Balotelli al City, all’Inter il Tim

Nel giorno in cui Mario Balotelli diventa ufficialmente un calciatore del Manchester City,  l’Inter a Bari si aggiudica la 10.a edizione del trofeo Tim. Fatemi liquidare nelle prime righe il tormentone  prima di scrivere del sesto successo dell’Inter nel triangolare di Bari. Supermario è passato al City per una cifra tra i 28 e i 30 milioni di euro. Alla cifra, che nella sua precisione  conosceremo solo quando verrà reso pubblico il prossimo bilancio del FC Internazionale, andranno aggiunti i premi di valorizzazione nel caso il ragazzo giochi un certo numero di partite e il City si qualifichi alla prossima Champions League, circostanze quanto mai probabili. Secondo un’indiscrezione, l’Inter avrebbe ottenuto comunque un diritto di prelazione nel caso i Citizens decidessero un domani di privarsi di Balotelli, ma è ovvio che Roberto Mancini auspichi che tale clausola rimanga lettera morta, perché in caso contrario il primo a doverne rispondere sarebbe proprio lui. In ogni caso, a differenza di colleghi che ho sentito ripudiare Gilardino e Kakà alle prime difficoltà nelle loro nuove squadre,  io affermo senza alcuna reticenza che l’Inter corre un rischio, inferiore a quello di Ibra, ma pur sempre un rischio e che solo il tempo sarà il giudice dell’operazione. In ogni caso, prima di eventuali rimpianti ci sono 30 milioni in tasca e una plusvalenza record e vedremo se Balotelli diventerà un campione oppure resterà quello che è oggi, un progetto di campione. Intanto mi permetto di scherzarci su con la geniale vignetta dell’amico Stefano Bellesi!
E veniamo al Trofeo Tim che l’Inter ha conquistato battendo 1-0 la Juventus con un capolavoro di Wesley Sneijder, quello più a corto di preparazione, e superando 3-2 il Milan dopo i calci di rigore. Sapete come la penso sul calcio d’agosto e sulle partite di 45 minuti, che è come andare al cinema e uscire alla fine del primo tempo, però certe cose le ho notate.
Nella prima mini-sfida con la Juventus, l’Inter avrebbe potuto segnare un altro paio di gol, oltre al capolavoro di Sneijder, schierato con Pandev, Eto’o e Obinna. Al di là del cambio di allenatore, l’Inter è parsa quella dell’anno scorso, anche col giovane nigeriano Nwankwo, molto positivo al fianco di Cambiasso. La Juve ha sbandato in più di un’occasione, malgrado abbia cominciato a lavorare prima dei nerazzurri.
Gol brasiliani nella seconda partitella tra Juve e Milan: prima Ronaldinho, poi Diego. Ritmi assai blandi e poche indicazioni per i tecnici Del Neri e Allegri, anche se Diego ha fatto cose egregie ed ora c’è chi si chiede se sia davvero il caso di privarsene. Credo che una società debba fare le sue scelte a prescindere dal calcio d’agosto ma, per carità, facciano come credono. Dico solo che anni fa quando vedevo  la mia Inter giocare come Juve e Milan stasera qualche domanda me la ponevo già ad agosto.
Anche perché nella terza partita, l’Inter si è presentata in versione ‘primavera’ riuscendo a non sfigurare davanti al Milan in formazione complessivamente più collaudata. Vedere Obi togliere palla a Ronaldinho e, soprattutto, tale Felice Natalino da Lamezia Terme giocare con il piglio da titolare mi ha favorevolmente impressionato. Che i giovani dell’Inter siano di valore, lo sapevo, ma non mi aspettavo certo che Benitez fosse così sereno da affidarsi contro i cugini ad una linea difensiva di 18enni, con Natalino, Biraghi e Benedetti diretti da Cordoba. Davanti Milito non è ancora in condizione, ma Biabiany e Coutinho non hanno certo sfigurato. Il talentino brasiliano sembra proprio avere le stimmate del campione, deve irrobustirsi nel fisico e migliorare il suo apporto alla squadra, ma non ma ora capisco perché l’Inter non l’ha mai perso di vista per due anni e, appena maggiorenne, lo ha inserito in rosa senza nemmeno prendere in considerazione l’ipotesi di un prestito. Dopo 45 minuti a reti inviolate, meglio i giovani degli esperti ai rigori, con Ronaldinho che ha provato a fare il fenomeno sull’ultimo penalty centrando i legni e consegnando all’Inter il Trofeo Tim.
A poco più di due settimane dall’inizio del campionato, l’Inter continua a darmi fiducia e, vedendo quel che offre il vivaio, mi fa ridere chi vorrebbe che si comprassero giocatori tanto per comprare.

29 Commenti su Balotelli al City, all’Inter il Tim

  1. Ciao GLR,abbiamo cominciato benissimo. Anche se non conta nulla e per la cabala è meglio non vincerlo fa statistica. Un saluto e forza INTER

  2. ciao gl.io stando all estero non potuto vederla,non era sul satellite. come hai visto coutinho? ritengo che un giocatore tecnico vada giudicato nelle partite in cui non si stacca per le finezze ma riesce comunque ad essere utile. ho visto che la seconda hanno giocato i ragazzi. biabiany mi pare bene dalla cronaca. benedetti non l ho mai visto. e biraghi? se puoi darmi un tuo pensiero,cosi per curiosita’.
    grazie e saluti

    • Ha grandi numeri e il talento si è visto, ma deve ancora imparare a muoversi con la squadra e rinforzare un po’ il fisico. Stasera però era in campo con tanti primavera. Impossibile darne un giudizio completo. Molto bene tutti i giovani, in particolare Nwankwo, Obi e Felice Natalino che è stato semplicemente straordinario. L’Inter ha in casa giovani di ottime prospettive.
      GLR

  3. grazie di cuore.tengo molto ai giovani, natalino lo conoscevo. il fatto che coutinho non abbia cercato di strafare e abbia cercato
    di giocare con e per la squadra lo trovo positivo. vuol dire che non e’solo il tipico giocoliere,ma giocatore vero. sperem. nwankwo? bella quercia, altra perla del trio branca-ausilio-casiraghi. 600 mila euro mi sembra. lo avevo visto ai mondiali.

  4. Harry Hole // 14 agosto 2010 a 10:24 // Rispondi

    ho visto solo la prima mini-partita con la juve,al di là dei soliti discorsi sul calcio d’agosto ,fosse per me invece che fare amichevoli di questo tipo partirei con la coppa Italia già dal primo di agosto, arrivando alle semifinali in modo da giocare solo la finale a maggio liberando così alcuni impegni “scomodi” (non per noi a quanto si vede negli ultimi anni) durante la stagione, cmq, l’Inter vista ieri sembrava già in palla, pronta per la Roma (che intanto ne presi 5 in Grecia), stiamo a vedere, la stagione inizia presto.

    x quanto riguarda supermario io dico solo che ora non può più “scherzare” a fare l’eterno ragazzino, qui quasi tutti dicevano che è giovane deve crescere certe stupidaggini si fanno a 18 anni (oddio, io a 18 anni non ho mai pensato di andare in piazza repubblica con una scacciacani o in piena notte a far baraonda con la supercar in Buenos Aires), deve capire che lo sceicco ha fatto un investimento, molta gente ci ha messo la faccia in primis mancini, son stati fatti degli investimenti notevoli per lui, che metta la testa a posto perché ora non può più scherzare.
    se diventerà un campione buon per lui, in ogni caso l’Inter da questa operazione ne esce vincente.

  5. Ciao Gianluca, a me ieri sera è piaciuto tantissimo Natalino, ha delle accelerazioni stile Maicon, sembrava che aveva un sacco d’esperienza! In ogni caso, un Inter del futuro con Benedetti, Natalino, Biabany, Nwankwo, Coutinho. E meno male senza Balotelli! Oramai aveva rotto con tutti, era un elemento di destabilizzazione dello spogliatoio, bisogna essere uniti come con Mou!
    Ciao

  6. Ciao GLR,

    tutto quel che si vuole: i giovani (peraltro bravissimi), Coutinho (appena capirà come si gioca in Italia tante squadre piangeranno), Biabiany (che freccia!)…
    Ma a me vien da dire (e mi scuso con Quasimodo se prendo a riferimento la sua tanto breve quanto bella poesia) “Ed è subito Snejider…”. Cosa non ha fatto, ieri, il nostro olandese “tascabile”! E non mi riferisco solo al gol, peraltro stupendo…
    Solito “cervello” e ottime giocate su un campo terribile: non lo sottolinea mai nessuno ma quello di Bari sembra più un campo di patate che uno stadio… Uno così è una garanzia, visto che da sabato si fa sul serio (ehm… Milito però è imbarazzante…).
    Piuttosto, ora l’Inter è chiamata a sfatare un’altra cabala: quella che fa sì che il vincitore del trofeo TIM poi non vinca altro durante l’anno, almeno in Italia (unica eccezione: Inter 2007). Se superano anche questa, il futuro è nostro! 😀 😀 😀

    Ciao, Roberto

    P.S.: Balotelli? Meglio così. Per lui, per tutti. Ma se è vero che i 2 mln di sconto sono per una clausola “di prelazione” (pareggio di offerta massima) in caso di ritorno in Italia di Balotelli finalmente diventato un campione, beh… che dire? All’Inter non sbagliano proprio più nulla. Chapeau!

  7. balotelli secondo me non dovevamo venderlo diventera un grande campione che tutte le sq vorrebbero nel loro club ha un carattere un po ribelle ma secondo me cambia ci siamo privati di un secondo messi vedrete

  8. La cessione di Balotelli è un errore madornale! Cosa ci importa di 30 milioni di plusvalenza quando Moratti deve tirarne fuori a centinaia ogni anno per ripianare i debiti.
    E non tiriamo fuori la menata del fair play economico, se risparmi si volevano fare, il vendere un fuoriclasse di 20 anni è il metodo più sbagliato per iniziare.

  9. Ciao GLR,
    beh, è calcio d’agosto ma, vuoi mettere annichilire la juve che è molto più avanti di noi con la preparazione? Per quanto riguarda Balotelli, è indubbio che ci sia una percentuale di rischio nella sua cessione ma, credo non vi fossero più i termini per una ricucitura. Mou aveva detto che il ragazzo era anche mal consigliato e di trovarsi un procuratore, quando ho saputo che era finito in mano al “pizzaiolo” l’ho dato già per perso. Tecnicamente è un fenomeno ma, abbiamo visto con quale carattere vanno in campo gli altri giovani dell’inter e tanto basta. Come (mi pare) avevo scritto in un altro commento avevo anche io visto molto bene Nwankwo, quindi mi chiedevo se secondo te ci sia vera necessità di uno come Mascherano, considerando che anche Mariga può crescere molto.
    Ovvio che sono un tifoso e mi aspetto un qualche acquisto dall’Inter ma, ti devo dire, preferisco che l’Inter non sia più la regina del mercato per poi non vincere nulla!

    Saluti e FORZA INTER

  10. Vedendola direttamente allo stadio, la prima partita con la juve è stata impressionante: squadra per lunghi tratti cortissima, Sneijder già in forma strepitosa e i tifosi bianconeri completamente ammutoliti. Bene anche Cambiasso e Pandev. Differenze nell’organizzazione di gioco ci sono rispetto alla gestione Mourinho. Il nuovo modulo esalterà le geometrie dell’olandese e gli inserimenti del cuchu; ma, soprattutto, bilancerà il lavoro fisico degli attaccanti non più chiamati ad un dilaniante lavoro di copertura “kilometrica”.
    Al contrario, la partita col milan è stata da sbadigli con l’unica nota lieta Natalino che aveva steccato col Panathinaikos andando in grande difficoltà sul velocissimo Leto. Biraghi che aveva fatto grandi cose col City, ieri, invece, era visibilmente emozionato. Così sono i giovani; del resto, lo stesso Coutinho, sarebbe bene non caricarlo troppo in fatto di attese anche perchè, come è stato giustamente sottolineato, ha ancora una carrozzeria da utilitaria. Infine, mi auguro che qualche squadra turca o araba ci tolga dalle scatole l’inutilissimo e in perenne sovrappeso Mancini.

  11. ciao gl sono giacomo da lecco come sempre condivido il tuo parere e sono veramente rimasto strabiliato da natalino sembrava un maicon bianco!!!!

  12. Un augurio a Mario
    Sarà per lui una grande esperienza e la possibilità di imparare l’inglese…..nella vita fa sempre comodo sapere una lingua.

  13. ciao gl.
    io al balo ci morivo dietro.poi mi sono reso conto di tante cose
    andavo sul suo sito ogni tanto e lo ha chiuso a fine maggio e ho capito.
    Perche’raiola non racconta che a torino ibra lo voleva massacrare
    e si dovette chiudere nel bagno,poi lo salvo’il “truce matrix”
    a cui ha regalato un ipad con scritto”grazie di tuto fratellone”
    perche’gli stessi giornali che oggi gridano allo scandalo
    facevano titoli tipo”DIAMO IL DASPO A BALOTELLI”
    (il messaggero dopo inter roma 3-3).
    ho vissuto la cosa come una liberazione,avevo paura saltasse
    e di ritrovarci sempre dentro la tempesta.
    non mi capire male,non gli voglio male. ma ho sensazioni
    che non portera’a compimento una carriera normale e porti
    in se la capacita’ innata di creare problemi.
    adesso tutto bene,ma alle prime difficolta’passera’ nello spogliatoio
    per il cocco di mancini.ce’uno scenario positivo e ce’
    uno scenario in cui mancio puo saltare propio sul balo.

  14. pier giacomo // 15 agosto 2010 a 12:41 // Rispondi

    Ciao,volevo farti notare la lettera sulla Gazzetta dei genitori di M.Balotelli in data 15.08. Penso si possano capire alcune cose da quanto scritto, la 1.a è che la colpa è sempre di chi racconta gli errori (giornalisti) mai di chi li commette, la 2.a che M.B. è una vittima di un sistema che lui stesso alimenta con il suo comportamento dentro e fuori del campo. Ho trovato stonato il termine “usato” utilizzato nella lettera, perchè penso che chi non vuole essere “usato” non avrebbe fatto di tutto per apparire (basta vedere l’auto!). Non penso sarà più facile in Inghilterra per lui, ma penso che lo aiuterà a capire che, per come è strutturato il mondo del calcio oggi ai massimi livelli, non puoi pensare di non pagare dazio con i media, basta solo cercare di darle meno materiale negativo possibile. M.B. è una prima punta e se Mancini non lo farà giocare in quella posizione per M.B. sarà una stagione dura, perchè è il motivo che lo ha allontanato dall’INTER.

    • A me ha colpito invece il nuovo motto: professionalità, impegno, umiltà. Proprio i tratti del suo carattere. Vedremo, il tempo a volte è galantuomo. Quanto all’usato, lo vada a raccontare ai suoi coetanei disoccupati o precari a 1.000 euro al mese. Ma tanto le colpe sono di quei cattivoni dei giornalisti italiani. Vedremo come lo tratteranno i colleghi inglesi. Mi viene già da ridere…
      GLR

      • Franco C. - Udine // 18 agosto 2010 a 13:34 // Rispondi

        “Vedremo come lo tratteranno i colleghi inglesi”
        Lo chiamano già “The Brat”, che non è proprio un termine gentilissimo…

        • Vero e lo chiamano così già da settimane. In effetti più che a monello o moccioso, secondo i miei corrispondenti inglesi è traducibile a grandi linee come impunito, ragazzo interrotto. Ma che te lo dico a fare: tu l’inglese lo parli meglio dell’italiano e parli un buonissimo italiano.
          GLR

  15. ciao Gian Luca, lieto di ritrovarti e di rileggerti.
    un pensiero veloce riguardante il mercato sin quì ottimo della nostra Inter.
    sento parlare di Mascherano possibile nuovo centrocampista dell’inter.
    secondo me sarebbe uno sperpero di danaro prenderlo, anche perchè abbiamo Nwankwo e Mariga che per quel ruolo non sono affatto male. senza scordarci del capitano, garanzia dappertutto assoluta. Non so te, ma se io fossi nella dirigenza guarderei solo ed esclusivamente per un buon esterno basso di sinistra, no cifre folli.
    così Zanetti, nel bisogno, (io lo metterei sempre lì titolare e inamovibile) potrebbe spostarsi a centrocampo, Chivu, all’occorrenza, centrale di difesa, perchè alla fine Burdisso penso verrà ceduto e, mentre schiocco le dita, penso che saremmo belli che a posto così insieme al tanto chiacchierato fair play finanziario.
    Ps e non per ultimo: Muntari è un generoso, non è un mostro di tecnica, è vero, a volte eccede un po, però in mezzo al campo c’è, è presente e dà sostanza sacrificandosi per i compagni quando ce n’è di bisogno.
    dimenticavo: Stankovic, Motta, Sneijder,Cambiasso, Obi… perchè prendere Mascherano or dunque?

  16. Ciao Gianluca,
    Nwankwo e Natalino mi hanno veramente impressionato.Coutinho ha fatto vedere lampi di classe ma un pochino troppo sporadici (certo non si può sempre essere al top) anche se le qualità ce le ha.Mi dispiace solo per Balo,gli auguro di vincere al City e di diventare il n°1 (se non si è capito io sono uno di quelli che l’hanno perdonato)…però le affermazioni dei suoi genitori alla gazzetta non mi sono affatto piaciute…

  17. ciao gl.
    leggo un ostilita assurda verso mascherano.mi sembra che i tifosi
    dell inter abbiano parecchia puzza sotto il naso.magari tanti lo conoscono anche poco.schweini non verra’ di sicuroe allora se viene il jefecito a cifre umane(altrimenti no)faccio un salto per aria.
    poi ce’questo famigerato terzino sin.pensa che tanti per sostituire maicon volevano un terzino sin.
    che logica e’sostituire un terzino ds(di quel calibro poi) con un sin?gia ti saresti sguarnito di brutto a ds.se ce’un ruolo coperto e’quello con santon zanetti kivu.dobbiamo assolutamente rilanciare santon anche per le norme uefa.del vivaio adesso possiamo segnare orlandoni biabyani e santon,piu un ragazzo.4 debbono aver iniziato nei giovassimi.sculli non puoi segnarlo per biabiany´,neanche pandev.senza contare che santon mangia in testa a quasi tutti i terzini di fama.roba da matti.poi ci sono i vari cassano,ozil,ecc.bravissimi per carita’,ma dove giocano?
    massacrano il bilancio,sfasciano tatticamente la squadra e uccidono coutinho…..
    si tornerebbe ai vecchi tempi,alle ammucchiate di giocatori belli a vedere ma non
    efficaci e la squadra perderebbe in solidita’.sfido ognuno a fare un 11 logico ed equilibrato
    con questo tipo di giocatori.per me in attacco serve un vice milito giovane.mi sarei tenuto destro.
    comunque lasciamoli lavorare.quasi 3 mesi fa tu eri a madrid.forse cosi idioti non sono.
    poi vedremo.ciao

  18. Alessandro // 16 agosto 2010 a 08:11 // Rispondi

    Ciao a tutti … vorrei condividere con voi la gioia di un interista di anni 45 che da anni soffriva in silenzio le pene calcistiche di una società e di una squadra che ho cucita addosso come una seconda pelle, W l’Inter e gli interisti tutti!
    Un breve inciso su “quell’individuo monocellula” che se ne è appena andato … personalmente al posto della società -se fosse vero- io quei 2 milioni li avrei tenuti già da oggi perchè “quell’individuo” con addosso i ns colori non lo voglio proprio rivedere … in due parole “Grazie Presidente di averlo spedito …ma, nemmeno in regalo lo rivogliamo”
    saluti a tutti

  19. per chi è un habituè di appiano non sarà certo una novità. ma sono andato a vedere gli allenamenti della squadra dopo il TIM, quando poi c’è stata solo la sgambata dei non convocati. Sono rimasto impressionato dalla professionalità del Capitano. Non che ci volesse il mio giudizio per farlo sapere al mondo, ma egualmente mi è sembrato di vedere una persona che sa di essere privilegiata, che si diverte nell’impegno e che si mette sempre in discussione, cercando di fare il massimo anche quando deve semplicemente scaldare i guantoni ai portieri con qualche tiro. Giù il cappello! Volevo fare anche gli auguri a Benitez per il prossimo lieto evento: a guardare la pancia credo sia al settimo mese, più o meno. Non mi stava nel teleobiettivo! È ovviamente solo uno scherzo, una battuta. Speriamo che la sua pinguedine sia di buon auspicio: anche noi tifosi vorremmo la pancia piena…di trofei.

  20. Gianluca,
    per tormare a Balotelli a me va bene,
    Il ragazzo si è comortato come si è comportato ed è stato ceduto, nulla da dire. Che non mi vengano a dire però che l’hanno venduto per il famoso fair play finanzario perchè non è così. Se vuoi prepararti per entare nei parametri non fai un contratto di 4 anni a un 31enne (Milito, comunque grandissimo, non dimenticherò mai la sua stagione) a 5 milioni netti (10 lordi) all’anno. Il real lo voleva e non credo che avremmo preso meno di quanto è stato venduto Balotelli.

  21. Gian Luca, mi piace molto la tua ultima frase:
    “vedendo quel che offre il vivaio, mi fa ridere chi vorrebbe che si comprassero giocatori tanto per comprare.”
    Sono da sempre convinto che l’Inter abbia un grosso potenziale nel vivaio, ma la domanda è: verranno proposti in prima squadra o si continuerà a preferire l’acquisto? Mou rischiò con Santon (meno con l’indisciplinato Balotelli)… Benitez mi pare (e spero di sbaglioarmi) non è molto “uomo da giovani”…
    K.

    • Invece è proprio il contrario. Storicamente Benitez è molto più aperto ai giovani di Mourinho. Basta guardare le rispettive carriere. Poi si gioca in 11, ma se qualcuno vale davvero ce ne accorgeremo.
      GLR

      • Grazie GLR.
        Il Benitez che guarda poco ai giovani era un’informazione che mi ero fatto leggendo in giro… mi fido del tuo commento e spero.
        L’importante è sperare di non doversi accorgere di quelli che non valgono :)
        K.

  22. Caro GLR sarà anche calcio d’agosto ma io con la Juve non voglio perdere nemmeno alla Playstation: è più forte di me. E quindi l’altra sera ho goduto e non poco..
    Riguardo ai giovani nella rosa dell’Inter è giusto investire in tale settore ma in prospettiva. L’Inter di questi ultimi anni è talmente forte che per giocare nell’11 titolare devi essere praticamente un “marziano”. Forse ancora non ci rendiamo conto del valore di questa squadra: in 5 anni ha vinto tutto quello che c’era da vincere dimostrando uno strapotere assoluto. Un esempio su tutti: Burdisso da noi fa tribuna, alla Roma, seconda forza del calcio italiano, è titolare inamovibile.
    Ergo, va bene puntare sui giovani, ma se poi non nascono altri Zanetti o Maicon alla fine non giocano mai. Parliamoci chiaro: SuperMario è andato via perchè Eto’o e Milito sono piu’ forti ed è un lusso che nessuno si puo’ permettere trattenere un calciatore che ha poco spazio e la cui cessione frutta 30 milioni. Il caso Recoba docet.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili