34C: Inter-Chievo 0-0

INTER (4-3-1-2): Handanovic; D’Ambrosio, Ranocchia, Vidic, Juan Jesus; Guarin, Medel, Brozovic (dall’8′ s.t. Podolski); Hernanes (dal 19′ s.t. Shaqiri); Palacio (dal 30′ s.t. Kovacic), Icardi. (Carrizo, Podolski, Obi, Santon, Felipe, Gnoukouri, Puscas, Nagatomo, Dimarco, Bonazzoli). All. Mancini.
CHIEVO (4-4-2): Bizzarri; Schelotto, Dainelli (dal 16′ s.t. Sardo), Cesar, Frey (dal 7′ p.t. Biraghi); Christiansen, Radovanovic, Izco, Hetemaj (10′ st Gamberini); Paloschi, Meggiorini. (Bardi, Seculin, Pozzi, Vajushi, Cofie, Fetfatzidis, Botta, Birsa, Pellissier). All. Maran.
ARBITRO: Guida di Torre Annunziata.
NOTE: Ammoniti Medel, Biraghi, Podolski. 

Mai come questa volta l’Inter avrebbe potuto ringraziare la Juventus per le sue vittorie su Fiorentina e Sampdoria e la Roma che ha battuto il Genoa per la riapertura delle porte dell’Europa, qualcosa di insperato solo un mese fa. Peccato poi che i nostri col pareggio casalingo col Chievo le abbiano di nuovo socchiuse. La partita col Chievo è già nell’ormai interminabile galleria nelle occasioni stagionali sprecate: una storia cominciata con Inter-Torino e che ha visto l’Inter raggranellare la miseria di 4 punti sui 24 disponibili in otto gare una più importante dell’altra. Inter-Chievo 0-0 è stato il solito film di occasioni sprecate e di errori individuali che nel finale avrebbero potuto costare carissimo all’Inter. Impagabile il momento in cui Ranocchia è andato gambe all’aria nell’inseguire il trottolino Paloschi e Mancini è stato immortalato dalle telecamere in cui efficacissimo: “Ma dove cazzo vai?”
Alla fine nel tabellino, di questo sconsolante 0-0, simile a quello col Cesena, resta un palo di Vicic saltato insieme ad Icardi nel primo tempo e una traversa clivense colpita dall’ex Biraghi.
Se a Udine la squadra non aveva avuto in alcuni effettivi cervello, parole di Mancini, qui a San Siro sicuramente non ha avuto mira. E, diciamocela tutta, se quando gli altri ti danno una mano fermando le concorrenti per l’Europa League, tu non riesci ad approfittarne nemmeno con la partita più agevole, visto che il Chievo è già salvo, evidentemente certi traguardi non fanno per te. O meglio, non li meriti.
Poi, come sempre in questi casi, si fa strada la scuola di pensiero per cui l’Inter in fondo l’Europa non la vorrebbe neppure, per sottrarsi alla sanzione Uefa e per dedicarsi l’anno prossimo solo al campionato. Amenità! In realtà la sanzione Uefa è ancora tutta da valutare e per ora sarà solo un’indicazione di massima sulla quale la stessa Inter potrà obiettare. Inoltre i campionati senza Coppe dell’Inter l’anno scorso e del Milan quest’anno non sono poi stati così memorabili, senza contare che la prospettiva dell’attuale Serie A, senza altri traguardi, non è proprio il massimo per convincere qualche grande giocatore a venire in Italia.
Sia ben chiaro, la classifica per ora non obbliga ancora l’Inter a mettere una croce sull’Europa, ma continuando a gettare al vento occasioni, il proprio destino è ormai in mani altrui. E nelle restanti quattro partite, ora i nerazzurri sono attesi da tre gare di livallo una via l’altra: si comincia a Roma con la Lazio già domenica sera, si prosegue con la Juventus a San Siro il sabato successivo e si finisce con lo scontro diretto con il Genoa a Marassi. Se l’Inter non ci stupisce in positivo, sempre che Torino, Genoa e Sampdoria cedano terreno, l’ultima con l’Empoli a San Siro potrebbe essere solo un’amichevole. Altro che Europa!

Highlights
6′ Palacio per Guarin, il cui destro sfiora il palo
18’ Guarin da 30 metri, Bizzarri devia
19′ Cross di Juan Jesus, testa di Vidic, palo
42′ Angolo di Hernanes, testa di Vidic centrale
51′ Cross di Palacio, Schelotto rischia l’autogol
64′ Handanovic respinge su Izco, poi Meggiorini calcia fuori
70’ Meggiorini dalla distanza, Handanovic devia
73’ Handanovic chiude Paloschi
77’ Sinistro di Shaqiri fuori di poco
79’ Cross di Podolski per Icardi che rovescia a lato
85′ Potente sinistro di Biraghi sulla traversa
89′ Cross di D’Ambrosio, Bizzarri ferma Icardi
94′ Paloschi supera Ranocchia e Vidic, ma lo ferma Handanovic

 

 

59 Commenti su 34C: Inter-Chievo 0-0

  1. Fabio Primo // 3 maggio 2015 a 16:12 // Rispondi

    Ma tutto finisce qui , abbiamo già buttato nel cesso i favori avuti da juve e roma

  2. Peccato che l’Inter,come al solito, non ne ha approfittato.
    Max

  3. Siamo alle solite. Occasione buttata, ed è ancora andata bene…Nessuno crea gioco, nessuno che si liberi, nessuno che sappia servire Icardi (che peraltro non si fa trovare)… Palacio è l’unico con un po’ di fantasia a tentare qualcosa. “Trotterella” per il campo? E meno male…Gli altri stanno fermi!
    Quest’Inter è incorreggibile, non merita l’Europa che la Juve le aveva riportato sul tavolo. Guarin, Brozovic, Shaqiri, Kovacic, Hernanes…inutili!

  4. Alessandro // 3 maggio 2015 a 18:35 // Rispondi

    Sono circa 4 mesi che sentiamo dire: dalla prossima partita dobbiamo dare tutto, dobbiamo fare di più. Sono sinceramente convinto che i ragazzi non ci abbiano preso in giro. Il massimo loro è proprio quello che vediamo tutte le domeniche! Non hanno colpe hanno realmente dei limiti enormi mentali e atletici! Però Ti prego GL, solo tu con una presa di posizione decisa a livello mediatico fatti portavoce: oltre al n.4 ritiriamo la fascia da capitano strappandola da quel braccio!! Fascia al Mancio

  5. Pasquale Somenzi // 3 maggio 2015 a 18:37 // Rispondi

    0-0 interno con il Chievo ha un unico precedente, risalente al 14 marzo 2004. Nemmeno col Chievo l’Inter è riuscita a vincere sia all’andata che al ritorno, risultato che ha ottenuto solo con l’Atalanta e che da qui alla fine del campionato potrà ripetere solo col Genoa.
    Di estremamente negativo vorrei far notare che nel girone di ritorno l’Inter in casa
    ha segnato solo 7 gol in 8 partite, mentre di positivo c’è che nelle ultime 9 partite
    casalinghe di campionato non ha mai subìto più di un gol e ciò non succedeva dal 2007 quando fece una serie di 10 partite, ovvero l’ultima in casa del 2006/07 e le prime 9 del 2007/08. Vale la pena di segnalarlo ora, in quanto il prossimo avversario casalingo è la Juventus e Mancini da allenatore Inter ha 4 precedenti in casa con la Juventus tra campionato e Coppa Italia ed ha sempre subìto 2 reti di
    fisso.
    Pasquale.

  6. Ogni volta che dobbiamo fare un passo in avanti ne facciamo due indietro. Mi auguro solamente di non vedere più certi giocatori nella rosa del prossimo anno. Mi chiedo, ma solo io non sopporto un giocatore scarso come Medel? corre solamente a vuoto. non sa impostare non sa difendere perde palla e gli avversari ogni volta vanno in porta. gli passano la palla e lui fa un giro su se stesso e passa alla difesa ancora. ma dai ! tra lui e Guarin andatevene via per favore. Bidoni!

  7. Fabio Primo // 3 maggio 2015 a 18:47 // Rispondi

    La verità è che abbiamo tanti mezzi giocatori escluso forse Palacio, ormai logoro, e Handanovic. Speriamo che la società si inventi qualcosa per non acquistare Shaqiri, un giocatore che rasenta il ridicolo.

  8. Sono quattro anni che questa squadra non riesce a fare il salto in più quando serve per la classifica, sono ripetitivo ma se mancano carattere e qualità questo è il risultato. Ormai il Meazza è terra di conquista per le squadre che vengono a giocarci.

  9. Mancini ha tanti pregi e qualche difetto, uno dei quali e’ quello di innamorarsi di eterne promesse. Il primo e’ stato Mario, adesso e’ Fredi.

  10. Io ho trovato inquietanti le parole post match di Mancini se arriveremo in EL dai preliminari schiererò una squadra per vincere il campionato e una per vincere l’Europa League, questo più o meno il virgolettato…
    Ha fumato o e consapevole di averci preso in giro?

  11. Più che tecnicamente è gente inadatta dal punto di vista mentale e della personalità. E’ gente da 8°-9° posto.
    Meglio così, l’Europa, oltre che immeritata, porterebbe quasi sicuramente turni preliminari inutili e faticosi, e poi magari qualcuno potrebbe prendere la palla al balzo e dire che in fondo questa squadra con qualche ritocco low cost potrebbe competere per più alti traguardi.

  12. Solita squadra,solita storia….

  13. Come al solito abbiamo perso punti contro una “piccola” a San Siro , a conferma che la squadra è carente sul piano della personalità.

  14. claudioeffedeejay // 3 maggio 2015 a 20:43 // Rispondi

    A Marassi con la Samp, forse la miglior partita, col Milan il derby più dominato degli ultimi anni e con il Chievo la gara con un vantaggio territoriale mai visto. Totale gol fatti? ZERO. Forse che, a parte Icardi, non c’è un attaccante che riesca a buttarla dentro? Va bene sparare addosso sempre a J. Jesus e Ranocchia, che per carità, sono davvero scarsi. Tuttavia viene il sospetto che, Maurito a parte, gli altri li davanti, per un motivo o per l’altro, siano da 5/6 posto.

  15. Proprio le sconfitte di Samp e Genoa mi hanno fatto pensare che oggi non avremmo vinto, e così è stato. Come tante altre volte. Motivi? Carenza di personalità. I pochi giocatori bravi che abbiamo sono semplicemente bravi, mancano i top, quelli che fanno la squadra e che guidano la baracca. Guarin è buono per il Portogallo. Shaq è stato comprato per fare una cosa e ne fa un’altra e neanche tanto bene. Bisogna mettere ordine e prenderne 4 o 5 veramente forti.

  16. Io di calcio ne capisco poco. Però quando vedo che l’azione viene impostata da Medel, che per amor del cielo tutto è tranne che un regista, capisco perchè siamo a questo punto. Su Guarin meglio stendere un velo pietoso. Se non ha voglia di giocare lo dica e si accomodi in panchina.
    Comunque sempre forza Inter

  17. L’auto-veronica di Ranocchia su Paloschi è la fotografia di questa Inter.
    Le parole del Mister sono ovviamente di circostanza, in realtà non vede l’ora finisca la stagione già da diverse settimane.
    Per rivedere la luce c’è tanto da lavorare, così tanto da farsi venire i calli alle mani.
    Saluti

  18. Calendario alla mano sarebbe difficile andare in EL anche se avessimo vinto oggi. Ho 2 domande OOT se me le concedi; se sono vere le cifre di cui si parla, non ti sembrano troppi 60M per Tourè (non metto in discussione il giocatore ci mancherebbe) e visto la tua lungimiranza (speravo sbagliassi) nel caos Roma/Pallotta mi viene da chiederti se pensi possa succedere qualche terremoto dopo l’arresto del capo degli zingari per il calcio scommesse. Grazie saluti.

  19. costantino // 3 maggio 2015 a 22:20 // Rispondi

    Purtroppo quando mancano giocatori di personalità che ti servono per vincere questo tipo di partite e lo specchio della squadra che siamo.
    Poi quando sento il mister che dice che abbiamo fatto 25 tiri in porta? li ha visti solo lui il portiere del Chievo non ha fatto neanche una parata, poi non parliamo delle fasce come al solito un cross decente neanche per miracolo. La Samp merita al 100 % l’Europa più dell’Inter, a fine anno bisognerà riflettere per vedere chi merita l’inter e chi no ciao.

  20. Inaffidabili come sempre. Un mini ciclo positivo e poi flop. Con la sconfitta delle genovesi era un’ottima occasione: fallita. Soliti errori, mancanza di carattere, di personalità, passaggi sbagliati e assenza totale di cross decenti in area. Ad ogni partita c’è da chiedersi chi di costoro, sia degno di restare e utile per costruire, con qualche buon acquisto, la squadra per l’anno prossimo. Fare nomi non serve, i giocatori mediocri li conosciamo. Annata buttata via.

  21. I primi 60 minuti neanche malissimo, se entra il palo o l’occasione di Guarin, inguardabile per 90 minuti ehi Mancio, parliamo d’altro. Non appena ha sbilanciato per segnare un disastro. Meglio con il 433 ma a sta squadra manca il colpo del campione per sbloccare questo tipo di partite. Faccio notare che non facciamo gol su punizione dai tempi di Mou. Alcune scelte mi lasciano sgomento, ma li vede lui in settimana. Non è ancora finita, lo sarà se non si vice a Roma

    • Io non ricordo neanche quando abbiamo avuto l’ultima punizione a favore in zona centrale. Probabilmente dipende dal fatto che al limite dell’area nessuno (tranne Hernanes, che però spesso si dribbla da solo) tenta il dribbling, ma facciamo solo passaggi laterali che finiscono col solito cross molle nel mucchio. Giocando in questo modo non avremo mai una punizione dal limite…

  22. mario colonia // 3 maggio 2015 a 23:36 // Rispondi

    guaro, herna, kov, shaq, tutti lenti di testa, barocchi e caotici (medel e’ solo un ottimo gregario)
    e in una rosa 2 di questi sono già troppi.

  23. La squadra è di una lentezza esasperante… Anche se lanciati in contropiede, si fermano e lasciano che gli avversari si schierino… A parte palacio nessuno ha un minimo di inventiva, dietro sono inguardabili… Il capitano ha la personalità… Di un ranocchio… Spero finisca presto… Ci hanno illuso, solo per farci penare fino alla fine!!!

  24. Cosa si può dire dopo una “prestazione” del genere? Il livello complessivo della squadra è drammaticamente scarso. Francamente per invertire la tendenza ci vorrebbero capitali che non mi pare proprio che la società possa spendere. Forse è anche per questo motivo che Mancini continua a far giocare titolari Guarin, Jesus, Hernanes e co.: in caso di cessione si deprezzerebbero troppo. Non fosse così si tratterebbe di masochismo allo stato puro.

  25. Molti scarsi, molti senza personalità (dice bene Handa) e, secondo me, anche senza la voglia di andare da 5° o 6° in EL perché che fatica i preliminari. Spero che Mancio nel ritiro estivo li “massacri”; ieri sera a S.Siro c’erano diversi piccioni che beccavano sul prato mentre si giocava: anche loro convinti che Guaro zero. Qualunque maglia indossi devi crederci o, perlomeno, fare quello per cui si è pagati.

  26. Anche questa volta dobbiamo ringraziare Handanovic, il labiale di Mancini al termine della partita e’ quello che abbiamo pensato un po’ tutti.

  27. In Europa ci vada chi se lo merita.
    Queste mummie non possono assolutamente calcare campi internazionali esclusi 3 o 4.
    Un anno di “avremmo potuto”, e punti letteralmente buttati.
    Solo considerando Cesena, Parma, Chievo e Cagliari in casa, e mi fermo qui, si parla di 9 punti. Adesso Lazio,Juventus e Genoa.
    Tanti auguri.

  28. Brozovic e Shaquiri al momento sono due scommesse perse (il primo sermbra giochi controvoglia ). Guarin e Jesus sono irritanti, Icardi segna ma sparisce dal gioco 3/4 di gara, si salvano Palacio e Medel per l’impegno e Vidic

  29. Troppe turbolenze e mercato attorno alla squadra. Si spiegano così le indolenze di Guarin ed altri…

  30. Fortunato fatiga // 4 maggio 2015 a 08:30 // Rispondi

    Forse è meglio nn andarci in El..spero solo di finire la stagione a testa alta e/o senza sconfitte clamorose…facciamo un bel reset e mercato permettendo, l’anno prox vediamo di puntare seriamente al 3o posto. La Juve prima di tornare a vincere si è piazzata 2 volte settima e sono 4 anni che domina (senza rivali ok..però vince).

  31. Un punto recuperato a Genoa e Sampdoria e la possibilità di essere lì a dire alle altre che per l’Europa ci siamo anche noi. Ma quello che manca all’Inter è la presenza mentale e allora ancora passaggi molli, cross sballati e tiri che neanche all’oratorio.
    Facciamocene una ragione: una squadra con un’assenza mentale così marcata è giusto che galleggi a centro classifica ed è giusto che stia fuori dall’Europa.
    Claudio – Parma

  32. Per la seconda volta porto mia moglie (orientale e a digiuno ‘culturale’ di calcio) allo stadio…e di nuovo non riesco a farle provare l’emozione dell’esultanza dei tifosi per un goal a San Siro. Il motivo? 2 tiri nello specchio in 90′. Inaccettabile. Su circa 20 tentativi non è possibile non impegnare mai il portiere avversario. Scusa la domanda stupida: ma non è che lo fanno apposta, perché qualcuno non ha voglia di giocare il mercoledì il prossimo anno? A pensar male, a volte…

  33. Contro le formazioni della parte destra della classifica (manca solo il ritorno con l’Empoli) l’Inter ha raccolto 33 punti su 57 disponibili: questa squadra non merita di andare neppure ai preliminari di EL.
    Ieri è andata in scena la stessa partita vista almeno una dozzina di volte negli ultimi 3 anni (Novara, Siena, Catania, Atalanta, Parma, Cesena, ecc.): una miscela micidiale di mediocrità ed impotenza.

  34. Maurizio Ibiza // 4 maggio 2015 a 09:43 // Rispondi

    Molto semplicemente questa squadra non merita l’Europa e l’attuale classifica ne rispecchia il reale valore. Di buono dall’arrivo di Mancini c’è che la mentalità è cambiata e ora si prova a giocare da grande squadra che è un buon punto da cui ripartire il prossimo anno, di cattivo c’è che anche Mancini si sta rendendo conto che MOLTI elementi in rosa non sono affatto da grande squadra e io credo che lui avesse sottovalutato questo aspetto quando ha accettato l’incarico.

  35. Ciao, tra il mancio che fa dichiarazioni alla Rudy Garcia e Handa che si domanda se qui potrà mai vincere qualcosa restando qui c’è tutta la frenesia di questa squadra, beh anche l’impiego della passata campagna acquisti o le voci sulla futura sono belle cartine tornasole.
    PS: il meritare una cosa nel calcio non conta nulla, chi vince (o si qualifica alla fine ha sempre ragione) quindi fino a che la matematica non ci condanna sperem.

  36. Io non disprezzerei il risultato; in altri tempi avremmo sicuramente perso….vuol dire che avremo maggiore carica per le prossime due partite. Bisogna imparare a giocarsi tutte le partite alla morte. Questa squadra, con le piccole, non lo fa.
    E poi…le partite si vincono anche con un po’ di cinismo, malizia, esperienza, mestiere…Noi non abbiamo niente di tutto questo. Bisogna migliorare anche in questo.

  37. No, non meritiamo l’Europa; avete notato che quando Icardi non segna non si vince? Possiamo mica dipendere sempre e solo da lui…

  38. Stefano B. // 4 maggio 2015 a 11:15 // Rispondi

    Ma durante la settimana i nostri “prodi” si allenano a tirare in porta (con precisione) qualche volta o si preparano al solito e sterile possesso palla, sperando che poi gli avversari gli lascino via libera? Vidic e Ranocchia sono fortissimi nelle conclusioni aeree, ma come mai sui corners e punizioni a favore non la beccano mai? Un po’ più di lavoro sui fondamentali non guasterebbe, a prescindere dai limiti tecnici, mentali ecc., ecc. ormai assodati della quasi totalità della rosa.

  39. Guarin ha fatto tre partite buone in tre anni…Ranocchia capitano è un insulto a chi l’ha preceduto, JJ è scarso…punto, il resto della squadra mediocre.
    Speriamo in una decente campagna di ricambio e rinforzo e nel lavoro di Mancini nel corso dell’estate

  40. Guarin è un lusso che neanche il Barcellona potrebbe permettersi. Mancini si ostina a metterlo in campo nonostante sia palesemente una minus.
    Giocatore anarchico lo definiscono i più…Per me si tratta semplicemente di un deconcentrato. Vorrei spezzare una “arancia”

  41. Guarin pareva già in vacanza. mi piace pensare di avere molti giocatori potenzialmente fenomeni/campioni. però in una stagione quando le media delle buone gare è decisamente più bassa rispetto a quello giocate decentemente. dai.
    Ora anche Shaqiri è sostanzialmente in discussione. Brozovic ha fatto due buone partite. due. Juan a sinistra non mi pare un opzione fantastica.

  42. Massimo Inter // 4 maggio 2015 a 14:35 // Rispondi

    A mio modo di vedere ho sempre pensato che un Club come l’Inter DEVE andare in Europa. Anche solo a fare i gironi. Questione di storia e prestigio del Club. Quindi,l’Inter ha il dovere di provarci sino all’ultimo. Poi anche io ,dopo quanto visto ieri, mi domando cosa ci andiamo a fare. Quando vedo l’Inter entrare moscia in campo come ieri, mi preoccupo. Ma se si va in EL, RM avrà nuovi innesti e un’estate per lavorare. Altrimenti poi c’è il rischio che ogni anno sia quello della ‘ricostruzione’…

  43. Davide Bianchi // 4 maggio 2015 a 16:06 // Rispondi

    Cosa ne pensi dell’involuzione di Shaqiri? a me è sempre piaciuto ma ieri quando è entrato è stato imbarazzante.

  44. Solita sbobba anche in questa partita. Gli ingredienti sono sempre gli stessi:mediocrità tecnica a iosa, possesso palla stucchevole e inconcludente, le classiche vaccate di Ranocchia che ha cercato in tutti i modi di farcela perdere e uno chef, Mancini, da sempre abituato a lavorare con ingredienti di primissima qualità, che non riesce a cavare un ragno dal buco. E a noi tifosi resta in bocca il solito sapore di merda…caro Gian Luca si ha l’impressione che questa stagione sia infinita…

  45. Per me lo hanno fatto apposta per non rovinarsi le vacanze estive.

  46. Squadra di mezzi giocatori (non tutti ma la gran parte)…i mezzi giocatori fanno una cosa buona ogni 5 fatte male. E questi sono i risultati. Quando questi mezzi giocatori giocano con un pizzico di grinta e abnegazione si riesce a portare a casa match anche contro squadre piu’ forti (vedi Roma), quando questo non accade vengono fuori le magagne e siamo in balia di chiunque.

  47. comunque ieri ci hanno fischiato 3 fuorigioco inesistenti nel primo tempo…

  48. Lo ripeto per l’ennesima volta: la squadra è immatura in molti suoi elementi, alcuni dei quali sopravvalutati e non da Inter. Anche ieri buona partenza, ma ci si è affievoliti con il passare dei minuti. Alla fine Handanovic, nel primo tempo spettatore, ha dovuto metterci un’altra pezza per evitare l’ennesima figuraccia. L’Europa non la meritiamo per il semplice fatto che siamo stati tutta la stagione dietro a Sampdoria, Genoa e Torino, dunque meglio che vada una di queste tre.

  49. questa squadra ha dimostrato che se e’ concentrata e cattiva non e’ affatto male, pur con i suoi limiti. e questo fa incazzare ancora di piu’, perche’ col Chievo non aveva le stesse motivazioni e la stessa cattiveria di quando ha giocato con la roma!

  50. Guarin capitano // 4 maggio 2015 a 21:14 // Rispondi

    Ogni volta che ti ostini a far giocare guarin e kovacic insieme ti esponi alle più grandi partite come alle più miserabili figuracce..mi stupisco che una persona equilibrata come mancini faccia ancora certe scelte.

  51. massimiliano de benedetto // 4 maggio 2015 a 22:37 // Rispondi

    stimo mancini ma non capisco perché all’inter succedano sempre le stesse cose:
    1) esordio positivo di un giovane della primavera (gnoukori, bonazzoli…) e poi panca o cessione; 2) impiego costante di giocatori sciagure (jesus, ranocchia…)
    BASITO
    ma forza inter sempre
    massimiliano

  52. Silvio da Torino // 4 maggio 2015 a 22:41 // Rispondi

    Ragazzi che delusione. Ero convinto della vittoria ma ho cambiato idea dopo un quarto d’ora vedendo l’approccio sbagliato alla gara. Tafazzi come noi ce ne sono pochi e le cose si erano messe veramente bene con le sconfitte delle genovesi.Il Chievo si è difeso con ordine e praticamente mai ha corso pericoli. In queste situazioni si nota bene la carenza di piedi buoni in tutti e tre i reparti e l’involuzione notevole di Shaqiri che non salta più l’uomo. Restano 4 partite difficili. Speriamo bene.

  53. Franco da Udin // 5 maggio 2015 a 07:39 // Rispondi

    Caro, fraterno amico…Non è sempre Rocchi.

  54. Leggendo “E nelle restanti quattro partite, ora i nerazzurri sono attesi da tre gare di livello una via l’altra…” verrebbe da dire: “E meno male!”.
    Visto che con le “grandi” hanno fatto piuttosto bene nell’anno solare (ricordiamoci Torino: non fosse stato per l’egoismo di Icardi… lì abbiamo perso 2 punti e Osvaldo ;-)), in queste tre gare si “parrà loro nobilitate”. Si impegneranno, o almeno spero…
    Altrimenti altro che Europa: questi non meritano neppure l’Inter!

  55. Alessandro // 5 maggio 2015 a 10:11 // Rispondi

    Ogni partita, nella sua genesi e nella sua performance, dà l’idea dello spessore della squadra. Che è mediocre: inutile cadere ogni volta dal pero. Questo vuol dire che sì, ci sta battere la Roma in casa, così come impattare con il Chievo, così come prendere la scoppolata a Sassuolo. “Fuori le palle” ai giocatori non ha senso: io credo che certi (non tutti) a tratti ce la mettano tutta davvero, ma fin lì arrivano. Per cui, no, non c’è una base solida. C’è una spina dorsale debole.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili