12C: Inter-Milan 0-1

Un derby tra i più brutti della storia, un derbaccio insomma, che il Milan ha avuto comunque il merito di vincere per quel che ha fatto nei primi venti minuti. Poi il nulla, soprattutto da parte nerazzurra. L’Inter perde un derby dopo più di due anni e l’imbattibilità casalinga a San Siro che durava dal marzo 2008, quando in panchina c’era ancora Roberto Mancini. E, come al solito, perde altri due giocatori per infortuni muscolari, Obi e Milito: il 19enne nigeriano smentisce Benitez sulla presunta spremuta mourinhiana da Triplete, la ricaduta di El Principe testimonia che si continuano a spedire in campo giocatori ancora convalescenti. Come non bastasse, a decidere il derby per il Milan è stato proprio l’uomo che Benitez ha inserito a sorpresa in una formazione già rimaneggiata, Marco Materazzi, che dopo nemmeno cinque minuti di gioco ha agganciato in area nerazzurra Ibrahimovic, causando il rigore concesso dall’arbitro Tagliavento e trasformato proprio dallo svedese. Poi il Milan qualcosina l’ha fatta ancora, recriminando per un altro rigore su un contrasto in area nerazzurra tra Cordoba e Flamini, ma in realtà Castellazzi non ha più fatto una parata fino al fischio finale, esattamente come Abbiati dall’altra parte, a parte una respinta su una punizione di Sneijder a inizio ripresa. Lo spettacolo di basso livello va imputato soprattutto all’Inter che in 90 minuti di tempo, recupero compreso, non ha costruito una sola vera palla-gol per riequilibrare la gara. Di questi 90 minuti, un terzo è stato giocato dall’Inter in superiorità numerica per l’espulsione di Abate dopo un bisticcio con Pandev al quarto d’ora della ripresa. Il vuoto pneumatico nerazzurro però è rimasto costante. Il Milan ha badato a difendersi, ricorrendo anche a qualche pestone di Gattuso, ma c’è stato poco da difendersi davanti ad un’Inter incapace di attaccare. Con Pirlo al posto di Gattuso per tenere un po’ più palla per il Milan è stato un gioco da ragazzi arrivare in fondo senza sussulti e l’Inter, che l’anno scorso avrebbe vinto il derby giocando anche in 7, stavolta non l’avrebbe vinto neppure giocando in 15!  Materazzi è finito pure all’ospedale dopo un intervento di Ibrahimovic da rosso diretto e perdonato col semplice giallo da Tagliavento, ma non credo sarebbe cambiato poi molto, se alla fine il più vivace è stato il baby Coutinho! Chiaro che ora in campionato sia crisi, di gioco e di risultati e a meno di un mese dal Mondiale per Club, si corre poco e male. E non si vince più. La tiritera sul mancato mercato estivo non basta più a giustificare una squadra che, anche con la miseria di cinque o sei titolari a partita, non tira in porta neanche per sbaglio. Senza contare che, oltre ai risultati, sono sparire anche le buone prestazioni: vittorie come quella con Palermo, Bari, Werder e Tottenham ora sarebbero impossibili e non a caso non si è vinto neppure a Lecce. Contro tre grandi come Roma Juventus e Milan, l’Inter ha raccolto la miseria di un punto. Normale che i tifosi ora chiedano la testa di Benitez, ma il grande club non agisce mai sulle suggestioni emotive della piazza, ma deve comunque intervenire al volo, tenendo ben presente che quando si cambia allenatore in corsa di norma le cose vanno pure peggio, perché i calciatori sono i primi a trincerarsi dietro il cambio di guida tecnica e di metodi di lavoro per giustificare le loro mancanze. Al proposito si ricordi la Juve l’anno scorso. Certe scosse a volte lasciano attaccati alla corrente. Ora il campionato per l’Inter passa decisamente in secondo piano davanti alla qualificazione alla seconda fase di Champions League da centrare già tra dieci giorni con il Twente a San Siro e al Mondiale per Club, sempre che a Dubai si possa contare su una squadra decente. In campionato, se la squadra tornerà presentabile riguadagnando i suoi effettivi e qualche rinforzo a gennaio, vedremo più avanti quali saranno i margini di risalita. Visto quel che c’è in giro, tutto è possibile, perché la miglior partita tra i tanti scontri di vertice della giornata è stata Lazio-Napoli 2-0. Il resto è davvero poca cosa, ma l’Inter di questi tempi è ancora meno.

107 Commenti su 12C: Inter-Milan 0-1

  1. pasquale somenzi // 15 novembre 2010 a 03:58 // Rispondi

    Il mese di novembre negli ultimi anni ha portato pochissime sconfitte all’Inter, ma tutte
    che restano nella mente come delusioni di gioco: ecco il piccolo elenco:
    Milan-Inter 1-0 (Serginho)
    Inter-Arsenal 1-5
    Inter-Panathinaikos 0-1
    Barcellona-Inter 2-0
    L’ultimo derby finito 1-0 su rigore risale al 6/10/57 ed in quell’occasione vinse l’Inter.
    Pensando al mondiale per club mi viene in mente l’ultima esperienza del Milan che
    ci arrivo’ con zero vittorie in casa in campionato e 18 punti in classifica, ma vinse lo
    stesso.
    In questa serie A nessun risultato e’ impossibile, basta pensare che il Cesena ha fatto
    la meta’ dei suoi punti contro le prime due in classifica.
    Vorrei uscire un attimo fuori tema per sottolineare che dopo Inter-Brescia avevo
    scritto che l’inter negli ultimi 6 anni e mezzo aveva perso in casa solo contro squadre
    blasonate ed e’ l’unica che puo’ dirlo, mentre le altre, ogni tanto una sconfitta interna
    clamorosa la fanno: a dimostrazione di cio’ vedi il risultato del Chelsea di ieri.
    Chiusa parentesi.
    ciao. Pasquale.

  2. Ciao GL,ero allo stadio e ho visto una squadra spenta,a pezzi,senza gioco.Ma la cosa ancor piu’preoccupante e’vedere l’allenatore nel pallone!! Benitez mi spiace dirlo ma a me sembra un allenatore in stato confusionale che nn ci sta capendo piu’ nulla e’questo a meno di un mese da un mondiale per club assolutamente da vincere,lo trovo molto grave.Ho l’impressione che dopo la sconfitta di Londra,benitez abbia perso la bussola e che i giocatori ora inizino ha fidarsi poco dei suoi metodi.Se continua questo andazzo,forse sarebbe il caso che la societa’inizi ha porsi delle domande e che magari si diano anke delle risposte.Altrimenti meglio sarebbe nn partire x Abu Dhabi ed evitare figuracce! Tu che spiegazioni dai di questa inter attuale?ciao e SEMPRE FORZA INTER

  3. Roberto Scib // 15 novembre 2010 a 05:35 // Rispondi

    Gianluca,
    concordo con te su tutto. In particolare su Benitez: non che mi entusiasmi – anzi -.
    Ma l’unico errore quando ti chiami INTER, quando
    .. hai ancora 3 obiettivi possibili su 3,
    .. quando hai 1 mese scarso per preparare il più importante dei 3 obiettivi,
    .. quando hai 1/2 squadra rotta e l’altra metà che non si regge in piedi,
    l’unico errore in queste condizioni è aumentare l’entropia generale con un cambio allenatore.
    Poi, capiamoci, se l’alternativa fosse Capello, Guardiola, Mancini o LUI, se ne potrebbe parlare. Ma visto i nomi che circolano, meglio tenersi stretto Poldo: a giugno (o – se va male – a febbraio) ne riparliamo.
    Ricordiamoci solo che le Grandi rimonte (vedi la Roma l’anno scorso e quest’anno) sono possibili, se la società’ resta unita e i calciatori ci credono.
    Ma i nostri ci credono ?

    • Luca Sibenik // 16 novembre 2010 a 00:02 // Rispondi

      Ma dopo aver visto due come Mancini e Mourinho, che cosa rappresenta Benitez? Quale tipo di ascendente può mai esercitare siffatto personaggio su società, squadra, tifosi? Appena l’ho visto con il fazzolettone alla Pavarotti durante Inter-Atletico, mi è venuto un freddo terribile nonostante i 40 gradi all’ombra di fine agosto e ho capito che sarebbe stata un’annata sciagurata..

      • E magari l’avevi pensato anche alla prima di Mancini e di Mourinho. Ricordo lo stesso sconcerto all’inizio. Il problema di Benitez è che ormai l’inizio è passato. Giudicare alla prima partita è come giocare al lotto.
        GLR

        • Mi pare che NON dare le colpe all’allenatore sia un po’ limitante; io non avevo preconcetti su Benitez, anzi mi è sembrata (allora) la scelta migliore dato che altri allenatori non erano disponibili ma è ovvio che:
          . abbia fatto fare una preparazione sbagliata; tranne Samuel, gli altri si sono fatti male da soli e sembrano avere perso completamente la corsa
          . non riesca a motivare adeguatamente la squadra e in certi casi forse subisce pure le ‘voglie’ dei senatori (vedi il caso Materazzi che io ammiro da sempre ma NON era da mettere in campo)
          . adotti uno schema di gioco che ormai anche i bambini hanno capito che non va bene; mi chiedo che senso abbia aspettare che le difese avversarie si schierino prima di attaccare: forse sarebbe il caso di tenere la squadra un pò più corta no?
          . in più dimostra di non avere le idee chiare nel corso dell’incontro (vedi la girandola di cambi ‘tentati’ da Cambiasso a Santon durante il derby)
          . il derby con la squadra dell’anno scorso lo vincevamo non 4 ma 5 o 6 a zero!!!!
          Ce n’è abbastanza per pensare che Benitez non sia adeguato…vero non facciamoci prendere la mano come dici tu, ma Benitez cambierà la testa prima che sia troppo tardi (leggi Champions e mondiale?)? Secondo me ahimè NO!

  4. Aspettavo il tuo editoriale, soprattutto dopo aver letto “Lecce-Inter” nel quale finivi piu’ o meno scrivendo sul derby “Se non ci riesce, è crisi. Ma nessuna crisi dura in eterno, soprattutto a metà novembre.”
    E’ con questa frase, che mi ha particolarmente colpita, mi sono cullata nella mia convinzione e totale fiducia nella squadra e in Rafa. Ma ieri sera, le mie poche certezze sono diventati dubbi. Non sono del partito del “voglio la testa di Benitez”, per paura che la nostra Inter entra di nuovo in quel vortice sfrenato del cambio di allenatore ( o forse abbiamo bisogno di questo?) ma soprattutto perche’ credo che la “torta delle colpe” debba essere divisa equamente: societa’, giocatori e non ultimo il povero Rafa. La mia fiducia non finisce questa sera, anche se la delusione e’ tanta e non per aver perso il derby ( beh un po’ si) ma perche’ ho visto una squadra persa, con poche idee e pochissimo gioco.

  5. caro gianluca d’accordissimo con te (come sempre) con la tua analisi.
    non credo che l’immediato cambio di guardia possa giovare.
    tranne la stagione 70-71 con invernizzi che ci ha guidati al tricolore, se non sbaglio, e la coppa uefa del 94 (quasi però rischiamo la b…) con un nuovo mister in panca non siamo giunti a nulla.
    benitez comunque non è un’aquila…e non sa strigliare. troppo bonaccione
    non tollero la scarsa motivazione e l’appagamento dei giocatori. manca un mese al trofeo più prestigioso del mondo e ci si sente appagati? inspegabile.
    da tifoso invece mi rode il gol dell’ex, e che ex, ibra (che mi sarei ripreso volentieri) cedendo milito al real; l’esultanza di balotelli mi lascia indifferente.
    vedremo quel che succederà.
    alberto

  6. dario garavaglia // 15 novembre 2010 a 07:37 // Rispondi

    ciao glr,
    purtroppo è evidente che adesso la squadra sia specchio fedele dell’allenatore senza grinta e senza carattere. Storicamente l’Inter per rendere ha sempre avuto condottieri con le palle, ma il buon rafa è tutto meno che questo. Io sono sempre stato contrario ai cambi di allenatore in corsa, ma mi devo ricredere, con Benitez non si và da nessuna parte. Sbaglia spesso formazione ( che senso ha mettere Matrix e Cordoba terzino ? ) e non è capace di rimediare in corsa e non ultimo tutti gli infortuni muscolari trovano spiegazione solo nell preparazione dell staff di Benitez ( vai a vedere gli infortuni muscolari del Liverpool gli scorsi anni ). Sinceramente non sò se attualmente ci sia un’alternativa credibile sul mercato, ma se ci fosse io non ci penserei 2 volte a dare il benservito a Benitez e per gennaio mi guarderei attorno per dei rinforzi per la squadra in primis Cassano.
    ciao

  7. francamente non vorei apparire sempre eccessivamente, e forse stupidamente, ottimista.
    però, il milano di ieri non mi ha per nulla impressionato. la nostra fortuna (!) è data dal fatto che la qualità del campionato forse è la più bassa degli ultimi anni, almeno comi mi appare.
    Un periodo “no” credo possa esistere ed è a mioa vviso imputabile a differenti situazioni, ben note e da te spiegate e descritte.
    Tuttavia uno scossone credo ora sarebbe auspicabile, ma nessun ribaltone per favore!!!
    Forse molti non ricordano alcuni elementi: lo scudetto dell’anno scorso, alla fine l’ha perso la roma. Abbiamo dilapidato tanti punti (potrebbe accadere anche ai ns avversari quest’anno…) ma alla fine ce l’abbiamo fatta. merito di Mou? certamente da una parte, ma quando si perdevano punti, la colpa di chi era? Lo scudetto dell’anno precedente è stato vinto a mani basse, ma dooo innumerevoli esperimenti. Ma è stato un caso. Con Mancini idem: uno scudetto vinto dopo il Mondiale, a mani molto basse. L’anno successivo vinto soffrendo fino all’ultima giornata.
    Morale: capisco rimpiangere il passato (che personalmente amo ricordare con nostalgia, ma senza rimpianti) ma credo sarebbe opportuno pensare che anche solo l’anno scorso abbiamo affrontato enormi difficoltà ed abbiamo rischiato moltissimo. In fin dei conti oggi l’ottimismo alberga ancora in me. e continuerà a soggiornare nel mio spirito. In fin dei conti parliamo di un gioco…;-)
    Ciao,
    Davide

  8. Licenziare Benitez ? A me sembra la mossa sbagliata al momento sbagliato. Al di là del fatto che perdere contro il Milan e contro la Roma NON si deve fare , non vedo cosa c’entra Benitez con questo momento della squadra. Un pesante calo del rendimento dopo l’anno scorso era fisiologico.

  9. foschetti bruno // 15 novembre 2010 a 08:43 // Rispondi

    Ciao GLR, non abbiamo perso il Derby , abbiamo perso l`Inter, quelli di ieri sera erano
    fantasmi.Ci hanno battuti con le nostre stesse armi, palla lunga e ci pensa Ibra,Certo ci mancano 3 espulsioni o forse 4, ma sinceramente non avremmo vinto neppure contro 7
    milanisti,ci sono pure delle attenuanti ma la verita`e`che non abbiamo piu`carattere, non abbiamo avuto neppure un cartellino giallo, apparte quello di Pandev per un bisticcio di ripicca.I soli Lucio,Etoò,Stankovic e Cordoba ( mi sono commosso a vederlo fare il Maicon) e poco altro.Quindi si puo`solo migliorare,Quello che mi brucia e`che abbiamo perso con una squadra che non ha nulla di speciale, le sono bastati 20 minuti per vincere la partita.Certo che per il momento i sogni di Scudetto possiamo metterli nel
    cassetto.Malgrado tutto, io resto ottimista, questo Milan non mi sembra poi tanto forte
    primo o poi rientreanno tutti, e allora si faranno i conti.Saluti a tutti gli Interisti
    Bruno Foschetti

  10. luca macellari // 15 novembre 2010 a 08:49 // Rispondi

    Diagnosi perfetta, al limite del pessimismo che a volte rimproveri ad alcuni commenti che ti arrivano. L’unica speranza è che si sia focalizzata la preparazione per essere al top a dicembre, per il mondiale per club, ma mi sa tanto di arrampicata sugli specchi. Speriamo solo di recuperare qualche titolare infortunato e poi vedremo cosa succederà. 6 punti non sono un’enormità, Roma 2009 e 2010 insegna, ma in quella squadra che doveva recuperare c’era voglia di lottare e organizzazione, cosa che nè i giocatori nè l’allenatore dell’Inter attuale sembrano possedere.

  11. Bravo GLR! finalmente un commento che rispecchia la realtà interista di questi tempi!!!!semplicemente penosa. il simbolo è benitez che fa spogliare cambiasso e poi mette coutinho. fa spogliare santon e poi mette biabiany. l’ho scritto anche nel post che non hai pubblicato l’altra volta, ma questo signore ci porterà al disastro storico, come la triplete ma al contrario. quindi va cambiato OGGI. si prenda novellino, scala, fascetti, sonetti, giagnoni, marchesi, oronzo canà….tutti sono meglio di questo triste spagnolo. almeno salveremo la coppa intercontinentale.

  12. Come sempre accade in questi casi, capire i motivi di questa situazione è un vero e proprio rebus. Gli stessi giocatori che cinque mesi fa hanno vinto tutto il possibile, adesso arrancano come una qualunque squadra di media classifica, senza però un’anima. Una vera e propria maledizione quella degli infortuni a ripetizione, anche ieri sera ne abbiamo fatti fuori tre (Matrix compreso), di questo passo fra due giornate dovrà scendere in campo la primavera. E se si infortuna anche un baby di 19 anni, allora c’è veramente tanto che non va. Quella in corso si avvia ad essere una stagione disastrosa a meno di un cambio di tendenza che all’orizzonte è ben lungi dal farsi vedere. Il problema principale, a mio avviso, è che se la corsa non riprende in tempi rapidi, si potrebbero innescare reazioni a catena già viste negli anni bui e questo mi spaventa molto. Il tutto amplificato dal fatto che siamo freschi reduci da una cavalcata trionfale. Strano notare che una tendenza in particolare ha subìto una vera e propria inversione: l’inflessibile Tagliavento, che in pochi minuti espulse Samuel e Cordoba senza batter ciglio, adesso grazia amorevolmente Gattuso e Ibrahimovic. Mah!

  13. Il vero problema è che Benitez non ne azzecca una, certe scelte di formazione sono assurde, andare a tirare fuori dalla naftalina un ex giocatore come materazzi (andare a vedere come si lascia scappare ibra sul primo gol per credere), mettere cordoba fuori ruolo, che, in aggiunta a chivu dall’altra parte ci ha precluso quasi ogni possibilità di attaccare sulle fasce.
    Inoltre si viaggia a una media di 2 infortuni a partita (milito è al terzo infortunio nello stesso punto nel giro di due mesi!), e moratti non perde occasione per sfiduciare benitez, ovviamente davanti alle telecamere e ai media che già tanto ci amano!
    Detto questo bisogna anche dire che, come dici giustamente te, è presto per parlare di fughe scudetto e robe varie, basti pensare che la roma l’anno scorso ci recuperò 14 punti, i campionati si decidono da marzo in poi, soprattutto quelli di basso livello come questo.

  14. Caro Gianluca,
    concordo al 100% su quanto da te scritto nell’editoriale.
    Priorità assolute: battere il Twente per passare il giorene di Champion e arrivare in condizioni decenti al Mondiale per Club per evitare, almeno, figuracce epiche.
    Santo Mou ha fatto un patto col Diavolo e ha letteralemnte ” succhiato via ” ogni stilla di anima all’irripetibile Gruppo dello scorso anno.
    Giocare con 4 stopper in linea, far esordire Materazzi nel Derby, far entrare baby Coutinho a partita in corso denotano poche idee ma ben confuse da parte di Mr. Rafa.
    3 giocatori persi per infortunio a partita sono ormai la norma e la squadra sembra ormai essere totalmente slegata e incapace di ascoltare i dettami di Benitez.
    Io non sono x le soluzioni dettate dalla piazza o dalla rabbia del momento ma credo sia necessario intervenire subito e senza se e senza ma, altrimenti la china presa è destinata solo a peggiorare.
    Non penso che Moratti farà mercato a Gennaio, anzi, se le cose a Dicembre andassero male ad Abu dabi ne avrebbe ancora meno voglia e, quasi x ripicca, lascerebbe il gruppo così comè x metterlo di fronte alle proprio responsabilità senza alibi.
    Io voto Spalletti subito al posto di Rafa, una scossa ci vuole, altrimenti la vedo grigia, molto grigia….e i miei 41 anni mi fanno annusare un’aria pre-manciniana poco gradevole..
    Con stima,
    paolo

  15. Ciao Glr, che dire di questa inter…Inguardabile e priva di mordende, le colpe sono di tutti giocatori compresi, nn ci sono parole per spiegare la situazione…
    Recuperiamo gli infortunati e puntiamo al mondiale per club e poi via sino a fine stagione

  16. Ciao Gianluca,
    condivido in pieno quello che hai detto. Non bisogna farsi prendere dal momento e voler stravolgere le cose cambiando allenatore. Benitez è un signor allenatore, mi domando però chi sia il suo preparatore atletico perchè questi infortuni iniziano veramente a pesare troppo. La coperta è diventata un po’ troppo corta e inizia a farsi sentire il nulla del calciomercato estivo. Ma chi prendere a gennaio? Non vedo valide alternative disponibili. La speranza è riuscire a recuperare tutti al 100% e sicuramente torneremo competitivi. Io resto ottimista

  17. pantigliate-1998 // 15 novembre 2010 a 09:21 // Rispondi

    Oh yes! Sicuramente le assenze di Corso, Mazzola, Jair, Ronaldo, Zamorano, Serena …. sono state determinanti. Ieri sera abbiamo assistito al minimo del potenziale nerazzurro: una squadra abulica e sciatta, che si è limitata a far giro palla all’altezza della linea mediana (ma nessuno ha mai visionato o seguito le squadre di Benny Hill, Liverpool docet). Nessuna invenzione, nessuna verticalizzazione, neanche un cross degno di tal nome, zero, zero, zero, zero!!! La conduzione tecnica di Benny Hill è allucinante o allucinogena: dopo la non marcatura di Bale a Londra, la marcatura di Materazzi su Ibra a Milano! 4’35” tanto è bastato per buttare nel cesso un derby. Lo stesso Benny Hill ha dichiarato a fine partita che Materazzi ha fatto un solo errore in tutta la partita, decelebrato!!! Dopo il danno della sconfitta in Supercoppa Uefa ci avviciniamo a quello più grande della Coppa del Mondo per club FIFA? E ora diamo pure i numeri del campionato: in 3 partite su 12 abbiamo segnato 0 goal; in 5 partite su 12 abbiamo segnato 1 goal; su 5 vittorie 4 sono state ottenute con il minimo scarto; alla 4^ giornata eravamo a +5 sul Milan mentre alla 12^ siamo a -6; nelle ultime 8 giornate abbiamo conquistato 10 punti frutto di 2 vittore e 4 pareggi segnando solo!!! 5 goals e subendone altrettanti.

  18. andrea da sanpietroburgo // 15 novembre 2010 a 09:34 // Rispondi

    Vedere la TUA squadra perdere da 3000 km, mentre l’altra parte del tuo cuore si laurea campione di Russia aumenta il disagio. Il problema però è di difficile risoluzione. Se non è l’appagamento e la spremitura mourinhana (obi docet), che è??? La paura è un po’ per l’immediato futuro, il campionato è lungo ed anomalo, ma se mancherà lo stimolo non finirà benissimo.

  19. Caro GLRT (la T sta per “Triplettato”…),
    la realtà è che Benitez sta a Mourinho come Benedetto XVI sta a Giovanni Paolo II: un’eredità troppo pesante, persone fantastiche difficilmente sostituibili nel nostro cuore.
    Rafa quindi parte già con un handicap, e l’operazione “briciole”, come tu dicevi, è miseramente fallita…
    Ho protetto Benitez sempre, ma dopo l’ennesimo infortunio muscolare, ad un ragazzino tutt’altro che logorato dalla stagione del Triplete per di più, l’ennesima confusione tattica e l’ennesima partita senza orgoglio e un minimo di reazione, non posso non essere preoccupato.
    Serve una scossa; che sia una strigliata di Moratti, che sia l’arrivo di 4 giocatori che mettano in dubbio l’intoccabilità di alcuni di coloro che hanno fatto la storia lo scorso anno (Sneijder, Maicon, Milito…), qualunque cosa sia… è il momento!!! E non credo che l’esonero dell’allenatore sia la giusta soluzione: ci ricordiamo ancora gli anni bui?!?
    Comunque dobbiamo far sentire il nostro affetto ai ragazzi che pochi mesi fa ci hanno regalato tutto!!! Non affossiamoli per favore!!!
    Io mi sogno ancora il Vate di Setubal che mi indica la via per la Coppa… e successo qualcos’altro poi?!?

  20. Franco Fincato // 15 novembre 2010 a 09:40 // Rispondi

    Ciao GLR, tutto vero, tutto vero purtroppo, l’unica amara consolazione e’ che peggio di cosi’ non puo’ andare (spero). Certo a prendere in mano l’Inter del dopo Mou c’era da farsi male, ma c’e’ modo e modo di farsi male, Ho notato che anche tu, di solito abbastanza misurato, ti sei sbilanciato su Benitez e sul suo staff di preparatori. Per quanto riguarda i ricorsi storici sul cambio in corsa………ti consiglio di andarti a rivedere il campionato 70-71 (tu non lo ricordi eri troppo giovane, io si), i risultati, l’atmosfera, il distacco erano gli stessi di oggi, ci fu il cambio dell’allenatore in corsa e………..speriamo finisca allo stesso modo. Ancora un caro saluto e buona giornata.
    Franco.

  21. Cosa dire, non ci sarebbe neanche bisogno di scrivere questo mio commento, dato che hai espresso al meglio quello che stavo pensando di questa partita e dell’inizio di stagione dell’Inter. Brutto derby perso in malo modo (forse il peggiore), analisi complessiva fino a questo punto della stagione deludente (sconfitta con la Roma, col Tottenam, col Milan, pareggio striminzito con la Juve), le squadre che dovrebbero essere le nostre avversarie dirette, ci sono davanti o comunque a ridosso, si nota una involuzione nel gioco a dir poco preoccupante e capisco che gli interpreti contano ma, anche qua si potrebbe dire che forse c’è qualcosa che non va durante il lavoro che svolgono settimanalmente?
    Se non si riesce a vincere contro il Milan d ieri, senza gioco ed in 10, la vedo veramente dura. Mentre Allegri forse ha capito cosa deve fare, non prendere goal e buttare la palla ad Ibra (come facevamo prima noi) che alla fine qualcosa succede (non rimpiango lo svedesone), Benitez mi pare si stia un pò incartando, non riuscendo a trovare il bandolo della matassa, certo che se giochi una partita importante (non dico fondamentale) con Obi e se questo si fa male entra Coutinho, si capisce che c’è qualcosa che non quadra (avendo grande considerazione di 2 bravissimi bravi giocatori). Poi, per concludere devo dire che la cosa che maggiormente mi inizia a preoccupare sono le dichiarazioni di Moratti, non vorrei che il presidente si faccia prendere da uno dei suoi “vecchi” colpi di testa cacciando prematuramente un, se pur colpevole, Benitez, ributtandoci nello sberleffo in cui eravamo 6-7 anni fa. Anima e coraggio.
    Saluti a tutti e FORZA INTER.

  22. Massimiliano // 15 novembre 2010 a 09:44 // Rispondi

    Qualche considerazione :
    1 ) La stagione dell’Inter è terribilmente simile al Liverpool dello scorso anno
    2) Biabiany farebbe panchina a Bertani al Novara
    3) Coutinho mi sembra abbastanza sopravvalutato(opinione personale)
    3) La formazione che ha cominciato il derby aveva 7(!!) giocatori sopra i 30 anni un quasi trentenne (Eto’o) un trentenne Chivu(fuori ruolo peraltro) e solo snejder sotto questa età + obi (ma se stava bene avrebbe giocato cambiasso altro over 30).
    Tutto questo per dire che sicuramente Benitez ha pesanti responsabilità (è bastato un giovane tecnico con poca esperienza per metterlo nel sacco senza problemi) e che certamente dovrà essere esonerato (se fallirà il mondiale per club già a dicembre) ma che Moratti e Branca ne hanno altrettante.

  23. Caro GLR come tu scrivi, è ovvio che adesso si scateneranno tifosi e media a chiedere la testa di Rafa. Certo avrà delle responsabilità ma quando abbiamo cambiato tecnico in corsa la stagione poi è sempre finita peggio. Ecco io spero davvero, come tu più volte hai scritto, che Moratti non sia più quello di una volta e che magari anziché delegittimare il tecnico, ponga i calciatori di fronte alle proprie responsabilità esigendo impegno e compattezza. Stiamo calmi e speriamo che la ruota giri; se deve girare girerà anche con Rafa e se proprio il Presidente vuole metter mano al portafoglio a Gennaio, prenda qualcuno che il tecnico chiede senza però svenarsi per calciatori che non ti cambiano la squadra. Piuttosto che farsi prendere dalla frenesia io starei anche così e poi a fine stagione tirerei le somme su tutto; d’altronde magari Branca ha già lavorato o sta lavorando in ottica futura…tempo al tempo. Speriamo di portare a casa il torneo dell’ “Amicizia” e poi per il campionato cari cugini mai dire mai…del doman non v’è certezza.

  24. Ciao GLR,
    a me il dato che fa più riflettere in campionato è la difficoltà di andare a segno. Abbiamo una media realizzativa da squadra di bassa classifica. Io non faccio parte di quei tifosi che voglion la testa di Benitez, sarebbe buttar via una stagione a novembre mandarlo via ora, però urge una profonda analisi sulla situazione infortuni e sul nervosismo serpeggiante della squadra (vedo sempre Sneijder stizzito coi compagni d’attacco immobili, a parte eto’o).

  25. Francesco Valerio // 15 novembre 2010 a 09:55 // Rispondi

    Ciao Gianluca, sono sempre stato contro chi criticava troppo e male una squadra che aveva ereditato il “paciosissimo” Benitez rispetto a Josè ma la prestazione di ieri è imbarazzante, a parte la bruttissima partita che secondo me rappresenta il livello del campionato non c’era proprio quella voglia di aiutarsi per vincere insieme, tutti fermi, eto’o lasciato da solo in area quando si era uno in più. Ora ti chiedo ma secondo te a gennaio chi viene in questa squadra pensando di avere il 70% di possibilità di infortunarsi?!:) Appena il presidente contattaterà qualcuno correranno tutti a toccarsi scappando a gambe levate :)
    Un saluto

  26. Caro GLR, ora più che mai bisogna stringere i denti e non lasciarsi andare. Anche negli anni passati i campionati non li abbiamo mai vinti in inverno, quindi bisogna rimanere tranquilli e concentrati sulla squadra, sui recuperi e sui nuovi schemi…Il resto non conta e non deve influenzare l’ambiente, tanto è sempre stato così o meglio ci criticano quando vinciamo! figurati quando si perde o si attraversa un periodo negativo…
    Complimenti alla solita stampa schierata. Nei giorni scorsi ho visto raccolte di messaggi per superpippa, che carini, ma il nostro The Wall? Speriamo di potergli dedicare il mondial e a dicembre!!!

  27. Vincenzo Asta // 15 novembre 2010 a 10:02 // Rispondi

    Ciao Glr,
    proprio brutta la partita ieri sera, poi la sconfitta ha reso tutto ancora peggiore. E’ un momentaccio e sta diventando lunghino. Dal punto di vista generale nulla è compromesso ma è innegabile che qualcosa si è rotto. Adesso vedremo se il presidente manterrà i nervi saldi, se Benitez avrà l’abilità e la determinazione di (ri)prendere in mano la squadra e soprattutto dal mio punto di vista se i ragazzi avranno lo scatto d’orgoglio in attesa di uno stato di forma migliore.
    Buona settimana a tutti
    Vincenzo Asta

  28. Caro GLR
    devo ricredermi su alcune convizioni che avevo. Infatti la scusa della pancia piena per me non reggeva perchè uno di soito mangia tutti i giorni e invece ieri ho capito che senza stimoli non si va da nessuna parte. A scusante dei giocatori anche io ammetto che il derby non mi ha dato quella scossa adrenalinica che di solito mi dava. Prima e durante in pratica assente da emozioni.
    Detto questo credo che l’unica colpa di Benitez sia stata quella di accettare questa sfida. Poi per il resto a meno che mandi in campo la “Beretti” non può fare altro. Quando vedo giocatori conclamati sbagliare anche il più elementare dei passaggi beh ditemi voi che colpa ha l’allenatore (forse quella di farlo giocare ma al momento l’alternativa sarei io….)
    Una sola nota di colore (che non vuole giustificare una sconfitta, anzi) sull’inneffabile e immarcescibile “Coiffeur”; lo scorso anno ebbe ilcoraggio, giustamente, di cacciarne 2 dell’Inter in poco più di 10 minuti applicando il regolamento, ieri sera si è dimenticato che a termine di regolamento il buon Gattuso andava cacciato al 40′ del primo tempo. Prova ne è stata che immediatamente nell’intervallo è stato sostituito…..
    Che sia stato per dimostrare che non è comunista….???? :-)

  29. Franco di Udine // 15 novembre 2010 a 10:03 // Rispondi

    Benitez è stato sopravvalutato, caro GL. Non ci sto ai paragoni col predecessore, uomo unico, ma nemmeno a sentire il conducator nerazzurro dire che gli anni passati avete vinto perché gli avversari erano scarsi. Poco stile. E soprattutto pochissime idee e ben confuse… Vi auguro buon Spalletti da gennaio. E intanto Totò DiNatale is back!

  30. Certo è che se si gioca un derby con Castellazzi, biabany, coutinho, materazzi e obi non si può pretendere di vincere ne tantomeno di prendersela con l’allenatore perchè comunque la guardi la formazione era indecente per giocarsi un derby.
    Bisognerebbe chiedere a Moratti cosa è successo dopo il 22 maggio visto che diceva che ha questa squadra sarebbe servito un rinforzo perchè a centrocampo c’erano giocatori che tiravano la carretta da anni, mentre in agosto diceva che siamo a posto cosi.
    E poi mi devo sentire la manfrina su messi obbiettivo dell’inter. Riuscisse almeno a chiudere il bilancio in pareggio ma manco quello riesce a fare!
    Lasciamo stare mi sento troppo preso per il culo ho fatto un abbonamento da 420 euro mica per vedere uno scempio come quello di ieri, primo tiro in porta al 55’….

  31. Maurizio Finotti // 15 novembre 2010 a 10:11 // Rispondi

    Caro Gianluca, sono e continuerò a rimanere un estimatore di Benitez seriamente convinto, alla luce delle partite contro Palermo, Bari, ecc., che siamo ancora (a pieno organico of course!!) la squadra da battere. Faccio questa doverosa premessa perchè non voglio essere catalogato fra i gufacci in servizio permanente effettivo, ma quello che ho visto ieri sera mi ha preoccupato non poco. La squadra ha palesato nuovamente (Roma, Juventus, Londra) una perlomeno strana mancanza di carattere, e se non fosse che la maggior parte di quei giocatori erano in campo il 22 maggio sembrerebbe quasi rassegnazione. Squadra molle dunque e l’ormai patologica sequela di infortuni non basta a giustificare tale atteggiamento. Rafa ha una fama da Gentleman con la stampa in genere e di duro nello spogliatoio ma qualche dubbio inizia ad insinuarsi, la squadra gioca per lui o è ancora prigioniera del (scomodo e vincente) fantasma sportivo del suo predecessore? Sono comunque ancora fiducioso per tutti gli obiettivi di questa stagione e d’altronde se non ci fosse un po’ di sofferenza che INTER sarebbe :-) ???
    Saluti

  32. a questa squadra mancano troppe cose rispetto all anno passato per poter sperare di fare miracoli…..la condizione psico-fisica è imbarazzante in moltissimi elementi,la voglia di vincere è scemata,i troppi infortuni hanno devastato una rosa già di per se in difficoltà e,spiace dirlo,ma l anno scorso partite come quelle con lecce,brescia e bologna le avrebbe probabilmente sparigliate il signor balotelli(senza cui l anno scorso in campionato non avremmo vinto)entrando dalla panchina e facendo fare quei 4 o 6 punti che farebbero fare ben altri discorsi,perchè i campionati si vincono vincendo contro le “piccole”,perchè di scontri diretti ce ne sono 6 all anno,32 sono con le squadre “normali”.
    adesso benitez in caso di difficoltà manda in campo un pandev irriconoscibile o ragazzi non all altezza di un inter campine d europa in carica(coutinho e biabiany soprattutto)ed è troppo poco,se poi si ferma eto’o con milito che fino ad ora ha segnato 3 gol…….
    comunque la cosa che più mi preoccupa oltre alla condizione fisica,è che con esclusa la supercoppa italiana abbiamo giocato con atletico madrid,roma,juve e milan perdendo 3 volte e segnando 0 gol,uno score oggettivamente imbarazzante.
    la stagione è ancora lunga ma di questo passo si fa poca strada,speriamo almeno di vincere il mondiale per club.

    SEMPRE FORZA INTER

  33. marco ferrara // 15 novembre 2010 a 10:22 // Rispondi

    Ciao Gian Luca, partita giocata male, malissimo considerando che si trattava del derby!! Non si é creata infatti una vera azione da gol neanche in quei venti minuti finali di forcing (confusionario) con il milan ridotto in dieci uomini!! Diciamoci la verità, se da un lato, con il cuore, o a parole speravamo in un risultato diverso, che avrebbe potuto dare inizio ad un nuovo campionato, dall’altro, temevamo fortemente che potesse andare a finire in questo modo; il milan é una squadra, l’inter al momento no, sembra che quest’anno i ruoli si siano incredibilmente invertiti!! Benitez poi, mi sembra in completa confusione! Fino a questo punto della stagione (come affermi anche tu) si sono sbagliate tranne la finale di supercoppa italiana contro la roma, tutte le partite più importanti, con l’aggravante di prestazioni molto deludenti pure con squadre nettamente inferiori. Dopo tantissimo tempo si é persa l’imbattibilità casalinga, e tanto per non farci mancare nulla gli infortuni arrivono ormai con la puntualità di un orologio svizzero. Lo so, la domanda é odiosa ma doverosa: sta finendo un meraviglioso ciclo?? Mamma mia, ieri é stata per me la domenica (sportiva) più brutta degli ultimi anni (ferrari, catania e…beh lo sappiamo, peggio di così?? Senza contare che ha segnato pure ibrahimovic)!! Un abbraccio e….SEMPRE FORZA INTER (soprattutto ora)!!

  34. caro Gianluca,
    secondo il mio punto di vista oggi siamo arrivati ad un bivio, ossia ritengo sia arrivato il momento di un cambio alla guida tecnica e soprattutto di quella atletica; per salvare la stagione, avanti così e perdiamo tutto campionato,coppe etc. addirittura è in bilico la semifinale del mondiale per club ed un occasione del genere scusa ma non ci ricapita più non la possiamo lasciare al caso!
    Ormai son passati 5 mesi dal raduno, accettiamo il post mondiale, accettiamo la demotivazione iniziale post triplete, accettiamo qualche calo durante i finali di roma e thottenam, accettiamo le vittorie esterne di misura con degli episodi casuali cagliari, genova, ma ora basta non abbiamo più attenuanti !
    35′ in 11 contro 10 senza alcuna azione pericolosa, i due baby coutinho e biabiany titolari fissi inamovibili puntualmente fuori ruolo, chivu e cordoba fuori ruolo, santon nel dimenticatoio, il centrocampo falcidiato da infortuni muscolari non coperto a dovere con biabiany ala dispersa …. tutto ciò non ha che un unico responabile: “IL SALUMIERE”.

  35. GLR oggi volevo scriverti un commento di fuoco e di totale disaccordo con quanto espresso a favore della squadra finora ma vedo che le ultime prestazioni hanno portato alla luce una realtà molto triste che hai perfettamente espresso questa mattina.
    E’ prevista la crocifissione in sala mensa alla Pinetina per i preparatori atletici?

  36. ciao Gian Luca
    la scelta di Materazzi in un derby dopo mesi che non disputava una partita di livello è da debuttante in panchina, anche se non avesse commesso il fallo che ha poi deciso la partita
    non invoco certo Mou ma nemmeno io avrei schierato questa difesa

  37. Caro GLR, complimenti per la critica pacata ma incisiva. Fermo restando che non faccio parte dei tifosi leopardiani perennemente depressi davanti ai quali anche i gatti neri si toccano e che non tollero le vedove di Mourinho perchè non si vive di ricordi ti dico che sono incavolato nero come non lo ero dai tempi di Cuper per i seguenti motivi:
    1-mai visto un campionato di così basso livello dove basterebbe poco o nulla per continuare a vincere mantenendo aperto un ciclo
    2- è da anni che non vedevo una simile insipienza in panchina, pochissime idee parecchio confuse, giocatori tutti fuori ruolo e indecisioni grottesche sui cambi
    3- passi l’alibi degli infortuni, è inaccettabile quello della “pancia Piena”, abbiamo mangiato la polvere per anni e non vogliamo tornare gli zimbelli d’italia e d’europa. Ma poi è mai possibile che al barcellona la pancia piena non ce l’hanno mai?? Vincere o perdere fa parte del gioco, ma a combattere non si deve rinunciare mai.
    Ok…mi sento meglio dopo lo sfogo, torno al lavoro e alle cose serie della vita! Saluti GLR continua così!

  38. ciao GLR,
    Ieri nelle interviste ho visto,per la prima volta,un Benitez in difficoltà.Ha parlato di infortuni, giocatori che non sono stati acquistati,cessioni (balotelli) e mercato di gennaio.A mio parere ciò che ha detto era stucchevolmente fuori luogo.
    Poteva tranquillamente dire che si è giocato una pessima partita.
    Credo che l’inter possa far meglio di cosi.
    ciao
    Roberto

  39. Ciao Gianluca.
    Purtroppo, senza voler essere catastrofisti o isterici, come si è solito dopo aver perso un derby, bisogna constatare che il recente ciclo d’oro della Beneamata si è concluso con la notte di Madrid. Prima o poi doveva succedere, non si poteva vincere in eterno e credo che quest’anno se si portasse a casa il Mondiale per Club sarebbe comunque un risultato positivo.
    Speriamo che la società abbia la maturità necessaria per poter gestire questa fase transitoria, in cui ha sottovalutato l’usura di alcuni giocatori, per rinnovare in alcuni ruoli la rosa, inserendo giocatori freschi e motivati. Non sarà facile, ma credo che non sia tutto da buttare, servirà qualche buon innesto e servirà ritrovare le giuste motivazioni in un ambiente che forse si è cullato un po’ troppo sugli allori.
    Un saluto!

  40. Beh, quest’anno va così, era da immaginarselo, ma a livello dirigenziale a quanto pare sono ancora inebriati dal Triplete. Una squadra a pezzi che avrebbe avuto bisogno di due / tre innesti, ma la faccenda è trita e ritrita. Ora Benitez sta facendo quello che può, però a quanto pare la panchina scotta troppo e lui se ne sta accorgendo,andando in confusione totale; basti pensare alla formazione di ieri, con 4 centrali difensivi contemporaneamente in campo…
    Mi spiace ammetterlo, ma la mia fiducia sta pian piano calando, verso una squadra con la pancia piena e i muscoli logori.
    Dopo quello che si è vinto la passata stagione può starci un anno “sabbatico”, ma vedere una Inter come quella di ieri fa solo girare gli zebedei !

  41. E se si dicesse mal di Mourinho (nel senso di nostalgia?) ….. non lo so… anch’io come tutti osservo e rimango basito di fronte a questi risultati….ma non piu’ di tanto.
    Siamo si’ guariti da quel male ventennale che ci affliggeva, sfiducia nelle proprie possibilita’ , complessi di inferiorita’ ecc.ecc. ma credo anche che il medico di turno che ci ha finalmente guarito non ci abbia avvisato dei possibili effetti collaterali. E come quando dai un dose di antidepressivo a uno che vede sempre tutto nero….. rischi che faccia qualche cavolata per eccesso di sicurezza. Non so ,credo che qualcuno abbia creduto che questa squadra , dopo tutto cio’ che ha fatto , fosse davvero imbattibile….ma niente avviene per caso. Probabilmente hanno scelto di” staccare la spina” per un po’ visto quanto avevano investito negli ultimi anni e visto quanto si doveva risparmiare in questa stagione , dato il famoso “fair play” finanziario. ma certo e’ che sarebbe bello vedere una squadra che anche nei momenti difficili veleggia in acque piu’ tranquille.
    Insomma….. e’ difficile per un tifoso come me di 51 anni passare da un “triplete” a uno spettacolo “devastante” come l’inconcludenza dell’Inter di ieri. Difficile perche’ questo tifoso ( e credo tanti come me ) si sente orfano di un uomo venuto da una penisola lontana …dalla terra del fado, capace in pochi mesi di sovrapporre la sua immagine a quella di un idolo della propria infanzia,venuto dall’ argentina. Non mi ha fatto male vedere Ibra al Milan … non c’e’ mai stato posto nel mio cuore per uno come lui….mi fa male vedere Mou al Real…..questo si

  42. Roberto Manenti // 15 novembre 2010 a 11:51 // Rispondi

    Complimenti Gianluca,
    leggo spesso i tuoi commenti e trovo sempre un bell’equilibrio nelle vostre esaltanti vittorie (ahinoi) e nelle poche sconfitte di questi ultimi anni.
    Trovo che in momenti dove la serenità generale è andata a farsi friggere, trattare il calcio come un gioco e una passione, che ognuno vive per la sua parte e per i suoi colori, con rispetto, obiettività ed educazione sia un gran pregio che molti tuoi colleghi dovrebbero invidiarti.
    Un saluto da un tifoso milanista.
    Roberto

  43. Premesso che non è il singolo risultato a dover dettare un’analisi (anche con Mou perdemmo il primo derby, ma il modo è stato assolutamente diverso: lì da perdenti uscimmo con la consapevolezza di essere comunque superiori e con una classifica ben diversa), ritengo che qualche considerazione (amara, ahimè) sia giusto spenderla.
    Ci sono voluti anni, sofferenze e quant’altro per costruire una squadra vincente, leggendaria, un’armata invincibile. Nei confini nazionali avremmo tranquillamente potuto prolungare la nostra dittatura ancora per un bel po’.
    Sarebbe bastato qualche piccolo accorgimento, qualche piccolo ritocco…
    Tutto ciò, però non c’è stato. Campagna acquisti ai minimi storici, a cui si aggiunge un cambio di guida tecnica (ormai si può dire) non all’altezza del passato. Incapacità (non solo del tecnico, ma in primis della società) di dare nuovi stimoli ad una squadra dai fisiologici sintomi da appagamento.
    Alcune mosse societarie poco comprensibili, o quantomeno rivelatesi sbagliate (non si veda solo calcio-mercato, ma anche l’allontanamento di Oriali, valido cuscinetto tra Società e squadra).
    Una preparazione che non si sa come produce un’infinità di infortuni muscolari.
    Un vortice che causa poco gioco (nullo direi), perdita di punti in classifica e dichiarazioni di Moratti old style che forse potrebbero solo peggiorare le cose…
    La favola forse è finita…
    ma continuerò in eterno a sognare quella formazione: JULIO CESAR, MAICON, LUCIO…

  44. Caro Gian Luca, mi vengono in mente due film. “C’era una volta l’Inter” e “Cercasi Inter disperatamente”.
    Poi analizzando la partita è stata una partitaccia da 0-0 che abbiamo regalato dopo soli 4 minuti. Infine dov’è finito l’inflessibile “applica regolamento alla lettera” di Tagliavento?
    Memore di quell’Inter-Samp dell’anno scorso dove in 10 minuti ha sbattutto in faccia a Samuel ed a Cordoba 2 gialli a testa già al 25° del primo tempo, ieri sera mi è parso mooolto permissivo. Ha graziato prima Gattuso poi Ambrosini ed il killer Ibra (tanto se le erano giurate da tempo e Matrix non ha più l’età per fare certe cose). Cmq non si avrebbe vinto manco in 8 contro 11 e purtroppo è questa l’ultima e peggiore amara verità che esce dopo l’ennesima brutta partita. Ma dove è andata l’Inter?
    Cercasi risposta disperatamente.

  45. Gianluca,
    hai fatto un bel quadro del periodo dell’inter.
    Solo un appunto su una cosa che ho sentito ieri in trasmissione (che guardo non più di 10 minuti perché odio la gente che urla, e mi riferisco agli altri) quando ti ho sentito parlare del fatto che l’Inter ormai ha in testa solo il Mondiale per Club. Spero tu fossi ironico. Con questa squadra e gli infortuni lì non arriveremo nemmeno quarti.
    Per quanto mi riguarda io punterei tutto sulla Champions così Moratti a gennaio aprirà il portafoglio (forse!) e poi con una squadra nuova si potrà pensare a risalire.
    Odio essere pessimista ma se gennaio sarà troppo tardi e Moratti non acquisterà nessuno, in campionato molto probabilmente non ci qualificheremo nemmeno per la Champions e questo vorrà dire che tutti i grandi nomi che ha in testa da noi non verranno.
    Ultima cosa per chi prende in giro Benitez. Ti ricordo che ha mezza squadra in infermeria, e l’altra mezza si divide tra gente che non ce la fa più di correre e gente che non dovrebbe nemmeno essere all’inter (vedi Pandev e Biabiany).
    Mourinho sapeva quello che sarebbe successo l’anno dopo aver vinto tutto e da gran furbo se n’è andato. Almeno stiamo vicini all’unico allenatore che ha davvero intrapreso una sfida senza pensare a un mercato milionario, come Mou sta facendo al Real dopo averlo fatto ovunque sia andato: vorrei vederlo ad allenare l’Inter di quest’anno, la Juve degli ultimi 5 o il Valencia….Il furbone, a cui comunque sono grata, sceglie sempre squadre che vincerebbero comunque e ti ricordo che dopo il primo campionato vinto a Milano Moratti gli ha preso ben 6 innesti…..e aveva solo vinto il campionato.
    Alessia

  46. Che dire c’era da aspettarselo :
    1) dirigenza totalmente assente campagna acquisti non fatta
    2) mancato ringiovanimento della rosa con 2 giovani per reparto affermati (Real Madrid Mou insegna Kedira e Ozil )
    3) sara’ un caso ma Milito Sneijder Maicon i piu’ deludenti sono anche quelli che sono andati a batter cassa
    4) Benitez e staff in pieno marasma ,l’unica scusante che non gli hanno preso nessuno ,
    per il resto una tragedia ,preparazione assurda sincolare che si sia stirato anche Julio Cesar un portiere e un giovane 19enne come Obj confusione tattica ,cambi ridicoli senza ne capo ne coda , Santon lasciato fuori per Cordoba ,insistere su Chivu e Pandev e’ davvero un suicidio
    Come ho gia’ detto se si vince la Coppa del Mondo e una coppetta Italia e arrivare nei primi 3 sarebbe salvare la stagione e il prssimo anno largo hai giovani meglio se talenti e insistere sul vivaio che e’ il primo in Italia
    Saluti

  47. Mourinho quando arrivò all’inter volle cambiare il gioco di mancini per puntare sul 4 3 3 ma dopo poco tempo si rese conto che non poteva funzionare e ritornò sui suoi passi , quell’inter vinse il campionato con 10 punti di vantaggio
    Benitez sta commettendo lo stesso errore ,spero si renda conto che Snaijder gioca meglio in contropiede e che stankovic cambiasso zanetti non sono abituati a fare possesso palla, concordo con te sul fatto che non si deve cambiare allenatore ma è l’allenatore che deve cambiare , saluti

  48. Quello che lascia di più l’amaro in bocca è la totale assenza di un criterio tattico!! Ieri sera c’erano giocatori che si accentravano tutti fino a darsi noia l’uno con l’altro! Nessuno che contrastava l’avversario cercando di soffiargli la palla, calci piazzati e angoli totalmente preda dei difensori retroCessi, fasce laterali regolarmente ignorate, gioco scontato e sterile, anche dopo, in superiorità numerica, nemmeno un tiro in porta che si possa definire tale!!
    Roba da sonnifero …. ma dov’è l’orgoglio???
    L’amor proprio?? Non è ora ti tirar fuori gli attributi??? Ma questi signori non si vergognano nemmeno un pò?? Fare quelle figurette da dilettanti non li scuote per niente???
    Sono ancora più convinto che cambiare allenatore non risolva i problemi, gli infortuni ci sono ugualmente e i giocatori spompati e spremuti lo stesso!!! Gli errori sono a monte …. e a monte vanno ricercati i responsabili!!! Infatti nessuno è immune da quuesto sfacelo, quindi basta scarica barile e comincino tutti a FARE IL PROPRIO DOVERE, CHE GIA’ SAREBBE UN INIZIO!!!! NESSUNO ESCLUSO!!!!
    FORZA INTER!!!!

  49. Alessandro 69 // 15 novembre 2010 a 13:19 // Rispondi

    Ciao Gianluca,
    premesso che dopo il quinquennio culminato con la stagione stratosferisca di 5 mesi fa io ho raggiunto una pace dei sensi sportiva, devo dire che secondo me ci sono un paio di cose che mi lasciano dei dubbi riguardo alla nuova gestione tecnica. Prima di tutto l’insistere a giocare con una difesa alta quando non si hanno i giocatori adatti e poi la preparazione, perchè si può parlare di giocatori spremuti ma quando si fa male Obi che non mi pare abbia fatto i mondiali nè tanto meno una stagione massacrante …bè i dubbi ti vengono. Comunque bisogna tenere duro e sperare che il nostro Presidente non torni a fare il tifoso perdendo subito la pazienza e sbroccando rischiando così di tornare ai tristi tempi delle annate con quattro allenatori. Avanti con Rafa magari facendogli capire alcune cose e aiutandolo a gennaio e poi con la formazione tipo ce la possiamo giocare ancora alla grande. Un saluto e complimenti per il tuo modo di vivere questa passione…

  50. caro glr, mi sembra di essere tornata indietro nel tempo… l’inter non vince… tutti parlano e straparlano (scrivono e pontificano)… moratti pensa a cambiare allenatore…le decisioni arbitrali vanno tutte in una direzione (che tanto per cambiare non è la nostra…)… i giocatori sono molli e demoralizzati… dalla panchina solo occhi stralunati…dagli spalti espressioni sbigottite…
    cosa è successo??? come ha potuto quel magnifico cocchio trasformarsi in una zucca marcia???
    cerco di vedere il bicchiere mezzo pieno (o pieno solo per un quartino…)… il miglior milan ha sconfitto a fatica la peggiore inter… ma ne esiste un’altra???
    sempre e comunque WWW L’INTER

  51. Claudioeffedeejay // 15 novembre 2010 a 13:36 // Rispondi

    Caro GLR buongiorno. Occorre far qualcosa e subito, ma cosa? Della pochezza attuale dell’Inter ne avevamo avuto un anticipo nel pomeriggio con l’Udinese che passeggiava sulla difesa del Lecce. Eppure c’era chi ancora si attaccava alla storiella dei – 3 dalla vetta nonostante tutto. Ora siamo a – 6 e la trasferta di Verona, tutt’altro che facile, sembra già un’ultima spiaggia. Di tutte le cose che non vanno, e purtroppo ce ne sono tante, la più grave sembrerebbe essere la condizione atletica inesistente alla quale si aggiungono infortuni muscolari a catena. Ecco, se si vuole fare qualcosa, cominciamo a mandare a casa i preparatori atletici di Benitez, le cui responsabilità sono dirette, gravi e inequivocabili. Poi a Gennaio, con costi e difficoltà triple rispetto al periodo estivo, si dovrà fare quel mercato che anche la gestione più miope del mondo avrebbe già fatto ad agosto. E per concludere, alla faccia di coloro che qui hanno difeso Benitez per le sue scelte sostenendo che allenandoli tutti i igiorni lui avrebbe il polso della situazione, vorrei qualche opinione sulla scelta di Cordoba terzino e Materazzi centrale di difesa.
    Insomma, c’è poco da stare allegri, almeno calcisticamente parlando.

  52. Bè sconfitte col Milan e con la Roma ci possono stare, mancano i punti persi con Bologna Brescia e Lecce che fanno la differenza quest’anno.
    Ora speriamo in una pronta riscossa, anche se dopo il Triplete un anno di calma per far godere altre squadre (perchè non la Lazio?) ci può stare.
    Quest’anno facciamo una scelta tra chi è ancora da Inter e chi per età o malanni non lo è più e l’anno prossimo torniamo a vincere.
    Saluti e buon lavoro.
    Cesare

  53. Che dire GLR, come al solito hai centrato molto bene l’attuale situazione. Ora tutti sul carro dei disfattisti (alcuni tifosi faccio proprio fatica a capirli), la testa della classifica però è a soli 6 punti e il Milan visto ieri sera non mi ha per nulla impressionato. Il problema è l’inter: Benitez sta perdendo la bussola, la formazioni di partenza era imbarazzante. Mentre i tre pareggi precedenti avevano in se un mix di sfortuna ed errori, la gara di ieri è stata desolante. Mi ha ricordato l’inter di supercoppa europea, incapace di creare il ben che minino pericolo al Milan. Ma voglio essere ottimista, se la squadra riuscirà a trovare la quadra e a battere Chievo, Parma e Twente (non proprio delle corazzate), e se torneranno pian piano a disposizione i centrocampisti di qualità che ora ci mancano, son certo che faremo un’ottima coppa Intercontinentale e ci si rilancerà in chiave campionato.
    FORZA INTER

  54. Triste,sono triste un po’ perchè non eravamo più abituati ad essere dietro alle altre squadre, ma poi lo sappiamo che il derby è una partita speciale perciò se non lo vinci cerca almeno di pareggiare. Non bisogna assolutamente cambiare allenatore, spero che Moratti abbia imparato quqalcosa dalle passate stagioni disastrose del prima Mancini e Mou. Pensi che accendendo un cero alla Madonna di qualsiasi parte del mondo riusciremo a scongiurare il cambio di allenatore e a far tornare la voglia di vincere nelle gambe, ma soprattutto nella testa dei nostri cari giocatori. Sono comunque del parere che la squadra debba essere incitata soprattutto quando va male, perciò FORZA INTER FOREVER!!!

  55. Ciao GLR,
    il tuo editoriale è (come al solito) esente da tifo e molto equilibrato. Simpatico il termine “derbaccio”… Chiedi il brevetto!:-D
    Per quanto mi riguarda, comincio a stufarmi di ripetere tipo mantra “…l’Inter al completo sarebbe prima”: non è al completo, viste le continue ricadute vien da pensare che mai lo sarà e la realtà parla di una squadra che non è in grado di battere Brescia e Lecce (zona retrocessione) e che con 85’ per rimontare ha comunque perso 1-0 da un Milan che è un‘eresia vedere primo in classifica e ai cui giocatori è concesso picchiare oltre ogni limite.
    Il trend è allucinante, e pensare che quell’insieme timoroso di 11 giocatori ciondolanti per il campo sia l’attuale campione d’Italia e d’Europa fa persino ridere. “Vuoto pneumatico”, hai scritto… Giusto! Persino Eto’o sembra essersi stufato di predicare nel deserto, e si sta adeguando. Non si può ostentare ottimismo a dispetto dei santi: dove si vuole andare così conciati, GLR?
    Tu dici che cambiare in corsa non serve, ma è l’unico punto sul quale dissento: si sta perdendo tempo, e io credo che ora Benitez rischi davvero grosso… Qualche colpa ce l’ha pure lui ha e sappiamo che la sua scelta è stato un ripiego: in queste condizioni fisiche e mentali diventa improvvisamente difficile anche il girone di Coppa e si rischia di tornare da Dubai (e mi sa che i “dubai” ieri sera son girati a qualcuno…) con un pugno di mosche in mano. Quella Coppa vale poco tecnicamente, ma molto per il prestigio: l’Inter vista ieri sera non so se la porta a casa…
    Credo che questo derby perso in modo impotente, quasi da vittima sacrificale, abbia tolto i veli dagli occhi di Moratti, la cui faccia impietrita in tribuna (minuto 84’23”) non prometteva niente di buono. Smettere di vincere perché ricominci a farlo il Milan con Ibrahimovic (e con Balotelli in tribuna a sbeffeggiare e poi a cena con Galliani…), poi, non credo fosse esattamente il regalo di Natale che il presidente si aspettava da Benitez; il quale continua a dire di aspettare gennaio ma forse non saranno più problemi suoi…
    Questi o non ne hanno più voglia o non lo seguono più: ma una scossa bisogna darla, GLR, anche a rischio di rimanere attaccati alla corrente… perchè andando avanti così si fa poca strada.
    Ciao
    Roberto

  56. Ciao Gianluca,
    Mi vengono in mente solo 3 cose tecniche che non mi convincono della situazione attuale dell’Inter;
    1- nelle situazioni di calcio d’angolo non c’è mai nessuno che va a colpire di testa, cosa che è stato un nostra punto di forza negli ultimi tempi!!!
    2- non capisco il perchè voler insistere su Cordoba terzino e non fa giocare Santon…..
    3- tutte queste sostituzioni abbozzate e poi cambiate all’ultimo istante sono secondo me un segnale pericoloso di poca chiarezza da parte dell’allenatore…
    Comunque ho visto situazioni peggiori….e io ci crederò fino alla fine……ricordiamoci che siamo i CAMPIONI DI TUTTO!!!!!!!!
    Alla prossima
    Luciano

  57. Al di là delle considerazioni e opinioni personali sull’Inter e sul derby che lasciano il tempo che trovano in quanto ognuno ha le sue idee e se le tiene, giustamente, mi permetto fare un commento sull’intervento da killer del Sig. Ibrahimovic su Materazzi.
    Premesso che se l’avesse fatto Materazzi come minimo sarebbe stato espulso subito e linciato sul posto e poi additato come killer per almeno una settimana sui giornali e in tv.
    Ma la cosa che mi dà più fastidio, anche se non mi sorprende, è che tanto basta chiedere scusa e dire “Mi dispiace, non volevo, chiedo scusa, non ho fatto apposta”.
    Ma del resto, in un mondo dove un povero tassista viene massacrato di botte e poi muore, e il presunto assassino dice “Mi dispiace, non volevo, chiedo scusa, non ho fatto apposta” cosa vogliamo aspettarci.
    Siamo ormai tutti liberi di fare quello che vogliamo e poi di chiedere scusa……
    Grazie

  58. Caro Gianluca,
    la questione infortuni va risolta subito, anche con scelte drastiche, se necessarie. Ma già a gennaio servono un pacco di milioni per tre nuovi acquisti (terzino, centrale di difesa, punta) ed un ritorno: GABRIELE ORIALI.

    • Roberto Scib // 15 novembre 2010 a 16:25 // Rispondi

      Ma Oriali lo faresti giocare davanti alla difesa o come mediano di spinta?

    • Concordo al 100%, mi chiedo perchè questa soluzione e quale sia stato il problema con Oriali. Per me il suo ruolo era centrale nei rapporti spogliatoio/allenatore/società e ancora non mi spiego come mai sia stato “cacciato” in questo modo, per chi poi? Carboni?? figurarsi che in tribuna a Genova sedeva 5/6 poltroncine distante da Branca e si sono ignorati per tutta la partita!!
      GL, secondo te ha un valore aggiunto in società?
      Un solo rilevo ulteriore: come si può parlare di appagamento per dei professionisti, quando in ogni azienda del mondo è normale che i managers siano valutati in base al raggiungimento degli obiettivi; e se un anno li raggiungo o addiritttura li supero, l’anno successivo non posso essere “appagato” e quindi rilassarmi, ma avrò altri e magari superiori obiettivi da raggiungere. Restando anche all’ambito sportivo, come mai l’unico a dimostrare voglia, furore, impegno massimo è proprio Et’ò, guarda caso credo l’unico giocatore al mondo ad aver vinto DUE volte il triplete per giunta consecutivamente e con due squadre diverse?? Un esempio per tutti!!

  59. Ciao Gianluca,
    concordo su tanto … ma cosa ha fatto di male Santon ??? Possibile che non sia meglio di Cordoba sulla fascia ??? E poi 4 marcatori puri con solo Ibra davanti, ma dai ???
    Ultima cosa …. ma questo Tagliavento non era quello lodato lo scorso anno perchè applicava il regolamento alla lettera e al diavolo il buon senso ??? Deve essersi redento dopo aver dato il rigore perchè il buon senso gli è venuto di botto con Gattuso e Ibra !!!
    Ma in alto i cuori … il campionato è appena ad 1/3 della sua strada …
    Certo che 1 punto e zero gol fatti negli scontri diretti sono una vera pena !!!!!
    Ciao
    Gian Paolo

  60. Certo che devi avere un bel fisico leggerti tutte le nostre mail e per giunta condite da “porcate grammaticali” allucinanti.
    Posso capire l’errore ortografico ma dire che “ha giugno” la squadra era forte beh……..
    dimmi paghi qualcuno eh???!!! :-)
    W la F semper

  61. Ciao GLR,
    credo che quello di ieri sia stato il peggior derby a livello di spettacolo e contenuti tecnici degli ultimi anni. Non so se dobbiamo essere più preoccupati noi interisti per l’assenza di idee, grinta e determinazione o i sostenitori dell’altra squadra di Milano che è riuscita a vincere segnando solamente un gol (e su rigore) contro una squadra totalmente apatica.
    Comunque, guadando in casa nostra, le cose che più mi hanno innervosito durante la partita sono state:
    1) il vedere una lentezza disarmante nelle ripartenze, il che permetteva ai giocatori dell’altra squadra di Milano di rientrare in tutta tranquillità e di riposizionarsi in difesa: così facendo, il fatto di essere in superiorità numerica non ha prodotto nessun tipo di vantaggio, anzi…
    2) la totale assenza di pericolosità sui calci d’angolo (cosa che si sta verificando puntualmente dall’inizio della stagione);
    3) la formazione di partenza, con ben 4 centrali schierati in difesa e con un terzino di ruolo seduto in panchina che circa 2 ore prima era stato convocato da Prandelli per il raduno di quest’oggi: il che ha significato rinunciare sin dall’inizio al gioco su entrambe le fasce.
    Tu che ne pensi?
    Detto questo mi auguro che la sconfitta di ieri sera serva da lezione…è ora di ricominciare a correre!!!
    Ciao e Forza Inter!!!

  62. Non ci si deve esaltare se le cose non vanno bene,ma nemmeno suicidarsi se si prende una sconfitta. Il Milan si è presentato con una squadra coperta e non sbilanciata secondo i folli desiderata presidenziali ( quattro punti e poi , come diceva De Gaulle,l’intendence suivra ) . E’ stata una bruttissima Inter,non c’è dubbio ma occorre capire l’origine di questi guai,in modo razionale
    1. preparazione atletica diversa ?
    2. giocatori che psicologicamente hanno bisogno di un tiranno ? ( se fosse così,la scelta di Benitez è stata poco lungimirante ..)
    3. stanchezza e rilassamento dopo la stagione scorsa e i Mondiali ? Si poteva/doveva mettere in conto e allora non intervenire sul mercato per cedere giocatori al massimo del rendimento è stato un errore .Es. un Milito a giugno valeva “x” oggi un 70% in meno,idem dicasi di Maicon.
    E’ ingiusto gettare la croce addosso a Benitez.
    Saluti
    Corrado
    PS Ah dimenticavo…io sono milanista

  63. Brutta partita, che sarebbe finita 0-0 senza l’hara-kiri iniziale di Materazzi. Brutta partita, che loro hanno giocato per ben quattro minuti, fino all’elargizione anzidetta del nostro difensore, per poi trincerarsi in 11 nella loro tre-quarti, come neanche il Barletta. Brutta partita, perchè brutta Inter, senza idee, voglia, gambe. D’accordo gli infortuni, ma da quelli che giocano mi aspetto che giochino, possibilmente a calcio. Invece ieri sera il vuoto assoluto, più che mai urticante, perchè se ti giochi il derby con quella convinzione è meglio se cambi mestiere (i giocatori, non l’allenatore!).
    Comunque è bene ricordare alcune cose: 1) il mondiale, che secondo alcuni abbiamo già perso, dobbiamo ancora andare a giocarcelo, e ci andremo noi, non il milan, non la roma, noi; 2) in campionato saremo sempre in corsa finchè la matematica non ci condannerà; 3) abbiamo perso di misura un derby senza giocare, contro una squadra pressochè al completo, che, nonostante domini la classifica, mi è parsa veramente poca cosa, timida e paurosa all’inverosimile.
    Meditate…
    C23 – Parma

  64. Ciao GLR!
    sto iniziando a credere che i pessimisti allucinanti ad agosto forse erano solo realisti (o veggenti…), sbaglio?
    a parte gli scherzi qua c’è poco da dire, nella stessa misura in cui noi comuni normali dobbiamo rendere conto del nostro lavoro, analizzando e rivedendo obbiettivi, risultati, performance ecc. ecc. non vedo come mai questo non debba accadere nella miglior squadra in europa nel 2010. l’hai ben detto tu stesso: come si spiegano tutti questi infortuni ora che anche il “vergine” obi c’ha lasciato le penne? e poi il mister (che non credo stia scontando una pena allenando l’inter, quindi basta compatirlo per il continuo paragone con mou) come spiega questa involuzione tecnica (mai visto Deki sbagliare così tanti passaggi) tattica (alla fine quale è il modulo polare?) atletica (andiamo oggettivamente più piano degli altri). io personalmente il tanto decantato cambiamento-miglioramento non lo vedo, anzi vedo un peggioramento assurdo sopratutto nel carattere e nella corsa (nei risultati era facile prevederlo visto il precedente anno magico).
    sempre forza inter!

  65. ciao GLR
    ..sò di essere sicuramente una voce fuori dal coro, ma io la partita di ieri non l’ho vista proprio così male..cioè se questi sono i primi della classe e all’infuori del calcio di rigore non hanno mai centrato la porta, mentre NOI abbiamo almeno fatto sporcare la maglia al loro portire…. ..bè penso solo che con un pochino di fortuna almeno in campionato nulla è compromesso!!
    ..saluti

  66. Con l’infortunio di Obi finalmente è caduta pure la scusante che l’Inter stesse pagando lo stress dei mondiali. Resta ancora in piedi un’altra teoria ugualmente stravagante: quel birbaccione del Mou avrebbe spremuto la squadra peggio di un limone. Pare che l’abbia quotidianamente portata a lavorare in fabbrica o in miniera, piuttosto che a giocare nei verdi prati di Appiano…
    In realtà, con l’attuale gestione tecnica non si è stati nemmeno capaci di battere una squadra in autogestione come il Bologna o di fare più di un gol al Lecce che normalmente ne piglia quattro a partita! L’unica vera domanda da porsi è: cosa frulli nella testa del nostro grande Presidente? L’ideale sarebbe stato passare da un Giuseppe all’altro. Però mi sembrerebbe remotissima l’ipotesi che Guardiola lasci il Barca. Che stia pensando ad un ex fuoriclasse argentino che come tecnico non è il massimo ma che sarebbe però capace di attrarre i maggiori GIOVANI talenti del suo paese (tipo Aguero o Pastore)?

  67. ciao Gianluca,
    non sono ne interista ne milanista ma un tifoso del napoli, ieri ho visto il derby e mi è dispiaciuto vedere l’inter perdere in quel modo(rassegnata,non motivata,”infortunata”).volevo evidenziare una cosa: durante napoli-milan Pazienza appena ha fatto il secondo fallo è stato espulso.questa regola vale solo per i giocatori del napoli?Gattuso,Ambrosini,Ibra con un’altra maglia ieri sera avrebbero giocato tutta la partita? Galliani non parla più degli arbitri? A Cesena aveva gridato scandalo!
    Forza Napoli

  68. Ciao Gianluca, sono pienamente d’accordo con il tuo commento sulla partita dei ragazzi ma io la vedo in questo modo.
    Ci ricordiamo che quest’estate non si sapeva chi prendere come allenatore e si sono fatti tanti nomi? ecco io penso che Moratti abbia programmato il nuovo allenatore ( 2011 ) il cui nome è Guardiola, usando Benitez come traghettatore sino a quel momento per cercare di conquistare i trofei europei e mondiale per club…
    Questo è la causa del non mercato.
    Niente è un mio semplice pensiero e quasi certezza.
    Sei un grande
    Ciao Matteo

  69. Ciao gianluca!!! Finalmente ti tocca commentare un derby vinto da noi…beh come al solito l’hai commentato con correttezza e competenza..Io sono stracontento di questa vittoria, anche perchè continuo a riteneri una grande squadra, a parte questo momento di crisi….Volevo fare una considerazione su benitez, in occasione sia dell’infortunio di Obi che di Materazzi, era pronto un Giocatore (prima Cambiasso e poi Santon) mentre sono entrati Coutinho e Biabany…

  70. ciao gianluca tutti lo sapevamo che prima o poi il periodo critico sarebbe successo come hai detto tu le cose belle non durano in eterno forse sta finendo un ciclo come accaduto a moltissime altre squadre grazie per i 5 scudetti 3 coppe italia 4 supercoppe e la coppa campioni e per questa stagione ci potrebbe essere il bello della rimonta la roma insegna e magari qualche bis in europa a maggio si fanno i conti

  71. Ciao GLR, credo che un esonero a questo punto della stagione sia una fesseria da “vecchia” Inter. Il valore di Benitez in senso assoluto non credo sia in discussione, il suo palmares, parla chiaro. Forse però il suo gioco, fatto da fraseggio stretto e possesso palla mal si adatta ad i giocatori che ha attualmente a disposizione. Cambiasso e Thiago Motta, (Stankovic è già più adattato) sono gli unici a saper cucire il gioco tra difesa e attacco. Ieri si è cercato di giocare così: ne è venuta fuori una melina sterile che sembrava di vedere il milan degli ultimi anni…orrore. Loro invece, hanno fatto come l’Inter degli ultimi anni(con le dovute proporzioni eh), ben chiusi e pronti a ripartire. Gli avversari non sono niente di speciale quest’anno, ma serve un’inversione di tendenza, sopratutto nella testa dei giocatori e in infermeria!

  72. Francesco '39 // 15 novembre 2010 a 17:35 // Rispondi

    Caro GLR,
    tu dici, giustamente, che non è proprio il caso di cambiare allenatore adesso e che speri che il presidente abbia perso le antiche abitudini. Purtroppo temo che, come si dice, il lupo perda il pelo ma non il vizio, e di solito i vizi riemergono proprio nei momenti difficili. Temo che Moratti possa credere di scaricare tutte le sue responsabbilità (campagna acquisti miope compresa) sulle spalle di un allenatore che, dopo il triplete, sarebbe stato comunque messo in difficoltà. E’ troppo evidente la differenza tra l’Inter di adesso, nella quale segna solo Eto’o e quella degli anni passati dove l’unico a non segnare era Julio Cesar, quindi Benitez ci ha messo del suo, ma cosa ha fatto Moratti per dargli quei ritocchi di organico da lui richiesti? Penso che sia stata giusta la cessione dell’ingestibile Balotelli, ma perché non si è preso un degno sostituto? se non si era sicuri del recupero di Santon perché non si è preso qualcuno che facesse da rincalzo alui o a Maicon?
    Queste sono domande che non avranno mai una risposta convincente, dal momento che nella sessione di gennaio o si prendono giocatori costosissimi (addio fail play finanziario) o si prendono giocatori che sono solo dei decenti rincalzi (sempre meglio di niente).
    Grazie per l’attenzione

  73. Solo per quello che hanno fatto l’anno scorso, io saro’ per sempre riconoscente a tutti i giocatori della rosa (+ Allenatore e staff tecnico) incluso il bel Mario da Manchester. e se quest’anno non si vince niente pazienza, pur sempre si sia disputata una stagione decorosa. avendo visto giocare il Liverpool degli ultimi sei sette anni vi posso non garantire, ma per lo meno dare un’indicazione: constatato che di Mourinho ce n’e uno solo e chiunche arrivi dopo di lui puo’ solo far di peggio, maggior parte del “merito” di questa situazione sta comunque con il Rafa. andatevi a rivedere le statistiche del Liverpool degli ultimi anni e scoprirete anche li infortuni uno dopo l’altro (e non penso che in quell’occasione fossero colpa di Mourinho per aver spremuto i giocatori l’annata precedente!), risultati deludenti, gioco piu’ che scadente e noioso da vedersi. … e non dimenticatevi che la Champions League ad Istanbul non l’ha vinta il Liverpool ma l’hanno persa i nostri cugini. se non fossero usciti in campo nel secondo tempo con ancora in mano i calici dello champagne dopo la festa negli spogliatoi all’intervallo , non si sarebbero fatti raggiungere beccandosi tre gol nel secondo tempo.
    Non ho mai digerito gli improvvisi cambi di gestione di Morattiana fattura a stagione in corso perche’ non hanno mai reso alcun frutto, ma questa volta se dovesse succedere
    penso sarebbe solo per il meglio della squadra.Benitez sta lentamente distruggendo l’Inter. Spero di sbagliarmi ma rimango con le mie convinzioni … e quelle di migliaia di tifosi del Liverpool che hanno celebrato l’estate scorsa quando Benitez finalmente lascio’ Liverpool per Milano!!

    • Non si può sostenere che Benitez al Liverpool non abbia fatto bene. Due finali di champions di cui una vinta (firmo subito per una replica !) ed ha lottato a parte l’ultimo anno anche in campionato (sempre nelle prime 4). Forse non ci ricordiamo la lezione che ha inflitto all’Inter di Mancini (costringendolo alle dimissioni !) sia all’andata sia al ritorno. Mi spiace ma chi ha visto giocare il Liverpool negli anni tra le due finali di coppa, ha visto una grande squadra che ha consacrato Gerrard, Torres, che ha voluto lui, Kyutt che nessuno conosceva, Reina, Mascherano, Lucas e persino Babel e Benayoun. Mi auguro che Rafa possa ripetere da noi quanto ha fatto in GB, fermo restando che Mou è sempre il Top.

  74. Ciao Gianluca,
    come tutti, sono davvero deluso e ogni giornata (calcistica) inasprisce questo mio pathos.
    E’ vero, Rafa ha le sue colpe (anche la scelta del preparatore atletico), ma diamine, diamogli tempo e le giuste attenuanti!
    E’ facile dire cambiamo allenatore (e staff) tanto non paghiamo noi,
    ma quanti di noi hanno una memoria 40ennale (quando si verificò l’unico cambio azzeccato)?
    Alla peggio abbiamo già vinto un trofeo (che sembra dimenticato) e, se non si darà retta ai soliti sempre presenti disfattisti, qualcosa ancora vinceremo.
    Tra Mou e Benitez, a mio modesto avviso, ci sono allenatori migliori di Rafa:
    Van Gaal, Hiddink, Guardiola, Ancelotti, Del Bosque, Grant, Capello, Blanc e ne dimentico sicuro qualcuno.
    Ormai abbiamo lui, che non ha mai convinto al 100% tifosi e società (già ti scrissi che Tardelli aveva un contratto più lungo).
    Ma per esperienza, è controproducente, ormai la frittata è fatta, salviamo il salvabile e cerchiamo di tornare vincenti come prima visto che ancora nulla è perduto!
    Con tutta la mia cordialità
    Andrea

  75. Siamo tutti delusi e incazzati: ci mancherebbe altro! Tuttavia, non penso proprio che prendersela con Benitez sia cosa buona e saggia. Quanto tempo ci ha messo Mourinho per plasmare l’Inter del Triplete? Come giocavamo nei primi mesi del vate di Setubal? Per fare che tipo di gioco era stato acquistato Quaresma?
    Il punto, secondo me, è proprio questo: Benitez deve avere il tempo di accorgersi che l’Inter, con i giocatori che ha a disposizione, non può giocare come il Barcellona. Capisco che questo sia il suo obiettivo; nondimeno, poiché lo ritengo una persona intelligente, vedrete che anche lui fra poco, come fece Mou, adatterà il gioco ai giocatori piuttosto che insistere nella soluzione opposta. Bisogna dargli il tempo di sperimentare (e di fallire): il suo buon senso farà il resto.
    In fin dei conti sei punti sono poca cosa a novembre. Sono certo che il campionato ce lo giocheremo fino in fondo, perché non vedo avversari trascendentali.
    L’unico appunto che posso rivolgere a Benitez riguarda la preparazione atletica. Mi sembra lapalissiano, infatti, che una mole così imponente di infortuni non si possa spiegare diversamente. Forse l’allenatore e il suo staff hanno sottovalutato la “spremitura” cui i giocatori dell’Inter erano stati sottoposti l’anno prima (anche se il guaio muscolare di Obi farebbe pensare a tutt’altro). Anche a questo c’è rimedio, comunque; e immagino che si stia già provvedendo in tal senso.

  76. Mah, non so proprio cosa pensare. Indubbiamente la questione principale è quella dei tanti, troppi infortuni e francamente non ho elementi per puntare il dito contro Rafa. Magari lui ci mette del suo sbagliando a volte formazione, ma non posso pensare che la colpa sia della preparazione. Credo dipenda molto dalla stagione scorsa che ha spremuto i giocatori a livello psico/fisico oltre misura e dai mondiali cui hanno partecipato molti dei nostri. Certo la società avrebbe dovuto operare due o tre acquisti in sede di mercato estivo, magari facendo qualche scelta dolorosa (Maicon? Milito?) visto che non è che ce li avrebbero regalati e c’è un bilancio da rispettare, ma non c’è la controprova che poi sarebbe andato meglio questo inizio di stagione e non è che si può pensare di vincere all’infinito! Un paio di acquisti a gennaio ci vorranno sicuramente, sperando in un po’ più di buona sorte e al momento non toccherei Benitez a meno che la squadra non sprofondi. Vedremo: in fondo siamo solo a novembre.

  77. stagione aime’ persa in partenza, non rimane che riattaccare i migliori cocci rimasti.
    La scelta societaria ad inizio stagione e’ stata alquanto chiara, non capisco ora questo atteggiamento di delusione ei amarezza da parte del patron moratti. Per quanto concerne Benitez , fino a settimana scorsa sembrava essere armato di una corazza forte e resistente, ieri nel dopo gara ha dismesso qualsiasi forma di sicurezza e ha dato l’impressione di una persona persa e insicura , contraddicendo continuamente le parole dette fino al giorno prima.
    Cambiare in corsa da sempre pessimi risultati, ma cambiare metodologia di allenamenti e di filosofia porterebbe la squadra a perdere un altro anno intero, a questo punto non mi dispiacerebbe la scelta spalletti da subito in modo da dare la possibilita’ alla squadra di assimilare il suo gioco.
    forza inter

  78. sergio_61_maurizio // 15 novembre 2010 a 18:59 // Rispondi

    Ciao GLR
    Contro l’Inter più scalcinata e malridotta dai tempi di Zaccheroni, il Milan in 90 minuti ha fatto un solo tiro in porta su calcio di rigore(!)
    corollario: Milan lanciato verso lo scudetto, Inter da buttare
    Ne riparliamo a maggio
    P.S. – Sbaglio, o l’arbitro era lo stesso che l’anno scorso, contro la Samp, è stato universalmente elogiato perché ha applicato il regolamento alla lettera?

  79. Sono un inguaribile ottimista e non vedo tutto così nero.
    Dimentichiamo (per il momento) il mese di Maggio 2010, non facciamo paragoni che adesso possono sembrare scomodi e non accusiamo Moratti per non aver messo (prima volta in assoluto) mano al portafoglio.
    Ci vuole la giusta preoccupazione e la giusta applicazione da parte di TUTTI.
    Prima cosa cercare di recuperare bene gli infortunati e non far giocare i convalescenti.
    Far giocare i giocatori più in forma fisicamente e soprattutto sistemarli nel loro ruolo, compatibilmente con gli infortuni che obiettivamente cominciano a essere veramente preoccupanti.
    Poi se arrivasse anche un pò di fortuna non sarebbe male.
    Detto questo non mi sembra che ieri sera il Milan abbia fatto una partita entusiasmante e soprattutto non sopporto sentir parlare di bel gioco quando lo stesso gioco (palla lunga a Ibra) era una schifezza quando lo applicava l’Inter.
    A Gennaio qualcosa bisogna fare. Se Moratti non si muoverà neanche all’inizio del 2011 vuol dire che l’anno sarà da buttare via e che Benitez avrà la sua sorte segnata.
    Ma a questa evenienza non voglio neanche pensare.
    A Babbo Natale chiedo la fine degli infortuni dei giocatori e che la Dea Eupalla, tanto cara a Brera , si tinga dinuovo di nerazzurro.
    A presto a tutti.
    Adelante Inter y suerte.

  80. Sic transit gloria MOUndi.

  81. Il termometro(da febbre medio-alta) non è la sconfitta nel derby o contro il tottenham in champions , che ci possono stare , ma i pareggi contro brescia e lecce e come sono maturati !!
    Il non aver fatto un tiro in porta su azione in 90 minuti nel derby ci dice che la squadra è anche molto sgonfia dal punto di vista atletico
    Lo so che ci si ripete , ma anche la scelta materazzi e cordoba terzino lasciano molti tifosi perplessi !!
    Non penso che acquisti di gennaio possano cambiare il volto alla squadra….non è mai successo con nessuna !!
    Avete visto il milan nel derby con 3 mediani davanti alla difesa (bloccata all’interno dell’area!!) ?? viva il Catenaccio e il contropiede , altro che calcio champagne !!
    Ciao

  82. prestazione imbarazzante,anzi ridicola!non si può giocare cosi un derby…è inaccettabile!!capisco il crollo delle motivazioni dopo il triplete,capisco il logorio inevitabile da successi,capisco tutto ma NON si può giocare cosi!contro una squadra che gioca con antonini e abate terzini non si può rischiare di stare sotto 3 a 0 dopo 10 minuti…i giocatori devono farsi un esame di coscienza e ricominciare immediatamente a dare tutto in campo!!!!!!il mondiale per club dopo questi risultati orribili diventa ora un obbligo…
    quanto a benitez:ok l’esonero no perchè si potrebbe fare una brutta fine ma:
    1)iniziasse a farsi un bell’esame di coscienza sulla preparazione fatta perchè non è possibile che in ogni partita deve fare 3 cambi causati da 3 infortuni!
    2)non ho mai visto nessun allenatore dopo un infortunio chiamare un giocatore e fargli togliere la tuta,poi mandarlo a sedere e chiamarne un altro,e mandare a sedere pure questo per chiamarne un altro!è in confusione totale!
    forse parlo cosi per l’amarezza del derby ma non voglio più vedere l’inter giocare cosi!!!!onorate questa maglia storica!!!!

  83. – 4 centrali schierati contro una formazione con un’unica punta (ibra)
    – 30′ a non capirci nulla, nel tentativo di tenere la linea alta e fare il fuorigioco (mai nelle nostre corde)
    – schieramento a rombo mai provato in partita e senza giocatori adatti (poi dimostrato dal cambio obbligato di modulo causa infortunio Obi)
    – manfrina multipla in occasione dei cambi con gente che si sveste e riveste (e meno male che qualcuno in panchina l’ha fermato quando stava per mettere dentro, a freddo, cambiasso)
    – ennesimi 2 infortuni muscolari (non sapevo che il 19nne, colored e aitante Obi avesse fatto stagione stressante e mondiali lo scorso anno
    – cugini in 10 e tre centrali + una superpippa (biabiany) in campo (dai cicci o, ce la stavi per fare…stavi per mettere santon, un esterno di ruolo! Cos’è successo poi?)
    – zero verticalizzazioni, zero raddoppi, zero cross e una grande ammucchiata al centro
    Ancora vogliamo credere che in panchina abbiamo un allenatore e non poldo?
    Dai, zero titubanze. A casa e un allenatore vero in panca! Basterebbe uno in grado di mettere in campo la squadra senza cambiare nulla rispetto allo sceso anno.
    Forza Inter, benitez a casa

  84. Ciao GLR,
    devo proprio dire che ieri è andata proprio Malitez Malitez…
    Neppure ci si è accorti dell’uomo in più nel secondo tempo e addio pure all’imbattibilità casalinga proprio contro il Milan…
    Proprio Malitez Malitez..
    Complimenti a Moratti che non ha cercato scuse ed è andato diritto al punto.
    L’Inter non è esistita, non ha proprio giocato.

  85. Ciao Gianluca
    Ma scusa, a parte che un’annata storta dopo tanti anni ci starebbe pure,
    giocatori in calo fisico ok, ma ciò che non riesco a capire è dov’è finito quel Benitez che ai tempi di Valencia e Liverpool si era dimostrato un abile stratega e metteva in campo squadre solide. In calo di forma pure lui?
    Ciao
    Pier

    • Una tale emergenza credo fosse imprevedibile. Benitez a Valencia e Liverpool non ha mai vissuto una situazione del genere e malgrado i suoi errori, almeno questa attenuante gli va riconosciuta
      GLR

    • Bè a dire il vero questo discorso valeva più per le partite di Champions che per quelle di campionato. Una delle accuse a Benitez era quella che a Natale era già fuori dalla vetta della Premier. Sicuramente questa Inter ha tanti infortuni e troppi giocatori fuori forma. Ragionamento valido per il derby ma pure in emergenza non vale con Brescia (in casa) e Lecce.
      Un saluto.

    • Anche a liverpool ha avuto una caterva di infortunati!!

  86. Caro GLR, ma questi interventi li hai letti tutti ? :-) Sei un drago . Mi viene in mente il titolo dell’immortale canzone dei Jalisse “fiumi di parole”. :-)

    • Vuoi la verità? Molti sono praticamente uguali. Di norma leggo le prime due righe. Appena ho un po’ di tempo faccio un po’ di repulisti
      GLR

  87. almeno sugli spalti l’abbiam vinta noi :-) fantastica la coreografia del Freddie Krueger interista che prepara ai tifosi milanisti il peggior incubo…la tripletta 😉 complimenti alla CN69!!!
    PER TUTTO IL RESTO… SEMPRE TIFOSI, E A PRESCINDERE. LO ERO AI TEMPI DI RECOBA, AI TEMPI DEGLI X MEN, AI TEMPI DEL 5 MAGGIO, FIGURATI SE NON LO SONO DOPO UNA TRIPLETTA. Non condivido la campagna acquisti di Moratti, ma quest’anno mi ha fatto sognare.

  88. Leggo che Benitez ha dichiarato “Chievo può essere la prima sfida del riscatto per noi “. Aiuto, mi tocco di tutto! Prima di Londra aveva detto “Se vinciamo possiamo dedicarci al campionato”; prima del derby “può essere la partita della svolta”. Ma non è che Benitez porta sf…ga? Magari gli infortuni si spiegano semplicemente così…
    Ciao
    Enzo

  89. Ciao GLR
    Tutto sommato questi risultati non sono la colpa della società, di Benitez , sono certamente il frutto (amaro) del preparatore fisico!!! 3O infortuni in tre mesi.
    Spero ché non manda piû giocatori a rischio di nuovi infortuni, basta guardare il caso di Milito perché dobbiamo per forza fare buona figura nel mondiale per club
    Abbracci nerazzurri da Tunisi :)

  90. ciao GLR
    stiamo calmi ragazzi, sento sentenze e giudizi troppo affrettati dettati dalla delusione(legittima) di questo inizio di stagione.
    Ho controllato e (se qualcuno non l’ha gia’ fatto) segnalo che l’anno scorso, nell’anno perfetto e irripetibile, facemmo dalla 22a alla 33a giornata 18 miseri punti (2 meno di adesso) dilapidando 12 punti di vantaggio sulla Roma e subimmo il sorpasso….e questo con tutta la rosa a dispozizione di MOU.
    Voglio dire che, fermo restando gli errori di Benitez ,(che ci sono) le numerose assenze incidono eccome; adesso e’ importante passare il turno in Champions e vincere il Mondiale per club dopodiche’, per lo scudetto, abbiamo tempo per rientrare perche’ non vedo la squadra ammazza-campionato che prende il largo.
    buona giornata a tutti
    Eusepio

    • Evviva!!!
      Hai fatto bene a ricordarlo!!!! Mamma mia noi interisti quanto siamo catastrofici!!!!!!
      Ma gli altri tifosi delle altre squadre cosa dovrebbero dire????

  91. Gianluca cosa ne pensi se, invece di farle fare il giro d’Italia e del Mondo, esponessero la coppa del 22 maggio alla Pinetina? Nel vederla i giocatori si ricorderebbero di essere CAMPIONI D’EUROPA e potrebbero onorarla un attimo…….
    Scherzi (ma non troppo) a parte l’anno scorso avevamo tutto quest’anno solo Eto’o che nella sua carriera ha vinto quasi tutto e nonostante questo sputa l’anima in campo; gladiatore!
    Ciao e FORZA INTER!

  92. La differenza è che il Milan ha cominciato a vincere le partite con i vari Palermo e Parma ecc. Mentre noi a Lecce e col Brescia siamo stati ridicoli. Col Milan si può perdere, ma se avessimo 4 punti in più… Il Milan non si è dimostrato superiore. Solo più affamato.
    La fame mancante è l’unica cosa che può farti stare sotto in casa col Brescia. Siamo seri. Ovviamente gli infortunati dovranno tornare, se no si assisterà ad una stagione di secondo livello.
    Paolo

  93. Penso che la maggior parte di noi abbia ormai “digerito” la sconfitta nel derby. Quello che oggi trovo sconcertante ed inspiegabile per alcuni versi è però il fatto che la società abbia omesso di mettere a disposizione della terna (o quaterna) arbitrale il solito adetto. Così recita il giudice sportivo nel comminare la multa di Euro 4000.

  94. Abbiamo giocato il derby esattamente come la supercoppa europea come roma-inter e inter-juve. e in quelle occasioni avevamo 10 titolari su 11. per cui i nodi vengono sempre al pettine. i problemI che questa squadra evidenziava ad agosto ce li ha ancora. e sempre li avrà. camminano non rischiano niente. nessuna giocata. calcio orizzontale con giocatori inadatti a a fare possesso palla. difesa alta pure con materazzi. pessima interpretazione del fuorigioco. nessuna grinta. squadra a fine ciclo senza motivazioni carattere fame e con un allenatore che non ha capito in che pianeta si trova. prima finisce questa stagione prima pensiamo alla prossima. il mondiale per club è da vincere, ma se arriviamo quinti nessuno si interesserà di quello

  95. caro GLR, vorrei ricordare a tutti quelli che vogliono la testa di “Guance rosse” che l’anno scorso il grande (e furbo) Mou aveva precisato che questa squadra (senza infortuni) non aveva nel DNA e nei muscoli la qualità di recupero dopo cicli di partite ravvicinate, intuendo che questa squadra non avrebbe potuto esprimere la sua forza ancora a lungo (motivo forse centrale della sua indecorosa fuga al fischio finale di Madrid). Ora date queste premesse domando: è proprio colpa di Benitez se quest’anno si è puntualmente verificata la previsione di Mou? Ovvero: era forse il caso di rinnovare pesantemente un organico spremuto, più vecchio e sazio di un anno e di mettere a disposizione di un allenatore preparato giovani dalla corsa e dalle motivazioni rinnovate
    Antonio

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili