Porgi l’altra guancia? No grazie!

‘Porgi l’altra guancia’ è un passo evangelico e pure il titolo di un film con Terence Hill e Bud Spencer, ma non è più una pratica di casa Inter. A furia di prendere schiaffi da invidiosi e ‘vedove’, Lele Oriali, consulente di mercato, ha detto qualcosa di molto interista, che a Roma hanno già preso come una provocazione bella e buona. ‘Colpa nostra – ha detto Oriali – se la Roma perde 3-0 a Siena?’ E così anche Totti e compagnia sono serviti. Nella Capitale ovviamente si difendono scandalizzati: nessuno ha mai tirato in ballo l’Inter a proposito delle polemiche arbitrali, ma allora che intendeva dire il Pupone con quel ‘c’è qualcosa sotto’ a proposito del primato nerazzurro? Oriali non vedeva l’ora che l’Inter diventasse antipatica perché chi vince è sempre antipatico e non ha mancato di ricordarlo. In effetti in questo Paese il calcio per molti non è più uno gioco, ma una guerra di religione. E l’applauso, o almeno il consenso sportivo, dell’avversario non esiste proprio mai. Con tutti i veleni vomitati sull’Inter capolista, capita che qualche volta si risponda per le rime. Altro che ‘porgi l’altra guancia’!

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili