Grazie Adriano ma così non va

Pubblicato su Il Giornale, Curva e Controcurva, lunedì 26 gennaio 2009

È che dà fastidio dover subire gli sberleffi del collega del piano di sotto, che ogni volta pensa solo ai colori nerazzurri invece di occuparsi degli aiutini bianconeri. Certo: gli stiamo dando una bella mano, anche contro la Samp la sindrome del 2009 non ci ha lasciato, anzi. È bastata l’ennesima squadra organizzata che viene a San Siro per il pari, per incocciare contro un muro invalicabile per 45 minuti e non c’entra nulla l’assenza di Ibra. O meglio: non può essere l’alibi. Fischi meritati, insomma, e pure l’Ambrogio era lì, aggrappato al secondo tempo, ma con un muso lungo così, fino a quando Adriano l’ha messa dentro regalandoci un intervallo sereno. Però qualche problemino resta, soprattutto in panchina: Mourinho comincia a diventare troppo nervoso, il modo in cui s’è fatto cacciare dall’arbitro non è certo sinonimo di serenità. Lui insomma non sentirà la pressione, però…
E poi il gioco a San Siro è un Chi l’ha visto: nel secondo tempo abbiamo tremato, un pareggio non sarebbe stato rubato e sai poi andare a Catania mercoledì contro Zenga con un solo punto di vantaggio su quelli del piano di sotto… Insomma, l’Ambrogio è contento del risultato, personalmente io invece farei notare che seppure la nostra non è una vita disgraziata, per il futuro ci vuole qualcosa di più. Perché giocando così maggio è ancora lontano e Ibra può non bastare.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili