Non solo Cassano per Pazzini

Solo chi si ostina a non capire cosa significhino 7.5 milioni di euro nel calcio mercato italiano può storcere il naso davanti ad un’operazione come quella che ha portato Pazzini al Milan e Cassano all’Inter. Il Pazzo, non certo per sue colpe specifiche, ad Appiano era purtroppo diventato come un mobile da portare in discarica. Separato, anzi divorziato in casa, senza più numero di maglia e senza futuro: per l’Inter era come avere un giocatore senza poterlo usare, un contratto a perdere. Ho già spiegato più volte che il comportamento dell’Inter col Pazzo non mi è piaciuto, ma ormai bisognava farsene una ragione e risolvere al più presto la questione. Averla risolta prendendosi Cassano, un fuoriclasse senza testa e un importante introito di mercato, finora il più alto, garantito dal Milan è un’ottima operazione. Se anche Cassano non dovesse fare la differenza, Pazzini non l’avrebbe comunque potuta fare, ma magari la faranno i contanti da reinvestire al volo su un altro centrocampista, oltre e Gargano, virtualmente già dell’Inter e in prestito, quindi senza alcun esborso immediato. Come e dove far giocare Cassano, interrogarsi sulla sua ennesima voglia di rivalsa è tutta roba che verrà dopo: ora spero solo che tra sei mesi non dia di matto, mentre per un giudizio definitivo su chi abbia fatto l’affare sul campo l’appuntamentoè  a maggio 2013. Vedremo quanti gol potrà garantire Pazzini al Milan, squadra che al momento non pare costruita per garantire i rifornimenti di cui un centravanti-boa come Giampaolo ha bisogno come il pane, soprattutto nel gioco aereo.  E parallelamente vedremo quali spazi saprà ritagliarsi Cassano all’Inter tra Sneijder, Palacio e Coutinho. Personalmente, rispetto all’estate svaccata del 2011, con un allenatore preso a caso, Gasperini, un Presidente distante, Moratti e un mercato di un piattume disarmante, quest’anno (intra)vedo ben altre prospettive. Con Stramaccioni, scelto in prima persona da Moratti e questo è fondamentale, pure Sneijder sembra tornato nei ranghi. Il rapporto tra Wes e Fantantonio pare ottimo e Moratti è assai più coinvolto di un anno fa, anche in ottica futura. Nei prossimi giorni entreranno nel Consiglio d’Amministrazione dell’Inter Fabrizio Rindi e i due nuovi soci cinesi, mentre parallelamente prosegue il discorso stadio in vista nel 2017. Nell’immediato vedremo un’Inter con parecchie novità. Oltre a Cassano, potrebbero esserci a breve Pereira e un altro centrocampista da affiancare a Guarin, Cambiasso, Zanetti e Mudingayi, per un totale di sette nuovi acquisti, che di questi tempi, sono moltissimi, senza considerare Guarin e Coutinho, che è come fossero nuovi. L’ultimo test col Bizerten sabato scorso a Locarno, al di là dell’avversario modesto, ci ha confermato nel 3-0 finale che Cambiasso qualche bella zampata la mette ancora, mentre Palacio con una doppietta ha confermato di essere un ottimo uomo-gol. Per il resto c’è ancora tempo: dieci giorni di mercato sono tanti.

26 Commenti su Non solo Cassano per Pazzini

  1. claudio milan // 21 agosto 2012 a 17:29 // Rispondi

    Caro Gian Luca sono d’accordo con te parola per parola. Al di là di quello che potrà valere Pazzini inserito nel Milan attuale senza crossatori, ci siamo privati dell’unico giocatore che avevamo in rosa capace di mettere precisi passaggi filtranti in area. Resto allibito da questa operazione. D’accordo i tempi di crisi. Va bene la cessione Thiago-Ibra. Va bene cercare giocatori a parametro zero o con la formula del prestito. Ma Cassano non lo poteva proporre ad esempio al Napoli per Gargano? Che senso ha bussare alla porta dell’Inter per togliergli un mobile dal solaio, in cambio del quale cedergli un mobile da inserire nell’arredamento e pagando pure un conguaglio!!! Per Kakà tratti sulla base del presito e poi dai 7 milioni all’inter per un fuori rosa??? Spiegami la logica.
    Consentimi una BATTUTACCIA: ci dev’essere un virus estivo che da un paio di anni ‘influenza’ le scelte di mercato del milan in base al nome dei giocatori, l’anno scorso abbiamo commesso la ‘Pirlata’ di dare un rinforzo alla juve gratis. Quest’anno per superarci abbiamo commesso la ‘Pazzia’ di pagare per dare un rinforzo all’inter!

    • Guarda, sapendo quanto sei equilibrato, te lo dico non da interista ma da giornalista: quest’anno Berlusconi MI sembra il Moratti dell’anno scorso, che era svogliato e appagato. Al di là delle difficioltà economiche di entrambi, mi pare lontanissimo dalle cose rossnere. So per cetrto da colleghi che lui Cassano voleva tenerlo ma poi Galliani gli ha presentato una certa situazione e il buon Silvio deve aver risposto: “fate come vi pare”
      GLR

  2. Ma i 7.5 milioni (sono davvero reali?) sono mica spalmabili in 3 anni? Detto questo dici bene per me e’ un ottima operazione per il periodo economico e per la situazione in cui si e’ messo/hanno messo il pazzo. L unico punto interrogativo e’ la tenuta fisica-psicologica di Cassano ma credo che a Pavia non siano del tutto rincretiniti nel momento delle visite mediche. Altro mio piccolissimo dubbio e’ il fatto oggettivo che andiamo a dare ai cugini un numero 9 vero, unico ruolo che avevano scoperto. Ma ora non facciamo diventare il buono e simpatico Giampaolo ciò che non e': un fenomeno. E’ e rimane un buonissimo attaccante per cui non ci siamo mai strappati i capelli!
    Avevi ragione GLR: qualcosa si e’ mosso. Se arriva Gargano io mi considero soddisfatto.
    Forza Inter!!!

    • Tutto si spalma in tre anni, a volte pure in cinque, nel calcio. L’Inter deve ancora prendere l’ultima rata di Balotelli e pagare quella di Nagatomo, tanto per fare un paio di esempi a caso.
      GLR

  3. Luca Conti // 21 agosto 2012 a 18:59 // Rispondi

    Aver preso pure un conguaglio da investore sul mercato, coi tempi che corrono, mi sembra davvero “tanta roba”..
    Quanto a Pazzini, che nella prima stagione era partito benissimo, condivido che l’Inter non si sia comportata alla grande con lui, ma un centravanti che ha segnato un gol su rigore a tempo scaduto negli ultimi quattro mesi di stagione dovrebbe essere un po’ più umile.
    Non che il sottoscritto costituisca campione rappresentativo, ma avevo trovato fuori luogo la sparata di Milito dopo i gol del Triplete, figurati cosa posso aver pensato delle verba proferite a Pinzolo da un signore che la scorsa stagione ci sarà costato 12 punti con i suoi gol mancati. Spero continui a stoppare il pallone come fosse un’anguria o una forma di parmigiano come fatto negli ultimi mesi in nerazzurro aspettando un cross che non arriverà mai.
    Un saluto, Luca

  4. Luca da Piacenza // 21 agosto 2012 a 19:39 // Rispondi

    Sono d’accordo con te Gianluca, finalmente quest’anno qualcosa si è mosso, abbiamo rinnovato la rosa con ottimi giocatori e soprattutto per ora abbiamo fatto l’acquisto migliore della serie A… questo acquisto è Palacio! E’ un giocatore molto versatile e generoso, vedrai che farà molto bene!!! E’ arrivato a maggio dal Genoa e per questi due motivi i tifosi dell’Inter lo sottovalutano, ma vedrai che sarà il migliore acquisto della serie A. Ricordi Milito tre anni fa arrivato dal Genoa nel silenzio e nella calma di maggio? Solo un anno dopo i tifosi dell’Inter si resero conto dell’importanza di quell’acquisto…ecco con Palacio vedo molte analogie…ma si sa, il tifoso dell’Inter vuole C.Ronaldo, Messi e compagnia bella… ma a questi tifosi ricordo che il triplete lo hanno fatto Milito (arrivato dal Genoa), Julio Caesar (arrivato all’Inter sconosciuto), Maicon (arrivato sconosciuto dal Monaco), Cambiasso (a parametro 0 dal Real), Sneijder (scarto del Real)… quando abbiamo preso questi giocatori nessuno si sarebbe aspettato cosa sarebbero diventati, quindi cari interisti siate fiduciosi!!! Se poi non andrà bene, ci divertiremo a guardare i cugini…credo che a loro andrà sicuramente peggio!
    Luca

  5. Paolo Sabiu // 21 agosto 2012 a 20:33 // Rispondi

    Operazione di mercato che, dal punto di vista tecnico tecnico, consentirebbe (il condizionale è d’obbligo) all’Inter di guadagnarci, mentre sotto l’aspetto tattico è un’incognita (e qui si vedrà quanto sarà bravo Strama a inserirlo nello scacchiere nerazzurro). Una cosa è certa: in ottica finanziaria la trattativa si è rivelata un capolavoro, di questi tempi, sempre che i soldi vengano riutilizzati nel modo giusto.
    Comunque, come tutti quanti i tifosi nerazzurri sto aspettando il 31 agosto sperando che nel frattempo arrivi qualche altro giocatore REALMENTE UTILE a completare la rosa.
    Ritornando a Cassano, quando quest’ultimo arrivò un anno e mezzo fa alla corte del Cavaliere, disse di essere arrivato al ‘top’, e che “sopra il Milan c’è solo il cielo!” Bene, avendo per colori sociali quelli ‘del cielo e della notte’, in effetti, venendo all’Inter è… arrivato in cielo… 😉
    Per quanto invece riguarda il nuovo stadio, dovendo contenere 1.300.000.000 spettatori (tutti cinesi, ovviamente), il terreno di gioco sarà ubicato a San Donato Milanese (un po’ troppo in periferia; io avrei preferito in zona San Babila…), mentre le cancellate esterne saranno costruite, presumo, a N a Como, a S a Piacenza, a E a Brescia e a W vicino al Lago di Viverone (!?)… Ok , battutaccia!
    Saluti nerazzurri!
    Paolo – Novara

  6. Marco dal Canada // 21 agosto 2012 a 21:27 // Rispondi

    GL. Welcome back .
    We’ll be among the top three teams
    Best regards
    Marco

  7. Ciao Gian Luca! Condivido appieno! Finalmente Fantantonio neroazzurro! Pazzini ormai era inutile e non mi sembra un fenomeno, quindi ben vada al milan! Ora pereira gargano e un altro centrocampista!
    Forza inter!

  8. Pazzini al Milan è un’ottima mossa. Un Pazzini nella squadra che avrebbe voluto Elano e Angulo, ha ceduto Pirlo ma che attende Kakà, opziona Diarra, visiona N’Koulou e tiene monitorato Evacuo!!
    ah dimenticavo: Koulou Tourè è un’altra idea per il centrocampo rossonero. ma per attendere gli ultimi sviluppi di mercato dobbiamo aspettare la loro prossima riunione di gabinetto.
    w inter
    alberto

  9. Massimo Inter // 22 agosto 2012 a 09:25 // Rispondi

    Credevo che tra Inter e Milan , lo scambio si faceva alla pari e invece l’Inter guadagna pure un extra-monetario.Direi una bella mossa.Mi spiace un po’ per Pazzini, devo ammetterlo, perchè mi stava simpatico e , silenziosamente, faceva il suo.Ma essere centravanti dell’ Inter è durissima e , come dici tu, Pazzini non ha mai fatto la differenza più di tanto.Quindi, benvenuto Cassano e, se non sbaglio, dovrebbe essere interista e quindi avere molti stimoli in più.Se poi farà cassanate, non vedo problemi:basta riassumere Materazzi! :-)

  10. Intravedo un segnale molto importante che è quello della partenza di un progetto credibile basato su solide basi e che pone l’allenatore, nel quale si crede veramente, al centro dello stesso progetto.
    Mi spiego: generalmente le stagioni fallimentari dell’Inter sono quasi tutte nate da una non convinzione reale nella scelta del tecnico e di conseguenza da un mercato non in linea con le esigenze dell’allenatore. Solo con Mancini e Mourinho si è realmente avuta una forte sinergia tra Presidente ed allenatore ed i risultati si sono ampiamente visti.
    Con questo mercato viene dato un forte segnale: Stramaccioni è l’allenatore dell’Inter e lo sarà per tutto l’anno. Perchè dico questo? Perchè Stramaccioni viene ascoltato da un punto di vista tecnico e l’operazione Cassano/Pazzini, al di la del valore specifico dei due giocatori ha una forte valenza tattica e di legittimazione
    Federico

  11. operazione mirabile a mio avviso,anche perchè parliamoci chiaramente:Pazzini senza un giocatore che gli mette palloni con su scritto spingimi in rete serve a poco,non a caso ha fatto le migliori annate con cassano a suo fianco…
    p.s se veramente si stanno gettando le basi per uno stadio di proprietà entro il 2017 questa sarebbe per distacco la miglior notizia dell’estate 2012…

  12. Dici bene Gian: solo a maggio 2013 sapremo se l’affare lo avete fatto voi oppure il mio Milan. Ci sono pro e contro per entrambi: che Cassano sia bravo non ci piove ma la testa é quella che é e non credo possa cambiare e, comunque, un’intervento al cuore per un atleta (per quanto perfettamente riuscito) non é proprio da sottovalutare. Su Pazzini: io credo che una dozzina di gol li possa fare, poi certo non è Ibra ma così è andata. Personalmente spero che Berlusconi lasci tanto ormai abbiamo ampiamente capito che lo scopo per cui gli é servito il Milan in passato ormai é raggiunto e, quindi, l’interesse è caduto.l

  13. Condivido tutto in pieno quello che hai scritto. Contento per Cassano sperando che sia davvero in forma e possa essere decisivo, non contento per la cessione del Pazzo che mi è sempre piaciuto e che paga un’annata decisamente no come può capitare a tutti

  14. C’è andata di lusso! Se c’avessero proposto lo scambio alla pari tra Pazzini e Cassano o tra Pazzini e Quagliarella, senza ombra di dubbio avrei scelto FantAntonio! Poi, oltre ad Antonio, in cambio c’hanno dato pure il giocatore sudamericano “conguaglio” che io giudico un “top player”. E allora de che stiamo a parlà! Non poteva andarci meglio Guagliò! …direbbe lo stesso Cassano.

  15. Quella del Milan mi è sembrata proprio una scelta folle, non tanto per lo scambio dei giocatori, quanto piuttosto per il conguaglio che secondo me è addirittura fuori luogo.
    Cassano gratis (dato che lo stipendio del primo anno lo paghiamo con il conguaglio) è un’arma interessante da usare con la giusta saggezza.

  16. In questo caso sono perfettamente d’accordo con te: un conguaglio da 7.5 milioni è davvero oro in questa situazione, specialmente dopo che Pazzini aveva svalutato molto il suo cartellino con le dichiarazioni che ha fatto in ritiro.
    Detto questo, personalmente ho qualche dubbio circa la reale utilità dell’operazione dal punto di vista del campo: sicuramente Cassano ha i piedi buoni ed arricchisce la squadra tecnicamente, ma faccio fatica a ricordare un periodo della sua carriera in cui ha dimostrato una vera continuità nelle prestazioni (anche il tanto osannato periodo sampdoriano è stato altalenante), e forse in attacco servirebbero giocatori più affidabili da affiancare a Milito.
    A presto
    Marco

  17. Non capisco certe critiche che sento/leggo alla campagna dell’Inter.
    Se, come credo, l’obiettivo è la zona champions (2° o 3° posto) mi pare evidente che la squadra si sia rinforzata rispetto all’anno scorso, abbia un allenatore scelto e non sopportato, abbia fatto campagna acquisti intelligente (risparmio ma comprando).
    Mi sembra che i presupposti per fare bene, almeno meglio, dello scorso anno ci siano e che la concorrenza (juve a parte) si sia financo indebolita.
    Quest’anno ci si può divertire e può succedere di tutto.

  18. Quest’anno considerando i soldi che circolavano, l’ inter e i suoi uomini mercato che spesso non sono stati all’ altezza hanno davvero fatto un mercato OTTIMO!
    Abbiamo speso poco, abbiamo comprato ottimi giocatori, abbiamo rinnovato e soprattutto ci siamo liberati di giocatori e ingaggi ormai insopportabili…

  19. Credo che con i tempi che corrono per il mercato calcistico italiano si stia facendo anche troppo, se le scelte saranno state azzeccate come dici tu ce lo potremmo dire solo a maggio prossimo. Bene l’opera di svecchiamento e di abbattimento degli ingaggi ma, volevo chiederti da giornalista esperto quale sei, come mai il buon Platini che ha bacchettato le squadre spagnole (giustamente e non solo) per il discorso del fpf non dice una parola sulle spese folli del PSG? Sarà mica che gli conviene stare zitto visto che anche lui tiene famiglia e mi pare un suo figlio lavori per una finanziaria dello sceicco proprietario della suddetta squadra?
    Saluti e forza Inter.

  20. … e speriamo che qualche motivazione aggiuntiva affichè Fantantonio si impegni venga dal potersi giocare fra due anni un mondiale, forse l’ultimo della carriera …

  21. Campagna acquisti in cui finalmente si vede una strategia razionale: rafforzamento del centrocampo, in primo luogo, e nello stesso tempo un ringiovanimento della squadra, pur senza acquistare top-players, che sono fuori portata. Il tutto attraverso un contenimento dei costi basato soprattutto sulla riduzione del monte ingaggi (per allenatore e giocatori). Spietata la rinuncia a Julio Cesar, uno dei nostri atleti più cari e stimati, ma è forse il segno di un nuovo approccio, un po’ meno paternalistico.
    Restano, secondo me, due incognite: il reparto difensivo centrale, in cui il vecchio Samuel, a 34 anni e con due crociati ricostruiti, è ancora il migliore (e non è tranquillizzante); e poi il fatto che Milito è (quasi) senza alternative. Considerato che ha 33 anni, spero non si afflosci di colpo lasciandoci in braghe di tela. Ma non è obbligatorio che questi timori si debbano avverare e forse c’è ancora spazio per un rinforzino in attacco.
    Henryk, Roma

  22. Una squadra pazza scambia un Pazzo con un pazzo… Tutto torna!
    Scherzi a parte, quest’anno l’Inter mi sembra che si stia muovendo molto bene.
    Quello che soprattutto mi sembra importante è il ribaltamento di ruoli tra le squadre milanesi: il Milan, da sempre società superorganizzata, appare ora allo sbando, mentre l’Inter, tradizionalmente gestita in modo un po’ aleatorio, sembra essersi data una struttura in cui ognuno sa qual è il suo ruolo e cerca di farlo al meglio. Se son rose….

  23. Claudioeffedeejay // 25 agosto 2012 a 17:02 // Rispondi

    Sulla bontà delle scelte di mercato sarà il campo a dare il responso definitivo. Così, a pelle, a me sembra che Branca & co. abbiano fatto un ottimo lavoro. Auguro a te e a tutti i tifosi, interisti e non, un grande campionato e che vinca il migliore: cioè l’Inter.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili