6C: Inter-Napoli 0-3

Il Napoli, dopo un’attesa durata 17 anni, è riuscito a espugnare San Siro nerazzurra con un altisonante 3-0. Nemmeno lo squadrone degli scudetti di Armando Diego Maradona ci era riuscito, ma l’impresa partenopea stavolta è stata straordinariamente facilitata dall’arbitro Gianluca Rocchi di Firenze, che ha fatalmente indirizzato il big match sui binari degli ospiti.
Nel calcio ci sono partite senza storia, questa ne ha avute pure troppe, nella serata in cui il Napoli ha ufficialmente presentato la sua candidatura allo scudetto 2011-12. Un bel regalo all’antipaticissimo Mazzarri che proprio oggi ha tagliato il traguardo di 50 anni.
In campo, fino a cinque minuti dall’intervallo, la partita è stata equilibrata, bella e combattuta. L’Inter, che ha ritrovato Maicon, si è affidata ad un funzionale 4-3-2-1, con Pazzini assistito da Forlan e Alvarez. L’acerbo argentino dà del tu al pallone, ma difetta ancora nel cambio di passo. Il Rocchihorror picture show è partito subito: dopo essersi pentito per non aver ammonito Obi su un contatto in avvio, il signor Rocchi  ha ‘rimediato’ già nei primi dieci minuti di partita, quando il nigeriano è  intervenuto sulla palla piena nel contrastare Lavezzi. Nel primo tempo, l’unica decisione azzeccata, grazie alla vista da falco dell’assistente Romagnoli, si è rivelata l’annullamento del gol di Pazzini per un fuorigioco centimetrico. Poi il disastro, documentato da fatti specifici e non da opinioni. Il rigore concesso al Napoli non era rigore, perché la spalla di Obi si è appoggiata su Maggio almeno un metro fuori area. Sul penalty, il terzo contro l’Inter in cinque partite, calciato da Hamsik e respinto da Julio Cesar, Samuel e Nagatomo, subentrato proprio in quel momento all’acciaccato Chivu, hanno dormito sonni profondi consentendo a Campagnaro di ribattere prontamente in rete. Peccato però che al momento della battuta, fossero tutti in area di almeno un metro e, a norma di regolamento, il rigore avrebbe dovuto essere ripetuto. Innervosita da Rocchi, l’Inter ha perso letteralmente la brocca, a dimostrazione che la conduzione della gara da parte del fischietto di Firenze, al di là degli episodi, dev’essere stata vissuta male. Mai visto Julio Cesar protestare così violentemente con un direttore di gara: cartellino giallo per lui e per capitan Zanetti e, come se non bastasse, cartellino rosso a Ranieri, colpevole di aver detto a Rocchi: “sei stato inadeguato e prega Dio di non aver sbagliato nulla!” Curiosamente, il tecnico nerazzurro ha saputo di non poter rientrare in campo quand’era già negli spogliatoi.
Nella ripresa non c’è stata più partita. L’Inter, sbilanciata in avanti anche da Lucio, stabilmente a centrocampo malgrado l’inferiorità numerica, ha dovuto inchinarsi al Napoli che, avendo imparato a a gestire energia nervose e fisiche, si è affidato solo a ripartenze micidiali. Il sipario è calato dopo nemmeno un quarto d’ora, quando Mascara, subentrato all’ex Pandev, ha lanciato Maggio e Nagatomo ha balbettato in attesa dell’uscita di Julio Cesar: bravissimo l’esterno partenopeo ad a firmare il raddoppio con un mezzo pallonetto in allungo. Ma non è finita: dopo che, sempre in contropiede, Zuniga si è mangiato il 3-0 su assist di Hamsik, è stato lo stesso slovacco a non perdonare Julio Cesar sul filtrante di Lavezzi: 3-0 e tutti a casa, per la gioia di De Laurentiis in tribuna. Per Ranieri è il primo k.o. della sua gestione. Per qualcuno le dichiarazioni a fine partita di parte interista, soprattutto quelle di Moratti sono a rischio deferimento, ma vedremo fino a che punto verrano ritenute lesive della reputazione di Rocchi. Quest’ultimo, che ha diretto sotto gli occhi di Braschi, è invece a rischio di fermo, ma ormai la frittata è fatta.
Se è indubitabile che Rocchi abbia rovinato la gara, è purtroppo anche vero che questa Inter non ha più la testa per gestire situazioni complicate. Ha già perso la metà delle gare giocate ed è fatale al momento non considerarla in corsa per il titolo. Inutile ripetere all’infinito che con Mourinho, con Eto’o e con un mercato poderoso, oggi non più sostenibile, la storia sarebbe stata diversa. Questo è acclarato e rimuginare sul passato è solo fuorviante. L’Inter oggi è questa e questa dobbiamo commentare. Dopo sei anni ad altissimo livello, il declino pare inevitabile: si tratta di gestirlo nel modo migliore, al di là dei cattivi pensieri che all’Inter si voglia far pagare ancora lo scudetto 2006. Detesto le ipotesi di complotto altrui, figuriamoci se mi metto farle io. Vediamo come proseguel a stagione, prima del consueto, inutile, dibattito sulle vicende extra calcistiche di sempre.

57 Commenti su 6C: Inter-Napoli 0-3

  1. pasquale somenzi // 2 ottobre 2011 a 02:02 // Rispondi

    Per trovare una sconfitta casalinga per 0-3 bisogna risalire al derby d’andata
    del campionato 1989-90. Sottolinerei anche gli zero gol fatti in casa (tra
    l’altro anche in Champions). Un inizio di stagione senza mai segnare in casa
    non credo abbia precedenti: nel calcio del passato si segnava piu’ facilmente,
    con l’approssimarsi del calcio moderno il calendario spesso o quasi sempre
    metteva all’inizio in casa squadre piu’ abbordabili di Roma e Napoli.
    Certo senza lo sciopero si sarebbe esordito col Lecce, ed i casi sono due:
    l’Inter di Gasperini perdeva con tutti, oppure il Lecce era l’unica squadra
    che si poteva battere perche’ aveva appena perso in casa col Crotone in
    coppa Italia.
    La curiosita’ e’ pero’ legata a Novara- Inter che si e’ disputata il 20 di
    Settembre. Infatti l’ultima volta che l’Inter aveva subito 3 reti a Novara
    era successo l’ultima volta che questa partita si era giocata al 20 di sett.
    precisamente il 20/9/1936 (fini’ pero’ 3-5) ed anche in quell’occasione
    l’inizio di campionato casalingo fu disastroso, addirittura peggiore infatti
    nelle partite in casa prima e dopo Novara-Inter arrivarono 2 sconfitte con
    Triestina e Bologna.
    Comunque indietro non si puo’ tornare e non so quanti scambierebbero
    il risultato col Napoli con quello col CSKA
    ciao. pasquale.

    • Paolo Sabiu // 2 ottobre 2011 a 19:24 // Rispondi

      Se mi è consentito, vorrei dare un ulteriore spunto statistico: dall’inizio di stagione ogni volta che l’Inter in una gara ufficiale si è trovata in svantaggio non è mai stata in grado di recuperare il risultato, nemmeno anche solo per pareggiare la partita…
      Saluti nerazzurri!
      Paolo – Novara

  2. Fino al rigore, ho visto la migliore Inter di questo inizio di stagione, palla a terra, scambi veloci e soprattutto dominio nei confronti di quella che sarebbe la candidata scudetto n.1 o 2…e questo mi fa ben sperare, soprattutto considerando che non giocavano Nagatomo, Stankovic, Milito, Ranocchia, Thiago Motta e Sjneider. Rocchi ha cambiato la partita ma la pazza Inter di qualche tempo fa non si sarebbe data per vinta…purtroppo la fortuna non ci assiste ma serve un cambio di rotta!

  3. rocchi lo conosciamo con l’inter fa sempre cosi’, per motivi suoi ha l’inter in antipatia, quando c’e’ lui succede sempre qualcosa, se al posto del napoli ci fosse stata l’atalanta, il gubbio o lil castel di sangro sarebbe stata la stessa cosa.

  4. il campionato è lunghissimo, ci riprenderemo sicuramente e risaliremo in classifica.
    l’importante è che la società non perda la calma; è giusto che si faccia sentire, ma moderando i toni, anche perchè TUTTO il calcio italiano ha gli occhi puntati sull’Inter e ogni dichiarazione di Moratti viene amplificata e spesso fraintesa.
    oggi speriamo in un pareggio fra milan e juve.
    la sosta ci farà bene e permetterà all’ambiente inter di ricompattarsi.
    alberto

  5. Al di la’ degli errori di Rocchi che hanno sicuramente influenzato la partita, lascia basiti l’atteggiamento di squadra e tecnico. Soprattutto lascia impressionati la reazione di alcuni giocatori di esperienza come Zanetti e Julio Cesar. C’e ancora da lavorare…

    • Palermo: Migliaccio risparmiato malgrado smanacci sulla linea un tiro a colpo sicuro.
      Roma: negato un rigore a Sneijder al minuto 93.
      Novara: Ranocchia espulso con rigore per fallo di Morimoto.
      Bologna: rigore senza contatto per il Bologna.
      Napoli: probabile rigore negato a Maicon, giallo a Obi per un non fallo, rigore e rosso a Obi per un fallo fuori dall’area, giallo a Lucio per una protesta solo accennata su un non-fallo, giallo a Julio Cesar che chiede in modo plateale il medesimo trattamente per la protesta di un napoletano nell’azione dopo.
      Controbilanciato da: rosso risparmiato a Samuel a Palermo.
      C’è discretamente da preoccuparsi.

  6. Eros Lerin // 2 ottobre 2011 a 08:12 // Rispondi

    L’arbitro ci ha messo del suo
    ma la squadra commette degli errori molto gravi
    si sente l’ assenza di qualcuno
    ma non c’è più lo spirito del leggendario campionato
    malignità : siamo sicuri che l’arbitro non sia amico di un noto industriale

  7. Luca Milano // 2 ottobre 2011 a 08:30 // Rispondi

    Visti i precedenti dell’arbitro Rocchi:
    – Milan-Inter 0-2 (rigore contro + 2 espulsioni farsa)
    e una espulsione di Pelé (e altro), in Genoa-Inter 1-1, –
    ieri sera non c’è stato nulla di nuovo sotto il Sole.
    Visto che tre indizi sono quasi una prova, si può dire che Rocchi sia stato designato con malizia o quantomeno con superficialità.
    Inoltre, la mediocrità del Rocchi pare sempre essere stranamente unidirezionale.
    Beh… il concetto di “mediocrità unidirezionale coincidenziale” potrebbe essere usato in qualche film in bianco e nero per salvare un finale un po’ moscio.
    Ciao, Luca

    • ti sei dimenticato l’espulsione di ibra per aver calciato il pallone verso la porta, mentre l’inadeguato fischiava il fuorigioco !!

  8. ALESSANDRO // 2 ottobre 2011 a 08:44 // Rispondi

    Sul fatto che in buon parte la gara sia stata falsata non ci sono dubbi. E’ altrettanto vero che in tempi diversi e con una squadra meno vecchia avremo reagito diversamente (milan inter, inter samp). Ci sono evidentemente ancora molte cose che non vanno e con il centrocampo attuale difficilmente avremo continuità positiva anche per fattori anagrafici. Appena si va in difficiltà subentra anarchia nei ruoli, con Lucio che vaga per tuttoil campo senza alcun senso (lo potrebbe fare ma all’ottantacinquesimo se si deve recuperare) e dato che il filto a centrocampo è scarso e le linee non salgono bene siamo poi perennemente aggredibili in velocità. Questa, purtroppo, è una squadra che non puo’ aggredire piu’ di tanto perchè appunto non ha più le energie per poi tenere le posizioni sui contrattacchi, dovrà giocare a ritmi bassi per poi fare qualche colpo con i campioni dell’attacco. Non puo’ tenere in campo Nagatomo e Maicon insieme, non puo’ tenere Lucio che vaga, non puo’ reggere in mezzo al campo con Zanetti e Cambiasso sempre loro, hanno si un gran senso della posizione ma noi non ci rendiamo forse bene conto del fatto che sul breve e sulla tenuta per di piu’ con tante partite non possono essere sempre competitivi ai livelli cui dobbiamo giocare. Comunque problemi ce ne sono, ripeto secondo me dovremo stare sempre molto coperti, più vicini nelle linee e all’interno delle stessee non troppo aggressivi. In ogni caso la partita è stata falsata e qualcuno dovrebbe spiegare come possa un’arbitro dare la prima ammonizione ad obj essendo pochi metri dietro e non essendoci alcun fallo. Li, secondo me, si evidenzia la prevenzione. Sul rigore che non c’era possiamo dire che l’angolazione non agevolava ma qui vorrei sapere se il guardalinee che vedeva fuorigioco di millimitri (secondo me nelle cuffie gli arriva un segnale nel momento in cui viene calciato il pallone perchè se i fai caso non guardano mai partenza tiro e giocatori ma solo questi) li non ha visto nulla. Sulla ripetizione non mi soffermerei se non ci fossero i 2 precedenti di cui sopra.

  9. Semplicemente: ci stanno facendo pagare la storia dello scudetto 2006. Errori contro a Palermo, Novara, Bologna, e poi lo scempio di ieri!

  10. Una considerazione al di la della partita persa col Napoli (e degli svarioni di Rocchi che lasciano il tempo che trovano) la devo fare. La squadra nerazzurra mi sembra composta per metà da un’Inter che non c’è più (triste fine di un ciclo) e per l’altra da un’Inter che non c’è ancora. E’ come se mancasse l’Inter del presente, o perlomeno di quei 4/5 giocatori sui quali ricostruire una squadra per il futuro.

    • Condivido pienamente. Questa mail presenta perfettamente l’Inter di oggi, al di là di tutto. Ogni volta sentiamo dire che l’Inter con tutti i suoi effettivi è ancora squadra da scudetto. Probabilmente è vero, ma tutti gli effettivi e tutti insieme non ci sono mai.
      GLR

  11. Non c’è niente da commentare, c’è solo da andare al mare per godersi queste ultime giornate di sole.
    Questa farsa di “palazzo” e “condomini” dura da troppo tempo.
    Per i veri “afficionados” ci sarà una replica con Rizzoli Domenica a Torino.
    Buona visione.
    Dimitri

  12. Ciao GLR,erano anni che non vedevo un arbitraggio cosi, forse Tagliavento nel Derby
    con il Milan,decisioni assurde che non si puo`non rilevare.Ma dire che sia tutta colpa di Rocchi sarebbe troppo semplice, Ranieri ci ha messo del suo.Perche`insistere su
    Alvarez che gia a Mosca aveva faticato a giocare in quella posizione, senza contare che sembra pure in non perfetta condizione atletica.Il secondo sbaglio e`aver fatto giocare Chivu che non poteva essere nelle migliori condizioni avendo solo fatto un vero allenamento dopo l`infortunio di Mosca.In Toscana si dice:Meglio un Asino vivo ,che un Purosangue morto, quindi perche non far giocare Coutigno, o Castagnos.La difesa scricchiola paurosamente,Zanetti comincia ha sentire gli anni,Lucio fa quello che gli pare
    Samuel non e`piu`il The wall,sommando tutto cio`si capisce che ormai molti nostri
    grandi giocatori sono in parabola discendente.Forse hanno ragione alcuni critici che dicono che andavano fatti investimenti mirati,ma Moratti dice che cè`da quardare il lato
    finanziario e non possiamo che prenderne atto.Speriamo che quando rieentreranno tutti
    gli infortunati, si possa fare un Campionato dignitoso.Volevo ricordare che in tempi non sospetti, qualcuno degli addetti ai lavori(non mi ricordo chi)disse che adesso per ii fatto
    dello Scudetto del 2006 saremo isolati e ce la faranno pagare. Malgrado cio`io spero che ci faremo valere, sempre forza Inter.
    Bruno

  13. Si, Gianluca, hai ragione, Rocchi Horror Picture Show, ma non solo, è questo il punto; perchè se è innegabile che Rocchi abbia falsato la partita con due errori gravi e lampanti, è altrettanto vero che dopo lo 0-1 la squadra si sia sfaldata, i nostri abbiano pensato più a protestare che a giocare, permettendo al napoli di gestire senza patemi il 2o tempo, di colpirci altre due volte con la nostra difesa totalmente immobile e senza subire nemmeno un’azione pericolosa (solo un debole colpo di testa di pazzini al 90.) Quindi giusto definire Rocchi quantomeno “inadeguato”, ma per favore non facciamo del vittimismo perchè se no si rischia di finire come la stagione 98-99; cito solo un dato, fin troppo eloquente, 14 gol subiti in 7 partite fra campionato e champions league.Pensiamo a questo, non a Rocchi…

  14. Alessandro // 2 ottobre 2011 a 09:39 // Rispondi

    ciao Gianluca
    intuisco che a tuo parere la sconfitta non è solo una conseguenza dell’arbitraggio di Rocchi. Ok ci può stare, nel senso che le partite si possono raddrizzare anche in 10. Ma è anche vero che arbitraggi come quelli di ieri sono talmente scandalosi e a senso unico, parlo nel primo tempo, che la partita è indubbiamente stata falsata e condizionata. perchè oltre al rigore incredibile, all’ammonizione che non c’era, tutta la condotta di gara dell’arbitro, è stata a senso unico. dopo la partita di ieri rimane solo un senso di nausea.
    Alessandro

  15. Ciao Gianluca,
    che dire dopo il Rocchi Horror Picture Show? beh l’amaro in bocca è tanto, ma vorrei condividere con te i miei pensieri.
    Ieri sera si sono giocate 2 partite:una fino all’episodio del rigore , nella quale forse si è vista la miglior inter della stagione (per lo meno la più attenta, quadrata e sensata visti gli assenti).
    Quello che non mi è piciuto è l’inter dopo il rigore, che ha di certo tutte le ragioni del mondo per recriminare, ma che poteva fare qualcosa in piu invece di offrire il fianco all’avversario.
    Ricordo un derby che abbiamo vinto in 9 contro 11 !
    Note positive: maicon; cambiasso e obi (non mi sento di colpevolizzarlo per quei 2 episodi, cosi come do più responsabilità a julio cesar che a nagatomo in occasione del 2° gol del napoli.
    Continua a non convicermi Alvarez ( Coutinho di certo è più “leggero” in tutti i sensi, ma davanti ha il merito di pungere un po’ di più) e mi spiace vedere un evanescente Forlan, spero che possa esprimersi su livelli diversi da quelli visti fin ora.
    Ad ogni modo: sia lodata la venuta di Ranieri! da quando c’è lui ho rivisto barlumi della mia inter. Prima del rigore ho visto bei fraseggi e un maicon volitivo come ai bei tempi.
    Jair

  16. Ancora sono deluso,amareggiato. Due volte dall’estrema Calabria sono andato a vedere l’inter e due volte mi e’ capitato Rocchi (l’ultima volta c’era Mou)…
    Mamma Mia…

  17. Ciao Gianluca,sarà un caso ma ogni volta che rocchi ci arbitra ci danneggia enormemente,quando ho visto chi arbitrava la partita sapevo esattamente come sarebbe andata e difatti il “signor” rocchi non ha deluso l’attesa e non è stata l’unica volta che rocchi ci ha fischiato un rigore contro per un fallo fuori area,ricorderai il rigore che diede al Brescia lo scorso anno con conseguente espulsione di Cordoba? per ricordare un’altra partita ricorderai bene anche il derby vinto in 9 e non voglio aggiungere altro perché mi dilungherei molto perché ce ne sarebbero di episodi da elencare.
    Sarà un caso? un caso sarebbe se capitasse 1 o al massimo 2 volte ma con rocchi capita sempre puntualmente…quindi direi che non è un caso
    Sulla partita fino al rigore l’Inter non mi è dispiaciuta affatto, ho visto un grande Maicon e un Cambiasso in crescita, Alvarez mi sta un po’ deludendo ma va fatto crescere ed ho assistito alla conferma di uno strepitoso Obi poi per quanto mi riguarda la partita è finita dopo il calcio di rigore.
    Ciao

  18. rocchi ha condizionato tutta la partita con quella decisione scellerata rigore ed espulsione, e come disse mancini rocchi e’ bravo peccato che con l’inter e’ sempre sfortunato, evidentemente non e’ un caso che nel dubbio quest’arbitro penalizzi sempre l’inter, pero’ sbagliato pensare solo all’arbitro, il secondo tempo seppur in 10 si e’ visto un inter sciogliersi in malo modo, il centrocampo rimane uno dei problemi piu’ difficili da risolvere con cambiasso che cammina il sempre bravo zanetti che pero’ ormai ha 37 anni non puo’ fare miracoli e questo alvarez sempre piu’ deludente, credo che la societa’ abbia operato male in questi ultimi due anni di mercato ed e’ evidente che l’inter non e’ piu’ quella di mou, speriamo solo di arrivare piu’ in alto possibile obiettivo un posto in champions
    saluti

  19. carlo molinari // 2 ottobre 2011 a 10:43 // Rispondi

    Ok, arbitro scandaloso…
    ma non diamoci troppi alibi, guardiamo i numeri , questa qua NON è una squadra da scudetto e nemmeno da primi posti ! scusa ma adesso come primo obbiettivo metterei i 40 punti che servono a rimanere in serie A visto che la media di meno di un punto a partita , 11 gol incassati in 5 partite , zero gol segnati in casa mi fanno venire i brividi …

  20. marco ferrara // 2 ottobre 2011 a 10:44 // Rispondi

    Ciao Gian Luca, é sempre il solito rocchi!! Ma quanto é scarso questo arbitro?! O forse dovremmo dire bravissimo per fare certe cose…?! Al napoli mancava cavani, ma una direzione di gara così favorevole fa pesare molto meno ogni assenza, non trovi?! Noi sicuramente dall’inizio del campionato ad oggi abbiamo avuto tanti problemi e alcuni di questi ancora permangono, però davvero troppi e soprattutto evidenti iniziano ad essere i torti subiti; ora, non voglio per forza pensar male, anche se….! Questa sconfitta a differenza delle altre nonostante di fatto i tre punti persi sono portato a non considerarla, anzi voglio sottolineare la buona prestazione della squadra per quaranta minuti e il grande ritorno in campo di maicon; sono questi i punti fermi da cui ripartire, magari con il rientro degli altri infortunati. Ti saluto e….SEMPRE FORZA INTER!!

  21. Gian Luca, finché la partita è stata giocata in 11 uomini contro 11 uomini, abbiamo fatto una grande prestazione. Eravamo la maggior parte del tempo nella metà campo del Napoli, Pazzini ha sfiorato più volte il gol e Forlan ci è andato vicino in un paio di occasioni. Fin tanto che eravamo in parità numerica, sinceramente non ricordo un tiro del Napoli. Poi è successo quello che è successo e per me la partita è finita là. A me non piace mai prendermela con l’arbitro e i suoi assistenti, ma ieri sera è stata davvero una cosa scandalosa, non tanto per gli errori commessi da Rocchi, ma piuttosto all’atteggiamento che aveva contro i nostri giocatori. Appena andavano a protestare per qualcosa (persino Zanetti che è capitano) lui tirava fuori il cartellino giallo. Non ha avuto buon senso e, mi spiace dirlo, ma ieri sera mi è sembrato veramente in malafede. Ha avuto lo stesso atteggiamento che ebbe in occasione di Inter Milan 2 0 del 24 gennaio 2010, quando espulse Sneijder per proteste, ma non lo fece con Borriello, e quando fischiò una serie di falli ridicoli, compreso il rigore al Milan con seguente espulsione di Lucio.
    Mi spiace dirlo, ma Rocchi è palesemente contro l’Inter, ci sono vari precedenti e i numeri parlano, 7 espulsioni in 16 partite ufficiali. Non è un dato da tralasciare.
    Forza Inter, un abbraccio!

  22. no comment Gianluca. La partita è stata pesantemente condizionata da Rocchi (per non dire altro). Si potrà dire che poi non abbiamo reagito ma in dieci, in quella situazione, sotto di un goal … non era semplice. Fino a quel momento il Napoli aveva fatto ben poco. Pazienza. ci rifaremo.

  23. piero rossi // 2 ottobre 2011 a 11:04 // Rispondi

    Ciao gian luca ho visto la partita e dire che sono disgustato e dire poco,quando è iniziata tutto sommato la squadra giocava bene,ma non avevo fatto i conti col signor rocchi poi mi è venuta in mente la partita col milan e li ho capito come buttava questo signore lo devono mandare a casa non perchè inadeguato come ha detto ranieri ma perchè e prevenuto nei confronti dell Inter mi sembra di vedere la copia di bertini e tutti sappiamo come andata a finire.

  24. Ciao Gianluca,
    da calciatore agonista e praticante quale sono, la mia idea di base nel calcio e’ “l’arbitro non esiste (tranne in alcuni rarissimi casi)”. Ieri sera, mio personale pensiero, era uno di quei rarissimi casi. Era una bella partita, giocata con intensita’ dalle due squadre ma rovinata dagli evidenti errori di un imbarazzante (per essere buoni) Rocchi, che riesce anche a cacciare un allenatore notoriamente pacato Ranieri (e se sono girate le scatole anche a lui…).
    Se un arbitro internazionale (!!), come il soggetto di ieri sera, commette errori da matita rosso fuoco (vedi la prima ammonizione ad Obi, roba che non sbagliano nemmeno in Eccellenza) o non è in grado di arbitrare ad alti livelli oppure autorizza, visti anche i precedenti, a pensare altre cose che con il calcio c’entrano poco se non addirittura nulla.
    Cercando di parlare di calcio giocato, il secondo tempo è una conseguenza del primo con l’aggravante dell’errore di Nagatomo (0-2), poi Hamsik chiude.
    Obi centrale di centrocampo garantisce freschezza e qualità, deve essere un po’ meno irruento ma questa è soprattutto esperienza.
    Bene il rientro di Maicon, volitivo e motivato anche se alla fine ha pagato la condizione non ancora ottimale.
    Forlan così così (abbastanza bene nel primo tempo, sacrificato nel secondo) mentre Alvarez per ora è poco, pochissimo arrosto.
    Giuseppe

  25. piero rossi // 2 ottobre 2011 a 11:07 // Rispondi

    Rocchi scandaloso voleva fermare la corazzata inter di mou e non le è riuscito stavolta a fatto centro e da mandare a casa non sarebbe buono neanche a dirigere il traffico.

  26. Gianluca C. // 2 ottobre 2011 a 11:25 // Rispondi

    caro GLR,
    sono un tifoso milanista che pero’ ha grandissima stima di te come giornalista,per il tuoi giudizi sempre imparziali,schietti e obiettivi,e di questo te ne do atto.
    Devo dire che ieri l’Inter e’ stata decisamente danneggiata a livello arbitrale,e sicuramente una decisione diversa nel caso della doppia ammonizione e poi rigore,avrebbe potuto portare ad un esito della gara con un finale probabilmente non cosi scontato.
    Detto cio’ credo si abbia l’impressione (visto da fuori) che nel cosidetto ” palazzo” si abbia voglia di dare una ripulita generale al calcio italiano,cercando di portare nuovi “protagonisti” nella lotta ai vertici,per cercare di generare un interesse che negli ultimi anni era andato scemando,non per colpa (anzi meriti) di chi vinceva,ma di chi per motivi leciti (ma anche illeciti) aveva alzato bandiera bianca ancora prima di partecipare (vedi Juve e Milan fino a prima dello scorso campionato) assenti ingiustificati,nonostante io non dia la tunica bianca dell’innocenza a NESSUNO.
    A inizio stagione con amici interisti avevo pronosticato un “punimento” da parte del Palazzo nei confronti dell’Inter
    Un saluto, Gianluca C.
    Milano.

  27. Fabio Primo // 2 ottobre 2011 a 12:12 // Rispondi

    C’è un paragone calzante di un match di Premeire League giocato ieri pomeriggio , il derby del Merseyside Everton-Liverpool.
    Espulsione assurda di Rodwell (Everton) a metà primo tempo sullo 0-0 , con una partita superequilibrata con occasioni su entrambi i fronti. E’ finita 2-0 per il Liverpool con un ovvio dominio dall’episodio citato. Ha pure sbagliato un rigore(nettissimo) con Kuyt.
    Con il calcio di oggi avere superiorità numerica è un vantaggio , anche psicologico , troppo grande. Poi ci sono le partite eccezioni che confermano la regola !
    Ciao

  28. Claudioeffedeejay // 2 ottobre 2011 a 12:20 // Rispondi

    E’ vero, l’Inter di ieri non c’è più e quella di domani non c’è ancora. Il problema è che se la squadra non c’è ancora la colpa non è dei nuovi che non sono ancora all’altezza ma dei nuovi che non lo saranno mai. Alvarez non solo non può fare il vice Snaijder, secondo me non può proprio giocare in serie A. Capisco la crisi economica, capisco il FPF, ma se sei l’Inter non puoi stare a guardare gli altri e non centrare almeno il terzo posto. Il futuribile dice Poli a settimane e Kucka a gennaio: aspettiamo di vedere il campo cosa dice, ma non stiamo certo parlando di fenomeni. Certo che dopo Maicon non abbiamo azzeccato un giovane neanche per sbaglio. Comunque speriamo….

  29. Anch’io sono del parere che la squadra in questo momento sia un mix tra giocatori forti ma in calo e giocatori ancora immaturi (talvolta inadeguati). Però la gestione di Ranieri è la più idonea a governare questo stato di cose e lo era stata anche con il Napoli; fino al rigore l’Inter aveva saputo tenere bene il campo anche sfiorando il gol più volte senza subire quasi nulla. Il problema è che ora non abbiamo più la forza psicofisica di un tempo per cui eventi avversi come quello che si è verificato non generano più una reazione efficace e produttiva, ma solo frustrazione e perdita di lucidità, con ulterore rischio di aggravio disciplinare.
    Detto questo e senza indugiare oltre su Rocchi (sciagurata designazione, visti i precedenti), è un fatto che tutti gli allenatori che hanno preso in mano l’Inter negli ultimi quindici anni, anche quelli più riservati e meno inclini alla protesta (ricordo Simoni, persino Lippi nel 2000 verso arbitraggi di Collina a Parma e Braschi con la Lazio a Roma, e poi ancora Mancini, Mourinho, da ultimi Gasperini e Ranieri), sono andati letterlamente fuori dai gangheri – come non avevano mai fatto allenando altre squadre – rispetto a direzioni arbitrali gravemente ed incredibilmente punitive.
    Segno che l’ostilità arbitrale non è solo un fatto post-calciopoli, ma – senza voler fare del vittimismo facile – una costante storica
    Henryk, Roma

  30. Paolo Sabiu // 2 ottobre 2011 a 13:48 // Rispondi

    Una serataccia sotto tutti i punti di vista! 0-3 finale fin troppo severo per i nostri ragazzi, anche se il Napoli di quest’anno sembra essere una signora squadra. Di solito non parlo mai dell’arbitro, però questa volta non posso esimermi dal pensare che, con gli errori (a senso unico) commessi nella prima frazione di gioco, il direttore di gara e i suoi assistenti hanno contribuito notevolmente all’esito della partita.
    Ranieri è entrato subito nel clima d’isterismo che caratterizza spesso l’Inter, dato che è riuscito perfino lui a farsi espellere a metà tempo!
    Con l’uomo in meno serviva farsi valere soprattutto atleticamente, quindi probabilmente sarebbe stato più opportuno sostituire uno come Alvarez prima. Il ragazzo, purtroppo, non vince un contrasto, appare spesso fuori posizione e non imbrocca mai un passaggio smarcante. Disorientato; queste non sono gare per uno come lui.
    Quella di ieri è stata una bastonata. Ancora una volta bisogna ripartire daccapo, conservando quello che di buono che si è visto dall’arrivo del nuovo mister. E pensare che l’inizio del match è stato promettente. Io ho rivisto un Maicon che, con 2-3 incursioni sulla fascia, ha dato qualche buona dimostrazione di quello che una volta era il suo repertorio abituale.
    Per favore, qualcuno metta le briglie a Lucio, visto che ogni tanto si scorda di essere un difensore: il secondo gol è nato da un suo errore mentre si trovava sulla trequarti avversaria…
    Saluti nerazzurri!
    Paolo – Novara

  31. ArchAndrea // 2 ottobre 2011 a 14:00 // Rispondi

    Caro GLR, dici che non esiste l’Inter del presente ma ho sentito commenti positivi in merito alla prestazione sino al primo gol. Quindi credo che ci sia margine per recuperare e soprattutto per impostare un discorso per il futuro. Dopotutto se avessimo pareggiato dopo 90 minuti intensi sarebbe cambiato poco preferisco una sconfitta in questo modo che le “cinque giornate” dell’era Gasperson!
    Ora piu’ che mai si deve puntare su di una squadra da preparare per il futuro ma consapevole del presente e pronta a lottare contro tutto e contro tutti! Abbiamo dei buoni trascinatori sia al timone che in campo, quindi sono e voglio essere fiducioso!
    Certo che il nostro primo scudetto della cinquina e’ un macigno da digerire!?!?!

  32. ciao GL,
    a prescindere dagli errori arbitrali, io penso che in casa anche in 10 vs 11 deve trovare le forze per cercare di finire la partita in maniera dignitosa. ieri sera l’inter ha mollato nel 2 tempo e questo non va bene. nonostante i miglioramenti continuo a vedere un’Inter in ritardo di condizione atletica…..
    saluti
    Davide

  33. Spesso, quasi sempre, quando si perde 3-0 in casa è superfluo parlare di arbitri e amenità simili. Spesso… ma questa volta mi pare proprio che sia legittimo da parte nostra parlarne.
    Quello che si è visto ieri sera, aldilà dei nostri demeriti che comunque ci sono e non sono insignificanti, è sconcertante. E’ come dare da bere un litro di benzina a chi ha appena fatto una lavanda gastrica. Questo è quello che ha fatto la terna arbitrale ieri sera (oltre al disastroso rocchi non sottovaluterei l’occhio di lince del segnalinee sul gol del Pazzo).
    Purtroppo temo che per quest’anno girerà così, temo che di immondizia come quella di ieri sera ne raccoglieremo parecchia.
    Ma noi dobbiamo fare la nostra parte, da grande squadra, cercando ogni volta di essere superiori ai vari rocchi di turno.
    Abbiamo i mezzi per fare un grande campionato, contro tutto, contro tutti.
    Saluti.
    Claudio

  34. Rocchi non deve essere + mandato ad aritrare l’ Inter. Ha arbitrato come nel derby di 2 anni fa, gennaio 2010, anche allora dopo 5 minuti 3 decisioni, ammonito Lucio per simulazione di fallo subito da Ronaldinho a centrocampo e 2 falli milanisati non sanzionati, direzione arbitrale a senso unico come ieri. Saluti.
    Giulio

  35. ciao Gian Luca,
    ok, giusto scandalizzarsi per una direzione di gara che visti gli episodi in serie accaduti si rimane a dir poco sconcertati, forse ha riassunto bene Moratti dichiarando che Rocchi non è stato in grado di gestire la partita (niente malafede però, ma solo scelleratezza), e giusto che la dirigenza faccia la voce grossa perchè l’episodio non passi inosservato; però attenzione, da domani società e squadra in silenzio a lavorare sodo perchè la gara di domenica non debba essere una scusa per il ritardo in classifica ( 3 sconfitte su 5 non sono solo colpa degli arbitri), in quanto questa squadra con tutti i problemi che ha quest’anno, ha comunque le potenzialità per ripartire
    un saluto neroazzurro.

  36. Leggendo vari commenti in giro, mi sembra di capire che trovarsi in 10 sotto di 1-0 contro il Napoli ed ingiustamente non sia una situazione irrimediabile.
    Non lo e’ infatti, in alcuni casi, molto rari, il risultato fu addirittura ribaltato.
    Indubbiamente l’Inter poteva e doveva gestire meglio la situazione, magari difendendo lo 0-1.
    Detto questo vorrei far notare che quando L’Inter di Mourinho riusci’ a gestire situazioni simili, stava vincendo o almeno pareggiando quindi era piu’ facile o se preferite era meno difficile, a Catania pero’ sotto per 1-2 ed in 10 (grazie a Muntari) perse 3-1.
    Nella maggior parte dei casi pero’ squadre anche di alto livello, che si trovano in 10 per espulsione susseguente ad un rigore, perdono e normalmente prendere una decisione del genere signifuca sancire in anticipo il vincitore della gara.
    L’Inter e’ vero che ha problemi di vecchiaia e di gioventu’ non assemblate, e’ vero che ha mostrato dei limiti in 10, ma in 11 aveva giocato benissimo e mi attendevo che andasse in vantaggio, ed e’ altrettanto vero che ha perso perche’ l’arbitro Rocchi ha deciso cosi’.

    • L’anno l’Inter di Leonardo (non la supersquadra di Mourinho, nota bene), durante Inter-Lazio, subì un rigore con conseguente espulsione di Julio Cesar. La trasformazione di Zarate ci ha costrinse a giocare più di un’ora con un uomo in meno e sotto di un gol.
      Bene, tra il 40° del primo tempo e il 10° della ripresa Sneijder ed Eto’o ribaltarono il risultato come se nulla fosse.
      Ecco, appunto, Sneijder ed Eto’o: due fuoriclasse che adesso, per una ragione o per l’altra, non abbiamo… E’ questo il problema, non gli errori di Rocchi.

  37. A deludere non è tanto la sconfitta con il Napoli a deludere noi tifosi interisti è l’Inter società,
    Dopo il triplete pensavo si fosse del tutto abbandonato la vecchia Inter ,pensavo si fosse fatto il salto di qualità ,squadra di vertice e programmazione ,insomma una società di livello mondiale,le premesse cerano .Invece …non è stato così ,i risultati sono sotto gli occhi di tutti,inutile lamentarsi dell’arbitro quando il prodotto è quello che è.
    Roberto

  38. Ciao GlR,
    una partita giocata da un inter che oggi per contrastare questo napoli deve essere giocata al massimo, era quello che si stava facendo. Credo alla fine avremmo anche potuto perdere ma, io, almeno, non mi sarei rammaricato come col novara!
    La squadra stava giocando discretamente bene e avrebbe anche potuto segnare. Come hai già detto, l’unica decisione imbroccata dalla terna arbitrale è stato il goal annullato, giustamente, a Pazzini. Credo che come ha scritto un amico sopra, c’è un inter che sta finendo e una che sta iniziando ma, non è la partita col napoli che ce lo può dire, anche io, oggi, non credo ai complotti ma, ieri la partita è stata troppo falsata dall’arbitraggio.
    Farei un grosso complimento a Ranieri, che ripeto come tecnico non mi entusiasma, ma, ieri si è dimostrato un grande uomo di sport.
    Vincere il titolo ad oggi è molto, molto difficile ma, credo che gennaio, febbraio, saremo nei posti di classifica che ci competono.
    Saluti e forza inter.

  39. Non credo al complotto, ma che nella mente degli arbitri ci sia che fischiare contro l’ Inter oggi ti può dare la patente di grande arbitro, sì. La migliore Inter della stagione fino al rigore; poi in 10 contro 11 contro una squadra che dà il meglio di sè in contropiede era difficilissimo. Non sono d’ accordo invece con molti su Obi: già a Mosca spesso in difficoltà sui recuperi e tagliato fuori da semplici triangolazioni. Il FFP lo stiamo pagando, e caro, nella qualità dei rincalzi, che era stata la nostra forza nei cinque scudetti consecutivi.

  40. Dell’arbitro ormai si è detto di tutto però io voglio analizzare i punti positivi e quelli negativi:
    tra i positivi il buon ritorno di Maicon e i 30 minuti di buon calcio e gran pressing dell’Inter, senza contare che Obi è un bel mastino e potrebbe migliorare ancora.
    Tra i negativi, a me pare che Forlan non sia nè carne nè pesce. si poteva anche non acquistarlo. Non risolve le partite. Inoltre la difesa prende troppi gol e in primis Samuel e Lucio non sono lucidi dalla prima partita. Alvarez è troppo lento e non verticalizza

  41. Caro GLR, malgrado i problemi di rinnovamento della squadra e l’ineffabile bRocchi (la vera domanda è: ma chi l’ha scelto???), nel primo tempo di ieri ho visto la migliore Inter della stagione con un Obi straordinario per dinamismo ed intensità.
    I cattivi pensieri riguardo il Sig. (?) bRocchi saranno legittimati o meno dalla sua eventuale carriera futura (la sospensione che potrebbe fermarlo a breve è un atto dovuto…) ma, molto sinceramente, non me ne importa nulla.
    Se l’arbitro in questione fosse in malafede, vorrebbe dire che l’inter è ancora una squadra molto temuta e quindi non così mal combinata come qualche “soggetto disinteressato” vuole far credere….
    Tornando all’aspetto più strettamente sportivo, se l’Inter riprenderà dal primo tempo di ieri credo potrà ottenere diverse soddisfazioni.
    Sempre Forza Inter

  42. Massimo Inter // 3 ottobre 2011 a 09:04 // Rispondi

    Quanto ci manca Wes…premetto di aver visto la partita in ritardo, dal 30′ del primo tempo.Se Rocchi fosse stato un arbitro di tennis, l’avrei capito.Ma nel calcio, non vedere due uomini e un pallone fuori dall’area di rigore, mi sembra quanto meno da fargli richiesta danni.A lui come al guardalinee.Tuttavia, dopo il fattaccio, che può capitare, ho visto che l’Inter ha fatto molto poco per riprendere la partita.Siamo abituati alle rimonte sul Siena, sull’Udinese, sulla Roma, Dinamo Kiev, sul Barcellona ecc. ecc. ma in quella squadra , oltre ad un vero leader in panchina (e Ranieri non ha colpe), aveva Snejder ed Eto’o in campo.Ricordo che Ferri disse in un’intervista:”Anche se sapevamo di essere fortissimi, quando ci dicevano che Matthaus non giocava, lo spogliatoio si ammutoliva perchè non avremmo giocato con il nostro giocatore più forte”.E l’nter che si è privata di Eto’o e non può avere Snejder, psicologiamente, ne risente.Sono convinto che se c’era Wes, l’Inter se la sarebbe giocata molto di più:non dico che avremmo vinto ma avremmo visto un’altra Inter, figlia del carisma e della classe dell’Olandese.Non dico che l’inter del primo tempo non abbia giocato bene come leggo da più parti, ma mi stupisce che , in caso di svantaggio, si scoraggi.Prima l’Inter era combattiva al massimo, contro qualunque avversario.Ci sono i margini per migliorare, resto comunque molto fiducioso.

  43. Caro GL,
    credo che l’arbitro “B”Rocchi più che favorire il Napoli abbia penalizzato l’Inter, detto questo il Napoli probabilmente avrebbe anche vinto ma è vero anche il contrario perchè i primi 40′ minuti sono stati secondo me i migliori di questo inizio di stagione. Adesso la sosta è manna dal cielo per recuperare gli infortunati, del futur non v’è certezza possiamo solo sperare ma essere ottimisti ogni tanto aiuta.
    Care cose a te e a tutti gli interisti.
    L.

  44. alessandro -Taranto- // 3 ottobre 2011 a 10:23 // Rispondi

    Caro GL, non abbassare la guardia sugli arbitraggi è un obbligo, ma la vera analisi si fa con dati alla mano e non con le parole: da oltre 3 partite non facciamo gol in casa ed abbiamo la peggior difesa del campionato. E poi perchè ce la prendiamo se già siamo fuori dal giro scudetto? se vendi Eto’o hai già fatto capire a tutti che campionato hai intenzione di disputare. Hai ragione tu quando dici che non tutti i mali vengono per nuocere. Per fortuna Forlan non gioca in Champions!!

  45. non è rocchi la causa della sconfitta di sabato. Una parte di squadra non ce la fa più. Siamo semplicemente più scarsi del napoli e forse anche di milan e juve. Senza la giusta umiltà questo è un campionato che può mettersi veramente malissimo. Soprattutto con aria di vittimismo intrinseca in molti interisti. La società ha speso malissimo e gestito malissimo la fine di un ciclo. vidal 10 milioni vucinic 14 inler 16. alvarez 9 milioni jonathan 5 forlan 5 milioni. i soldi sono stati spesi. ma male

  46. Andrea da sanpietroburgo // 3 ottobre 2011 a 12:07 // Rispondi

    Lascio ad altri dietrologie su vicende extra o altro. Il tuo mi è sembrato un commento equilibrato lontano da strali partigiani poco costruttivi.
    Il mio pensiero è di sofferenza per una squadra sempre alla ricerca di se stessa, amata al di là di ogni ragionevole dubbio da persone che, da ogni dove ed in ogni momento, riescono a dedicarle amore incondizionato.
    Forza ragazzi non mollate (molliamo) MAI.
    Poko (ciao).

  47. Franco Interista // 3 ottobre 2011 a 13:21 // Rispondi

    Meraviglioso il designatore degli arbitri Braschi: ha affermato, restando serio, che Rocchi, eccellentissimo arbitro, è solo incappato in una direzione di gara….. SOTTOTONO…..Per definire la direzione di Inter Napoli disastrosa probabilmente, secondo il Braschi pensiero, Rocchi avrebbe dovuto malmenare qualche giocatore dell’Inter…. Capisco la difesa della categoria ma c’è un limite a tutto! ciao

  48. vedo che tu la pensi in maniera un po’ differente ma io sono poco o nulla preoccupato dal momento che fino all’espulsione di obi ho visto la migliorie inter del 2010-2011 (imprese da triplete escluse ovviamente). palla a terra facciamo sempre danni alle difese altrui, in più con pazzini abbiamo anche l’alternativa della soluzione aerea. togli alvarez e metti sneijder, fai finire il rodaggio a maicon (primo tempo di sabato semplicemente devastante), recupera milito come validissima alternativa all’attacco insieme a zarate (abbiamo 4 punte di livello mondiale) e penso che almeno in italia ce la giochiamo alla stragrande.
    permettimi di fare un appunto: in milan-cesena Taiwo è stato ammonito durante il primo tempo e sul finire dello stesso ha seriamente rischiato di prendersi il secondo giallo (fosse stato in nerazzurro avrei scommesso sulla sua certa espulsione…ma questo è un altro discorso). ebbene allegri lo ha sostituito al volo. avendo visto quanto obi soffrisse maggio ed essendo osservato speciale da rocchi io lo avrei tolto…molto spesso certe espulsioni si sentono “a pelle”, ed è pur vero che con l inter la tolleranza è pressoché ridotta allo zero. stessa identica situazione con chivu: è spesso in difficoltà nel contenere l’esterno avversario e ancora più spesso in odore di cartellini. speriamo ci serva da lezione!

  49. Ora potrei rendermi impopolare. Vorrei dire alcune cose. Dal punto di vista sportivo bella inter sino al rigore. Dal punto di vista comportamentale, inter vegognosa dal rigore in poi. Non si tratta di giudicare solo l’operato dell’arbitro, è chiaro che Rocchi ha sbagliato e ha condizionato la partita. Ma come è possibile giudicare il comportamento di professionisti che inveiscono (a dir poco) contro l’arbitro? Ma scherziamo? Un minimo di equilibrio. E voi credete che comportamenti del genere possano avvantaggiare l’inter? Sono precedenti pericolosi, è un marchio che rimane sulle maglie nerazzure. Quando un arbitro vedrà quei colori penserà (+ o – inconsciamente): qui mi devo far valere perchè questi sono nevrotici. No, no devono darsi una calmata!!!!!!!

    • Tutto più o meno condivisibile, tranne il solito geottonasissimo aggettivo ‘vergognoso’ usato sempre a capocchia per tutto. L’Inter può essere stata nevrotica, deludente, financo indecorosa, ma non vergognosa. La lingua italiana è piena di parole a volte assai più calzanti di ‘vergogna’ usata regolarmente dai tifosi per qualsiasi situazione
      GLR

  50. A prova del fatto che designatore,arbitro ecc.ecc.hanno la coscienza sporca,il giudice ha comminato (come si suol dire…..) il minimo sindacale di squalifiche (per Obi era obbligata e Ranieri non gioca), tralasciando di considerare proteste,insulti e quant’altro uscito dalla bocca di mezza squadra.
    Confermo la mia convinzione che quando un arbitro si inventa falli e cartellini a senso unico e sempre contro la stessa squadra,non siamo davanti ad inadeguatezza o incapacità,ma a malafede conclamata.
    Poi, per carità, l’analisi sui mali dell’Inter è assolutamente giusta e condivisibile, ma proprio perchè non è più l’armata (quasi) invincibile di Mou,sia tecnicamente che mentalmente,è naturale che non possa più recuperare partite in cui l’arbitro ti fa giocare con l’handicap.

  51. Buongiorno.
    Forse essendo troppo tifosa, io mi limito a constatare che in OGNI partita di questa stagione, tra campionato e supercoppa, abbiamo avuto continui torti arbitrali. Questi in linea di massima dovrebbero essere stati compensati da un numero pari (o poco ci manca) di “errori a favore”, cosa che non mi risulta sia avvenuta. Può questa mia convinzione essere smentita? Qualcuno mi può dire se in questo campionato ad una squadra sono stati dati 3 rigori contro inesistenti ed in 3 partite consecutive?
    Poi mi va bene parlare di quanto ci siamo indeboliti rispetto allo scorso campionato, però prima mi piacerebbe sapere se veramente la classe arbitrale è serena nei nostri confronti.
    Lisa

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili