Mourinho

José Mario dos Santos Mourinho Félix, è nato a Setùbal in Portogallo il 26 gennaio 1963  e dal 2 giugno 2008 è l’allenatore dell’Inter. Nel suo palmares figurano: con il Porto due campionati (2002-03 e 2003-04), una Coppa di Portogallo (2002-03), due Supercoppe di Portogallo (2003 e 2004), una Coppa Uefa (2002-03), ed una Champions League (2003-04); con il Chelsea due campionati (2004-05 e 2005-06), una Coppa d’Inghilterra (2006-07), due Coppe di Lega Inglese (2004-05 e 2006-07), una Community Shield (2005). L’approccio al calcio italiano lo ha mostrato grintoso su tutto e tutti: “The Special One” non rifugge le polemiche, raramente sceglie il low profile ed è polemista di razza. “Non sono il migliore del mondo ha detto – ma penso che nessuno sia meglio di me”, insomma non è un pirla!
Con l’Inter ha subito vinto una Supercoppa Italiana e uno scudetto. Nella seconda stagione interista (2009-10) ha invece vinto tutto: Scudetto, Coppa Italia e Champions League. Un Triplete storico, mai riuscito in Italia. Al top della gloria, ha lasciato tra gli applausi del popolo interista, conscio dell’estrema difficoltà di ripetere subito la triplice leggendaria impresa. Ci riproverà nel Real Madrid, senza farcela, ma vincendo comunque tre titoli: Campionato, Coppa del Re e Supercoppa Spagnola. Poi di nuovi in Premier tra Chelsea, Manchester United e Tottenham con alterna fortuna, riuscendo comunque a vincere la sua terza Premier League e una Coppa di Lega con il Chelsea e poi un Community Shield e una Europa League con il Manchester United.
Torna in Italia nell’estate nel 2021 per allenare la Roma.
Prima foto scattata a Milano il 29 giugno 2009
Seconda foto scattata a Milano il 23 aprile 2022Mourinho 23.4.2022

1 Commento su Mourinho

  1. Quanto mi manca Josè..
    Aldilà del calcio giocato, penso che fosse una persona eccezionale, con una personalità vincente, che trasmetteva ai suoi giocatori ed anche a noi tifosi l’idea di essere parte di qualcosa di speciale.
    Ne ho visti tanti di allenatori, ma come Josè da Setubal, non ce ne sono.

Rispondi a Lorenzo Annulla risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili