Thohir ora è credibile

Per mesi disinformati chiacchieroni ci hanno ammorbato col Thohir presidente interista di facciata, per qualcuno inaffidabile, per qualcun altro appena benestante: pregiudizi medievali di un Paese medievale e a volte non solo calcisticamente. Alla vigilia del traguardo dei due anni di Presidenza, anche Tuttosport riconosce a Erick Thohir un ruolo centrale nel futuro del calcio italiano. Il progetto per riportare l’Inter nei primi club del mondo è a lungo termine e passa per Mancini, che a Thohir non pare nemmeno italiano. Per approccio e metodo di lavoro Mancio è ormai manager all’inglese a tutti gli effetti.
Insomma Thohir porta avanti le sue idee come un caterpillar, anche davanti a Moratti che vorrebbe farsi da parte: per Thohir Massimo è parte integrante del progetto e l’ex presidente al momento per senso di responsabilità abbozza.
Non ci saranno 4 rinforzi a gennaio perché Mancini non li ha chiesti, ma sicuramente ci sarà qualche sorpresa. Thohir è invece rimasto male, al di là delle dichiarazioni di facciata, per il cambio di rotta del Milan su San Siro, ma la cena con Berlusconi, un altro scettico che ha cambiato idea su di lui, è servita per cementare i rapporti e per un calcio italiano più forte nuove relazioni dovranno esserci anche con Juve e Roma, con Andrea Agnelli e James Pallotta.

25 Commenti su Thohir ora è credibile

  1. va bene tutto , ma a quel moccioso di Agnelli nemmeno il saluto rivolgerei!!!!!

  2. Onestamente ho sempre difeso Tohir dai tifosi interisti ignoranti e beceri che gli rinfacciavano addirittura di essere uno strozzino che prestava soldi ad interesse senza conoscere le regole del FPF… o di essere ignorante calcisticamente. E’ un uomo d’affari con ben presente cosa fare e con un piano “industriale” sostenibile… solo cosi potrai andare avanti nel mondo del calcio.
    Purtroppo a molti questo è molto difficile da capire..

  3. In tanti si giudica senza sapere..così tanto per parlare (compreso tanti tuoi colleghi o presunti tali). Comunque hai ragione ancora una volta, a gennaio al massimo arriva un centrocampista di qualità. Forse non Pirlo ma qualcuno si. Siccome non metto io i soldi mi piacerebbe molto (e credo anche a Mancini) Moutinho del Monaco. Ricorda molto il primo Sneijder anche se con l’età ha arretrato molto il raggio d’azione e adesso gioca più da play. Sarebbe perfetto!

  4. Vuoi mettere Thohir che i soldi sono suoi con Mr. Bee che fa’ il broker? Arrivera’ prima la Finanza o Mr. Bee? Scommetterei sulla Finanza.

  5. mario colonia // 5 novembre 2015 a 23:42 // Rispondi

    Thohir ha sempre avuto un piano ben preciso che spero riesca. il mio timore e’ che un modello manchester united in italia possa avere ostacoli che in inghilterra non ci sono. il ridicolo balletto sullo stadio da parte dei campagnoli ne e’ un primo esempio. l’orario delle partite un altro. sulla lega,la figc e le politiche sportive in generale stendiamo un velo pietoso. non ci resta che aspettare e….. sperem……

  6. Io ero il primo ad essere contento quando compró la società, anche se non sapevo chi fosse speravo appunto si dimostrasse un manager, perché la gestione manageriale è sempre stata il tallone d’Achille di Moratti. A distanza di 2 anni solo giù il cappello davanti a Thohir: unico neo il rinnovo di Mazzarri per dargli credibilità nei confronti della squadra, classico discorso che si fa qui in Italia e che io continuerò a non capire..

  7. Vado spesso a Manchester per motivi di famiglia e sogno per la Beneamata un Bobby Manc che si trasforma in……Ferguson!!! Questa sarebbe veramente una svolta per il calcio italiano.

  8. Non c’entra niente, ma sono contento perchè finalmente abbiamo dato una sola (hernanes) alla juve.

  9. ROBERTO SCIBETTA // 6 novembre 2015 a 11:26 // Rispondi

    Anche gli articoli dei giornali però sono mossi dalle stesse “illuminate” idee che spesso muovono i tifosi.
    Ti immagini cosa avrebbe scritto Tuttosport se l’Inter invece che prima fosse stata quinta, magari per colpa di qualche infortunio e di qualche rigore mancato?

    • E ti immagini se Tuttosport fosse un giornale di Torino, letto soprattutto dagli juventini con nessuna simpatia per l’Inter?
      GLR

  10. A Thohir chiedevo una gestione manageriale dell’Inter con scelte razionali basate su un progetto a medio-lungo termine che avesse come obiettivo riportare la squadra ai massimi livelli di competitività sia nazionale che internazionale, con i bilanci in ordine e magari avendo anche un peso maggiore dal punto di vista mediatico!
    Finora non abbiamo raggiunto pienamente nessuno di questi obiettivi,ma la strada intrapresa mi sembra quella giusta quindi confermo la mia fiducia per almeno altri 2 anni!

  11. Benvengano sempre gli ottimi manager che sono in grado di sostenere un serio progetto sportivo e ci evitano guai finanziari. Da quel poco che ne capisco io, credo non ci fossero alternative.
    Però, non posso negare che, se vogliamo metterci un po’ di poesia, passare in via Bigli e vedere quel bandierone nerazzurro pendere dalla finestra del presidente milanese, interista fino al midollo come tutta la sua famiglia, aveva un fascino inarrivabile.
    Almeno per me.
    Poi, si va sempre avanti, ovvio. JB

  12. Serio, con le idee chiare e la capacita’ di metterle in pratica.

  13. bastava lasciarlo lavorare, anche lui come in ogni lavoro doveva fare la sua esperienza nel mondo del calcio, secondo me ha in mente una gran gran bel progetto, la cosa che secondo me sarebbe la ciliegina sulla torta sarebbe lo stadio di proprietà (che sia o no san siro)

  14. Thohir! A buon intenditore poche parole! Al momento Terima Kasih!

    • Che nella lingua di Thohir significa ‘grazie’
      GLR

      • Satu GLR! Poi se prende con l’aiuto del Mancio A.Pirlo Dua Terima Kasih! Halo…

      • Sì, però non si capisce per quale misterioso motivo i tifosi di una squadra milanese fondata 107 anni fa dietro al Duomo dovrebbero usare la lingua indonesiana per rivolgersi al loro (NON MIO!) presidente.

        • E lo so, ragazzi. Anche mia mamma non capisce perché c’è gente che oggi telefona premendo un dito su un vetro. Il mondo cambia e non sempre in meglio!
          GLR

          • GLR, questa del “premere il dito sul vetro” è fantastica! 😉
            Piuttosto, esulando un attimo dall’argomento Thohir…
            Siccome si può dir quel che si vuole ma di calciomercato si vive tutto l’anno, mi spieghi perchè TUTTI (da De Laurentiis agli juventini, per finire a Galliani…) devono adombrarsi alla notizia dell’interessamento dell’Inter a Pirlo (ojalà, direbbero gli spagnoli: io lo auspico da quando anche le torri di S. Siro sapevano che avrebbe lasciato il Milan)?
            Che gli importa? Mah…

          • Pasquale Somenzi // 8 novembre 2015 a 03:52 // Rispondi

            Dopo 11 giornate sono prime in classifica 2 squadre che non hanno (e son le uniche) ancora segnato con giocatori italiani, quindi dovrei dire: “questa (NON MIA!) serie A?”
            Al fischio finale di Inter-Roma 1-0 la squadra della capitale d’Italia, quindi dovrei dire “la (NON MIA!) capitale” aveva 11 stranieri in campo (e non l’Inter). Evidente il mondo cambia ed il calcio pure.
            Pasquale.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili