Juve-Inter: partitone o partitina?

Due scuole di pensiero a confronto alla vigilia di Juve-Inter. Da una parte, chi prevede un partitone, dall’altra chi invece si aspetta una gara senza acuti. A sostegno della tesi del calcio-champagne c’è il fascino del derby d’Italia, la volontà dell’Inter di ribadire la superiorità di questi ultimi anni opposta all’orgoglio Juve, incarnato da alfieri come Buffon a Del Piero che di queste sfide ne han vinte tante in carriera. E poi se Mourinho dovesse schierare Balotelli a sorpresa, credete che SuperMario si perderà l’occasione di rispondere sul campo a chi lo ha scelto come bersaglio? I teorici del low-profile giudicano prematura una vera resa dei conti, a nemmeno metà campionato. Senza dimenticare che il Milan gioca alle 18 e non dovesse battere la Sampdoria rimarrebbe comunque ad un tiro di schioppo dai bianconeri. E poi pesano gli imminenti impegni di Champions decisivi per il futuro europeo di entrambe le squadre. Tutto sta a vedere come si mette la partita, con quel solco di 8 punti che la Juve non può permettersi di allargare e l’Inter che alla fine potrebbe pure adeguarsi allo status quo. Ma a parlar prima, soprattutto su Juve-Inter, si sbaglia sempre.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili