Se vincete, scudetto a noi

Pubblicato su Il Giornale, sabato 22 novembre 2008

Finalmente è il grande giorno. Finalmente Inter-Juventus. Era ora, perché in questi giorni da parte bianconera ne ho sentite di tutti i colori, cosa che è già un controsenso. Da ultimo Giovinco ha addirittura corretto il pronostico del suo presidente Cobolli Gigli: « altro che 2-1» – ha tuonato la formica atomica – «si vince 2-0!» Come ho già scritto, a chiacchiere ha stravinto la Juve! In campo io vedo meglio l’Inter, ma sono di parte e per di più ottimista per indole. L’amico e collega Marcello Chirico da tre giorni mi dice che dorme serenamente: per me è lo stesso. Mai passata una notte insonne per una partita di calcio. Poi Marcello non fa testo, visto che a volte dormicchia pure quand’è sveglio. Chissà che stasera non capiti anche ai suoi idoli. E’ il momento degli auguri e ne faccio solo uno, scontato ma davvero sincero. Da qualunque parte stiate, godetevi questa grande partita come Marcello e il sottoscritto: prendetevi in giro, ma mai per il bavero. E’ una partita di calcio, non una guerra di religione. Siamo anche qui per sorridere e se proprio mi chiedete una cosa seria vi dico che anche quando vince la Juve, come l’anno scorso, lo scudetto poi finisce all’Inter.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili