2C: Inter-Sassuolo 7-0

MARCATORI: pt 4′, 21′ Kovacic, 30′ Icardi, 43′ Osvaldo; st 8′ Icardi, 27′ Osvaldo, 29′ Guarin.
INTER (3-5-2): Handanovic; Andreolli, Ranocchia, Juan Jesus; Nagatomo (dal 17′ s.t. Mbaye), Hernanes, Medel, Kovavic (dal 19′ s.t. Guarin), Dodò (dal 31′ s.t. Palacio); Icardi, Osvaldo. (Carrizo, Berni, Campagnaro, Kuzmanovic, Obi, D’Ambrosio, Khrin, M’Vila). All: Mazzarri
SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Peluso, Ariaudo, Terranova, Vrsaliko (dal 18 p.t. Gazzola); Biondini, Magnanelli, Missiroli (dal 1′ s.t. Taider); Berardi, Zaza (dal 19′ s.t. Pavoletti), Sansone. (Pomini, Polito, Longhi, Antei, Acerbi, Gazzola, Brighi, Floro Flores, Gliozzi, Floccari). All: Di Francesco
ARBITRO Calvarese di Teramo
NOTE – Espulso Berardi al 15′ s.t. (rosso diretto) per fallo di reazione. Ammonito Ariaudo per gioco scorretto. Spett. paganti 34.54 9, incasso di euro; abbonati , quota di euro . Recuperi: 1′ p.t., 2′ s.t.

Incredibile! All’esordio a San Siro 7-0 al Sassuolo esattamente come un anno fa. In 3 partite contro l’Inter la simpatica squadra dell’assai meno simpatico Presidente Giorgio Squinzi, autentico ultrà rossonero con l’ossessione nerazzurra, è stato piastrellato da 15 reti.
Dopo qualche fischio iniziale alla lettura del suo nome, Walter Mazzarri per una volta non si sentirà dare del difensivista. Ha schierato due punte, due trequartisti e due laterali d’attacco tutti insieme, lasciando al solo straordinario Medel, subito adottato da San Siro, il compito di chiudere tutto il possibile favorendo i compagni di reparto nella fase offensiva. Tre gol di Icardi, un paio alla ‘Vieri, due di Osvaldo, uno con inserimento da fuoriclasse di Kovacic e persino uno del redivivo Guarin, che diversamente dal solito non ha calciato alle rondini, ma in porta, in una partita che, diciamo la verità, si è messa subito in discesa per le incertezze della retroguardia emiliana.
Difficile pensare a questa partita già come indicativa per la  stagione, ma in Italia di risultati così netti ne capitano pochi, a dimostrazione che i demeriti del Sassuolo non dono per nulla secondari rispetto ai meriti dell’Inter.  E l’Inter del difensivista Mazzarri, oltre a non aver preso gol in nessuna delle quattro partite ufficiali, ha già reso Mauro Icardi il primo capocannoniere del campionato.
E, a proposito, per chi crede anche ad un po’ di magia, questa messe di gol è arrivata in coincidenza del ritorno dell’Inno del Triplete, Amala. Io onestamente non ho mai fatto una malattia per riaverlo, perché Amala mi ricorda troppo un’Inter che non c’è più e che vorrei restasse ibernata nella leggenda con la sua musica in Albo d’Oro. Insomma, mi fa sensazione sentire lo stesso inno di quando sulla fascia scendeva il miglior Maicon e vedere che oggi, con tutto il rispetto, vi scende Jonathan o chi volete voi. Ma il popolo lo chiedeva a gran voce  e allora speriamo che l’effetto sia davvero taumaturgico. Speriamo che ascoltando Pazza Inter i piedi di Juan Jesus improvvisamente diventino davvero brasiliani, che Ranocchia non abbia mai più una disattenzione in vita sua e così via.

Highlights
4’ 1-0 Gol di Icardi su assist di Kovacic
8’ Magnanelli ci prova da lontano
21’ 2-0 Gol di Kovacic su assist di Osvaldo
30’ 3-0 Gol di Icardi su assist di Hernanes
43’ 4-0 Gol di Osvaldo dopo incursione di Dodò respinta da Consigli
53’ 5-0 Gol di Icardi in girata su assist di Kovacic
60’ Espulso Berardi per gomitata a Juan Jesus
72’ 6-0 Gol di Osvaldo su assist di Guarin
74’ 7-0 Gol di Guarin su assist di Osvaldo che ricambia il favore

 

 

 

55 Commenti su 2C: Inter-Sassuolo 7-0

  1. Pasquale Somenzi // 14 settembre 2014 a 17:52 // Rispondi

    Le prime quattro partite ufficiali della stagione senza subire reti
    riportano alla stagione 2003/04 quando l’inizio fu: Inter-Modena 2-0,
    Siena-Inter 0-1, Arsenal-Inter 0-3 e Inter-Sampdoria 0-0
    Invece 13 gol fatti nelle prime due partite ufficiali in casa è il quarto
    miglior inizio di sempre, infatti l’Inter aveva segnato 10 gol nelle
    prime 2 partite ufficiali casalinghe nelle seguenti stagioni: 1971/72,
    1960/61, 1934/35 e 1928/29
    11 reti nelle prime due uscite in casa erano state segnate nel 1958/59
    e nel 1933/34.
    16 reti nella stagione 1914-15 con Inter-Modena ed Inter-Brescia
    finite 8-0 entrambe.
    19 reti nella stagione 1920/21 con Inter-Casteggio 5-3 ed Inter- Ausonia
    Gorla 14-0
    Inarrivabile al primo posto la stagione 1913/14 con 24 reti in Inter- Naz.
    Lombardia 9-1 e Inter-AC Milanese 15-0
    Pasquale.

  2. Bello il pressing dell’Inter in area del Sassuolo sul 5-0.

  3. Io, nel dubbio, mi porto avanti: via Mazzarri!

  4. Troppa grazia S.Antonio. Bene i due gagliardoni la davanti pur considerando la non
    eccellenza degli avversari. Medel ottimo, sradica palloni ma è anche preciso nei
    passaggi. Hernanes in ombra, poca personalità e solo compitino. Noto che alcuni
    trombettieri avversari caldeggino Inter con un solo mediano, Mateo K. Hernanes e due punte. Peccato che la loro squadra schieri 3 mediani dai piedi di granito.
    Penso che a noi, invece, servano due mediani per coprire la difesa, almeno in certe
    partite

    • Ritengo che il lavoro di Hernanes sia il vero segreto degli equilibri ritrovati di Mazzarri e l’esplosione di Kovacic.Il brasiliano che svolge le due fasi, con attenzione particolare a quella difensiva, in coppia con Medel creano consistenza in interdizione liberando il genio di Mateo a supporto delle punte.Con squadre più quotate il buon Mazzarri ricorrerà, immagino, al doppio mediano per mantenere in campo le due punte ma potrebbe rimanere con questi interpreti se una delle punte sarà Palacio.

  5. volevo solo ringraziarti per avermi fatto ridere di cuore con la frase “il redivivo Guarin, che diversamente dal solito non ha calciato alle rondini, ma in porta”; infatti se ci fosse un premio per chi tira più lontano dalla porta lui vincerebba a man bassa..speriamo che quest’ anno abbia aggiustato la mira.

  6. Molto bene …. Che dire il risultato spiega già tutto … Felicissimo per i nostri giocatori !! Un applauso a Osvaldo e Medel ma la mia ovazione va per i miei preferiti !! 20 anni e 21 !!! Bravissimi la coppia Mateo Maurito hahhaha e che gol ragazzi … Ciao sempre forza inter

  7. Una piacevole consuetudine rifilare 7 pere al dottor Squinzi.

  8. Inter OK, ma test inattendibile: Sassuolo=statue di cera.
    Ma va benissimo… Pareva che Zaza dovesse farci neri (e invece… ‘ndò sta Zaza?), e che per sbancare S.Siro (secondo i desiderata di Squinzi) bastasse che i miei simpatici corregionali entrassero in campo. A tutto c’è un limite, perdiana!
    Bando ai proclami, e pedalare. Se il Sassuolo va avanti così mi ricorda molto la “mia” Reggiana del’93-’95. Salvezza acciuffata per un pelo al primo anno, in B a picco l’anno dopo con soli 18 punti.

  9. Se non altro quest’ anno il pullman del Sassuolo é tornato a casa con la fiancata intatta.

  10. Godiamoci questa vittoria di un’Inter rock che sepellisce di gol il povero Sassuolo, ma attenzione a rimanere coi piedi per terra. Non voglio fare elenchi dei giocatori migliori (a parte Hernanes che deve migliorare e Nagatomo in difficoltà sulla destra) dovrei citarli tutti. Faccio eccezione per il pit bull Medel e per Guarin che in fase offensiva ha sempre dato il meglio di se.

  11. Al di là del risultato e dell’avversario giocare con 2 attaccanti veri da sicuramente più profondità alla squadra e più soluzioni a chi deve passare (vedi gol numero 2 e 3) il pallone, cosa che sicuramente non puoi avere con 2 centrocampisti che (in teoria) dovrebbero stare dietro un attaccante o quando si gioca con un attaccante e un centrocampista in appoggio.
    Adesso vediamo se WM nelle prossime 2 gare tra EL e campionato continuerà così o se tornerà a coprirsi.

  12. Molto bene. Andiamo avanti. Partita subito in discesa con il Sassuolo che è venuto a giocarla con tre in avanti. Saranno poche le squadre di medio bassa classifica a giocare così a San Siro. Segnalo Medel futuro idolo alla Paul Ince, segnalo Kovacic che se prende continuità gioca un altro calcio per il livello italico e segnalo Icardi che vede la porta come la trifola. Segnalo pure Dodo che deve crescere il fase difensiva ma che rispetto a Johnny è sopra due spanne. Amala

  13. Mi è piaciuto molto la grinta di tutto il gruppo;l’attenzione e impegno difensivo a non lasciare spazi a berardi e zaza.
    Anche un arbitro che lascia correre e giocare in diverse azioni,hanno regalato più spettacolo.
    Chi è entrato dalla panchina ha dato il 110%;speriamo di vederme altre cosi.
    icardi e osvaldo assolutamente impeccabili.

  14. Difficile commentare una partita del genere: la squadra per lunghi tratti è sembrata perfetta. Vedremo con avversari più ostici dove magari serviranno due mediani per coprire la difesa. Qualche notarella a margine: forse Mazzarri a Torino avrebbe schierato due punte… se solo le avesse avute. Medel sugli scudi. “Pazza Inter” deve essere il nostro inno. I cugini di campagna hanno la peggior difesa dopo il Sassuolo…

  15. Un caro saluto a Squinzi. Chi non conosce la serie A e pensa di venire a Milano a battere l’Inter, da presuntuoso tifoso rossonero quale è il presidente del Sassuolo, è giusto che faccia ogni anno di queste figure. E non mi dicano che il Sassuolo è una brutta squadra, dopo la campagna acquisti faraonica infarcita di juventini giovani…
    Comunque sia, via Mazzarri!
    MRC

  16. Divertente la partita, speriamo che non sia il prodromo di quanto successo poi l’anno scorso, ma la squadra mi sembra più in mano a Mazzarri.
    Andiamo avanti.

  17. Il ritorno al vecchio inno ha portato bene. Ottimo risultato, mi è piaciuto l’assist di Guarin davanti alla porta a Osvaldo e Kovacic che anche in questa partita ha tirato fuori la grinta. Ieri partita impeccabile, come quella di Bardi, bellissime le sue parate.

  18. L’Inter ha un buon potenziale ma non un grande tecnico. Con i giocatori che si ritrova, Mazzarri potrebbe organizzare una squadra un po’ più tecnica e aggressiva. Secondo il mio parere dovrebbe togliere un difensore e inserire un altro centrocampista per compattare di più la squadra, favorire il recupero dei palloni nel centrocampo avversario e uscire dalla propria difesa senza problemi. Comunque, contento per la vittoria e le prestazioni di qualche singolo. Ciao!!!!

  19. Icardi in alcune cose ricorda Vieri, come nella conclusione dal limite e nei movimenti. Secondo me, che non sono un tecnico di fama, con 2 punte si riesce ad aprire di piu’ la difesa avversaria e negli spazi Kovacic e’ molto forte perche’ e’ veloce e ha una gran progressione palla la piede. Bisognerebbe insistere secondo me con questa soluzione. Guarin ha goduto della stessa liberta’, vedi il gol, ma e’ meno veloce. Bisgona capire se Medel e’ un Paul Ince o un Gargano

  20. E’ presto per lanciare proclami, ma contro il Sassuolo molto molto bene. E’ bastato innestare davanti alla difesa un giocatore che entrerebbe in tackle pure sulla suocera (Medel), affiancare ad Icardi (ma anche a Kovacic ed Hernanes) un attaccante che abbia confidenza con il gol, e recuperare in toto un attaccante da 15/50 gol a stagione (Icardi). Quello che sarà domani lo lascio al…..domani, per ora mi godo questa sonora vittoria. Mi spiace per il Sassuolo, non per quel babbeo di Squinzi.

  21. Ragazzi, ma l’azione che ha portato al gol di Kovacic non è da antologia? Tutto di prima ed intesa perfetta tra gli attaccanti. Spettacolare! Credo che stavolta Mazzarri vada solo elogiato, così come i suoi ragazzi. Squinzi è rimasto di stucco Mapei.
    Dobbiamo puntare sulla continuità, questo è un campionato balordo e le protagoniste dell’anno scorso (es. Napoli e Fiorentina) possono patire i difetti non risolti dal mercato. L’Inter potrebbe approfittarne.
    Franz

  22. Molto molto bene il Pitbull: sembra De Jong, ma a differenza dell’olandese non fa solo passaggi di lato a quello più vicino

  23. Ma il sogno del milanista Squinzi non era quello di fare 6 punti con l’ Inter ? Per adesso in 3 partite ne ha prese 15 …però di gol ! Comunque sono molto contento di Medel perché oltre alla grinta possiede anche una buona tecnica !

  24. ……PIASTRELLATO….HAHAHAHHAHHAH
    W INTER

  25. claudioeffedeejay // 15 settembre 2014 a 09:34 // Rispondi

    Guarin
    la cosa migliore, invero, la combina in occasione del sesto gol quando, invece di calciare da ottima posizione, regala un assist facike facile a Osvaldo. Criticabile finché si voglia, ha caratteristiche uniche nella rosa dell’Inter e considerata la difficoltà di Hernanes a giocare a certe velocità, il colombiano é un elemento da recuperare assolutamente.

    • Sono rimasto favorevolmente colpito anche io della scelta di passare la palla. Se l’atteggiamento in campo diventasse costantemente questo, allora vedremmo un signor giocatore. Il problema non sono certo i mezzi fisici o tecnici

  26. Quello che più mi è piaciuto della formazione di ieri, è il fatto che il solo Handanovic avesse già compiuto 30 anni, squadra under trenta, con ben 4 titolari under 25.
    Indipendentemente da come andrà a finire, finalmente si intravede quello che da altre parti enfatizzerebbero come un ” gran bel progetto”….ed di sicuro, sul piano del dinamismo e della “gamba” la differenza rispetto agli altri anni si vede!! Speriamo non ci sia necessità di sacrificare Icardi o Kovacic sul mercato…

  27. GLR, una rondine non fa primavera e bisogna rimanere con i piedi ben piantati a terra. Bene tutti, ma certamente siamo stati avvantaggiati dal gol nei primi minuti. Personalmente a me è piaciuto lo spirito, la voglia di correre e di aiutare il compagno. Ottimo Medel (non lo conoscevo), straripante Mateo, in un paio di accelarazioni mi ha ricordato Kakà, peccato per il piedino del difensore altrimenti segnava un gol da cineteca e Maurito che su 10 tiri 9 volte prende la porta. Avanti così. AMALA

  28. Speriamo Kovacic sprigioni tutto il suo potenziale con continuità. Le sue verticalizzazioni sono fondamentali per far saltare le difese avversarie, aldilà delle incertezza mostrare ieri dai mapeisti. Diciamo che WM ha optato per la tecnica a metà campo e le cose sono andate bene. Aspettiamo altri test per capire se e quanto siamo cresciuti rispetto allo scorso anno.

  29. Osando di piu’ si segna anche ! Lo schieramento adottato ieri non potra’ essere ripetuto a prescindere per le prossime 36 partite, in alcune bisognera’ stare piu’ abbottonati, ma ogni tanto essere piu’ intraprendenti si puo’ e si deve ! Spero che Mazzarri abbia capito che le due punte davanti sono necessarie soprattutto perché’ danno piu’ liberta’ ad Icardi che cosi’ puo’ liberare la sua vena realizzativa. Ora attendiamo altre partite per dare giudizi definitivi ma le premesse sembrano buone…

  30. Vittoria completamente diversa da quella della scorsa stagione. Ieri eravamo 11 furie, quando arrivi per primo sul 90 % delle prime palle e su TUTTE le seconde palle, dal minuto 1 al minuto 90 c è solo che togliersi il cappello.
    Con buona pace dei Moratti che “volevano una addio più soft dei senatori” come se 4 anni dal 2010 non siano stati abbastanza: i vedovi di cambiasso ieri hanno avuto una bella dimostrazione di cosa fare un cecntrocampista nel calcio moderno (medel mostruoso e migliore in campo).

    • Però non capisco perché a volte nell’esaltare uno si debba per forza tirarne in ballo un altro. Auguro all’ottimo Medel di vincere un decimo di quanto ha vinto il leggendario Cambiasso, che a Leicester si è già conquistato il rispetto e che resterà per sempre nella storia dell’Inter. Diciamo che dopo tanti anni era giusto voltare pagina.
      GLR

  31. Tra le cose positive mi ha impressionato la corsa di Dodo, pensavo fosse più leggero, invece riesce a spingere con discreta potenza. Bene gli altri ma in serie A gioca gente impresentabile, basta vedere la partita milan parma di ieri sera per capirlo. I difensori sono ormai dei comprimari che cercano di limitare i danni.

  32. Non sono d’accordo sul ridimensionare i 6 gol allo Stjarnan e i 7 al Sassuolo spiegandoli con la pochezza dell’avversario di turno.
    Le qualità di questa Inter sono lampanti: il cinismo di Icardi, la fantasia di Kovacic, la potenza di Medel, l’intelligenza di Hernanes, la velocità di Dodò, la versatilità di Osvaldo, la personalità di Vidic, la sicurezza di Handanovic!
    Se poi penso che abbiamo anche Palacio, M’Vila, Andreolli, Guarin, Jonathan, D’Ambrosio .. non posso che essere molto fiducioso!

  33. Cia G.Luca, volevo vedere se prevalevano i colori nerazzurri sulla tua onestà sportiva, ma niente….come sempre obiettiv! (e sai ke son MILANISTA.)
    Ti saluto, aspettando un tuo “scivolone da tifoso”!!!
    Fabio Gemelli.

    • Verrà presto..sai che gli sfottò tra cugini sono i miei preferrr…aahh…aiutooo…preferiti
      ps..scusa, mentre scrivevo, sono scivolato come diego Lopez :)

      • Ma non e’ colpa di Lopez, Cassano aveva sistemato proprio in quel punto una buccia di banana ! un po’ come Maspero in un Toro-Juve quando Salas falli’ il rigore!

  34. ora e sempre …….via mazzarri!
    Bella partita, ma piedi per terra e pedalare.
    Egregio,ma un paio di paroline sul nuovo portiere del milan vogliamo spenderle?
    oggi a studio sport su Italia1 non l’hanno praticamente fatto vedere quel gol preso, troppo mitici.
    ciao

    • Non parlo mai di emittenti e colleghi che tra l’altro conosco bene, ma effettivamente stavolta sono rimasto basito pure io. Forse c’è stato un errore di comprensione tra reparto giornalistico e reparto tecnico (montaggio).. a volte succede, perché sono andato a rivedermi il servizio di Studio Sport ed è incredibile. Un panegirico da Istituto Luce sulla nuova armata rossonera e ci può stare, ma nemmeno un gol mostrato dei quattro realizzati dal Parma, a parte un replay ravvicinato della caduta di Diego Lopez, da quale non si capisce nemmeno l’autogol di De Sciglio. Mi spiace perché un’informazione così di parte la dovrebbero fare solo i canali tematici.
      GLR

      • Più che altro non si sono visti i gol del parma! Ma è finita 0-5? Giusto cosi. D’altronde hanno il miglior portiere d’Europa, il nuovo Maldini, Alex che è più forte di vidic, van ginkel il nuovo van bommel, Bonaventura il nuovo Vidal, el sharaawi il messi italo egiziano, il Beckham giapponese, menez paragonato a tiki taka a van Gogh e Zidane e infine Torres il grande bomber che straccia ogni record di Milan lab (poi in tribuna) e Inzaghi il nuovo mou/conte. pensa se rimaneva il cr7 marocchino..

  35. Giornata in discesa , aspettiamo conferma dalle prossime partite.
    Medel già sugli scudi , applaudito anche dal primo anello (non è poca cosa)
    Senza Jonathan in campo la squadra è decisamente più forte.

  36. Silvio da Torino // 15 settembre 2014 a 19:07 // Rispondi

    Il Sassuolo una volta all’anno decide di sbragare e tocca sempre a noi fare il colpaccio. Comunque direi bene così e, soprattutto, avanti così con impegno, corsa, ma sempre a fari spenti e possibilmente anche con un pò di fortuna. Attendo impegni più seri, ma le vittorie ed i goal portano morale ed appetito. A presto a tutti.

  37. Caro GLR, a più di 30 anni di distanza ricordo ancora una frase del Trap durante una delle tante sue feste-scudetto con la Juve: nel marasma generale e con fior di campioni intorno, lui citò Furino e Benetti dicendo: “Senza gente come loro gli scudetti non li vinci!”
    Con quella frase in mente da allora, io sono rimasto impressionato da Medel. Attendo test più probanti, ma se il buongiorno si vede dal mattino… E continuo a non capire perchè la Roma si sia liberata di Dodò. Mah…
    Buon per noi!

  38. GianLuca, mi consenti di rivendicare le capacità di un personaggio tanto antipatico quanto competente (altro che il Condor) come il sig. Branca che ha portato, bontà sua, Kovacic, Icardi bomber purissimo di vecchio stampo, Handanovic e Palacio tanto per restare al talento puro. Eppure è sempre stato criticato oltremodo ma quanti talenti ha portato e quanti ne stava per far arrivare poi chiuso dalle maxi offerte di club “ricchi”. AF

  39. Bella Inter.. vediamo se giocherà cosi’ anche con squadre più forti! Secondo me in Europa League, almeno per il girone , dovrebbe scendere in campo un altro 11, e tenerne 11 freschi per Domenica! Tanto dovremmo farcela comunque a passare il girone! almeno non perdiamo troppe energie per il campionato…

  40. MIMMO KALLON // 16 settembre 2014 a 10:46 // Rispondi

    Fa piacere vedere finalmente una squadra giovane, contando MVila acciaccato con Dodo, JJ Icardi, MBaye e Kovacic potevamo avere 6 under 24 in campo il chè, in prospettiva, è un bel dire…in fondo questo ET inizia a piacermi che ne dici? In attesa del prossimo scivolone cmq…VIA MAZZARRI (prevenire è meglio che curare)

  41. Ciao Gianluca ma M’Vila é giá sparito dai radar??

  42. Al di là di tutti i complimenti e relative umidificazioni post goleada, io rimango coi piedi per terra (ormai seguo l’inter da più di trent’anni) e aspetto, almeno, una dozzina di partite.
    Per me l’Acquisto con la A maiuscola è Medel che ha pure piedi buoni, altro che Gattuso, inopinatamente diventato benchmark nel ruolo.
    Il calcio di WM, comunque, continua a non piacermi, lo voglio alla prova sulla lunga distanza e non contro il modesto ed impalpabile Sassuolo dell’antinterista Squinzi.

  43. Alessandro, Hangzhou // 16 settembre 2014 a 16:10 // Rispondi

    la sparo grossa.. nei prossimi 10 anni Mateo vincera’ un pallone d’oro.

  44. Ottima partita dei ragazzi,anche se il Sassuolo è poca cosa, la difesa ha fatto il suo compitino ottimo Juan sembra che l’infortunio sia servito a fargli la convergenza ai piedi, ha fatto dei passaggi finalmente da brasiliano. Nel centrocampo l’unico in ombra Hernanes per il resto molto bene sia Dodò che Mototopo, Medel ottimo sia come tecnica che come posizione in campo, Kovacic è finalmente (speriamo) il faro, detta i passaggi e segna, Guarin da rivedere. Attacco strepitoso. Complimenti a Mazzarri.

  45. Mazzarrissimo // 16 settembre 2014 a 17:14 // Rispondi

    Una cosa non accetto e mi da fastidio..confondere il pressing col bel gioco..non è automatico che se pressi molto poi fai azioni da gol..a centrocampo devi comunque avere qualità per farlo a prescindere dal baricentro o pressing vari…benitez che viene definito un maestro del calcio offensivo..lo è solamente perché le sue squadre corrono molto e pressano molto..ma non certo per gli schemi offensivi..quindi finiamola coi luoghi comuni e lasciamo lavorare mazzarri che è un numero uno

  46. Abuso della Tua pazienza ma volevo tentare di dare una spiegazione all’operazione Bonaventura.Mi sembra che anche in questo caso Ausilio avesse individuato il Lavezzi per Mazzarri. Bonaventura è un esterno alto in una centrocampo a 4 ma, come visto nel Milan ma anche a Bergamo,in una sorta di 3421 mazzarriano avrebbe potuto fare il Lavezzi che partiva anch’esso da sinistra nel Napoli,ma più atto alla fase difensiva ed al rinculo sistematico in mediana rispetto al pocho. Un jolly per Mazzarri.AF

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili