L’importanza di chiamarsi Ernesto

TopCalcio24-19 settembre 2014

2 Commenti su L’importanza di chiamarsi Ernesto

  1. Ernesto sparalesto….:-)))
    Fenomeno

  2. “Ma non ero io quello di prima? Sì lo so che sono in onda, ma…”. “Cioè, quello ha capito che non ero più io ma era arrivato un altro? E io sto qua due ore a parlare con uno che…”.
    Ahahahahahah! 😀 GLR, sei unico!
    Anche per come hai sapientemente sfruttato nome (Ernesto) e argomento della telefonata (nel 2014, ancora Calciopoli?) per “giocare” col titolo come fece Oscar Wilde (l’opera era incentrata appunto sull’assonanza tra “Ernesto” e “onesto”). Arguto assai…
    Ma ora… Pubblicità! 😉

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili