36C: Inter-Lazio 1-3

MARCATORI: 22′ Floccari, 33′ Alvarez, 49′ Hernanes (rig), 31′ st Onazi
INTER (4-3-2-1): 1 Handanovic; 42 Jonathan (31′ Benassi), 23 Ranocchia (8′ st Pasa), 40 Juan Jesus, 31 Pereira; 17 Kuzmanovic (35′ st Garritano), 10 Kovacic, 19 Cambiasso; 14 Guarin, 11 Alvarez; 18 Rocchi
A DISPOSIZIONE: 27 Belec, 30 Carrizo, 7 Schelotto, 26 Chivu, 45 Forte, 47 Colombi, 62 Ferrara, 63 Spendlhofer
Allenatore: Andrea Stramaccioni
LAZIO (4-4-2): 22 Marchetti; 29 Konko, 3 Dias (1′ st Ciani), 26 Radu, 19 Lulic; 87 Candreva, 24 Ledesma (15′ st Onazi), 8 Hernanes, 27 Cana; 99 Floccari (15′ st Gonzalez), 11 Klose
A DISPOSIZIONE: 1 Bizzarri, 55 Guerrieri, 17 Pereirinha, 18 Kozak, 20 Biava, 25 Rocci, 28 Saha, 33 Stankevicius
Allenatore: Vladimir Petkovic
Arbitro: Mauro Bergonzi (sez. arbitale di Genova)
Note – Ammoniti: 32′ Ledesma, 48′ Ranocchia, 30′ st Juan Jesus, 38′ st Pereira. Recupero: pt 3, st 4. Spettatori: 39.528

Chi ama la fotografia può sempre pensare che lo scivolone di Alvarez al momento del rigore (ma ha pestato una merda di elefante?) che avrebbe potuto portare l’Inter sul 2-2 sia davvero il simbolo di questa stagione da dilettanti allo sbaraglio. Invece non c’è solo questa in cui il nostro prende la rincorsa con le gambe larghe e le mani quasi sui fianchi alla Cristiano Ronaldo e, appena ‘battezzato’ da Stramaccioni nuovo idolo di San Siro, calcia dal dischetto direttamente in viale Caprilli. Di fotografie ce ne sono tante altre. C’è quella di Jonathan che, poverino, si è pure lussato la spalla per la causa e ha dovuto lasciare San Siro in ambulanza, anziché su un cellulare, come a volte ha pensato, ma solo per pura disperazione, una carogna come me! E c’è l’istantanea di Ranocchia che a furia di giocare col ginocchio di sughero ha dovuto lasciare, giusto dopo aver provocato il rigore del secondo vantaggio laziale, trasformato da Hernanes a inizio ripresa. Per la cronaca altri tra Jonathan e Ranocchia, altri 2 infortuni e ovviamente nello stesso reparto, la difesa, capace quest’anno di prendere più gol del Palermo che sta retrocedendo in Serie B. Gli altri due difensori? Sono Juan Jesus e Pereira che, c’è una foto anche per loro, diffidati entrambi, hanno pensato bene di farsi ammonire in coppia e salteranno Genova. Per Marassi ora c’è solo Chivu col piede maciullato da un anno e, magari, Cordoba. Poi c’è la foto di Handanovic che, dopo aver pensato per più di mezzo campionato di prendere il pallone e andarsene a casa in segno di disprezzo verso chi era deputato a proteggerlo ha pensato bene di scendere a sua volta a quel livello con un’uscita a farfalle tipo quella di Belec agli albori dell’Europa League. Poi tra le istantanee ci sono il palo di Cambiasso, un altro sinistro di Alvarez in tribuna che dopo l’incornata del pareggio ha dovuto pure farsi medicare ad un labbro (!) e c’è naturalmente il gol partita laziale, il tiro della domenica per antonomasia, anche se era mercoledì, di tale Ogenyi Eddy Onazi, centrocampista nigeriano soprannominato nell’ambiente Watermelon poichè ne è particolarmente ghiotto (non sto scherzando!). Il già mitico Anguria ha deciso di benedire proprio l’Inter col suo primo gol in Serie A con un tiro sferrato da 31 metri a 105 km/h. Insomma c’è un intero album di foto di questa partita che possono raccontare la tumultuosa (aggettivo che mi è sempre piaciuto anche se sarebbe più esatto ‘merdosa’) stagione nerazzurra. Un dato per tutti: si sono perse 15 partite in campionato, ma sono 20 considerando anche Coppa Italia ed Europa League su 54 totali. Se preferite il dato di ‘tappa’ possiamo anche dire 3 sconfitte nelle ultime 3 o 7 sconfitte nelle ultime 9.
Insomma il 3-1 con cui la Lazio, dopo 15 anni di attesa, è passata a San Siro elimina una volta per tutte l’Inter dalla corsa a qualsiasi Europa: non accadeva dal 1999-00. Detto tra noi, me l’aspettavo, anche perché in mattinata avevo sentito al telefono il mio amico ed ex nerazzurro Antonio Manicone, ora vice di Petkovic, che mi aveva già spiegato quanto fossero carichi loro. I nostri non è che siano scarichi: semplicemente non ci sono più. Da salvare? Certamente Kovacic che ancora una volta ha predicato nel deserto e che ha strappato i pochi applausi di San Siro con quella percussione nel primo tempo in cui ha seminato avversari come birilli prima di innescare Rocchi stoppato da Marchetti. Poi c’è stata la ripresina, come si dice in economia, di Guarin con un paio di sassate delle sue e uno spunto del giovane Garritano subentrato nel finale, forse più pronto di Pasa, costretto ad un certo punto a fare il centrale. Da applaudire infine la civilissima contestazione della Curva Nord che ha, prima su volantino e poi sugli spalti, a mo’ di bacheca, ha presentato le seguenti 12 domande a Massimo Moratti:
1. Secondo lei perché tutto lo stadio ha applaudito i recenti striscioni della Curva riguardanti la società?
2. Perché sono stati messi in discussione gli stessi medici con cui abbiamo vinto il Triplete?
3. Perché il progetto di svecchiare la squadra comporta la vendita dei giovani già presenti in rosa o provenienti dalla nostra Primavera?
4. Che senso ha svendere sempre i nostri giocatori?
5. 2010-2013. Dal tetto del mondo si è crollati alla situazione attuale. A fronte dell’esempio di altri club europei crede che la causa sia tutta da attribuire ai giocatori e allenatori di questo periodo?
6. Come mai la società è sempre passiva di fronte a ogni attacco mediatico?
7. All’Inter c’è sempre un colpevole da mettere in piazza e una fuga di notizie mai vista in altri club. Non sarebbe opportuno avere nella dirigenza un “uomo forte” capace di trasmettere il senso di appartenenza, gestire tutte le situazioni societarie e “mettere” la faccia” a difesa della società?
8. Perché non è mai stato spiegato il reale motivo dell’allontanamento di Oriali dalla Dirigenza?
9. Perché si dice che la società Inter sia come una grande famiglia quando la realtà è l’esatto opposto? Non si è accorto che tutti pensano a se stessi e alla propria poltrona?
10. Come si fa a permettere che la seconda maglia dell’Internazionale sia rossa se si è interisti?
11. Si diceva che il suo sogno era la Champions come suo padre… ora si dice che l’altro suo desiderio sia lo stadio nuovo…Va bene, ma l’Inter?
12. Perché chi va via dall’Inter parla sempre bene di Lei… ma male dell’Inter?
Quest’ultima, insieme alla 9, è la migliore ed è la vera fotografia dell’organizzazione societaria da due anni a questa parte. Io poi di domande ne avrei pure un paio per Stramaccioni: una al volo su Benassi fuori ruolo anche stavolta, l’altra sulla sparizione dai radar di Schelotto, che non è evidentemente più in grado di giocare, anche perché essendo arrivato in corsa, deve aver lavorato ancora meno del poco che hanno lavorato gli altri per tutta la stagione. In ogni caso è del tutto inutile che qualcuno di voi mi scriva dando le risposte a queste 12 domande neanche fosse il protagonista di un web-quiz! Non me ne frega niente delle risposte di coloro ai quali queste domande non sono rivolte. E’ solo Moratti che deve rispondere e vediamo come lo farà quest’estate. Intanto per il momento ha detto che le avrebbe fatte anche lui! A se stesso, ovviamente. Siamo in una botte di ferro, insomma, quella di Marco Attilio Regolo però!

124 Commenti su 36C: Inter-Lazio 1-3

  1. pietrospen // 9 maggio 2013 a 06:02 //

    Commento di Moratti agli striscioni della Curva : “sono d’accordo su molti punti”…ahah, siamo alle comiche! Forse qualcuno dovrebbe spiegargli che le domande probabilmente sono rivolte a lui. Finalmente, oltre ai “faremo una grande inter” dei vari yesmen brancausiliostrama, un commento intelligente di Cambiasso nel dopopartita: “al di là della sfortuna si raccoglie quello che si semina”. Comunque tranquilli, già individuati il profilo del topplayer e una potenziale zona per il nuovo stadio!

  2. Andrea // 9 maggio 2013 a 06:08 //

    Il 1° gol preso, Alvarez che scivola e butta via il possibile pari, Onazi che segna il suo primo gol in Italia con un tiro che, se ci riprova 1000 volte, beh, lasciamo stare, il nuovo infortunio (Ranocchia ha semplicemente buttato la spugna) sono la foto della stagione dalla partita dell’andata contro la Juve in poi.

    • Paolo Sabiu // 9 maggio 2013 a 18:11 //

      Mi ha ricordato il gol di Mika Aaltonen del Turun Turku Palloseura, nel 1987 in coppa Uefa. Della serie: capita una volta sola nella vita!…

  3. Paolo Sabiu // 9 maggio 2013 a 06:28 //

    È vero: poteva piovere… un’altra raffica di “polpette”.
    Comincio a sospettare che i giocatori scendano in campo con l’obiettivo di farsi male, così non si beccano fischi e insulti fino all’ultimo minuto del campionato… ovviamente scherzo!
    Coraggio ragazzi, torneranno tempi migliori; non so come, non so quando, ma torneranno (evviva l’ottimismo)!
    Saluti nerazzurri!
    Paolo – Novara

  4. stefano // 9 maggio 2013 a 06:30 //

    Nella “Caporetto” calcistica della mia Beneamata, quello che mi lascia attonito è il silenzio del management: nessuno che alzi la mano e si prenda le responsabilità di quanto successo. Dei giocatori non mette conto parlare: mercenari sono e resteranno. Ma il coach avrebbe dovuto avere la dignità, un paio di mesi addietro, di presentare le dimissioni (che poi sarebbero state rifiutate, forse).

    • Perché se vi dicessero che hanno sbagliato tutto sareste più contenti? E’ talmente evidente…
      GLR

  5. Mauro Cozzi // 9 maggio 2013 a 06:35 //

    Siamo al tragicomico, non si sa se ridere o piangere. Eppure anche ieri chi ha giocato ha dato il massimo. La Lazio secondo me ha sbagliato partita, ha concesso a questa Inter almeno dieci palle gol malcontante, eppure abbiamo preso tre pere anche ieri, a riprova che la società deve ricostruire partendo dalle basi, cioè dietro. Certo che se Handa cappella, Alvarez scivola sul dischetto ed Onazi segna tirando dal trotter vuol dire che prima finisce e meglio è.. Meno due.

  6. christian // 9 maggio 2013 a 06:44 //

    la realtà è che Stramaccioni tiene più agli 800 mila euro che guadagna che alla sua dignità e quindi non si dimette come invece dovrebbe fare una persona che si rende conto della situazione. Forse Stramaccioni crede veramente a ciò che dice ad ogni conferenza stampa post sconfitta e vive in un mondo tutto suo. ciao

    • Siete voi che vivete in un mondo tutto vostro: Stramaccioni è identico a ranieri o a Delneri: quando si perde si attacca un certo disco. Secondo te dovrebbe sedersi e dire: “Sapete, ho capito che non sono all’altezza e ho una squadra di merda!” Il problema è che c’è chi sta ancora a valutare le conferenze-stampa post-partita.
      GLR

  7. Claudioeffedeejay // 9 maggio 2013 a 07:07 //

    In effetti poteva andare peggio: Frankenstein e Igor ne sanno qualcosa. Scherzi a parte però la difesa é stata ancora un disastro con errori individuali talmente gravi da non poter nemmeno usare la solita frase ‘si perde e si vince in 11′. Qua si perde sempre per gli errori dei soliti noti. Se rivoluzione dovrá essere per favore che cambino l’intera linea di difesa. Campagnaro ok, ne mancano3. J.J. lo terrei ancora un anno per vedere se dietro l’argentino migliora, Ranocchia abbiate pietá BASTA

  8. Alessandro // 9 maggio 2013 a 07:22 //

    Il bicchiere mezzo pieno è un Kovacic, a mio modo di vedere, eccellente in prospettiva. Da levigare, da disciplinare, ma dalla classe e dal coraggio immensi. Davvero, vederlo giocare mi rincuora. Per il resto, se alla società potesse interessare, non sono rapidissimo ma ho un buon tocco e vedo bene la porta. Mi accontento di 4000 Eur/mese, tipo win for life.

  9. Marco // 9 maggio 2013 a 07:36 //

    A portieri invertiti avremmo vinto noi. Mi spiace ma Handanovic paragonato a Julio Cesar è una bestemmia.

    • Beh, certo: parlare sempre dopo un paio di errori e magari non dopo il derby è proprio da esperto di calcio. E’ già un miracolo che non abbia preso il pallone e sia andato a casa dopo dieci partite. Ovviamente tu una partita del QPR con Julio Cesar non l’hai mai vista. Si parla tanto di cambiare presidente, dirigente, allenatore, giocatori, ma i tifosotti che parlano sull’onda di ogni partita, no? C’è un solo vero campione in questa squadra, uno che vorrebbero tutti ed ecco il fenomeno di turno che lo vorrebbe cambiare. Ormai non vale la pena nemmeno di discutere. Ogni squadra ha i tifosotti che si merita
      GLR

    • ROMEO // 9 maggio 2013 a 18:35 //

      Chiediti perchè si è dovuto portare quasi di peso il buon Julione a Londra e nessuna delle top 50 squadre d’Europa se l’è filato. Anche lui finito sul carrello dei bolliti.

  10. FRANCO // 9 maggio 2013 a 07:38 //

    Spiace solo che tutto questo marasma stia facendo passare in secondo piano, se non in terzo, le prestazioni di Kovacic, forse l’ unica nota positiva di questa stagione. Il ragazzo deve crescere, ma giocare in questa Inter a 19 anni e saperla prendere per mano quasi tutte le domeniche è segno di forte personalità. Spero solo che l’ Inter dell’anno prossimo non sia farcita di prime donne che lo possano offuscare. Ciao, Franco.

    • Non è vero che passa in secondo piano, anzi eccelle! E’ l’unico che becca applausi e sufficienze
      GRL

  11. Salvatore // 9 maggio 2013 a 07:39 //

    D’accordo gli infortuni a catena, d’accordo la sfortuna, d’accordo qualche errore arbitrale, ma Moratti che continua a dire “Stramaccione sarà l’allenatore dell’Inter anche l’anno prossimo” si è accorto che questo non sa organizzare la fase difensiva!
    Bisogna ricordare a Moratti e Stramaccioni che i trofei li hanno sempre vinto le squadre che hanno avuto la difesa migliore.
    Capisco che mancano i soldi per grandi campioni, però almeno un allenatore capace lo riusciamo a pagare??

  12. Claudio // 9 maggio 2013 a 08:00 //

    Io non sono un catastrofista, però alla fine l’alibi delle troppe “riserve” in campo non regge molto. Una squadra come l’inter di titolari ne dovrebbe avere almeno una ventina. così che quando entra qualche giovanissimo l’impatto rimanga limitato. Il punto è che i cosiddetti “rincalzi” sono in effetti gli scarti di più campagne acquisti dilettantesche.
    E poi comunque la squadra non riesce ad arrivare in zona goal. Quando ci arriva ricorda mio nonno 85enne a letto con la cameriera di 18 anni.

  13. davide // 9 maggio 2013 a 08:15 //

    ora ne ho la certezza…..non siamo scarsi, siamo proprio comici!!
    io ho 31 anni e ne ho viste di annate brutte, ma una tristezza così faccio fatica a ricordarla…..
    ciao (-2!!!!! per fortuna)

    • Sei giovane, c’è stato di peggio…
      GRL

      • Roberto // 9 maggio 2013 a 13:40 //

        Io di anni ne ho 50, GLR, e sinceramente fatico a ricordare di peggio. Nel ’94 almeno si vinse la UEFA e… sì, se vogliamo considerare il blasone di Lippi con una squadra che avrebbe dovuto stracciare tutti, direi che anche l’anno dello spareggio Champions afferrato per i capelli e finito “in vacca” con l’Helsingborg non fu male… 😉
        Ma per il resto, siamo veramente in basso come nemmeno negli anni ’70, e non si vede come risalire. Botta è stato preso, ora aspettiamo Mazzata…

      • mattia // 9 maggio 2013 a 21:50 //

        Se mi permettete… stagione 91-92, Orrico in panchina, Taccola e Montanari al centro della difesa. Direi che siamo su quei livelli…

  14. Laetitia // 9 maggio 2013 a 08:17 //

    La societá DEVE scegliere un rappresentante che ci metta la faccia per 1º- rispondere alle domande . 2º – spiegare il loro progetto per l’anno prossimo !! Ancora due partite !!!! MAMMA MIA COM’É LUNGO STO CAMPIONATO !

  15. Paolo // 9 maggio 2013 a 08:17 //

    Una vergogna, una grande vergogna, d’accordo scendere per poi risalire ma qui stiamo diventando ridicoli….In fin dei conti è meglio ripartire senza EL e CL, altri ci sono riusciti ed è questo il nostro obiettivo… Ieri sera abbiamo rivisto in campo “il nostro Pazzini” al momento del rigore si è materializzato, ecco il primo acquisto della nuova stagione.
    se si riparte con Stramaccioni ora occorre un rinnovamento nella rosa e un management differente dal DT alle posizioni operative. Mah…..

  16. betta // 9 maggio 2013 a 08:19 //

    Quantomeno abbiamo assistito ad una contestazione puntuale e civile. Si può condividere o meno il contenuto degli striscioni, ma la forma scelta per interagire con la società mi è sembrata positiva.

    • Assolutamente d’accordo. In civiltà stavolta abbiamo vinto il campionato (guardando gli altri, poi…)
      GLR

  17. Generale // 9 maggio 2013 a 08:24 //

    Grande citazione cinematografica! Senza Europa non è un dramma, consentirà di lavorare con calma e bene, sperando di evitare infortuni a catena e cercare di arrivare 3°-4°, che dopo l’8°-9° di quest’anno va bene.
    Handanovic, BASTA, CAMPAGNARO, Ranocchia, Jesus, Nagatomo, Guarin, Kovacic, Obi, CERCI, ICARDI, Palacio. In panca: Carrizo, Zanetti, Andreolli, Silvestre, Pereira, Cambiasso, Gargano, Mudi, Botta, Milito, Longo. Gli altri VIA.

    • Via nel senso che bisogna farli proprio sparire, perché chi li vuole?
      GLR

  18. Marco Ferrara // 9 maggio 2013 a 08:25 //

    Stramaccioni da fine Gennaio non fa che ripetere: “Il Presidente vuole costruire una grande Inter, riportarla ad alti livelli”; proprio ieri Moratti dopo la contestazione: “Hanno fatto bene, anche io da tifoso quale sono, mi sarei comportato così, adesso dovrò rispondere con i fatti”. Ecco, attenderemo tutti il 31 Agosto per vedere se finalmente la società avrà ripreso a fare le cose con un minimo di criterio, o se queste dichiarazioni altro non erano che ennesime prese in giro!

  19. ma perché? non pioveva al Meazza? mi è parso di vedere uno scivolare…

  20. È il secondo anno di fila che vedo uno dei nostri calciare un rigore alla John Terry: sarà il segno dei tempi. Comunque con tutte le attenuanti che puó avere Strama, non credo a prescindere che si possa ripartire da un allenatore che sta battendo tutti i record negativi possibili e immaginabili

  21. Perdendo con genoa ed udinese arriveremmo a 17. Praticamente un girone intero. Niente da dire penso che strama strameriti la riconferma.

    • capisco l’ironia: ci sarebbero da contare anche le sconfitte in Coppa Italia e Europa League: al momento siamo a 20 in 54 partite!
      GLR

  22. Giacomo // 9 maggio 2013 a 08:36 //

    In teoria, dopo il calvario e la crocefissione (vedi Genoa e Udinese già pronti con chiodi e martello) ci dovrebbe essere la resurrezione… Sono proprio curioso di vedere quale spirito santo aleggerà sul prossimo mercato dell’Inter, in grado di poterla far rinascere. Se devo dire la verità ho qualche sacro-santo dubbio, ma crederci, in fondo, non costa nulla

  23. Alex C. // 9 maggio 2013 a 08:36 //

    Delle 12 domande la più bella: Perchè chi se ne va parla sempre bene del presidente e male dell’inter? Fantastica!

  24. Giorgio // 9 maggio 2013 a 08:48 //

    L’anno scorso siamo arrivati sesti. Quest’anno arriveremo ottavi (se va bene).
    Non so quanto si deve andare indietro nel tempo per avere due risultati così negativi in due stagioni consecutive. Bisogna prenderne atto. Il resto sono chiacchere.

  25. Senza identità senza gioco senza nulla,vada per gli infortuni la sfiga tutto il negativo possibile, in rare occasioni il collettivo ha fatto un gioco da squadra..Basta ci vuole un Vero condottiero..Sono disperatamente deluso, con Lui il prossimo anno sarà ancor più difficile..Comprare comprare..vendere tutto il resto della ciurma, con rare eccezioni..

    • Comprare, comprare..solita analisi appronfondita e realistica: magari mettere tu, mettere tu i soldi
      GLR

      • Franco da Udin // 9 maggio 2013 a 12:39 //

        Comperare, comperare… Vedo Basta come nome gettonato. Lo sanno i Tuoi amici tifosi che ha 29 anni e ci vogliono 12 milioni per sedersi al tavolo con il nostro presidente? O pensate che accettiamo in cambio Jonathan, Pereyra (quello buono lo abbiamo già, grazie. Pagato 200,000 euro, non qualche milione), Kuzmanovic, Mudingayi, Rocchi o compagnia briscola?? Tanto in Cina si va!!

        • Si, si…meglio andarcene in Cina per business. Andiamo a vedere un giocatore per l’Inter che promette bene: si chiama Fan-Cu!
          GLR

  26. Vado contro corrente, apparte la sfiga totale e le paratone di Marchetti, io volevo che la squadra non andasse in Europa, anche se lo zio Bergomi dice che le coppe fanno bene. Ma quando hai una squadra da rifondare, se non sei in Europa, la posibilità di dare spazio ai giovani, secondo me è maggiore. È vero che il mercato è stato un disastro ma il fairplay finanziario è alle porte e Platini non farà sconti alle squadre italiane con tuttte le grane che hanno. Speriamo nella prossima stagione.

  27. andrea // 9 maggio 2013 a 09:22 //

    Finalmente mancano poche partite..ottima contestazione della curva..sull’inter poco da dire quindi parlo della lotta salvezza: il Siena ormai retrocesso si rifiuterà di retrocedere perché ha 36 punti sul campo e si farà scrivere sulla maglia “salvi sul campo”??

  28. Dimitri61 // 9 maggio 2013 a 09:39 //

    Visti gli eventi delinquenziali a Bergamo, la partita “non giocata” Torino-Genoa, i fischi irrispettosi verso un defunto, le gestioni dubbie tipo Inter e la gestione della Figc come nel caso dello stadio di Cagliari. Paragonerei il “mondo calcio” ad una FOGNA dove i grassi topastri si aggirano e “tanta roba” galleggia sempre. Ogni tanto le fogne vengono pulite (calciopoli,scommesse) ma l’effetto è di breve durata. E Le fogne, non chiamano pubblico, solo altri topi.

    • Il vero genio è colui che ha varato il minuto di silenzio ad un personaggio contradditorio come Giulio Andreotti, custode dei segreti, sopratuttto di quelli più vergognosi, di quasi 70 anni di Repubblica Italiana. E’ perché ha avuto, hanno spiegato, anche incarichi in istituzioni sportive tra gli innumerevoli altri nella sua lunga vita di ‘statista’. Credo li abbiano avuti anche Adolf Hitler e Amin Dada, ma nessuno ha mai pensato di dedicargli un minuto di silenzio nelle manifestazioni sportive in Germania o in Uganda. Ho fatto volutamente un accostamento forte ma da cittadino da quasi 50 anni di questa controversa Repubblica avrei fatto volentieri a meno di un minuto di silenzio ad Andreotti
      GRL

      • Franco da Udin // 9 maggio 2013 a 12:41 //

        In merito ad un teorico comportamento irriguardoso del pubblico da stadio verso un defunto, ricordo quanto questo signore ebbe a dire in una pubblica intervista a proposito dell’assassinio di Giorgio Ambrosoli: “se l’è andata a cercare”. Ah no, è vero, la sua era ironia.

  29. Daniele // 9 maggio 2013 a 09:42 //

    Non so che dire solo GAME OVER? Ma ne siamo sicuri? Mancano due giornate alla fine e mi vengono i sudori freddi! Ma Stramaccioni uno straccio di gioco lo ha dato anche con tutti questi infortunati? Va beh è così che va la vita!

  30. Pasquale // 9 maggio 2013 a 09:56 //

    Rispetto alle altre partite l inter ha giocato meglio, super Marchetti, non mi sento di infierire su alvarez e tanto meno su handanovic, dispiace per jonathan, bella prova di pasa per essere un esordiente, complimenti alla curva per la contestazione civile spero che Moratti risponda alle domande, due anni fa i tifosi juventini con del neri bruciavano i seggiolini noi facciamo gli striscioni e i foglietti, su questo siamo avanti, altre due partite e finisce questo calvario

  31. Pelle // 9 maggio 2013 a 10:01 //

    Si ma la società dov’è? Possibile che la faccia ce la debba sempre e solo mettere il povero Stramaccioni? Cosa ci potrà ancora dire di nuovo alla prossima ennesima sconfitta? Speravo che i mantra fossero finiti con Ranieri : “..stagione sfortunata stagione sfortunata stagione sfortunata….” uno che allena in serie A da 12 mesi? io sogno un post partita col mister a dire: Aoh? ma che volete da me? Mica la faccio io la preparazione? Mica li ho presi io sti 4 brocchi? mannatevene aff….

  32. Nazzareno // 9 maggio 2013 a 10:16 //

    io dissento da te solo quando dai, a mio parere, troppe colpe all’allenatore..quando sei senza punte….senza difesa o comunque con la difesa contata ed acciaccata….numero imprecisato di rigori subiti…ce ne danno uno e Ricky inciampa….ogni volta deve cambiare 3-4 moduli in corsa per qualche infortunio improvviso….fin quando eravamo tutti, e non ci abituavamo a perdere soprattutto, eravamo lì dietro alla Juve..no?

    • Mah, sarà…Secondo me questa squadra ha lavorato molto poco per tutta la stagione soprattutto sul piano fisico. E i giocatori gradiscono Strmaa anche per questo. Mi sbaglierò ma se lo dico, non lo dico a caso.
      GLR

      • Nazzareno // 9 maggio 2013 a 13:31 //

        sì forse è anche vero che di solito la maggior parte dei calciatori amano gli allenatori che li fanno sgobbare poco….però ricordo che degli infortuni e dello staff medico se ne lamentavano anche Mancini e Mou…

  33. Veramente encomiabile, il comportamento della curva, con il resoconto di tutte le domande che Moratti dovrà tener conto, e farne tesoro per non ripetere per l’ennesima volta gli stessi errori passati. Basterà, …speriamo.
    Il Bayern dal 2010 ha speso 5 mil. di euro in meno rispetto all’Inter, …… i risultati e le differenze si vedono tutti. Ergo, lo Strama sempre solo lui da solo davanti ai microfoni a fare le impennate, ed i Dirigenti nerazzurri……tutti zitti!

  34. nino 33 // 9 maggio 2013 a 10:35 //

    Alvarez, bontà sua, nel momento del rigore si è sentito un novello C. Ronaldo…Non si può fare un elogio (diciamo così) ad un calciatore che subito veniamo smentiti. La Via Crucis continua, siamo quasi sul Golgota. Speriamo in una futura ressurezione.

  35. Alessandro // 9 maggio 2013 a 10:35 //

    Moratti ha capito di chi è la colpa (se c’è una colpa) di quanto accaduto in questi mesi? preparatore, allenatore, dirigenti, giocatori… chi fa una analisi per capire? non credo che Branca vada da Moratti a dire ho sbagliato il mercato o lo stesso facciano gli altri.
    Comunque è bello essere interisti.

  36. andrea // 9 maggio 2013 a 10:41 //

    Orgogliosi della nostra curva!
    Visti i tempi che corrono con la Beneamata é giá tanto essere orgogliosi di qualcosa…

  37. l’unica cosa “positiva” è che tra poco finirà il campionato, ma temo che le nuvole nere non passeranno tanto in fretta. A mia personalissima sensazione non sembra che Moratti, a cui va tutta la gratitudine del mondo, abbia la voglia e le risorse da investire per tornare, non dico al top in europa, ma almeno nelle prime posizione del campionato.

  38. Paolo Grassi // 9 maggio 2013 a 10:58 //

    è una annata storta ma sicuramente Alvarez così come Guarin e Pereira non sono da Inter.
    In ogni caso non me la sento di dare tutte le colpe a Moratti, in parte è ovvio, penso che le colpe maggiori siano da imputare a chi fa mercato e all’allenatore.

  39. stefano // 9 maggio 2013 a 11:08 //

    Perchè ridere a crepapelle delle dichiarazioni di Strama su Alvarez nuovo idolo? Sono d’accordissimo con lui invece. Io che ho superato i 50 in certe movenze Alavarez lo vedo simile a Rummenigge. Uguale. Questo allenatore se lo teniamo ancora tra poco ci dirà che Kuzmanovic ricorda Mattheus e Jonhatan è più forte di Brehme. Non so se è peggio veder l’Inter giocare o sentire Strama in conferenza stampa

    • Oddio che a ricordare Matthaeus fosse Guarin lo diceva qualcuno di voi, ora ovviamente scomparso
      GLR

      • 71diaz // 9 maggio 2013 a 20:36 //

        Non sono sparito ti leggo sempre stai sereno. Se vai a rileggere vedrai che il mio “accostare” Guarin al mitico Lothar era riferito al fatto che i due hanno in comune un cambio di passo in progressione impressionante e la potenza del tiro da grande distanza. Certo è anche che il Guarin degli ultimi tempi assomiglia di più al mitio Checco Dell’Anno 93-94.

        • Ma non eri l’unico, tranquillo. Di questi tempi ricevo anche 500 mail al giorno, provo a leggerle tutte ma ne pubblico un centesimo e mica ricordo tutti gli indirizzi o i nomi. Non ho mai capito questo bisogno quasi disperato di accostare giocatori di epoche diverse. Ognuno è figlio del proprio tempo. Con Alvarez è il tempo della lumaca (scherzo, ma nemmeno troppo)!
          GLR

  40. Il Milan va male e ci mette la faccia Galliani. La Juve va male e mi tocca sorbirmi Marotta. L’Inter va male e ci mette sempre la faccia Strama. Ma i nostri dirigenti dove sono? E non vale la battuta che gente che compra Jonathan e Alvarez non può essere considerata “dirigente”….

    • Poniamo che sia Branca a “mettere la faccia” come dicono alcuni “tifosi”. I giornalisti gli chiedono: “Che cavolo di mercato hai fatto?” E lui che mette la faccia risponde: “il Presidente mi ha detto che non ci sono i quattrini per comprare dei top players” Come dire: ho solo qualche Euro e posso portare a casa soltanto Tizio, Caio e Sempronio” e non Mister X, Y, Z. Quante scemenze mi tocca sentire da alcuni (?) tifosi interisti lasciate in pace Branca. Cercate i colpevoli altrove!

      • Piecarlo // 10 maggio 2013 a 06:58 //

        Sai a quanto abbiamo chiuso noi il bilancio quest’anno? Meno 80 milioni circa. Il Napoli che ci ha battuto meno di una settimana fa dandoci una lezione di calcio e che è entrato direttamente in Champion? Più 8 milioni. Chi spende soldi, pochi o tanti che siano, male, deve sempre giustificarsi davanti al proprio datore di lavoro e, se sei un dirigente che lavora nello spettacolo, perchè il calcio è questo visto che ci sono spettatori paganti, davanti ad un pubblico ed ad una critica.

      • Sì, per carità, cercare un capro espiatorio a tutti i costi è un’operazione concettualmente stupida, però bisogna anche fare i conti con la realtà.
        Marco Branca ricopre un ruolo che implica una serie di responsabilità cui, in una Società che funziona, non dovrebbe, non vorrebbe e non potrebbe sottrarsi (vedi domanda n. 9 della curva).

  41. marzio // 9 maggio 2013 a 11:32 //

    Faccio come la curva e pongo anch’io delle domande:
    1) perche’ non abbiamo organizzazione difensiva ?
    2) perche’ ha tirato il rigore Alvarez che ha sempre dimostrato di non avere freddezza davanti alla porta ?
    3) perche’ continuare con Stramaccioni che ha dimostrato seri limiti ?
    4) siamo sicuri che qualche giovane della Primavera sia palesemente non all’altezza di certi titolari sempre in campo vista l’emergenza ?
    5) quanti anni ci vorranno per diventare una societa’ ed avere una squadra ?

  42. bruce // 9 maggio 2013 a 11:37 //

    Dai che è finita…s’è avverato il sogno di non entrare in EL, tanto ne abbiamo già vinte, ed evitiamo di partire a luglio morendo praticamente a febbraio.
    Le 12 domande della curva sono la cosa più interessante della serata.
    I tifosi, che pagano (stadio o paytv) hanno il diritto di sapere.
    Ausilio, Branca, Fassone, c’è qualcuno di voi che in tv può andare o fate troppo i preziosi?
    Dirigenti seri cercasi.
    Il futuro qual è? Modello Catania o modello grande squadra?

  43. Roberto // 9 maggio 2013 a 11:58 //

    Bella partita che un’Inter decimata poteva anche vincere, avesse girato meglio qualche episodio… Alvarez migliora ma si era già visto che i rigori non fanno per lui, e il suo erroraccio “alla Pazzini” è stato subito punito dagli dèi del calcio con il “golazo” di Onazi. 😉
    Vero che, di questi tempi, se un gatto nero vede passare il pullman dell’Inter si tocca ma, gatto o meno, pare ci sia chi vuole il 51% dell’Inter e non è il “tuo” mobiliere brianzolo… 😀
    Fossi in Moratti, mah…

  44. mauro // 9 maggio 2013 a 12:11 //

    lo dirò nel momento sbagliato visto che se Alvarez sbaglia un rigore in un modo ridicolo non è colpa di Stramaccioni, però sono anche stanco di sentire sempre le solite scuse, abbiamo giocato bene, meritavamo il pari, abbiamo preso gol su un rimpallo (in realtà ieri sera non so se è stato più ridicolo il rigore o il primo gol subito…) diciamo che è sempre colpa di qualcuno ma mai nostra. che si faccia anche Strama un esame di coscienza….

  45. Andrea Ibiza // 9 maggio 2013 a 12:13 //

    Questo adattamento alla sconfitta è diventato oltremodo irritante. Con tutte le attenuanti del caso, inizio anch’io a perdere la fiducia anche nei confronti di mister Stramalo. Ieri sera (oltre ai soliti scempi a cui si sta abituando anche Handa), si sono visti un buon numero di errori sottoporta che non posso più pensare siano riconducibili solo alla malasorte. Ormai si è persa quella convinzione necessaria a tramutare un’occasione ordinaria in gol. È vero che l’Inter storicamente non conosce mezze misure, ma ora si stanno superando i limiti del peggio. Purtroppo devo arrendermi e unirmi al coro di coloro i quali chiedono una guida tecnica nuova per l’anno che verrà, non tanto per colpe particolari del mister, quanto per una essenziale e totale inversione di rotta. Questa non è stata una stagione di transizione, ma completamente gettata alle ortiche. Non sono sufficienti i soli handanovic e Kovacic per dire che qualcosa di buono è stato fatto.

  46. pasquale somenzi // 9 maggio 2013 a 12:16 //

    E quindi dopo Inter-Lazio, sono diventate 37 su 62 le partite con allenatore
    Stramaccioni in cui l’Inter si è trovata in svantaggio ed anche stavolta non
    ha perso punti nei minuti finali in quanto il risultato era maturato in precedenza.
    Il risultato di ieri sera comunque e’ coerente con l’andamento della giornata
    di campionato che ha registrato nessuna vittoria in casa e addirittura 8 su 10
    vittorie in trasferta. Anche alla 32ma giornata nessuna squadra aveva vinto
    in casa, ma in quel caso per l’Inter era facilissimo evitare che nessuna squadra
    vincesse in casa, infatti affronto’ il Cagliari… a Trieste.
    Pasquale.

  47. Paradossalmente non sono le assenze di Palacio, Cassano e Milito a far naufragare quest’Inter, sostituiti dignitosamente da Guarin, Alvarez, Rocchi e Kovacic che creano comunque numerose pallegol in ogni partita. Ciò che deficita é l’atteggiamento mentale (non tattico) che risente dell’inesperienza del Mister e delle carenze societarie, nonché una difesa inadeguata formata da persone non all’altezza del ruolo, della serie e della squadra.
    La prima cosa che si sistema in una squadra é la difesa.

  48. Paolo // 9 maggio 2013 a 12:47 //

    Sappiamo che tutto è merda quest’anno,ma un repulisti generale non è ovviamente possibile.il fatto che però Moratti lasci intendere che Strama sarà confermato mi inquieta non poco.vabbè che il ns presidente cambia idea ogni minuto,ma confermare un presuntuoso e inesperto aziendalista senza curriculum e credibilità sarebbe ripartire col piede sbagliato.il fatto poi che tutti i non interisti tifino per lui è gli trovino mille alibi..ci siamo capiti.ps meglio le domande che i motorini lanciati

  49. zanetti // 9 maggio 2013 a 12:47 //

    Alcuni già si divertono realizzando l’Inter dell’anno prossimo, con Campagnaro, Andreolli, Botta ecc. Io invece francamente non ho capito il perché degli acquisti che abbiamo fatto. Botta è una copia di Alvarez, Campagnaro ha 33 anni, Icardi costerà circa 15 milioni (più di Palacio), Laxalt sarà il 7°-8° centrocampista e per quanto giovane non ci cambierà la vita.

    • Trovo però poca differenza tra quelli che mettono giù la formazione con sei mesi d’anticipo e tu che dici che è tutta merda ancora prima di vedere quello che realmente capiterà: fiato sprecato, da una parte e dall’altra
      GLR

  50. Andrea Rossignoli // 9 maggio 2013 a 12:53 //

    Caro GLR,
    imito,in maniera assolutamente non degna sia chiaro,l’inarrivabile Somenzi sulle stagioni post triplete:
    – 115 gol presi
    – 65 punti presi dalle prime
    – 37 sconfitte,di cui 29 negli ultimi 2 anni
    – 5 allenatori
    In particolare quest’anno abbiamo anche battuto il record di sconfitte stagionali(20), contro le 19 (ma solo in campionato) del 46-47.
    Mou nell’ultima conferenza stampa ha tirato fuori il foglio, qualcuno lo faccia anche a Moratti e Stramaccioni quando parlano di sfortuna.

    • Altro che il foglio, qui bisognerebbe tirare fuori la clava, ma intendiamoci bene, su cosa intendo come clava: quella di plastica colorata che avevo io da bambino e che suonava quando la pestavo in testa a mia nonna, che per tutta risposta mi tirava regolarmente un ceffone di quelli che spostano il centro-bocca dando pure l’illusione ottica di una disodontiasi delle gemme superiori (se c’è un dentista, capirà di cosa sto parlando)
      GLR

  51. Ferruccio Galli // 9 maggio 2013 a 13:17 //

    ho 44 anni di Inter alle spalle, non predico il futuro ma… Confermato Stramaccioni. l’anno prossimo alla terza sconfitta…cambio allenatore!!! il primo… Stramaccioni e’ amatissimo perche’ con lui i giocatori fanno quello che vogliono, comprese due settimane di vacanza a Natale cosi i sudamericani tornano al paesello. e poi non abbiamo preparazione atletica…

  52. paolo // 9 maggio 2013 a 13:21 //

    Sono juventino ma leggo sempre con molto interesse il tuo blog. Mi piace molto.
    Malgrado le FEDI avverse condivido spessissimo le tue opinioni e mi diverto a leggere le tue risposte ai commenti.
    Oggi mi permetto di intervenire per farti i complimenti per la risposta a Dimitri e anche per il suo intervento.
    Aggiungo solo che questi fenomeni, che sono gli stessi che rovinano il nostro calcio e il nostro Paese, meriterebbero un bolide alla Onazi proprio in quell’incrocio lì.

  53. Luca M. // 9 maggio 2013 a 13:35 //

    Domanda seria, perchè non conosco i bilanci della società. E’ stato davvero conveniente dal punto di vista economico non spendere per 2 top player (a livello di serie A) per poi trovarsi ad iniziare la stagione successiva senza introiti da coppe europee e quasi certamente con un numero di abbonati ridimensionato? Non per gufare, ma penso che molti preferirebbero pagare l’IMU che l’abbonamento a questo scempio di squadra.

    • Certamente no, ma ancora devo capire chi sono i Top Players di serie A che sarebbero venuti all’Inter: Cavani? Cavani il Napoli se lo tiene e casomai lo vende all’estero
      GLR

  54. Robbie // 9 maggio 2013 a 13:40 //

    Sono sempre più preoccupato per la prox stagione. Con i vecchi che caleranno ulteriormente ed i nuovi che non sono, in molti casi, giocatori da grande squadra, sarà molto dura salvo improbabili sterzate manageriali. Se non erro nel girone di ritorno siamo terz’ultimi come punti conquistati, un dato su cui riflettere. Certo che se Branca in Italia pesca solo over30 ormai cotti ed all’estero continua a pescare in sudamerica pseudo giocatori rischiamo la frittata.

  55. Raffaele da Dublino // 9 maggio 2013 a 13:46 //

    Fuori dall’Europa dopo 14 anni, é inutile dire che ce lo siamo meritati. Gli errori sono stati innumervoli, gli infortuni anche. Ovviamente tutti speriamo che le cose migliorini l’anno prossimo e di rivedere un’Inter combattiva e forte.
    A noi dell’Inter Club Dublino dispiace solo che da settembre non potremo vederci durante la settimana al nostro solito pub per seguire l’Inter, vorrá dire che il mercoledí andremo al cinema (che é proprio attaccato al pub).
    Forza Inter!!!

  56. simona // 9 maggio 2013 a 13:54 //

    L’Inter ha mangiato l’Inter,
    é l’Inter ad essere la prima nemica di sè stessa.
    La società non solo è assente, ma anche carente.
    Ho visto Ausilio in tv e avrei preferito non vederlo…
    e tantomeno sentirlo!
    Hanno fatto sparire anche il povero Cordoba??!!
    Branca è missing da mesi.
    Cercasi classe dirigente ADEGUATA.
    Si riparte da lì.

  57. SFELLETTI // 9 maggio 2013 a 14:14 //

    Mi spiace ma sono contento che l’inter non va in E.L. 1) Andarci da sesti significa iniziare troppo presto 2) I soldi dei diritti sono cmq troppo pochi x rifondare 3) La possibilità (obbligo) di alleggerire la rosa. X quanto riguarda lo stadio, il progetto doveva cominciare lunedì 24 maggio 2010, da campioni d’europa trovare dei finanziatori-sponsor sarebbe stato molto + facile, anche risolvere eventuali problemi burocratici con le autorità competenti (comune, ecc).

  58. ciccio // 9 maggio 2013 a 14:17 //

    ora in Europa il calcio ci parla di possesso palla, velocita’, scambi nel breve. Se vogliamo costruire dobbiamo partire da questo. In sudamerica non si va in questa direzione, quindi continuare pescare da Argentina e Uruguay e’ un po’ azzardato. Kovacic e’ un giocatore fantastico che verticalizza sempre, a lui secondo me andrebbe affiancato uno che “allarga” il gioco giustificando la presenza di Pereyra e Nagatomo o Schelotto. Kuz lo sa fare? poi Gargano a chiudere spazi. E la panchina?

  59. Enrico // 9 maggio 2013 a 14:46 //

    Scusate,la scusa degli infortuni è un po’ comoda.Tra la vittoria con la Juve e il 17 febbraio ci sono 14 partite : 4 vittorie (Palermo/Napoli/Chievo/Pescara) 4 pareggi (Cagliari/Torino/Genoa/Roma) 6 sconfitte (Atalanta/Parma/Lazio/Udine/Siena/Firenze) con 5 prestazioni vergognose (salviamo quella con la Lazio). 16 punti su 42: in queste partite è mancato qualche volta solo Samuel e Milito dopo la Befana, gli altri erano tutti disponibili. Vogliamo ancora offrire alibi ad allenatore & CO?

    • in effetti….anche a me sembra molto un alibi quello degli infortuni.
      Non abbiamo mai, e dico mai, mostrato uno straccio di gioco.
      E’ per questo che il mister deve essere un altro.

  60. io penso, ed è già qualcosa, leggendo i commenti di tanti pseudotifosi, che dovremmo ritenerci fortunati. in annate così, normalmente si retrocede! i dirigenti, i medici, il presidente sono gli stessi di quando godevamo come scimmie, come probabilmente mai nessuno ha goduto in questa nostra povera patria. la squadra era mediocre anche quando eravamo arrivati ad un punto dalla juve, i nostri pseudotifosi urlavano allo special two e tutti i prati sembravano fioriti. poi…l’apocalisse!!

  61. federico // 9 maggio 2013 a 15:04 //

    gianluca… più che altro , (non che le altre non ci stessero) era da formulare la domanda n. 13… “dove andremo a finire?”…naturalmente nè questa e nè le altre 12 troveranno risposta.

  62. Alessandro // 9 maggio 2013 a 15:13 //

    Per me Stramaccioni è un valido allenatore con una sua idea di calcio che non ha potuto esprimere perchè non ha avuto gli interpresti giusti per farlo, ma una serie di bidoni inguardabili. Per il futuro bisognerà guardare il budget innanzitutto, quando si hanno pochi soldi per forza di cose bisogna fare un progetto a lungo termine, senza top player ma con un top direttore tecnico che porti 4,5 prospetti come Kovacic, cioè giocatori di chiaro talento con prospettive di crescita. Il Bayern insegna

    • Magari se uno prima di dire Bayern guarda fatturato e utili dsitribuiti ai soci evita solo di nominarlo come esempio per il campionato italiano
      GLR

  63. Angelo // 9 maggio 2013 a 15:20 //

    Da quando Moratti e’ tornato a fare il presidente in prima persona, l’Inter e’ ridiventata perdente.

  64. MIMMO // 9 maggio 2013 a 15:23 //

    Vorrei solo non sentire più la storia dei “giovani”, di puntare dui “giovani”, basta!! Sono tutte cazzate!!! Ditemi un solo nome di una squadra che ha vinto puntando tutto sui “gggiovani”!! Basta! Ci vogliono i giocatori “forti”! La giuve ha rivinto puntando su Pirlo che sarà forte anche a 50 anni. Strama è bravo ma ripartire con un allenatore che ha perso 32424 partite non è stimolante a livello psicologico: la cosa che più conta a grandi livelli. Vedi la Juve con Conte (purtroppo)

    • Ma certo che ci vogliono i giovani bravi! E ci vuole il tempo per farli crescere.
      Delle due l’una, o una squadra in difficoltà decide di investire poco e bene, coltivando ragazzi che daranno frutti, oppure spende molto e prova a prendere i top che faranno la differenza.
      La seconda eventualità non è alla nostra portatra. La prima sì, credo. Però bisogna coltivare davvero una generazione nuova, rassegnati a non vincere subito.

  65. Silvio da Torino // 9 maggio 2013 a 15:32 //

    Questa è la prima volta che leggo tutti i commenti. Devo dire che sono piuttosto amareggiato per come molti “tifosi” trattano la nostra Inter ed i suoi componenti dai dirigenti ai giocatori. Ovvio che non sono assolutamente d’accordo e sottolineo che amo questa squadra come quella che ci ha portato in cima al mondo. Come si fa a non giustificare gli scarsi risultati con questa mattanza di giocatori, con arbitri non certo amici e logicamente anche con una certa carenza tecnica. A presto.

    • I peggiori anti-interisti sono, da sempre, gli stessi interisti. Potrei anche cambiare idea su questo e scriverci un libro, cosa che mi propongono da anni, ma sono pigro…
      GLR

      • andrea // 10 maggio 2013 a 09:23 //

        Leggo tanti commenti sui pseudo-tifosi, i primi anti-interisti sono gli stessi interisti ecc. Mi vanto di essere uno di questi: dovremmo stare zitti ed accettare questo scempio? Il club sará anche proprietá di Moratti ma senza tifosi che vanno allo stadio o comprano l’abbonamento Sky …. E` incredibile che in questa situazione lo pseudo-tifoso (come volgarmente chiamato) oltre ad essere “cornuto” debba essere “cazziato” da questi “tifosi-immacolati”, …ma tenetevi Schelotto & Co.!

  66. Pierluigi // 9 maggio 2013 a 15:54 //

    Tutti contro Stramaccioni, penso che con una infermeria così piena neanche il mitico Mou avrebbe fatto meglio.Per me il dito va puntato contro chi ha fatto il mercato: va allontanato al più presto. Gli infortuni ci sono perchè abbiamo giocatori vecchi e logori.

  67. Giando // 9 maggio 2013 a 17:12 //

    Oggi mi sento ‘positivo’ e mi chiedo se – proprio in virtù di questo annus horribilis – si potrebbe forse sperare che alcuni degli sciagurati protagonisti possano fare tesoro degli errori commessi ed ‘esplodere’ il prossimo anno: partendo da Stramaccioni e aggiungendo Pereira, Johnatan, Ranocchia, Guarin e Juan Jesus (Alvarez – poverino – non ce la faccio proprio) che hanno mostrato a sprazzi un po’ di potenziale…forse sono troppo buono, ingenuo, romantico.

  68. cristina // 9 maggio 2013 a 17:38 //

    La partita inter lazio è stata la dimostrazione che gli infortuni sono una delle tante cause, floccari che segna tra due difensori, ranocchia che si perde Floccari e alvarez rigorista è colpa degli infortuni? manca un’organizzazione difensiva e un modulo di gioco stabile! Capisco i tanti assenti e infatti questo è un alibi per strama , ma comunque l’inter incerottata è sempre meglio come rosa del siena o dell’atalanta! Galliani e Marotta la faccia ce la mettono, all’inter mandano strama!!

  69. Fabio // 9 maggio 2013 a 19:38 //

    C’è una minima speranza che Moratti cambi idea e cacci questo allenatore? non è possibile perdere 25 partite in un anno e mezzo di gestione,non mi si venga a dire che son tutti scarsi i nostri calciatori!!! e la scusa degli infortuni non regge, abbiamo perso molte gare anche al completo, quindi è un problema di organizzazione e di gioco. Ricordate Bonucci, Marchiso e Barzagli? sembravano delle pippe, guardate ora…Son convinto che lo stesso valga per alcuni dei nostri, vedi Ranocchia, Juan etc….

  70. OLDBOY // 9 maggio 2013 a 21:11 //

    Io sono uno dei coglioni che vogliono Stramaccioni ancora in panchina, trovo provinciale cambiare “ancora” allenatore, non confermare colui che qualche mese fa era considerato il nuovo Mourinho è scandaloso. Corretto é…dare una seconda opportunità alle persone per non doverle poi rimpiangere, come successo in passato. Va tutto così in fretta che vogliamo sempre essere già arrivati a domani, senza goderci l’oggi. Siamo dei disfattisti, ma senza INTER non sappiamo stare. Questa é la cruda realtà

  71. Lucio // 9 maggio 2013 a 23:17 //

    Leggo tanto di Obi. Sarà, ma ha fatto 3 anni in prima squadra, mai una prestazione sopra il 6,5 e ha saltato 3/4 di ogni stagione x infortunio. Vabbè…
    Non abbiamo giocatori veloci nel breve dai tempi di biabiany e non vedo uno scouting di giovani rapidi mentre il mondo va in quella direzione. Appena giochiamo contro uno rapido andiamo in crisi. Lo vedo solo io che perfino Suazo, sotto il nostro staff, ha perso brillantezza? Schelotto era un velocista, pereira pure. Qui sembrano lumache…

  72. Nunzio // 10 maggio 2013 a 00:01 //

    Quello che mi preoccupa davvero non è questa annata balorda ma il futuro naturalmente in senso calcistico, visto che nella vita ci sono ben altre cose di cui preoccuparsi. Da dove cominciare per ricostruire la squadra? Comunque la sfiga con noi ci vede benissimo e mi sia consentita una battutaccia: se ci casca il pisello ci rimbalza nel c..

  73. michele // 10 maggio 2013 a 08:44 //

    Zenga, Brehme, Samuel, Ferri, Maicon, Stankovic, Matteoli, Cambiasso, Berti, Matthaeus, Eto’o, Ronaldo e torniamo in cima al mondo, forse anche con Stra.

  74. La non partecipazione alle coppe, che reputo gravissima, sarà l’input per mandar via qualche giocatore di troppo e prendere qualche nuovo giovane alla Kovacic.
    Questi nomi altisonanti sono buoni solo per i beoti che ci credono e al 31 Agosto quando realizzeranno che non arriveranno Sanchez/Fabregas etc potranno ricominciare con il Moratti vendi Strama vattene Branca spieghi.
    C’è sempre la Juve o il Milan dove arrivano i Bendtner-Anelka-Llorente e giovani fenomeni alla Niang con 1 gol in 3!

  75. Il problema dell’Inter è che è troppo soggetta alla legge di Murphy!
    Ad es. per il mercato invernale si applica la 3° legge sulla confusione in cucina:
    – Una volta rovinato un piatto, qualsiasi cosa tu aggiungi per rimediare lo peggiorerà.
    Per i problemi da risolvere,Legge di Iles:
    -C’è sempre un modo migliore.
    Corollari:
    –Quando il modo migliore ci sta davanti agli occhi, specialmente per lunghi periodi, non lo vediamo.
    –Neanche Iles lo vede!
    E x finire:
    -Quando piove, diluvia!!!
    :-)

  76. stefano // 10 maggio 2013 a 10:33 //

    Su gli interisti e gli antiteristi. Io credo sia anche una questione di età, come con le mogli: quando sei giovane ti piace avere la squadra/moglie pazza, imprevedibile, etc. Quando cominci a diventare vecchio ti stufi. Vorresti un pò più di raziocinio e regolarità, vorresti una squadra “normale”, che perda coi più forti e vinca coi più deboli. Senza drammi, cadute libere. Insomma non dico di passare dalla discoteca alle ciabatte. Ma un po’ di logica non è che ci faccia così male..

  77. possiamo una volta per tutte fanculizzare gli adulatori del modello tedesco dell’ultima ora?
    parlano di fatturati, stadi e monte ingaggi con indosso la maglia dell’inter taroccata, guardano la partita in streaming arabo, non hanno mai messo piede a san siro e non sanno nemmeno della conoscenza del san siro store. oppure peggio ancora, vanno a san siro (sempre con l’immancabile maglietta taroccata), rompono i seggiolini, sporcano i bagni e poi chiedono lo stadio nuovo. fate ridere!

    • Telepatia: ho appena fatto un servizio per il telegiornale di Telelombardia in cui dico le stese identiche cose, aggiungendo anche che di solito c’è pure chi prova ad entrare allo stadio gratis grazie alla compiancenza dello steward di turno. E poi parla con ammirazione della disciplina dei tedeschi. Le regole vanno bene per gli altri, non per noi.
      GLR

  78. “Le cose succedono perchè qualcosa è stato fatto male….”
    Grandissimo Cambiasso!

  79. Spero che chi dovrà analizzare questa stagione e mettere in atto i dovuti corettivi tenga ben a mente ciò che ha detto Cambiasso dopo Inter-Lazio: guai a pensare che sia tutta sfortuna, quella al massimo può essere l’attenuante, ma per forza si sono sbagliate delle cose. Al presidente in primis l’onere di capire come e con chi ripartire dal prossimo anno. So che Non centra con l’Inter, ma mi piacerebbe leggere su editoriale su Ferguson, un Mito del calcio che va oltre al colore della maglia

    • Giusto, ma di questi tempi è così lontano dall’Inter uno come lui: pensa che, arrivato nel 1986, il primi trofeo serio fu la Coppa delle Coppa quattro anni dopo e la prima Premier arrivò addirittura dopo sette anni. Dalle nostre parti l’avrebbero cacciato prima.
      GLR

  80. alessandro // 10 maggio 2013 a 15:09 //

    Letta in settimana statistica su gazzetta che tutte le squadre di serie a hanno ottenuto la miglior media voti quando hanno giocato contro di noi. Se vera esprime meglio di tante altre considerazioni il nostro livello tecnico tattico ed anche fisico. Ci leggono facilmente, ci battono facilmente. Vogliamo pensare sia solo questione di infortuni? Forse ci leggono come una giovanile ma con la prestanza fisica del post agonismo. Spero vivamente in cambio radicale a tutti i livelli

  81. Giovanni // 10 maggio 2013 a 15:34 //

    Lo striscione che meglio rispecchia il futuro dell’inter con questi giocatori e con questi dirigenti è quello apparso qualche domenica fa dai giovani tifosi ossia “Vorremmo festeggiare i prossimi trionfi dell’inter con i nostri papà….in vita”

  82. BRIGNO // 10 maggio 2013 a 17:40 //

    Perche devono sempre prenderci in giro e non raccontare la verita’??
    ” TIFOSI….SOLDI NON CE NE SONO…..LO SQUADRONE SOGNATEVELO…..CERCHEREMO DI COSTRUIRE QUALCOSA DI BUONO CON I GIOVANI IN ATTESA DI NUOVE RISORSE FINANZIARIE……..QUINDI SE VI ABBONATE SOSTENETE LA SQUADRA E ABBIATE PAZIENZA….”

  83. enrico // 10 maggio 2013 a 18:00 //

    serve un sergente di ferro all’inter e, vista la pochezza della serie A, io pescherei in serie B qualche giovane pronto al salto di categoria.

  84. alberto // 11 maggio 2013 a 06:47 //

    premetto che in genere non amo i cavalli di ritorno e le minestre riscaldate, ma se Mancini dovesse lasciare il City lo riprenderei volentieri (ingaggio permettendo).
    nel 2005 disse: “vincere aiuta a vincere. prima vinciamo la Coppa Italia, poi chissà..” e fu così.
    Non so se tale opzione rientri nei piani societari, ma vederlo nuovamente sulla panchina nerazzurra con un gruppo di nuovi calciatori sarebbe affascinante.
    alberto

  85. Paolo Sabiu // 11 maggio 2013 a 07:28 //

    Sulla domanda 10: riguardo al rosso della seconda maglia, che l’abbiano studiato per invogliare certi imprenditori orientali ad investire sull’Inter, usando come scusa il colore di Milano? Comunque l’avremmo sopportata al max una stagione.
    Quesito invece frivolo a Moratti: se siamo nerAZZURRI, perché siamo diventati neroBLU?? Le divise ora sono inguardabili; da lontano sembriamo gli All Blacks! Da appassionato chiedo soltanto UNA MAGLIA A STRISCE NERAZZURRE… chiedo troppo? La Nike fa schifo!

I commenti sono bloccati.