Inter-Barcellona non è solo Eto’o-Ibra

Inter-Barcellona non è solo Ibra-Eto’o, duello affascinante tra freschissimi ex. Nessun campione, per quanto fuoriclasse, può vincere se attorno a lui non c’è un buon contesto: ed entrambi i contesti di Inter e Barcellona sono di livello assoluto. Una curiosità: negli ultimi 15 anni il detentore della Champions League non ha mai perso all’esordio, ma le statistiche esistono proprio per essere smentite. Intanto, se il match si fosse giocato a parole, sarebbe finito in pareggio, con Ibra che ha corretto il tiro delle sue ultime dichiarazioni a proposito del suo ruolo decisivo nelle vittorie dell’Inter: “Non ho detto che l’Inter ha ricominciato a vincere solo perché sono arrivato io” – ha precisato lo svedese – “Senza compagni io non vinco nulla”. E Mourinho ha ribadito che i migliori sono sempre i calciatori con cui lavora, quindi oggi Eto’o per lui vale più di Ibra ed è comprensibile che per Guardiola sia l’esatto contrario. Insomma Inter-Barclelona non è solo Ibra-Eto’o ma poi si finisce per discutere sempre di loro, perché il calcio e i suoi tifosi hanno bisogno di simboli e di prodezze, come quella del camerunese con il Parma. Indipendentemente dal risultato non sarà certo da questa partita che si capirà chi c’ha guadagnato dallo scambio: servirà almeno una stagione, ma Inter-Barcellona non è solo Ibra-Eto’o

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili