Festeggi…Amo l’Esercito 2014

da www.esercito.difesa.it, 21 maggio 2014, fonte: Comando Militare Esercito Lombardia

14FestaEI1In occasione del 153° Anniversario della costituzione dell’Esercito Italiano, ha avuto luogo ieri sera presso il Teatro Dal Verme di Milano, la VIII Edizione di “Festeggi…Amo l’Esercito”, evento realizzato a cura dell’Associazione per l’Assistenza Spirituale alle Forze Armate, dell’Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia, dell’Associazione “Amici di Palazzo Cusani”, con il patrocinio di Regione Lombardia, Provincia e Comune di Milano. Una serata di musica e premiazioni per celebrare la ricorrenza che sottolinea il contributo della Forza Armata all’unificazione del popolo italiano. In uno scambio reciproco di valori e solidarietà la serata ha avuto come protagonisti: il Senso del Dovere, la Forza d’Animo e lo Spirito di Sacrificio, virtù proprie dei militari dell’Esercito Italiano. Sul palcoscenico, si sono alternati amici grandi e piccoli, coordinati dal Maggiore della riserva selezionata Gian Luca Rossi, per condividere questi Valori con tutti i presenti. La serata E’ stata condotta dalla cantante e atleta Annalisa Minetti, con la partecipazione dell’attore e cabarettista Max Pisu. Tutti artisti che si stanno dedicando con impegno al progetto solidale, organizzato dall’Associazione “Fare X Bene Onlus”, per contrastare il fenomeno del bullismo, anche cibernetico, tra i ragazzi e nelle scuole. Al progetto, supportato dal Comando Militare Esercito “Lombardia”, si sono aggiunti anche gli allievi della Scuola Militare Teuliè con la Batteria Tamburi e il Coro delle Voci Bianche del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano, oltre alla Fanfara dei Bersaglieri “Nino Garavaglia” di Magenta. Durante questo evento, che rappresenta ormai uno dei momenti più significativi della Forza Armata in Lombardia, sono stati consegnati alcuni Attestati, ormai comunemente chiamati “Ambrogini dell’Esercito”, a uomini, donne o enti che, in ambito Regione Lombardia, si sono distinti per attività a favore dell’Esercito o abbiano espresso una particolare vicinanza alla Forza Armata. Quest’anno tale riconoscimento E’ stato assegnato al Generale di Corpo d’Armata Giorgio Battisti (già Capo di Stato Maggiore ISAF in Afghanistan), al 1° Maresciallo Vincenzo Bavetta (BOE del 10° reggimento Genio Guastatori), al Prof. Franco Ascani (Presidente Associazione Italiano Cultura e Sport), a Luca Galimberti (canoista e “scalatore”), al Direttore dell’Accademia di Brera, al Presidente del Conservatorio di Milano, alla Global Service e alla Esselunga. Numerosissime le autorità militari e civili della città di Milano presenti all’evento, tra i quali, come testimonial del prossimo concorso scolastico “Un Esercito di Sportivi”, l’Assessore allo Sport della Regione Lombardia, Antonio Rossi, l’Assessore alla Sicurezza del Comune di Milano, Marco Granelli e l’Assessore allo Sport della Provincia di Milano, Cristina Stancari la quale, ricordando i due Marò ancora in India, ha coinvolto emotivamente il pubblico che ha risposto con un lunghissimo, caloroso e sentito applauso. Per la cronaca il Teatro Dal Verme ha fatto registrare il tutto esaurito, con quasi 1500 spettatori che hanno voluto far sentire la propria vicinanza all’Esercito in questa ricorrenza.

Nella photogallery, alcuni momenti della serata.
Clicca sull’icona per vedere la foto, usa le frecce per scorrere e clicca ancora sulla foto per uscire

2 Commenti su Festeggi…Amo l’Esercito 2014

  1. Mia figlia canta nel coro delle voci bianche e quando sono passato a prenderla a teatro è salita in macchina dicendo: “papà lo sai che c’era quel signore che guardi sempre alla televisione… che parla dell’Inter…ma era vestito da soldato!!”
    sono belle iniziative. Evviva l’Esercito Italiano!

    • Grazie. Ogni tanto, ognuno a suo modo, credo debba fare qualcosa per il suo Paese. Ho avuto la possibilità di fare l’Ufficiale della Riserva dell’Esercito e ne vado fiero.
      GLR

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili