici tu le occasioni da gol non contano niente sul tabellino, ma in alcuni momenti ho avuto l’impressione di intravedere barlumi di possesso palla organizzato che fanno ben sperare per il futuro. FDB deve solo continuare a lavorare sereno ed a mio parere i risultati arriveranno.

  23. La squadra è apparsa lenta e fuori condizione; mancano moltissimo i movimenti senza palla. Stiamo pagando un’estate “pessima” passata fra le polemiche ed un cambio di allenatore a due settimane dal campionato. Ora ci vuole tempo ed i tifosi devono avere pazienza; se non l’hanno stiano a casa ad occuparsi di cose più importanti del calcio ( famiglia, lavoro, salute….).
    Secondo me occorre inserire Joao Mario a centrocampo e considerare Medel come primo rimpiazzo di Miranda o Murillo.

  24. A me tutto sommato la squadra e’ piaciuta. Bisogna aver fiducia. Solo la sfortuna ci ha impedito di vincere. 5/6 palle gol, se ne entra una sola si parlerebbe di squadra in progresso
    Unici scarsi per me Santon e Kondo.

  25. Ciao, Medel nell’area avversaria e Banega a rubar palloni è un incubo o è successo davvero?

  26. Se Mancini non è riuscito a dare un gioco in 18 mesi, come potrebbe farlo De Boer in 3 settimane? gli va dato tempo, miglioreremo senz’altro, forse vedremo anche un bel gioco, ma non mi faccio illusioni sulla Champions. L’unico errore di Thohir è stato quello di non chiamare De Boer al posto di Mazzarri come voleva fare, abbiamo solo perso 2 anni…

  27. Miglioreremo di sicuro, d’altronde un allenatore in 15 giorni non puo’ fare miracoli, a maggior ragione se viene da noi.
    Si paga l’idea scriteriata della società (in questo caso c’è continuità con le precedenti) di cambiare nei momenti meno opportuni.
    Le buone notizie arrivano dal mercato sperando in un difensore centrale ed in un terzino da Inter.
    Poi magari anche meno sfiga: prendere un gol da una scarponata destinata al fotografo non è da tutti
    Un altro anno di transizione dai, il quinto.

  28. Ingiudicabili. Non significa necessariamente una cosa negativa, semplicemente non ci sono elementi per poter dire “che schifo” o “che bello”.
    L’Inter è un cantiere aperto fuori condizione (fisica), con molti elementi nuovi e schemi approssimativi perchè è nuovo l’allenatore, con idee differenti da quello di prima.
    Vero, ci vorrà tempo, però erano due partite da bere come un Crodino e si è raccolta la miseria di 1 punto. Le altre se ne vanno, ma soprattutto tra due giornate arriva la Juve! :-)

  29. Ieri era la stessa squadra dell’anno scorso, con Banega al posto di Brozovic, per cui con le stesse problematiche (se Banega gioca Avanti nessuno imposta, se gioca dietro nessuno rifinisce), aggiungiamo che il nostro terzino sx e’stato ritenuto fisicamente non idoneo da due squadre, possiamo dedurre che o in panchina ci va Copperfield oppure, al momento, i risultati sono questi. A mio avviso abbiam bisogno di due terzini che sappiano crossare decentemente. Per il resto possiamo solo migliorare Luca

  30. altra partita non positiva, con i difetti che già conosciamo, ecc…..però due cose volevo precisarle: 1) qualcuno dovrà spiegare a Banega che deve velocizzare i passaggi e che perdere palloni sanguinosi “costa”…2) non si può prescindere da Candreva, che anche in condizioni non perfette ha messo due cross fondamentali (gol e occasione..). Ci vuole un pò più di coraggio nel puntare l’uomo per crossare dal fondo, doti che a Candreva e a Perisic non mancano…giusto Frank?

  31. Volevo fare notare la reazione dopo il gol subito; le altre volte è stata di nervi, a tratti isterica. Questa volta hanno continuato a giocare, o almeno ci hanno provato, senza appunto atteggiamenti da crisi di nervi. Già questa, a mio avviso, una grande differenza rispetto al passato. Per me questo è già un merito di FDB.

  32. Vedere in un colpo solo come mezze ali ( o mezze s…., come preferite) del calibro di Medel e Kondo è stato un Halloween anticipato….incredibile…. e che dire di Santon che gioca da titolare dopo che lo volevi rifilare ovunque!

  33. No! non è casualità e nemmeno sfortuna. Troppo ricorrenti gol così (negli ultimi anni) per essere tale. E’ un problema strutturale di squadra e di interpreti. Difesa scarsa, ecco tutto. Due terzini che se li scambi con quelli del Palermo, forse ci guadagniamo. Un difensore che fa la mezzala e quell’altra mezzala che… mezzala non è (se continua a giocare così ne farà molta di panca). Un esterno (Eder) che esterno non è, e un esterno molto forte che fa panca. Ma, De Boer, lo conosce Candreva?

  34. La squadra è ancora lenta e dietro dal punto di vista fisico (ma De Boer non ne ha colpa alcuna), però mi è sembrato di vedere qualche accenno di manovra e di schema coerente e con l’implementazione dei nuovi acquisti, compreso Ansaldi che non abbiamo ancora visto, non potrà che migliorare. A mio avviso il vero equivoco tattico è Eder che non può essere la spalla ideale di Icardi perché ha lo stesso ruolo. Ai pessimisti in servizio permanente effettivo suggerirei di pazientare: cresceremo!

  35. Riusciremo a vedere il 4-2-3-1, modulo che sembra confacere alla squadra? FDB deve partire da lì, poi le modifiche si faranno durante . Allegri insegna, almeno copiare siamo capaci o no? Se ci fosse stato Banega al posto di Medel i gol li avrebbe sbagliati o no?

  36. Miglioreremo sicuramente, nessuno può sapere quanto… ma miglioreremo. Anche perché stiamo giocando proprio male… Sulla brillantezza fisica poteva essere stato fatto qualcosa in più, ma ormai la condizione è questa e speriamo di raggranellare qualche punto in questo inizio di campionato. Oltre alla situazione generale della squadra ci siamo penalizzati schierando Ranocchia alla prima e Santon alla seconda: ma come mai se non passa dagli altri le viste mediche da noi parte titolare?

  37. onverrai che ogni disamina tattica, con un allenatore arrivato da 20 giorni, sia inutile o perlomeno azzardata. Però una cosa te la voglio chiedere lo stesso: visto che è evidente a tutti che i nostri non stanno in piedi, il perché è noto? Colpa della tournée? L’han fatta anche gli altri. Colpa dello scazzo del Mancio? Assurdo. Esiste un colpevole, e ha un nome e cognome, oppure non corriamo per partito preso?

    • Chi è nel calcio sa bene come vanno le cose quando si cambia allenatore, mentalità e filosofia a stagione già cominciata: occorre più di un mese per intravedere qualcosa. Chi se ne frega se la colpa è di questo o di quello o di quell’altro che non c’è più, lavoriamo e basta.
      GLR

  38. abbiamo avuto piu’ occasioni ieri che nelle ultime 5 di campionato dello scorso anno. Purtroppo 1 gol solo. Dobbiamo continuare a lavorare, speriamo che i tifosi non boccino De Boer gia’ per partito preso come stanno facendo i giornali (evidentemente non ha ancora fatto amicizia con nessuno). Teniamoci buono Candreva (erano cross quelli? un giocatore dell’inter sa crossare? ma siamo sicuri? Roba cosi non si vedeva da anni)

  39. Paolo Assandri // 29 agosto 2016 a 10:09 // Rispondi

    Non capisco su chi si possa fare la corsa, Juve e Napoli secondo me sono superiori, forse si può sperare nel solito psicodramma romanista. E comunque che si segni poco è un problema latente: in questa squadra i gol li fa solo Icardi (15-20), non bastano i 15 che insieme faranno Perisic e Candreva, i centrocampisti DEVONO segnare, altrimenti si fatica. Uno tra Medel e Kondo deve andare in panchina, e purtroppo per me dev’essere Kondogbia, perché Medel oggi è superiore e credo imprescindibile

  40. Alberto C. // 29 agosto 2016 a 10:19 // Rispondi

    Confido in De Boer, ricordando il calciatore quadrato ed intelligente che è stato.
    Ma Kondo? Era arrivato per erigere un muro a centrocampo, ma da un anno (salvo rare eccezioni) caracolla scoordinato sul campo.
    Ieri in un recupero Medel ha corso che sembrava una Ducati a tutto gas, mentre Kondo seguiva come un Califfone smarmittato…

  41. Lo scorso anno inizio a punteggio pieno, primato fino al giro di boa e poi buio assoluto.
    Quest’anno inizio a punteggio (quasi) vuoto: non possiamo che migliorare, il nostro campionato sarà in crescendo continuo, la squadra, malgrado non si veda ancora, c’è ed è molto tosta, oltre che tecnicamente di ottima qualità.
    Ho grande fiducia.
    Claudio – Parma

  42. Jack Berga // 29 agosto 2016 a 10:53 // Rispondi

    Al di là di risultato (male) e prestazione (così così) di ieri (ci hanno chiesto di avere pazienza, l’avremo), per la prima volta da forse 5 anni, ho visto una squadra con 5 o 6 ottimi giocatori. Handanovic, Miranda, Banega, Kondogbia (lo stadio lo fischia ma, per me, gioca bene), Perisic, Candreva e Icardi potrebbero giocare in un top club europeo. E questo, ripeto, non accadeva da 5 anni.
    Con i nuovi innesti e un po’ di tempo, credo che rivedremo (che gioia!) giocare a calcio.
    Ciao. J.B.

  43. Su banega. Leggo e sento che non è un regista e ha giocato malissimo e fuori posizione. la prestazione è stata buona e se si riguardano le partite del Siviglia, banega partiva sì trequartista ma in fase di possesso si abbassava da regista per impostare visto che krykoviak e nzonzi nn sono registi ma mediani. Allo stesso tempo in fase difensiva si abbassava.Trovo sia una polemica inutile quella su banega, destinato a migliorare quando saremo in forma, al completo e amalgamati

    • Sul web come sulla carta stampata, tifosetti ed “opinionisti” scrivono quello che gli pare, tanto avranno sempre torto per alcuni e ragione per altri.
      Nel 433 dell’Ajax, De Boer, alle due mezz’ali, schierava 2 (DUE) trequartisti tecnici e come vertice basso un tale Poulsen (mica Pirlo).
      Ecco quindi che Medel come vertice basso e Banega e Joao Mario come mezze ali, il trio di centrocampo è fatto.
      Con un po’ di forma fisica ritrovata e meccanismi oleati tra terzini ed ali, qualcosa arriverà

  44. Non sfruttare il terzo cambio quando sei 1-1 con una squadra che non arriverà a 20 punti a fine campionato è vergognoso. E quella non è questione di ambientamento, ma di mentalità. Ennesimo allenatore con mentalità da perdente.

    • Solita povertà di aggettivi malgrado la lingua italiana ne conceda tanti: sul web è tutto ‘vergognoso’, nella vita reale per fortuna esistono ben altre sfumature più adeguate alle situazioni contingenti. Per coloro per cui al 28 agosto siamo già alla vergogna cambiate sport o almeno sito, grazie.
      GLR

  45. caro g.l.r. seguo l’Inter da una vita e apprezzo i tuoi commenti ma vuoi spiegarmi perché questa benedetta società è sempre così incasinata…grazie

    • Sempre? A me non pare sempre. I suoi tifoii forse lo sono sempre. Negli ultimi 5 anni si sono cambiate due proprietà, almeno tre squadre e allenatori. Mi sembra ovvio. L’importante è ripartire una volta per tutte con una certa stabilità.
      GLR

  46. …pazienza…ci vuole pazienza…peccato non la vendano al supermercato e nemmeno in farmacia….farebbero una fortuna visto il numero di persone che ne necessitano…..
    MarcoDP

  47. Ciao Gian Luca, brutta partenza ma sono convinto che faremo un buon campionato…comunque anche altre squadre già ben collaudate dallo scorso anno sono partite male…vedasi la Roma che è già fuori dalla Champions e ieri si è fatta rimontare 2 goal…positivismo dai!!

  48. Per il gioco (questo sconosciuto) forse é meglio aspettare fino a settembre/ottobre prima di smadonnare. Speriamo.
    Ieri una cosa mi é però piaciuta molto: l’inserimento del ragazzo della primavera Miangue -credo si scriva così- non tanto per il debutto in sé, ma perché la partita era ancora in bilico e l’allenatore l’ha messo a prescindere. Santon inguardabile ma resta un gesto di buon coraggio
    Winter

  49. Calcio ha sue regole. Proprietà Dirigenza Tecnici giocatori di diversa provenienza ci mettono tempo per trovare una sintesi. Tifosi interisti lo accettino e sostengano la squadra

  50. malgrado tutto amala!!! // 29 agosto 2016 a 13:58 // Rispondi

    FDB non parla italiano? E con chi dovrebbe discorrere se all’inter di italiani non ce ne sono? Lasciamolo lavorare, la rosa è giovane e lui un bravo maestro. Giocatori di 23/24 anni hanno tutto da imparare certo i ruoli scoperti ci sono e duole vedere che il mercato ha portato doppioni presi non certo a buon prezzo. Candreva in panca cmq è una bestemmia e davanti siamo troppo Icardi dipendenti. Speriamo che il mister non si incarti come tanti prima di lui.

  51. Sono molto deluso dal trattamento che viene riservato da stampa e giornali a de Boer: mi sembra venga etichettato come uno sprovveduto capitato per sbaglio ad allenare. Io non so se farà bene o meno all’Inter, ma un professionista che ha giocato ed allenato ai massimi livelli per 20 anni e che parla 4 lingue non lo si può trattare come un dilettante allo sbaraglio al grido di: solo gli italiani, maestri di tattica, sanno allenare in Italia. Lo trovo di un provincialismo becero.

    • L’italiano medio pensa sempre di essere in più furbo del mondo. Lui si è fermato ai libri di storia, il mondo è andato avanti. E tutto quello che qui non si conosce fa paura o invidia
      GLR

    • Così a memoria, a parte Mourinho, Herrera, e Liedholm (e volendo Eriksson), gli allenatori stranieri, alcuni anche molto quotati nei loro Paesi (Tabarez, Menotti, Cuper, Luis Enrique, ecc.) nel nostro campionato hanno stentato parecchio. Per contro esportiamo tecnici vincenti ovunque. Non solo i “mostri sacri” Trapattoni, Ancelotti, Capello e Lippi, ma perfino Spalletti e Ranieri (oltre a Zenga, che però ha sempre allenato in tornei minori). Sono i risultati a dire che i nostri sono più bravi.

  52. Ma quando Ausilio ha dichiarato “Icardi non si muove” si riferiva al mercato o al campo? Propendo per la seconda ipotesi, peccato che De Laurentis abbia equivocato!

  53. Giacomo Seneca // 29 agosto 2016 a 14:23 // Rispondi

    Sono sgomento del linciaggio mediatico a De Boer, aka Frank di burro secondo il corriere dello sport. Questo allenatore sta provando a fare un cambio di mentalità, sta cercando di dare un gioco e ha una squadra sia fuori condizione, sia in assemblaggio in termini di organico. Oltretutto, registro sì i fischi a Santon, ma la maggioranza del pubblico interista ieri ha supportato la squadra, altro che fischi.
    Morale della favola: se in questo paese non hai padrini, sei coperto di merda alla 2a.

    • L’ha ordinato il dottore di leggere i nostri quotidiani sportivi? Non credo.
      GLR

      • Giacomo Seneca // 29 agosto 2016 a 14:36 // Rispondi

        Certamente non l’ha ordinato il medico, ma la libertà di stampa non esiste per scrivere pirlate a caso. E se l’editoria italiana è così conciata (Cairo a parte), forse due domande è il caso di porsele. Non ho comprato il giornale ma dà fastidio ogni lunedì vedere rassegne stampa del genere. E il tuo discorso sulle ‘penne satelliti’ rientra nella questione.

        • Ma prima della libertà di stampa c’è anche la libertà di pensare con la propria testa, fregandosene di quello che dicono i giornalisti, me compreso. Con l’avvento dei social, ognuno ormai può definirsi giornalista, anche senza l’opportuno esame di stato. La differenza la fa il pubblico che ti segue, non nella quantità ma nella qualità. Sobillare sul web la gente è facilissim o, io nel mio piccolo provo a raccontare quel che ha ancora senso.
          GLR

      • Guido Villa da Samobor (Croazia) // 29 agosto 2016 a 21:54 // Rispondi

        I giornali devono vendere copie e raggranellare tanti clic su Internet, e incassare denaro da pubblicità. E se una squadra non fa punti, loro battono dove il dente duole per guadagnare lettori. Tutto normale. Sta a noi non dico di non leggere i giornali, ma di avere un minimo di sale in zucca da non farci impressionare.

  54. Mi metto sinceramente a ridere quando leggo certi articoli di certi quotidiani…il problema di base di questa squadra è che non ha il fondo. ..non corre. ..chiunque sappia un minimo sulla preparazione fisica di un atleta se ne accorge ad occhio nudo. Il calcio è uno sport di movimento..non è il subbuteo..se poi la sfiga ti viene incontro a braccia aperte, giocando a 36 gradi, in un momento che la preparazione è quella che è. …io non sono preoccupato..vedo un bel futuro….

  55. Ti faccio un paio di domande:
    il nostro Mister in che lingua comunica con i nostri giocatori?Cioè siamo sicuri che tutti capiscano quello che gli si chiede anche durante la partita?
    Se Kondogbia si chiamasse Condobbia e fosse stato acquistato dalla Spal per la metà del denaro credi che lo vedrebbe ancora il campo?
    Saluti.

    • In inglese. Una lingua che chi vuol far parte del mondo che conta ormai deve obbligatoriamente parlare anche se non è la sua lingua madre come avviene in tutti i Paesi evoluti. E non vedo il problema, visto che all’Inter con tanti stranieri lo parlano praticamente tutti, perfino i sudamericani ultimamente.
      Si chiama però Kondogbia e non sono tanti i 22anni già con una certa esperienza in Champions. Forse l’abbaglio., se ormai di abbaglio conclamato si tratta, lo han preso in tanti. A volte capita.
      GLR

  56. Ieri DeBoer non ha snaturato la squadra sostituendo due giocatori nel loro ruolo (Miangue/Santon Candreva/Perisic) ma non ha fatto entrare la quarta punta (Palacio) negli ultimissimi minuti per vincere la partita. Se non altro è coerente con quello che dice, vuole una squadra che abbia una fisionomia ed una identità ben precisa. Il problema è il tempo, che succederà se dovessero andare male le prox partite? Il vero problema a centrocampo per l’Inter è Medel, giocatore mediocre non da champions.

  57. Ma giocare con due punte fisse in area e’ reato ? Perche’ imperversa questo 4-3-3 che ti porta ad avere quasi sempre un solo attaccante davanti alla porta e ti rende quai mai pericoloso se non hai centrocampisti che si inseriscono ? Puo’ Kondogbia giocare in Serie A con quel tasso di tecnica pura da somigliare al peggior Muntari ? Chi riesce a contare quanti primi gol in assoluto hanno messo a segno, contro di noi, illustri sconosciuti come Rispoli ieri ? Amiamola….

  58. Dai ragazzi non facciamo drammi, in 10 giorni di lavoro non si poteva sperare chissà cosa, diamo tempo al mister e vedrete che faremo bene.

  59. Alessandro Bollini // 29 agosto 2016 a 15:50 // Rispondi

    prima partita difesa a tre di mazzarriana memoria, senza interpreti adatti.
    Ieri Banega a fare il Medel e viceversa e mi fermo qui.
    Tutti a dire “diamo tempo a De Boer” e magari gli stessi hanno avuto per slogan il “via il ciuffo”. Coerenti davvero.

  60. Con Medel al posto di Banega, avremmo avuto 1/5 delle occasioni per mancanza di palloni. Non abbiamo vinto perché siamo in ritardo e per sfiga.
    Per me ha provato la squadra senza interditori in vista di JM. Brozo era distratto e forse temeva di ballare troppo, quindi dentro Medel. Il cross di Candreva da quanto tempo non lo vedevamo?
    Prendi gli ultimi 15 del pt di Perisic e gli ultimi 15 del st di Candreva e mettili in tandem 90′. Secondo me, quest’anno ci divertiamo.

  61. Penso di essere l’unico tifoso interista sufficientemente contento della partita: condizione pessima di alcuni ma abbiamo creato tantissimo. Il classico “primo gol in serie A” segnato naturalmente all’inter, a S.Siro sul primo mezzo tiro deviato proprio dove non ci arriva nessuno. Dobbiamo essere positivi, questione di centimetri e oggi stareste tutti parlando dell’ottima impronta di De Boer sulla squadra.Bisogna salvare ciò che di buono si è visto contro un Palermo che giocava in stile rugby.

  62. Fabio Primo // 29 agosto 2016 a 17:21 // Rispondi

    C’è una sentenza ormai evidente: Kondogbia si avvia ad essere il primo grande flop del dopo Moratti. Scommetto con chiunque che il giocatore con l’innesto dei nuovi giocherà sempre meno , e a gennaio o al massimo a fine stagione sarà ceduto o prestato. La dimensione del bidone è purtroppo data dal prezzo del cartellino e dall’ingaggio .

    • Vedremo se il destino di una persona può essere segnato già così in anticipo. Mi auguro non sia così per te nella tua vita.
      Io sono un pazzo e credo ancora al potere dell’uomo, di qualunque uomo, di poter cambiare le cose col proprio lavoro.
      GLR

      • Anch’io darei altro tempo a Kondogbia, ha fatto vedere anche qualcosa di buono, in fondo Kovacic credo abbia avuto 3 anni.

  63. Che di strada da fare ce ne sia abbastanza mi pare ovvio. Però a mio avviso dei miglioramenti ci sono stati . Si ok si doveva vincere però , il Palermo ha fatto due tiri in 90 minuti di cui uno per una deviazione è diventato imparabile. Di occasioni ne abbiamo create, manca condizione fisica . Prima di dire che il nostro allenatore sia uno sprovveduto , inviterei a guardare quante partite ha giocato e quanti trofei ha vinto da giocatore .
    Avanti con pazienza e fiducia

  64. Banega alla Pirlo per quasi tutti è uno spreco perchè alla Snejider renderebbe di più. Ok. E chi lo potrebbe fare? Gnokouri? Ma per piacere! Per ora va più che bene,al rientro con Joao già in palla e con Kondo (che a me piace e non poco,forse non capisco di calcio) meno appesantito dai carichi di lavoro,con 15-20 minuti in più di autonomia di Perisic e Candreva(altro GRANDE giocatore),con Gabi come variante e si spera anche con Mauro un pò più pronto di gamba penso che qualcosina vedremo..

  65. Paolo Sabiu // 30 agosto 2016 a 00:01 // Rispondi

    Prendersela già con un tecnico che è qui solo da 20 gg è semplicemente fuori ogni logica! Gli serve tempo per capire che tipo di giocatori ha a disposizione e quali si addicono meglio alla sua filosofia di gioco, e una sola amichevole estiva, quella col Celtic, non poteva certo bastare a FdB per intuire tutto e subito. Senza contare che ora ci saranno due nuovi innesti in rosa di una certa rilevanza. È vero che raccogliere 1 pt nelle prime due gare possa sembrare avvilente, però calma, caspita!

  66. De boer è un allenatore che mi piace, deve esser solo aiutato a coniugare la sua idea di calcio con alcune “malizie tattiche” tipiche del calcio italiano, e per questo (ovviamente mi scuso se fosse gia’ cosi’) io avrei scelto un allenatore in seconda italiano. Io rimango della mia idea, da tifoso milanista, con un un difensore centrale all’altezza, questa squadra non è assolutamente inferiore alla roma.

    • Non si scusi…il vice-allenatore è Orlando Trustfull, ex giocatore soprattutto del Feyenoord, olandese.
      GLR

  67. Sono convinto che faremo grandi cose. De Boer ha una grande idea di gioco e l’organico (difesa a parte) è ottimo.
    Sarebbe bastato portare l’allenatore a inizio preparazione e avremmo vinto anche queste 2 gare.Le prime 2 partite porteranno la società ad intervenire laddove ce ne sarà bisogno. Mi fa piacere vedere tanti webeti (interisti e non) che già sentenziano: sono gli stessi che hanno scritto scemenze sui social dopo il terremoto. Puntualmente verrete smentiti, intanto restate idioti.

  68. Buongiorno. E’ vero che non è necessità fondamentale della vita leggere i quotidiani sportivi e nemmeno cedere ad un certo egocentrismo (di chi scrive) intervenendo ad una rubrica come la sua, ma stiamo parlando di una passione per il calcio ed una squadra in particolare, per cui credo sia lecito irritarsi per i commenti dei media o per la scelta di un allenatore che si è presentato come un Gasperini qualunque. I vecchietti del bar che lei frequenta avrebbero fatto formazioni migliori. Saluti.

    • Ah, questo è sicuro, ma ne avrebbero fatte 38 in 38 partite, come Mancini del resto. Quindi c’è sempre un filo logico…
      GLR

  69. L’anno scorso a mio avviso Napoli e Roma ci erano francamente superiori e siamo logicamente arrivati quarti.
    Quest’anno non mi sembra cosi stando alle rose e la gara per il secondo posto è aperta e direi anche alla nostra portata.
    Diamo a FdB il tempo di cui necessità e aspettiamo Natale per tracciare un primo bilancio, per ora calma e gesso e FORZA INTER.
    Mi sembrano intanto molto buoni i cinesi e ben determinati e decisi.

  70. Ps: ero a Verona a vedere i ragazzi e per la gara interna col Palermo avevo timore che non avremmo vinto; così è stato ma mi sembra presto per suonare la sirena dell’allarme, in fondo la corsa dobbiamo farla su Napoli e Roma e mi pare che abbiano anche loro le loro rogne…

  71. Francesco CANNIZZARO // 30 agosto 2016 a 17:48 // Rispondi

    Che bello!
    Nulla a che vedere con Inter/Palermo, ma che goduria vedere, sembra, una società che non consente ad altri di gestirla. I casi Icardi (Napoli e Juve) e Brozovic (Juve) mi sono piaciuti. Gestiti non con l’arroganza del leader che vuole schiacciare gli altri (ogni riferimento è voluto), ma con la determinazione di chi difende i propri interessi.
    Ciao Gian Luca

  72. Sono sempre d’accordo con le tue idee, perché sei sempre molto obbiettivo e sopratutto realista. Sono convinto che almeno quest’anno si vedranno diversi giovani in campo, vedi domenica. Peccato che non si sia risolto subito il contratto dopo l’incontro tra il presidente e Mancini, così il mister avrebbe avuto più tempo possibile.

  73. Non capisco come si può fischiare kondogbia al 92 minuto per un passaggio sbagliato allora che 1 minuto prima si era mangiato 2 giocatori del Palermo da solo sulla fascia ! si inizia a vedere qualche schema di giuoco! l Inter adesso deve imparare a giocare i risultati arriveranno dopo !!! Mi è piaciuto l ingresso di miangue!!

  74. Se Frank è “di burro”, Mancini che era, alla luce delle pallonate che prendavamo da chiunque trovassimo sul nostro cammino? Gioco in orizzontale, zero tiri in porta, fragilità generale..
    critiche nei confronti di de boer figlie del pregiudizio verso un allenatore che si aspettavano stolto e sprovveduto, quando ad oggi si è dimostrato accorto e prudente.

  75. Della partita col Palermo mi sembra sia stato poco sottolineato il fatto principale: questa squadra e’ molle, non ha grinta, non ha cattiveria e non è determinata. Se mancano (ma perché’ poi ?), parlare di moduli e allenatore e’ inutile

  76. Roberto Pagani // 2 settembre 2016 a 09:12 // Rispondi

    io non voglio criticare la squadra e nemmeno l’allenatore , bisogna sostenerli sempre, aldilà del risultato…

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili