29C: Juventus-Inter 2-0

Allo Juventus Stadium un’Inter volitiva per quasi un’ora, poi il solito buio e un’altra sconfitta, la 12.a in campionato.
La prima chance per il vantaggio nerazzurro l’ha sciupata Milito che, servito da Maicon, si è fatto chiudere da Buffon e in ribattuta da Barzagli.
Matri ha invece sparato a salve poco prima della mezz’ora seguito poco dopo da Vucinic, mentre dall’altra parte Forlan chiamava Buffon ad un altra grande parata. Il portiere della nazionale si è poi ripetuto su Milito e poi su Obi e Stankovic, pericolosi dalla distanza, proprio mentre l’arbitro De Marco ignorava un fallo di Chiellini su Milito lanciato a rete.
Nella ripresa Caceres ha subito approfittato, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, della puntuale dormita generale della difesa interista per volgere la gara a favore della Juve con un colpo di testa vincente in perfetta solitudine. A quel punto Ranieri deve aver pensato di poter riprendere subito la partita buttando nella mischia Faraoni e Pazzini al posto di Obi e Poli, ma ha toppato.
Eppure nel primo tempo i nerazzurri avevano giocato una delle loro migliori partite ma sai che consolazione, quando poi non segni e ne prendi due, uno via l’altro. Queste, quando si perde, sono sempre chiacchiere e neppure senza distintivo, parafrasando una battuta cult de ‘Gli Intoccabili’. Ma, dopo una stagione come questa, di intoccabili non ce ne dovrebbero essere più, a cominciare dal tecnico, finito ancora nel mirino per altre sostituzioni piuttosto discutibili. Forse con Pazzini al posto di Poli Ranieri avrà anche pensato coraggiosamente di poter ristabilire subito l’equilibrio, ma togliendo Obi per Faraoni ha certamente tolto dinamismo alla squadra. Non a caso dopo che Vucinic si è divorato una grande occasione davanti a Julio Cesar, poco prima della mezz’ora è toccato al subentrato Alex Del Piero, imbeccato da Vidal, calare il sipario. Da lì l’Inter ha ripiegato nel consueto imbarazzante immobilismo difensivo, con la Juventus che nell’ultimo quarto d’ora ha sfiorato più volte il terzo gol. Prima con Quagliarella con salvataggio sulla linea di porta di Maicon, uno dei pochi a salvarsi, poi con incornata di Chiellini miracolosamente sventata da Julio Cesar. Nel finale, con lo Juventus Stadium già in festa, malgrado i puntuali striscioni e i rituali cori dei soliti deficienti, Quagliarella ha cercato ancora il gol trovando per fortuna di nuovo Julio Cesar sulla sua strada.
Moratti aveva chiesto una partita d’altri tempi, ma la squadra ha risposto per meno di un’ora e non è bastato. Ora non si escludono colpi di scena nelle prossime ore. Soprattutto sul tecnico. Potrebbe pure essere un indizio il fatto che il Presidente dell’Inter, anziché restarsene in fibrillazione per Juventus-Inter sul divano di casa, abbia scelto di andare a Londra a vedersi la finale della Next Gen Series tra la Primavera interista e i pari età olandesi dell’Ajax. Una bella vittoria per i giovani di Andrea Stramaccioni in quella che nel giro di un paio d’anni negli obiettivi dell’Uefa dovrà diventare la Champions League giovanile. Difficile però dire se in forza di questo meritato successo si possa pensare ad un massiccio travaso di giocatori dalla Primavera alla Prima Squadra. C’è un tempo per ogni cosa.
Però, con il sorpasso nella corsa all’Europa League pure del Catania e con una classifica interista che racconta un 8° posto con 12 sconfitte, 38 gol segnati e subiti, occhio ai colpi di scena!

50 Commenti su 29C: Juventus-Inter 2-0

  1. Che brutta stagione… c’è da dire che però nel primo tempo abbiamo giocato bene, molto meglio della Juve, però tutto ci stà andando male in questa stagione maledetta. Penso che a fine stagione bisognerà riniziare seriamente a costruire un progetto nuovo, anche aspettando due anni prima di vincere per me andrebbe bene, a patto che si costruisca un progetto serio e con i giovani, dato che Moratti non può più spendere tanto….

  2. Una vittoria sulla Juve avrebbe lavato via tutte le sconfitte patite ma, così non è stato. Pazienza…
    comunque, grazie presidente per questi anni incredibili. Nessun tifoso avrebbe scomesso un euro su quello che la squadra ha fatto in questi ultimi anni. Lei invece c’ha creduto e ne ha scommessi a milioni. Forza presidente, niente spese folli per pseudo campioni ma solo un bel progetto che ci riporti lo scudetto sulla maglia. 😉

  3. Al minuto DI SILENZIO, per il soldato ITALIANO caduto i AFGHANISTAN, (E siamo a 50 ! ), Ed ecco che viene interrotto dai cori dei tifosi juventini che inneggiano “interista pezzo di….”
    Ho spento la TV.
    Se questo è quello che sa offrire il calcio ITALIANO a livello morale e umano, beh,…per me può fallire oggi stesso.
    Quello, era il minuto per ricordare chi ha dato LA VITA per il proprio Paese.
    Quelli sono i tifosi CODARDI allo stadio e nella vita.
    Ho visto Moratti festeggiare in campo a Londra con la Primavera,..Si aggirava come una “Faina nel pollaio”. Vediamo se riuscirà a “mangiarsi il fieno in erba” vendendo i giovani talenti.
    Dimitri

  4. Si è vista la differenza tra una squadra psicologicamente convinta ed una fragilissima.
    Inoltre mi sembra che alcuni giocatori siano francamente inadeguati. E la cosa più avvilente è che si impegnano pure, corrono, lottano, e questo è perfino patetico.
    Per quello che riguarda i ragazzi, sono stati bravi, ma ci vuole calma. Ne abbiamo bruciati abbastanza in questi due anni.

  5. come dice Stankovic ” escono sempre i soliti”. Si vede che a Ranieri piace il….bollito. Per fortuna c’è l’interina che ci fa sorridere. Buona settimana a tutti

  6. che dire… dopo 8 mesi siamo ancora all’Inter di Pechino: bene il primo tempo, poi gli avversari ci battono senza nemmeno sforzarsi troppo. Colpisce ancora una volta, dopo Marsiglia, la capacità dei nostri avversari di farci male con giocatori che vengono dalla panchina. A mia memoria, in tutta la stagione, l’Inter è stata capace di fare altrettanto solo 2 volte (Zarate a Mosca e Castaignos a Siena): inadeguato il tecnico, insufficiente la rosa o entrambe le cose?

  7. faccino 82 // 26 marzo 2012 a 07:34 // Rispondi

    ciao Gian Luca, settimana scorsa avevo scritto che avrei sperato e pregato affinchè mi regalassero altre due gioie: battere juve e milan, e invede, x l’ennesima volta in questa maledetta stagione mi hanno deluso!
    devo xò essere sincero nel dire che nel primo tempo abbiamo dominato ma la mia paura era appunto la ripresa. Temevo un crollo e infatti è accaduto. Non so più che dire. Per fortuna a rallegrarmi ci ha pensato la Primavera, ho visto la partita e ci sono 2-3 elementi molto interessanti che porterei in prima squadra, certamente nn ” bruciandoli” subito.
    Ciao
    Luca

  8. Caro Gianluca, è inutile nasconderci dietro un dito: la squadra è “vecchia”, i nostri giocatori ormai sono logori, non riescono più a tenere il passo di squadre inferiori tecnicamente ma con più vigore nelle gambe e fiato nei polmoni… Io non ho capito le sotituzioni di Mister Ranieri, togliere due giovani che potevano contrastare la forza fisica degli avversari, mah…
    Ormai siamo al redde rationem, tiriamo una linea rossa e terminiamo questa stagione che, pur segnando l’inevitabile fine di un ciclo, poteva lasciare un ricordo migliore…. Sic transit gloria mundi…
    Il successo dei ragazzi della Primavera è un buon segnale e soprattutto uno stimolo per ripartire da giovani talenti, un allenatore giovane (ma non vogliamo seguire la filosofia della cantera blaugrana?…) e tanto futuro di fronte a noi…
    L’è dura ma Forza Inter
    Paolo

  9. Caro GLR,
    non mi rimangono più parole per commentare…
    Dico solo bene Poli e Obi, il nostro futuro. Ma per tornare ad alti livelli servirà ben altro…
    Un saluto e sempre FORZA INTER!!!

  10. Massimo Inter // 26 marzo 2012 a 08:33 // Rispondi

    L”Inter per 65 minuti non ha sfigurato affatto. Anzi ha messo in difficoltà la più quotata juventus. Ma purtroppo, al di là dei cambi e dei gol, noto che l’Inter, se va sotto, perde totalmente lo spirito di rimonta. Sembra che se il risultato è in bilico, la squadra ci sia, ma se subisce un gol, si affloscia senza troppi complimenti. La vedo durissima a stare almeno a ridosso dell’europa league.

  11. Per quanto fatto ieri sui due campi, Inter ti voglio bene.

  12. Alessandro A. // 26 marzo 2012 a 08:47 // Rispondi

    Da quando è iniziato il girone di ritorno, l’Inter ha conquistato solo 6 punti frutto di 1 vittoria, 3 pareggi e 6 sconfitte, 8 goal segnati e 18 subiti. Stilando la classifica virtuale del solo girone di ritorno, si vede come i nerazzurri sarebbero al penultimo posto davanti solo al Cesena. Anche in seconda categoria, Ranieri verrebbe cacciato con demertito per questi miseri risultati. Continuare a riproporre un Lucio a tratti imbarazzante e un Forlan ex-calciatore (ricorda molto Pancev) ….. continuare a sostituire Poli e Obi ……… continuare così no, urgono rimedi subito!!!

  13. Caro gianluca sono stufo di sentire la solita solfa sull’allenatore, sono d’accordo che non è certo il “massimo” responsabile di questa situazione (vero presidente?) ma certo ci sta mettendo del suo. E’ da due mesi che diciamo che “la prossima partita sarà decisiva per ranieri” peccato che a forza di aspettare e di dire queste frasi fatte stiamo precipitando e tutti voi a dire è inutile cambiare allenatore..sarà anche inutile ma tanto peggio di così..Ieri sera nella vostra trasmissione avete fatto vedere quello scienziato di branca che entravfa sorridendo allo stadio come se andasse ad una festa, ma come fa questo incompetente a essere uno dei massimi dirigenti dell’inter? (..ah già dimenticavo..moratti e l’altro scienziato del figlio)

  14. La cosa peggiore, per me intendo, è stata quella di illudermi. Sai che per un’ora ho quasi creduto potessimo non dico pareggiare ma addirittura vincere? Sono molto grave? 😀
    Forza, ancora 9 giornate di passione, da buttare subito nel cess ooops nel dimenticatoio assieme a quasi (derby escluso) tutta la stagione e poi, finalmente le ferie!!!!!!

  15. La miglior inter degli ultimi 5 anni…a Torino!
    La differenza tra la squadra più in forma del campionato e la seconda più scarsa del girone di ritorno (6 p.ti) l’hanno fatta gli allenatori nel secondo tempo con la loro carica e le sostituzioni.
    Con il 4-4-2 ce la potremmo giocare su tutti i campi, incomprensibilmente quando ci tocca dare quella zampata in più si perde la bussola.

  16. Lasciamo i giovani di Stramaccioni in pace nella consapevolezza che hanno fatto ottime cose. Buttarli in un Inter come questa vorrebbe dire rovinare in gran parte il loro talento. Dobbiamo ora solo attendere che questa infausta stagione si concluda quanto prima e ripartendo anche dai giovani se, l’impegno della società sarà creare una formazione magari non vincente immediatamente ma, altamente competitiva, sperare in qualcosa di buono per la prossima estate. Sulla partita poco da dire se non che anche il buon vecchio Ranieri ha imparato bene la canzoncina de “i ragazzi si sono impegnati; è una stagione, no; abbiamo creato molto ma, alla prima disattenzione abbiamo preso goal;” per carità, cose anche vere ma, se non prendi provvedimenti tu che sei il tecnico durante la settimana chi lo deve fare?

  17. Quando l’Inter deve giocare la partita della vita, può sempre contare su una certezza: una difesa che non tradisce mai (l’avversario).
    Come con il Marsiglia, Lucio e compagnia danno alla Juve tutto lo spazio possibile per vincere il match e vanificare il bel primo tempo dell’Inter.
    Riconosco a Conte il merito di aver ritoccato la squadra con lucidità nel secondo tempo; Ranieri, invece, ha pensato di rimontare lo svantaggio mettendo in campo Faraoni (un difensore) e togliendo l’unico che correva (Obi).
    Ci consoliamo con il successo della Primavera. Grandi.
    Moratti era raggiante. Proprio lui che ha rinnovato i contratti agli ultra-trentenni….
    Spero che almeno si sia schiarito le idee.
    Ciao da Franz

  18. Avevamo perso a Torino pure nell’anno magico del Triplete, quindi sinceramente era impensabile sperare in un risultato positivo ieri. Ora non abbiamo più obiettivi, a parte quello dell’onore, quindi qualche giovane interessante lo proverei in prima squadra…

  19. Claudioeffe Deejay // 26 marzo 2012 a 10:08 // Rispondi

    Diventa persino stucchevole continuare a commentare le partite dell’Inter. Anzi, è avvilente anche solo guardarla questa squadra. Conviene già pensare all’anno prossimo ma deve essere chiaro che o arrivano 3/4 ottimi giocatori oppure è inutile farsi illusioni di qualsiasi tipo. Vincere il Triplete avrebbe dovuto essere un punto di partenza e invece purtroppo mi fu subito chiaro che quella vittoria era molto simile a quella di Foreman del ’94.
    Raccolti giustamente gli allori per un quinquennio di gloriose vittorie ora questa dirigenza si deve rendere conto che la squadra è sparita in un attimo dal calcio che conta.

  20. La Next Generation Series, mi ricorda un po’ al torneo dell’avvenire di tennis dove quelli forti, a quell’età, partecipano direttamente al roland garros.
    Ma, dato che non ci sono i soldi, faccio di necessità virtù e spero nei Next Champs.

  21. NINO da Lecco // 26 marzo 2012 a 10:56 // Rispondi

    Moratti è andato a Lodra, ha fatto bene! Proposta estrema: domenica col Genoa, mandiamo
    in campo la Primavera più Zanetti (come padre putativo), Poli e Obi, e….chissà!

  22. Ciao Glr, ieri Ranieri ci ha messo tanto del suo e non è la prima volta.
    Obi e Poli erano tra i migliori dell’Inter. Non si può cercare di recuperare il risultato togliendo i migliori e gli unici che correvano in un momento in cui la Juve giocava a 5 a centrocampo. Assurdo! Non voleva togliere Forlan per Pazzini probabilmente visto ciò che era successo settimana scorsa.
    Sostituzioni assurde.

  23. stankovic e forlan in campo. poli e obi sostituiti. ho detto tutto.

  24. Ranieri è in stato confusionale, ha tirato fuori i due giovani che stavano giocando meglio di tutti: Obi e Poli e ha sbilanciato la squadra. Comunque, almeno la sconfitta possa servire a ostacolare i cugini e il suo spocchioso e viziato svedese.

  25. Ho visto le due partite (primavera e campionato) e sinceramente non posso dire se ci sono, e quanti, ragazzi pronti per la prima squadra (Bessa? Crisetig?), ma credo che Stramaccioni sia stato fondamentale nella conquista della NGS riuscendo a vincere la sfida tatticamente in 10uomini, molto più bravo di Ranieri che sostituendo i due migliori in campo (i più vivaci) Obi e Poli, ha disunito la squadra. Chi meglio di Stramaccioni da qui a maggio può ricoprire questo ruolo?

  26. Ciao GLR,ormai non ci resta che sperare nell’orgoglio di questa squadra,lo stesso orgoglio che ci ha permesso di disputare un ottimo primo tempo….considerando che nelle prossime giornate non avremo a che fare sempre con squadre del livello della Juve,qualche buon risultato forse possiamo portarlo a casa….poi archiviamo questa annata sciagurata e speriamo in una rifondazione importante……..anche se cio’ che hanno detto Branca e Paolillo non mi lasciano molto tranquillo……mi sembra che l’intenzione sia quella di proseguire su un profilo medio basso.Consoliamoci,visto che il FFP lo stiamo attuando noi e pochi altri,tra qualche anno ci sara’ una Champions a 2-3 squadre e riusciremo a vincere piu’ facilmente la coppa dalle grandi orecchie……..ridiamoci su,e’ pur sempre solo calcio,i problemi son ben altri,ti saluto e complimenti.

  27. La ciliegina sulla torta di una stagione nefasta…….
    I ringraziamenti a Moratti & Co. sono doverosi tanto quanto quelli per i 7 meravigliosi anni passati.
    Che tristezza……..dalle stelle alle stalle!

  28. Luca Conti // 26 marzo 2012 a 13:20 // Rispondi

    Di certo è chiaro che – se certi signori avessero messo questa volontà anche nelle partite contro Novara e Bologna (giusto per citarne un paio), saremmo a giocarci il terzo posto..

  29. Gian Paolo // 26 marzo 2012 a 14:00 // Rispondi

    Ciao Gianluca,
    un grande ex giocatore mi ha detto una semplice verità: i nostri non sono allenati bene!
    E’ impossibile che siano diventati così scarsi. Vanno tutti allo stesso (blando) ritmo. Non sono nè bolliti nè spompati, ma allenati male. E forse non ha proprio tutti i torti.
    E poi Forlan è inguardabile!!! Non vince un contrasto, non azzecca un passaggio!!!
    Non posso credere che sia così una sola galattica… A questo punto meglio il Pazzo tutta la vita, oppure un bel centrocampo a 5 e una sola punta….

  30. Mario da Colonia // 26 marzo 2012 a 14:52 // Rispondi

    inutile stare a farsi del male ad ogni sconfitta.sono talmente tante….ieri l emozione e’stata per i campioncini. di pronto non ce nessuno io li seguo e sono un loro grande tifoso, ma andiamoci piano. ci sono gia da valutare ranocchia faraoni juan obi poli e castaignos
    oltre ad alvarez. non aumentiamo la confusione.ne possono giocare al massimo 2-3 a partita o rischiano di affondare se non hanno chi li guida. anche il colonia ne ha presi 6 in casa.ho 2 squadracce….
    viele grüsse

  31. Perdere con la Juve ci stà, sono più organizzati e corrono il doppio.
    Scusate ma dobbiamo aspettarci di perdere tutte le partite che mancano senza fare nulla?
    Il messaggio “tanto quest’anno va così” comincia a far innervosire…
    Coplimenti a Stramaccioni e ai suoi ragazzi; sembra strano ma qualcuno che si intende di calcio in società è rimasto.
    Ciao a tutti.

  32. Ormai non ci capisce più nulla nessuno, il mister per primo ma nemmeno i giocatori e la società…. stagione da incubo,spero solo che la lezione serva a qualcosa…
    Ancora una cosa: qualcuno dica al testaccino che i sorrisetti post-sconfitta a favore di telecamera sono irritanti

  33. Fuori dalla CL, soldi ce ne saranno pochi. Sneijder non potrà essere trattenuto e non ne ricaveremo tantissimo. Maicon se avrà ancora estimatori se ne andrà pure. Onestamente io non tratterrei nessuno dei due. L’anno prossimo dovrà essere un anno di ricostruzione. La mia idea: puntiamo su Stramaccioni e appoggiamolo. Per la squadra confermiamo tra i vecchi Samuel, Cambiasso (rigenerandolo atleticamente) e Milito. Affianchiamoli con dei giovani su decidere di puntare: Poli, Alvarez e Coutinho più qualche acquisto che in qualche modo dovremo fare. Proviamo a recuperare a certi livelli Ranocchia. Se possibile cercherei un sostituto per Julio Cesar. J. Zanetti deciderà con la società cosa fare, ma non è certo lui il problema.

  34. BruceGermania // 26 marzo 2012 a 15:40 // Rispondi

    Francamente ho accolto la vittoria col Chievo come una liberazione. Mi sono detto: finalmente quota 40! La totale sterilità offensiva e la mancanza di concentrazione nell´arco dei novanta minuti risulta infatti preoccupante e poteva lasciarci invischaiti in ben altre zone di classifiche. Ad ogni modo gli attuali 41 punti sono, più della metà, dote del filotto delle sette vittorie. Guardiamo il bicchiere mezzo pieno. L´abbiamo scampata bella.
    Mi scuso per l´ironia (non so fino a che punto) ma è evidente che oltre a prendere sempre gol, non la mettiamo mai dentro…La lenta agonia continua. Sempre e comunque forza Inter.

  35. Dopo averlo difeso a oltranza perchè oggettivamente un altro non avrebbe fatto miracoli, stvolta caricherei Ranieri su un aereo Torino-Roma, destinazione casa sua, senza passare da Appiano. E’ estremamente probabile che avremmo perso lo stesso, ma anche un bambino dell’asilo ha ormai capito che l’Inter anche quando va bene, ha un equilibrio forte come un filo di seta: cambi assurdi!

  36. Grandissimi i ragazzini, mi hanno proprio fatto emozionare.
    Bravissimo Bessa, si vede che ha i numeri, ma mi sembra il clone di coutinho
    sia nei pregi ( che talento!) che nei difetti ( mi sembra un po gracilino).
    Forza inter !
    Jair

  37. AngeloCurvaNord // 26 marzo 2012 a 16:46 // Rispondi

    Ma solo io non capisco le sostituzioni di Ranieri? Secondo me neanche lui perche’ quando gli viene chiesto di spiegarle non sa rispondere.

  38. Silvio da Torino // 26 marzo 2012 a 17:06 // Rispondi

    E’ mio è tuo è suo e, come all’oratorio, ecco che becchiamo il goal che ci taglia le gambe.
    Certo che se i goal non si fanno vincere a casa della Juventus, dove per altro abbiamo perso anche con Mou, diventa veramente impossibile.
    Era la sera giusta per come avevamo impostato la partita, poi dopo un’ora passata a prendere Buffon a pallate ecco il patatrac e l’ennesima sconfitta mitigata un pochino dall’impresa della nostra Primavera.
    Questa volta proprio non mi sono piaciuti i cambi di Ranieri. Speriamo solo di non sbracare nelle prossime nove partite.
    A presto a tutti e sempre Forza Inter.

  39. Fabio Primo // 26 marzo 2012 a 17:21 // Rispondi

    Come una provinciale. Abbiamo giocato al 110% per tensione concentrazione e corsa per un tempo, ma poi ovviamente non si poteva fare così anche il secondo. Da qui il crollo inevitabile, con il rischio goleada. Non do colpe a Ranieri per i cambi: forse avrei tolto l’esauritissimo Stankovic per Cambiasso e avrei lasciato Obi ancora un po’, ma non penso sarebbe cambiato l’esito dell’incontro.

  40. Paolo Sabiu // 26 marzo 2012 a 17:23 // Rispondi

    Questa stagione è ormai diventata una lenta agonia. Il rammarico, l’ennesimo, è di non aver portato a casa neanche un punto dopo che per una buona parte di gara le cose migliori le hanno fatte vedere i nostri. La rabbia, invece, è ancora quella di non essere stati concreti su un campo tradizionalmente sfavorevole, a parte un paio di eccezioni durante l’era Mancini. A proposito, forse il nostro ‘Geometra’, che “sa” interpretare alla grande il regolamento, potrebbe far omologare come risultato finale quello ottenuto alla fine del primo tempo…
    Scherzi a parte, è preoccupante osservare come Moratti non abbia ancora le idee chiare sul prossimo allenatore, o almeno questo è ciò che traspare agli occhi del tifoso. Se non sa già da ora a chi affidare la guida della squadra, figuriamoci che belle operazioni di mercato dovremo ancora aspettarci la prossima estate…
    Complimenti ai giovani campioni della Primavera: almeno c’è un’Inter che riesce ancora a ben figurare e vincere in Europa!
    Saluti nerazzurri!
    Paolo – Novara

  41. a parte tutti i problemi che già sappiamo (vecchiaia,logorio,acquisti sbagliati,infortuni,…)
    se l’Inter quest’anno avesse giocato più spesso come nella prima ora contro la Juventus magari la situazione non sarebbe così disastrosa.

  42. Dopo il goal della Juve si è rivista l’Inter sconclusionata e senza idee di questo campionato.
    E’ un peccato : nonostante tutto avremmo comunque potuto lottare per il terzo posto e per accedere ai quarti di Champion.Ma la squadra purtroppo è questa.
    La fragilità psicologica non ha attenuanti: preso un goal, ci vuole reazione, voglia di lottare.
    Niente. Una bolla che si sgonfia. Penso che anche i giocatori, non tutti forse, vorrebbero la fine del campionato settimana prossima. Nonostante i lauti stipendi. Fra tutti, io non cederei mai Samuel, Zanetti, Milito, Cambiasso, Pazzini, Sneijder e tra le nuove generazioni, Obi, Poli, Faraoni e Crisetig.

  43. Certamente la società ha grandi colpe, le ultime due campagne acquisti (sarebbe meglio dire cessioni) e le campagne di Gennaio (quella di quest’anno da dimenticare) spiegano la disastrosa stagione,i giocatori sono bolliti, anche questo è vero ma…ieri Obi e Poli erano i due migliori in campo dell’Inter con Forlan e Stankovic nulli ed il mago de Roma chi toglie? Max

  44. Diligente applicazione del 4-4-2 per un’ora nonostante l’evanescenza di Forlan e il disordine difensivo di Nagatomo. Qualche buona occasione non concretizzata non solo per “colpa” di Buffon, ma anche per difetto di determinazione. Presi due gol inconcepibili a difesa ferma (il secondo imbarazzante con il vecchio Del Piero ad inserirsi da dietro su un passaggio “telefonato”) e a quel punto squadra liquefatta, come troppe volte quest’anno. Cambi davvero incomprensibili.
    Bella soddisfazione la vittoria – contro un forte avversario – nelle NextGen Series, che vale di per sé (e molto) a prescindere dal futuro che questi giovani avranno nel calcio professionistico. Stucchevole la disquisizione sul fatto che corrisponda o meno ad una Champion’s giovanile (roba da rosiconi biliosi). Diamo merito alla società per quanto di buono sta facendo in questo campo, visto che la critichiamo – talora a ragione – su altri fronti.
    L’anno prossimo in formazione per ogni reparto si profila un assetto del genere: uno dei vecchi (non due o tre come ora), un giovane di talento tra quelli già in organico e un giocatore da acquistare di buona caratura e di sicuro rendimento (lo so, facile a dirsi, meno da realizzare, ma qui sta la bravura sul mercato). Che si parta da outsider è sicuro.
    Henryk, Roma

  45. Moratti deve parlare di piu con i tifosi che con i giornalisti. Parli a noi e ci parli di un progetto con giocatori giovani e altri giocatori con esperienza. Cosi non si capisce nulla. Ben vengano giovani visto che in giro di grandi giocatori forti a basso costo non ce ne sono. Messi , Cristiano Ronaldo , sono imprendibili. Allora via con i giovani !! Perche’ sono tutti bravi a dire inter da rifondare ….ma facciamo i nomi !! Non esistono !!

  46. Basta Ranieri ! Gran signore ma scadente allenatore. Se non si valorizzano i giovani ora che è tutto perso cos’altro si può fare?
    Ho seri dubbi che sia anche un motivatore, uno che fa partir titolare un Forlan dopo il gran rifiuto, toglie i migliori ( che stimoli può dare) e tutte le volte asserisce ” erano stanchi, avevano i crampi, ecc…
    Meno male che le soddisfazioni ce le siam tolte nel pomeriggio coi Primavera tutta grinta!
    Bravo Stramaccioni!

  47. vincenzo caltanissetta // 26 marzo 2012 a 19:05 // Rispondi

    Ranieri, un incapace, toglie i due mgliori in campo, obi e poli perchè stanchi. Stanchi di che, di cosa? giovani di vent’anni che dopo un’ora di gioco sono stanchi, ma che lo vada a raccontare a sua sorella. E’ solo vittima della sua mediocrità da sempre dimostrata. Ricordatevi che poco più di due anni fa aveva in pugno il campionato primo in classifica con la rometta a quattro giornate dalla fine, vinceva 1-0 all’olimpico contro la samp, ebbene il secondo tempo 2-1 per la samp, risultato finale del campionato INTERNAZIONALE campione d’Italia. Ricordo che ad oggi dopo dieci giornate del girone di ritorno siamo penultimi in classifica come punti conquistati, cioè 6, ultima il cesena. Numeri da fare accaponare la pelle, ed ancora lo teniamo in panchina, si dovrebbe dimettere per pudore e per vergogna, ma anche questa non sa nemmeno lui dove sta di casa, Grazie saluti vincenzo.

  48. Cristiano di Genova // 26 marzo 2012 a 19:40 // Rispondi

    Una delle rarissime partite in cui l’Inter ha giocato in modo accettabile almeno per il 60% della gara. La volontà è stata messa. Il cuore anche. e se Da un lato la Juve poteva uscire con tre gol fatti, nessuno avrebbe gridato allo scandalo se si fosse usciti con un gol all’attivo.
    Avessero giocato così tutte le gare, saremmo , de minimis, a combattere per il terzo posto.
    pazienza. Spero solo di non arrivare in Europa League. L’anno prossimo si spera di puntare ad altro…

  49. Moratti a Londra? Mentre a San siro va via a metà partita? non posso credere che metta la faccia solo dove si vince, molto strano!

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili